Home Arte e Cultura Si accendono i riflettori sulla nona edizione di “Archetipi e Territorio” a...

Si accendono i riflettori sulla nona edizione di “Archetipi e Territorio” a Mandanici edizione 2019: il 6 settembre la cerimonia inaugurale

0 168

IL DESTINO, IL CASO E LA SCELTA

Si accendono i riflettori sulla nona edizione di “Archetipi e Territorio” a Mandanici organizzata dallo staff  capitanato dal dott. Giuseppe Mento. Il 6 settembre alle ore 17,30 la cerimonia inaugurale al Museo Etnoantropologico. Ad introdurre i relatori sarà anche quest’anno l’Avv. Silvana Paratore

La locandina dell'evento

La locandina dell’evento

Il dott. Giuseppe Mento

Il dott. Giuseppe Mento

La foto di gruppo dello staff organizzativo

La foto di gruppo dello staff organizzativo

Al centro  Silvana Paratore

Da sin. Pino Mento promotore evento, Silvana Paratore presentatrice della Cerimonia Inaugurale e delle tre giornate, Matteo Allone relatore al congresso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PROGRAMMA

Il Destino, il Caso e la Scelta
Essere ancora Umani

Venerdì 6 settembre h 17.30

Cerimonia inaugurale

Silvana Paratore, Franco Arcovito
Saluti del Sindaco di Mandanici Giuseppe Briguglio

Tavola Rotonda

Dalla Genetica alla Bioetica e ai Processi decisionali in Medicina
Umanizzazione dei luoghi e degli approcci alle cure
A.Levita, G. Briguglio, G. Turiano, C. Inferrera, M. Aragona, R. Motta,
M. Allone, G. Ruggeri, G. Campione
Sergio Todesco
Auspici, giochi di sorte e scandagli sul futuro nella cultura popolare siciliana

MANDANICI WELCOME
Tra miti e sogni, in una notte di mezza estate siciliana

Sabato 7 settembre h 9.30

S. Piraro, L. Baldari

La bellezza del perdono consapevole e le abilità decisionali

N. Schepis

Dal Mediterraneo all’Europa, suoni, colori e destini dell’immigrazione nel XXI secolo
S. Piraro

Il destino, il caso e la scelta nelle relazioni umane

L. Baldari

Il coraggio della scelta

M. Allone

Ommammamia! E ora ?

S. Scuto

Serendipity, fare felici scoperte per puro caso

G. Calapai

3 Parche, 1 filo, le forbici

L. Carracchia

L’ Affaire de la ruelle:
enigma di un caso giudiziario nella Parigi d’altri tempi.

S. Bertolami

 

 

SEDUTA POMERIDIANA
h 17.30

G. Giordano, G. Turiano

La scelta dell’umano: per una cura del Pre-Politico

C. Natoli

L’Uomo tra determinismo e libero arbitrio: la funzione del diritto

M. Ballistreri

Conoscere e agire liberamente. Alcune riflessioni a partire da Benedetto Croce
G. Giordano

Il valore dell’Alea nella vita quotidiana

M. Centorrino

PREMIO “RAOUL DI PERRI” 2019

Per la Scienza, l’Arte e la Cultura
Prof. Giuseppe Gembillo

Consegna il premio il Prof. Giuseppe Giordano

Lettura Magistrale
Il Destino, il Caso e la Scelta: essere ancora umani

 

 

Domenica 8 settembre h 9.30
M. Aragona, M. Allone

La Pedagogia Clinica al servizio dell’Umanità: educare al pensiero critico per rendere
libere le scelte

V. Mammano

La scelta giustificata dal caso e dal destino: il coraggio di riscoprire la propria umanità
A.P. Billa

Conoscenza e realizzazione di Sé attraverso la “voce delle stelle”

A. Salafia

Il femminile: origine e destino del mondo

J. Gioffrè

Bisogna credere ai nostri occhi ?

P. Serboli, M. Aragona

Adamo e la cacciata dal paradiso Terrestre: fu scelta, fu destino o fu il capriccio del
caso

L. Fulci

Riflessioni sul destino di un uomo qualunque ma ancora un Uomo

M. Di Stefano

L’Umanità ai nostri giorni, una scelta difficile

G. Miasi

POMERIGGIO

h 17.30
G. Campione, O. Micali

 

 

Il sentimento dello spazio. Lettura ed interpretazione dell’ambiente nel sentire umano
L. Palmucci

Contigenza e responsabilità

G. Furnari

Il potere della scelta: tra mitologia, sincronicità e responsabilità cognitiva

G. Mento

Il destino, il Caso e la Scelta nell’era degli indicatori professionali in oncologia
A.D’Angelo

Una scelta di coraggio e dignità: dibattito medico-filosofico sul tema del fine vita
e donazione organi
G. Turiano, M. Aragona, V. Cannata, M. Munafò,

Padre, grazie. Figlio, scusami

O. Micali

Una storia costruisce sempre altra storia… ed è così anche per noi: muoversi verso il
futuro possibile

G. Campione

 

Arrivederci a MANDANICI 2020
Voci Rosalba Lazzarotto
“ARCHETIPI E TERRITORIO”

Osservatorio di Antropologia Evoluzionistica e Cognitiva

[antropologia macrocosmi microcosmi archeologia storiografia culture iconografie retrospettive design

linguaggi narrative architetture ambiguità paradigmi complessità modelli fenomenologie ermetismi

tendenze simbologie metafisica archetipi identità ermeneutiche soglie inferenze processi

configurazioni

metafore orizzonti distanze transizioni non luoghi sostenibilità sonorità marginalia creatività

seduzioni spiritualità trasformazioni silenziose.. miti sogni realtà bellezza verità giustizia amore]

Continui rimandi, echi e ridondanze tra fenomeni, accadimenti e inerzie, tra immaginario e realtà,

vicende umane che incrociano traiettorie geologiche, cosmologie e cosmogonie e scrivono il senso

della storia di questo pianeta. “Antropocene”, la visione globale di un’epoca dai confini temporali

indefiniti e dal destino incerto durante la quale il nostro senso di responsabilità sarà determinante

per immaginare ancora il futuro.

C’è ancora spazio per il “Mito e il Sogno della Bellezza e della Giustizia” nella dimensione

contemporanea del territorio

in cui viviamo? La nostra “Sicilia” è disseminata da tracce antropologiche che rivelano un destino

narrativo primordiale al centro

del mediterraneo. In alcune aree, dove la temporalità è ancora sospesa e la realtà oscilla tra l’accadere,

l’inerzia e le negazioni

del passato, sarà la mente dell’uomo, con la sua cultura, la conoscenza, le sue musiche e le architetture

a ridisegnare un

“ritmo dominante” di bellezza nel territorio, e trascinare “fuori” definitivamente la percezione di

incombente abbandono

territoriale, sociale, spirituale e giuridico che ha caratterizzato i fenomeni critici di questo secolo.

Questo evento è un tentativo di

“rivisitazione critica” dei concetti di spazio, luogo, ambiente, territorio e paesaggio attraverso una

prospettiva antropologica e

storica della percezione dei “comportamenti umani” e dei “fenomeni” che in essi avvengono. Un

occasione culturale di confronto

tra aree del sapere apparentemente distanti tra loro come le neuroscienze e la psicoanalisi,

l’architettura e il design, le scienze

musicali e l’archeologia, l’economia e il diritto, la filosofia e la geografia, l’antropologia e la storia. La

vera conoscenza di un

“territorio” da parte di chi lo abita ma anche di chi lo visita non può continuare ad essere sostenuta

individuale e consumistico, ma dovrebbe sempre tendere ad una “esplorazione cognitiva delle

memorie” dalla quale possa

emergere una nuova coscienza collettiva dell’abitare e attraversare i luoghi, non solo in senso fisico ma

anche in senso spirituale,

immaginario, metafisico e simbolico. Al fenomeno della globalizzazione che, per soggiacere a regole di

tipo prevalentemente

economico tende alla cancellazione delle piccole etnie, dei retroterra culturali e di tutta una

fenomenologia arcaica di

comportamenti umani e di tradizioni, va contrapposto un modello alternativo di “connettività micro-

dimensionale delle culture e

dei saperi” di tutti i luoghi della terra che possa efficacemente assicurare all’umanità un progressivo

transito verso la post-modernità

e oltre! Questo evento è quindi dedicato a uomini e donne dallo spirito libero che sentono di poter dare

ancora un personale e

collettivo apporto, tramite le diverse discipline e ambiti in cui operano, scientifiche, umanistiche,

spirituali, artistiche e

tecnologiche, alla complessa dimensione evolutiva del sistema “Mondo”. Negli spazi in cui vivono.. in

quelli che stanno ancora attraversando.. e in altri, che hanno solo immaginato o sognato!

Relatori e Moderatori

Giuseppe Briguglio Sindaco di Mandanici
Antonino Levita Direttore Sanitario AOU Policlinico G. Martino di Messina
Orazio Micali Direttore del Museo regionale di Messina
Giuseppe Giordano Direttore del Dipartimento Civiltà Antiche e Moderne, Università di Messina
Cesare Natoli M usicologo e Docente di Filosofia Università di Messina
Nicola Schepis Psicologo pedagogista, Milazzo
Salvatore Scuto Assessorato Regionale dei Beni Culturali
Giuseppe Campione Professore di Geografia, Università di Messina
Giuseppe Gembillo Professore di Storia della Filosofia, Università di Messina
Ludovico Fulci Professore di Filosofia, Roma
Marco Centorrino Docente di Sociologia della Comunicazione, Università di Messina
Sergio Todesco Antropologo, Messina
Cosimo Inferrera Professore di Anatomia Patologica, Università di Messina
Luigi Baldari Micropsicoanalista, ASP Messina
Laura Carracchia Archeologa, Palazzolo Acreide
Marcello Aragona Psicooncologo, Università di Messina
Luigi Palmucci Architetto, Roma
Angela Salafia Filosofa e Artista, CT
Maurizio Ballistreri Professore di Diritto del Lavoro, Università di Messina
Gioachino Calapai Docente di Farmacologia, Università di Messina
Fulvia Toscano Direttore di Naxoslegge, Giardini Naxos, Messina
Jenny Gioffrè Psicologa Clinica, ASP, Messina
Franco Arcovito Ingegnere, Giornalista e Scrittore, Messina
Luigi Palmucci Architetto, Roma
Cesare Natoli Filosofo, Messina
Giuseppe Mento Neurologo, Presidente Osservatorio “Archetipi e Territorio”, Messina
Giuseppe Turiano Endocrinologo, Messina
Sergio Bertolami Architetto, Roma
Matteo Allone Psichiatra, Direttore del Centro CAMELOT, ASP Messina
Valentina Mammano Pedagogista Clinico, ANPEC SICILIA, CT
Aurelia Patrizia Billa Pedagogista Clinico, Direttore ANPEC SICILIA
Filippo Brianni Presidente Archeoclub area Jonica messina4
Sergio Piraro P rofessore di Lingua francese, Università di Messina
Rosalba Lazzarotto Psicologa, Musicista e compositrice, Messina
Roberto Motta P s i c h ia t r a , Mes s i na
J e nn i G i o f f r è P s i c o l og a , ASP Mes s i na
Alessandro D’Angelo Oncologo, Taormina
Sivana Paratore Avvocato, Messina
Giusi Furnari Luvarà Docente di Storia della Filosofia, Università di Messina
Giuseppe Ruggeri Medico e Giornalista, Messina
Giovanni Miasi Avvocato, Messina
Piero Serboli Artista, Messina
Massimiliano Di Stefano Un Uomo ancora Umano
Vittorio Cannata Presidente AIDO Alba Munafò, Milazzo
Maurizio Munafò Testimonial, Milazzo
Rosalba Lazzarotto Musicista e Psicologa, Messina

  • Print
Computer Hope