NOVEMBRE 2018
Home Authors Posts by Dott. Rosario Messina

Dott. Rosario Messina

Dott. Rosario Messina
1148 POSTS 0 COMMENTS
Email: direttore@siciliafelix.it

0 336

Alquanto partecipata  a Villa Dante la 1^ giornata di prevenzione sanitaria promossa dalla terza circoscrizione presieduta da Lino Cucè. Impeccabile l’organizzazione curata nei minimi dettagli: risultato di un lavoro di squadra coordinato dall’avv. Silvana Paratore che ha registrato la presenza di numerosi cittadini che già dalle prime ore della mattinata si sono sottoposti a controlli della glicemia e misurazione della pressione. A garantire servizi e screening ambulatoriali gratuiti lo psicologo e psicoterapeuta dott. Giuseppe Crisafulli, la psicologa dott. ssa Maria Melia, l’oculista dott. Piero Peroni, la naturopata dott.ssa Alessia Foti, il cardiologo Vito Pipitone, la  biologa nutrizionista dott. ssa Giuseppina Danzi, l’odontoiatra Giusy Sportelli, i consulenti di medicina estetica non invasiva Wanda Spano’ e Alessandro Bongiorno, la dietista Dott. ssa Giuseppa La Monica, l’ematologo Dott. Pietro Terrizzi, l’osteopata Alessia Foti, la Neuropsichiatra infantile Virginia Cigala.   Numerosi i cittadini che si sono sottoposti al controllo dell’udito con il dott. Fabio Morabito dell’Aerfon. Ad occuparsi di  magnetoterapia i consulenti Paolo Giannetto e Nazareno Romeo della Domus Line .  A fine mattinata effettuati 150 controlli della glicemia, individuati n. 10 nuovi potenziali Donatori AVIS e n. 54 potenziali donatori Admo. Ha suscitato interesse e curiosità anche il Gioca LIS (Lingua italiana dei segni) a cui hanno partecipato circa 50 cittadini.  Distribuito materiale informativo sulle campagne sanitarie di prevenzione e cura di patologie quali la Sclerosi multipla, l’autismo, la Sordità perilinguale, il diabete. Intensa l’attività svolta dall’Associazione per la donazione del midollo osseo presieduta da Salvatore Parrino, dall’Associazione per la donazione del sangue presieduta da Franco Previte, dall’Associazione giovani diabetici presieduta da Armando Maggiari, dall’Associazione audiolesi e problemi del linguaggio presieduta dalla dott. Ssa Biondo, dall’Associazione Onlus Carolina presieduta da Maria Cangemi, dall’Associazione Donare è Vita Corrado Lazzara Onlus presieduta da Gaetano Alessandro,    dall’Associazione bimbi speciali presieduta da Marco Bonanno. Presente anche l’ing.  Tonino  Arnao del CNR.   A garantire efficace supporto Logistico alla manifestazione  la Guardia Costiera Volontaria di Messina ed il gruppo Masci Messina 1-4 Il Faro. Durante l’evento un momento ludico sportivo a cura dell’msp di Angelo Minissale con A. S. D. Dance Messna, l’ A. C. S. D. Free Sport, l’A.S.D. Latin Energy, l’A. P. S. Sueno de bailar, L’ A. S. D. Perfection fitness, la Dancing Ros, la Meter e Miles. Soddisfatto il Presidente della III Circoscrizione Lino Cucè che ha sottolineato l’importanza della prevenzione sanitaria e la bellezza di una area quella di Villa Dante da curare e valorizzare.  Presenti all’evento in Villa Dante gli assessori Massimo Minutoli ed Alessandra Calafiore.

I volontari dell'iniziativa

I volontari dell’iniziativa

L'avvocato Silvana Paratore con gli organizzatori

L’avvocato Silvana Paratore con gli organizzatori

Esercizi Ginnici

Esercizi Ginnici

0 27

Martedì 13 novembre alle ore 20,00 il Rotary Club di Messina, presieduto dal dottor Edoardo Spina, presso i saloni del Royal Palace Hotel, ci sarà un incontro su :“Insidie del web e tutela dell’identità digitale”. Relatori della serata saranno il Prof. Francesco Pira docente di comunicazione e giornalismo presso il Dipartimento Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina e l’avv. Silvana Paratore legale impegnato da anni in progetti di legalità nel territorio e nelle scuole. L’incontro mira ad evidenziare come il progressivo sviluppo delle comunicazioni elettroniche se da un lato ha comportato indiscutibili vantaggi in termini di semplificazione e rapidità nel reperimento e nello scambio d’informazioni fra utenti della rete Internet, dall’altro ha provocato un enorme incremento di dati personali trasmessi e scambiati, nonché dei pericoli connessi al loro illecito utilizzo da parte di terzi. Lo scopo dell’evento è sollecitare ad un uso consapevole del web.

Il Prof. Francesco Pira

Il Prof. Francesco Pira

L'Avvocato Silvana Paratore

L’Avvocato Silvana Paratore

0 39

Il Coro Lirico Siciliano, diretto da Francesco Costa – con la direzione artistica di Giovanna Collica e la presidenza di Alberto Munafò Siragusa -, è divenuto da anni l’ente lirico corale di riferimento per l’oriente, una conferma della portata internazionale del complesso corale suggellata da blasonati e prestigiosi riconoscimenti come l’Oscar della Lirica – International Opera Awards (edizione 2017). Tra le protagoniste del tour cinese del Coro Lirico Siciliano vi è stata la cantante lirica Carmine Elisa Moschella, soprano dalla poliedrica carriera artistica che ha rappresentato il comprensorio taorminese. La nota cantante, originaria di Giardini Naxos, è seguita dal soprano Piera Puglisi, sua maestra ed amica. Da tempo collabora con la “Fondazione Fiumara D’arte” del mecenate Antonio Presti e recita quasi stabilmente in una compagnia teatrale. L’incontro con il Coro Lirico Siciliano ha segnato una tappa importante nel suo cammino artistico. Esprimendo tanta gratitudine per chi ha creduto nelle sue capacità artistiche e, alquanto emozionata, al suo ritorno da questa magica esperienza Carmen Ellisa Moschella ha commentato:Grazie agli orchestrali, tutti professionisti ed amici che ci hanno accompagnato e seguito con emozione e passione condivisa. Grazie al Maestro Costa e al nostro Presidente Munafò per avermi permesso di essere una di loro dal primo momento. La bellezza dei luoghi, il calore del pubblico, la vicinanza dei colleghi, cantanti e musicisti. La condivisione di tali momenti di arte, passione ed emozione difficili da spiegare a parole. Un’ondata di gioia che ripaga di tutti i grandi sacrifici fatti per arrivare sin qui”.

Il Coro Lirico Siciliano nel Tour cinese è stato protagonista di una superba produzione de L’ELISIR D’AMORE di Gaetano Donizetti firmato dal vulcanico regista Grisha Asagaroff con la direzione accurata, elegante e virtuosa del rinomato direttore d’orchestra austriaco Ralf Weikert, direttore storico dell’Opera di Zurigo e del Festival di Salisburgo.

La celeberrima opera donizettiana, nell’allestimento dell’Opera di Zurigo rappresentata anche al Teatro Alla Scala di Milano, ha inaugurato la 32ma Edizione del più importante festival musicale dell’oriente, il Macao International Music Festival, di cui il Coro Lirico Siciliano è divenuto saldo partner; l’ente corale siciliano, difatti, è l’unico coro nella trentennale durata del Festival a essere invitato regolarmente.

Protagonisti della vivace produzione, frutto del genio del grande disegnatore e pittore italiano Tullio Pericoli, artisti di chiara fama come Alfonso Antoniozzi, Serena Gamberoni, Arturo Chacon Cruz, Alexey Lavrov, Hyesang Park. A impreziosire l’esecuzione musicale, ampiamente applaudita e apprezzata dal pubblico che ha gremito il teatro (facendo registrare due sold out), l’eccellente Macao Orchestra. Profonda stima e apprezzamento sono stati dimostrati nei confronti del coro da parte del regista, Grisha Asagaroff: <<la collaborazione con il Coro Lirico Siciliano per la mia produzione di Elisir d’Amore a Macao è stata certamente una fantastica esperienza che davvero non avevo previsto. Sin dal primo momento ho avuto una perfetta sintonia con tutti gli artisti del coro, il manager Alberto e il direttore Francesco. Abbiamo lavorato da subito insieme e la reazione alla mia idea registica è stata scenicamente perfetta come mi è successo poche volte con un grande coro di 60 elementi, che si sono mossi da artisti individuali e non solo come “massa”. Già dopo poche prove, molto rapidamente le scene erano pronte per essere “pulite” e per aggiungere più azioni individuali, cosa possibile solo con pochi cori. Il Coro Lirico Siciliano è pieno di fantastici caratteri individuali e di molte età diverse; questo aspetto è ottimo per un regista che ama lavorare con il coro. Ho trovato ottimi attori – donne e uomini – per scene davvero speciali. Il coro era perfettamente preparato sul piano musicale già prima delle prove e questo mi ha aiutato molto. Ritengo che il successo della produzione e del coro abbia ancora una volta dimostrato la grande qualità di questo complesso. Spero molto di lavorare ancora con questo coro formidabile in futuro. Grazie a tutti gli artisti del coro, ad Alberto e Francesco. Auguro a tutti grandi successi per il futuro>>. (Grischa Asagaroff)

Il tour del Coro Lirico Siciliano è continuato poi presso il Gran Teatro di Nanchino e di Foshan per un evento unico e storico organizzato dalla We Opera Management di Hong Kong, che si sta imponendo come la più importante agenzia di produzione in Cina; due grandi opere, simbolo della più avanzata tecnologia architettonica, sono state aperte al pubblico con la realizzazione di due capolavori del melodramma tradizionale: Turandot e Tosca.

Turandot di Giacomo Puccini, nell’allestimento del Teatro Carlo Felice di Genova, ha inaugurato il Teatro dell’Opera di Nanchino, uno dei più grandi teatri al mondo e attualmente il più grande in Asia (209.000 metri quadrati).
Il 12 Ottobre, invece, sempre coi due capolavori frutto del genio del maestro toscano, è stato inaugurato il Teatro dell’opera di Foshan, in particolare con la Tosca nell’allestimento caravaggesco del regista di fama internazionale Hugo De Hana. Un cast stellare ha arricchito questi eventi che resteranno negli annali della storia dell’opera in Cina con, tra gli altri, Giovanna Casolla, Walter Fraccaro, Piero Giuliacci, Raffaella Angeletti, Carlos Almaguer, Elia Todisco.
Di assoluto prestigio i complessi orchestrali e corali, con la Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli (sotto la guida di Pierluigi Marotta) e lo stesso Coro Lirico Siciliano.

Ultima tappa del tour cinese 2018 Shanghai, dove con la Tosca di Puccini si è conclusa nella “Parigi d’Oriente” questo tour ricco di successi, applausi, apprezzamenti e conferme.

Alcuni Concerti Lirici corali si sono svolti a Nanjing ma l’ultimo concerto lirico corale si è svolto a Shanghai per il prestigioso Festival Internazionale delle Arti, giunto alla sua 20ma edizione, dinanzi a un pubblico di più di 6.000 persone che hanno salutato l’ente lirico siciliano con ripetuti applausi e standing ovation. Un grande orgoglio avere concluso il Festival di Shanghai che ha ospitato i più illustri nomi del panorama musicale mondiale, tra cui Riccardo Chailly e l’Orchestra Sinfonica di Lucerna.
Un ulteriore straordinario successo per il complesso corale, che, in 10 anni di intensa attività, vanta già un ragguardevole curriculum, con opere trasmesse in mondovisione RAI, SKY e nei circuiti cinematografici di tutto il mondo.
Prestigiosi premi e riconoscimenti, medaglie del Presidente della Repubblica, patrocini dalle più alte cariche dello Stato e collaborazioni con alcuni tra i più importanti direttori d’orchestra, registi e artisti del panorama mondiale, sono alcuni dei traguardi raggiunti da quello che viene ormai considerato uno dei più prestigiosi enti corali a livello internazionale, ambasciatore della cultura italiana ed europea e alfiere del patrimonio artistico del bel paese e dell’eterna melodia belliniana, nel mondo.

Il soprano Carmen Elisa Moschella

Il soprano Carmen Elisa Moschella

In Cina

In Cina

Uno degli spettacoli in Cina

Uno degli spettacoli in Cina

La foto di gruppo con gli artisti siciliani

La foto di gruppo con gli artisti siciliani

Uno degli spettacoli

Uno degli spettacoli

0 1511
 Carmelo Giuffrè sul podio

Carmelo Giuffrè sul podio

Continua a sorprendere tutti il giovane babershop di Giardini Naxos Carmelo Giuffrè che ha raggiunto qualche giorno fa un altro importante traguardo un primo podio nel “Campionato Mondiale Accademico Professionisti” del CAT (Confederazione Artistica e Tecnica della Coiffure) che si è svolto all’Hotel Ariston di Paestum (Salerno).

Una ventina le categorie che hanno partecipato al prestigioso campionato mondiale campano. Una sfida che non ha riguardato solo le acconciature per uomo, poichè, tra le categorie erano presenti anche quelle delle donne che si sono misurate in diverse tecniche (lavori su ragazza, acconciature sposa, sera, alta moda ecc.). Impeccabile l’organizzazione dell’hair torneo capitanato dal presidente mondiale Antonio Bilancio il quale è stato coadiuvato da Luigi Forestieri che ha organizzato la parte tecnica.

Per l’occasione il giovane Giuffrè ha avuto l’onore non solo di rappresentare la propria terra, ma anche di selezionale i componenti della squadra che ha rappresentato la Sicilia. A dare questo prestigioso doppio incarico (selezionatore e concorrente) è stato Salvatore Turrisi, Responsabile del CAT siculo il quale riconoscendo elevate doti di professionalità e talento a Carmelo Giuffrè lo ha investito del delicato compito che il giovane barber shop ha accettato con grande entusiasmo non deludendo le aspettative. Sono stati otto i componenti della squadra formata da Giuffrè che, rappresentando la Sicilia hanno gareggiato in varie categorie. Degli otto partecipanti a conquistare il titolo mondiale è stato soltanto Carmelo Giuffrè. Dei restanti componenti della squadra siciliana uno ha conquistato un secondo posto diventando vice campione del mondo nella sua categoria mentre gli altri hanno comunque ben figurato e fatto ugualmente onore alla loro terra. I concorrenti della squadra siciliana oltre a Giuffrè sono stati: Cristoforo Grasso, Antonino Scuderi, Salvatore Presti, Salvatore Cacopardo, Mirko Faro, Damiano Mangano e Giuseppe Inferrera (il vice campione).

 Ma vediamo come si è svolto il torneo. I concorrenti in gara che si sono sfidati a Salerno erano oltre 450 provenienti da circa venti diverse nazioni. Il 90% dei professionisti delle acconciature non solo ha gareggiato ma si è esibito anche negli Show delle varie categorie. Tante le “Batterie” di acconciatori che si sono alternati nel corso delle due giornate entusiasmando giuria e pubblico presente con le loro tecniche e modelli di tagli.

Protagonista assoluto nella sua categoria, Carmelo Giuffrè, ha gareggiato nella categoria “Old School” all’italiana taglio pettine e forbice” con un taglio e acconciatura accademica che è molto tecnica eseguita sul giovane modello Matteo Siligato. Al termine della performance la giuria gli ha assegnato il primo posto: Campione del Mondo categoria “old school”! Una grande soddisfazione ed un titolo che fa onore alla Sicilia. A dare ancora lustro all’Isola del Sole è stato anche un altro componente della squadra siciliana, Giuseppe Inferrera, il quale ha conquistato il prestigioso podio di vicecampione del Mondo nella categoria “Razor Fade” eseguendo la sua acconciatura sul modello Gianluca Puglisi. Un risultato eccellente per i due barber shop siciliani che hanno portano a casa due podi importanti su 450 concorrenti.

Il prestigioso risultato conseguito da Carmelo Giuffrè non arriva a caso ma è stato il frutto di un intenso lavoro di preparazione. Come egli stesso ci ha spiegato: “E’ stato un risultato che ha premiato i miei sacrifici. Per oltre sei mesi mi sono allenato la domenica e il lunedì con l’accademia UAAMI di Catania presieduta da Nunzio Scammacca. Vorrei ringraziare tutti per supporto altamente professionale che mi hanno sempre dato ed in particolare vorrei ringraziare il mio allenatore Emanuele Favuzza che è stato tre volte campione europeo il quale mi ha seguito con scrupolo e dedizione nel prepararmi a questo importante evento mondiale.”

Oltre alle congratulazioni per il prestigioso podio conquistato, la nostra Redazione augura al giovane Carmelo Giuffrè di raggiungere tanti altri traguardi prestigiosi come quello ottenuto a Paestum.

ROSARIO  MESSINA  

 

Carmelo Giuffrè con il modello

Carmelo Giuffrè con il modello Matteo Siligato con l’acconciatura che gli ha fatto conquistare il primo posto

La squadra siciliana

La squadra siciliana

L'assegnazione del Titolo di Campione del Mondo a Giuffrè

L’assegnazione del Titolo di Campione del Mondo a Giuffrè

I componenti della squadra siciliana e, al centro della foto, Salvatore Turrisi

I componenti della squadra siciliana e, al centro della foto, Salvatore Turrisi

Carmelo Giuffrè alza in alto il prestigioso Trofeo conquistato

Carmelo Giuffrè alza in alto il prestigioso Trofeo conquistato

 

0 21

Da come era iniziata sembrava proprio che si sarebbe prefigurata un’altra vittoria. La seconda tra le mura amiche, dopo quella contro il Vibo Valentia, e la terza in assoluto dopo Cosenza. Ma alla fine, dopo un primo set dominato in lungo ed in largo, la Savam Costruzioni Volley Letojanni si è sciolta come neve al sole sotto i colpi di un Modica attrezzato, sempre attento in fase di ricezione e pronto a sfoderare le armi migliori nei momenti topici della partita. Una gara, quella tra i letojannesi e i ragusani, conclusasi ieri con un rotondo 3 a 1 a favore dei ragazzi di mister Bua, giunti al Pala “Letterio Barca” dopo aver vinto contro il Cosenza alla prima di campionato e riposato la scorsa settimana. Match, dunque, fatto proprio da Chillemi e compagni che hanno messo in campo più determinazione e qualità rispetto al sestetto allenato da mister Centonze che, nonostante abbia effettuato nel corso dei tre ultimi round diversi cambi, non è riuscito a risollevare i suoi uomini dalle sabbie mobili della sconfitta. Una giornata storta, insomma, che può capitare a tutti, a patto che sabato prossimo non si ripresenti la stessa situazione contro la Gupe Battiati Catania che  ieri ha osservato un turno di riposo. Vietato sbagliare contro i ragazzi di mister Petrone che giungeranno in quel di Letojanni con l’obiettivo di fare il colpaccio, approfittando della delusione di un Letojanni che deve riprendersi psicologicamente e ritornare a macinare gioco come fatto nel primo parziale della gara di ieri che iniziava per l’appunto con Mazza, D’Andrea e Bonsignore bravi a muro e attenti in fase di ricezione. Si partiva con un 3 a 0 veloce, il Modica sbagliava parecchie battute e la Savam sfruttava la situazione portandosi subito in avanti e cogliendo al volo le pecche degli iblei. Così si arrivava sull’11 a 7, Bua chiamava time-out tecnico ma al rientro in campo i suoi continuavano a sbagliare quantità innumerevoli di battute che, unite a dei buoni attacchi dei letojannesi, conducevano questi ultimi ad un massimo vantaggio di 8 lunghezze, e cioè sul 20 a 12, chiudendo un set senza storia sul 25 a 18 a proprio favore grazie ad un diagonale di Mazza e ad uno Bonsignore. Si andava pertanto al riposo, con il secondo set che iniziava con un Modica più volitivo e in palla rispetto al primo round. I due fratelli Raso, sorretti da Tulone in cabina di regia e da Torre e Chillemi in ricezione e attacco, ingranavano la marcia arrivando ad un massimo vantaggio di 5 lunghezze (12 a 7 per i modicani). I locali cercavano di riprendersi ma i muri sontuosi del primo set erano solo un lontano ricordo e i ragusani ne approfittavano per affondare il coltello. Sul 18 a 11 Centonze si giocava la carta Tomasello al posto di Schifilliti. Il Letojanni sembrava più pimpante ma era solo un fuoco di paglia, visto che il Modica resisteva e con un pallonetto di Tulone e una battuta errata di Boscaini riusciva a far proprio il set per 25 a 20. A questo punto, sul risultato di parità, si andava al terzo parziale che cominciava punto fino al 4 a 4, quando i letojannesi grazie a 2 ace di Tomasello si portavano sul 6 e poi sull’8 a 4. Poi diversi errori dei padroni di casa conducevano il Modica a pareggiare i conti (9 a 9) e a superare i messinesi sul 12 a 9. Forti a muro e intraprendenti in attacco, i ragazzi di Bua andavano sul 13 a 10 per poi dilagare fino al 22 a 14. Otto punti di distacco che venivano suggellati da un perentorio 25 a 16. Nel quarto ed ultimo parziale gli jonici sembravano rinati, con muri precisi e staffilate diagonali che lasciavano presagire che il corso della partita potesse cambiare. E invece, dopo un 4 a 0 secco, il Modica riusciva a risollevarsi lentamente, andando in vantaggio sul 6 a 4 e poi sull’11 a 8. Da qui in poi un testa a testa (14-14, 15-15, 16-16) fino al 19 a 19. Ma proprio nel momento in cui i locali potevano portarsi in vantaggio, due ace di Raso portavano i ragusani sul 21 a 19, ad un passo dalla vittoria che sopraggiungeva dopo due battute sbagliate, una di Mazza e una di Tomasello, un pallonetto di Torre ed un’invasione dei locali che suggellavano il definitivo 25 a 21. Sconfitta pesante contro un avversario duro da affrontare che si sapeva che avrebbe messo in difficoltà l’intero scacchiere di Centonze. Adesso, però, testa alla Gupe per ritornare a viaggiare sui binari giusti. In prima.

 

Centonze

Il Mister Centonze

 

 

 

 

SAVAM COSTRUZIONI VOLLEY LETOJANNI: Bertone 3, Schifilliti 1, Saraceno 1, Fasanaro 2, D’Andrea 12, Boscaini 9, Tomasello 3, Ruggeri L1, Mazza 13, Bonsignore 9, Mastronardo. N.e.: Andronico L2, Venosa. ALL.: Centonze

 

MODICA VOLLEY: Tulone 6, Raso A 12, Raso F 16, Torre 14, Cavalli (L1), Melilli 12, Chillemi 7, Modica. N.e.: Dormiente (L2), Turlà, Sortino, Calabrese. ALL.: Bua

 

SET: 25-18, 20-25, 16-25, 21-25

 

ARBITRI: Tanania di Palermo e Galia di Trapani

0 147

GIARDINI NAXOSDomenica ventotto ottobre con la cerimonia di consegna dei premi si chiude la diciottesima edizione del premio letterario internazionale “Il Convivio”, organizzato dall’omonima Accademia. Anche questa edizione si svolgerà nella turistica città di Giardini Naxos. Saranno circa 90 gli autori presenti che rappresenteranno con il loro impegno di scrittori, studiosi, poeti e artisti non solo la cultura italiana, ma anche quella straniera. Gli autori stranieri presenti saranno: Monique Mazreku, (Lugano – Svizzera); Maria Dulce Kugler, (Belgio); Cleonice Bourscheid (Porto Alegre – RS – Brasile); Alexandru Solomon (San Paolo – Brasile) e Irina Costantinescu (Bucarest). La kermesse che sarà coordinata dal presidente dell’Accademia, Angelo Manitta, si svolge nella sala convegni dell’hotel Caesar Palace. La giuria presieduta, da Carmela Tuccari, era composta da 21 membri: Francesca Luzzio, Adriana Repaci, Sabato Laudato, Beatrice Torrente, Adalgisa Licastro, Aurora De Luca, Tania Fonte, Nunzio Trazzera, Maristella Dilettoso, Lucia Paternò, Norma Malacrida, Antonia Izzi Rufo, Giuseppe Manitta, Alain Machet (Francia), Sonia R. Sanchez (Spagna), Carolina Monteiro (Portogallo), Vittorio Verducci, Ferruccio Gemmellaro, Cinzia Oliveri, Maria Elena Mignosi, Enrico Fichera.

I primi premiati nella sezione racconto inedito sono: 1) Maria Concetta De Marco,”Milada”, Agrigento; 2) Giovanni Macrì, R.B.M.K., Barcellona (ME); 3) Patrizia Gradito – Nicola Viceconti, “Stella stellina, la notte si avvicina”, Ciampino (RM); 4) Mugnano Maria Carmela, “Il ragazzo del binario 15”, Roma; 5) Guglielmo Piras, “Il sogno di Anna”, Sinnai (CA);  5) Nicolina Ros, “La prova del nove”, San Quirino PN. I primi premiati della Sezione Teatro inedito: 1) Aldo Cirri, “Il segreto dei Kennedy”, Roma; 2) Rosa Mingoia, “Rosalia de’ Sinibaldi”, Palermo; 3) Massimo Zona, “Recita di Natale”, Calvi Risorta (CE); 4) Italo Schirinzi, “A catapecchia ca vali oru”, Piombino (LI);  5) Matteo Cristiani, “Dentro le mura, Modena”. Sezione Teatro edito: 1) “Emir Sokolovic, Paride o È inutile crocifiggere Cristo”, Zenica – Bosnia;  2) Patrizio Pacioni, “La verità nell’ombra”, Brescia; 3) Maria Grazia Bajoni, “Tadmor”, Monza (MI). Sezione Romanzo inedito: 1) Fortunata Cammilleri, “Il ritorno nell’isola di Demetra”, Bologna; 2) Fabio Muccin, “Fiore di gelsomino”, Casarsa PN; 3) Giorgio Diaz, “Il mondo non si afferra”, Firenze; 4) Rodolfo Maggio, “Il prezzo della sposa”, Milano; 4) Marco Maria Vilucchi, “ITDL – I talenti di Lili”, Roma; 5) Italo Caruso, “Quell’attimo di razionale follia”, Palermo.  5) Antonio Micalizio, “Immobile Sofia! L’amore, la capra, la guerra”, Siracusa.  Sezione silloge di poesie inedite: 1) Maria Teresa Infante, “Collisione d’interni”, San Severo (FG); 2) Generoso Simeone, “I fiori del giardino di ninfa ed i miei pensieri”, Roma; 3) Schembari Giuseppe, “Un vivere alterno”, Ragusa; 4) Evoli Angela Daniela, “Verso chiuso”, Augusta (SR); 5) De Renzis Donato, “Riflessi”, Ferrazzano (CB).

Sezione Libro edito Narrativa: 1) Cingi Marina, “Sindrome dei sopravvissuti”, Parma; 2) Varnadi Ceriello Luciano, “Il segreto di Chopin”, Sirignano (AV);   3) Viola Gianni Eugenio, “Il diavolo a Goredo”, Roma; 4) Caldaretti Sergio, “Misteri solubili”, Roma;  5) Cinardi Alessandra, “Vita e la coppa della resurrezione”, Roma;

Libro edito Saggio: 1) Nicoletta Corsalini, “Oriana Fallaci. Amore, vita e morte nelle sue opere”, Agliano (PT); 2) Francesco Felis, “Italia unita o disunita?”, Genova; 3) Franco Roberto, “La geologia nella divina commedia”, Gangi. Premio speciale della giuria a Maria Cristina Martini, “Fontanelle romane”, Roma.

Sezione Poesia Inedita: 1) Francesco Celi, Appeso a un aquilone, Padova; 2) Teresa Vadalà Fierro, “Vecchio clochard”, Messina; 3) Carlo Molinari, “Il gelo nelle vene”, Conegliano (TV); 4) Angelo Abbate,”I bambini siriani”, Bagheria (PA);            5) Vizzini Pietro, “Le rondini di Madè”, Capaci (PA).

Sezione Pittura scultura: 1) Renzo Tonello, “ Il nostro tempo”, Cavaglià (BI); 1) Bonfanti Adelaide, “Dolcissimo abbraccio”, Airuno (LC); 2) Sebastiano Mendola, “Sul treno”, Lentini;  3) Alberto Crapanzano, A pirrera, Favara (AG);   4) Nina Esposito, “Sorrisi in apnea”, Casal di Principe (CE); 5) Giacinto Cargnoni, “Spiaggia senza cielo”, Brescia. Premio speciale  per la scultura Ecce homo” a Armocida Corrado, Gioiosa Jonica (RC).  Sezione opera musicata:  1) Rosa Maria Di Salvatore – Alberto Tomarchio, “Ancora una carezza”, Catania; 1) Salvia Enzo – Fiore Antonio, “Io e te”, Torrenova (ME);  2) Romano Cinzia La Duca – Calogero Cangelosi, “Amuri senza vuci”, Palermo; 3) Giuseppe Stillo, “Come un uccello che vola”, Sant’andrea Ionio (CZ).  Libro d’Argento Il Convivio 2018 a: Santo Consoli, “Spazio vitale”, Catania; Salvatore Caponnetto, “I cavalieri delle nuvole”, Ragalna; Giuseppe Tamburello, “Origini  della vita”, Cuggiono (MI).

Sezione Libro edito Poesia: 1) Sella Lidia, Strano virus il pensiero, Milano; 2) Paride Mercurio, La persistenza del tempo, Borgo Ticino (NO); 3) Stefano Serri, “Manicomio lirico”, Fiorano (MO); 4) Maurer Brina, “Neraneve e i sette cani”, Attimis (UD);  5) Contoli Antonio, Calendhaiku, Roma. Dei finalisti, menzionati e segnalati saranno presenti: Liliana Bellia, Catania; Anna Maria Costarella, Acireale. Mariella Di Mauro, Acireale; Mariella Scuderi, Mascalucia; Giorgio Passalacqua, Palermo; Carmen Toscano, Biancavilla; Lina Giuffrida, Catania; Pina Ardita, San Giovanni La Punta (CT); M. Rosaria Franco, Melizzano (BN); Letizia Di Benedetto, Scordia (CT); Davide Insaidi, Roma; Gianni Montalbano, Catania; Luigia Indelicato, Catania; Paolo Fiorletta, Avola; Rosalba Di Pietro, Messina; Cinzia Pitingaro, Castelbuono (PA);  Rosaria Lo Bono, Termini Imerese (PA); Giuseppe Milella, Acquaviva delle Fonti (BA);  Spiaggia Gianna, San Cataldo (CL); Giuliano Bottani, Tivoli Terme (RM);  Massimiliano Ivagnes, Roma; Roberta Mezzabarba, Viterbo;  Cinzia Aloisi, Taormina; Mirko Gloriani, Fiumicino (RM) ; Nuccia Isgrò, Milazzo; Peppino Burgio, Ragusa; Adalpina Fabra Bignardelli, Palermo; Giusi Baglieri, Catania;  Giulia Maria Sidoti, Barcellona (ME);  Melania Vinci, Catania; Paola Cozzubbo, Giarre;  Angela Bono, Catania; Luigina Gabriele, Pantelleria (TP); Salvatore Greco, Biancavilla (CT); Elisa Scaminaci , Pedara (CT);  Liliana Moreal,  Catania;  Elvira Domenica Muscarella, Cerda (PA);  Salvatore Granata, Misterbianco (CT);  Roberto Vitali, Sarnico (BG);  Salvatore Gugliuzza, Cefalù (PA);  Alice Maria Giordano, Caltanissetta; Carmelo Di Stefano, Modica;  Nunzio Spitalieri, San giovanni la Punta; Maria Tindara Sapienza, Palermo    ; Agata Anna Valenti, Catania; M. Grazia Falsone, Palermo; Maria Luisa Robba, Palermo ; Carmela Caminiti, Santa Teresa di Riva (ME); Isabella Cunsolo, Catania;  Maria Privitera, Giarre;  Angela Alibrandi, Messina;  Eleonora Russo, Santa Maria Capua Vetere (CE);  Giovanni Gugliuzza, Cefalù (PA); Salvatore Di Vincenzo, S. Domenica; Maria Santarsiero, Scanzano Jonico (MT) .

La giornalista Enza Conti con i volumi editi dal Convivio

La giornalista Enza Conti con i volumi editi dal Convivio

 

 

0 142
L'Avv. Silvana Paratore

L’Avv. Silvana Paratore

Messina – L’avv. Silvana Paratore è stata insignita dell’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica conferitale con decreto del Presidente della Repubblica italiana.

A consegnare il prestigioso Riconoscimento il Comandante del Supporto Logistico della Marina Militare di Messina Capitano di Vascello Giuseppe Catapano ed il prefetto di Messina dott.ssa Maria Carmela Librizzi nel corso di una cerimonia solenne svoltasi nel Salone di Rappresentanza del Palazzo di Governo, alla presenza delle Autorità civili, militari e religiose. L’evento è stato allietato dalla presenza del Coro Archè dell’Istituto comprensivo Cannizzaro Galatti di Messina che ha aperto la cerimonia con l’Inno Nazionale.
ll Prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi ha sottolineato l’importanza che le onorificenze “al Merito della Repubblica Italiana” rivestono, in quanto i cittadini insigniti di tale distinzione onorifica danno lustro al nostro Paese e, con il loro esempio, costituiscono un importante punto di riferimento per le giovani generazioni. Conferite nel corso della Cerimonia sette Onorificenze ed anche una medaglia d’oro al Merito Civile alla memoria del sig. Giuseppe Pisciuneri vittima di una azione terroristica avvenuta a Torino il 14 aprile 1980.

L’ avv. Silvana Paratore, unica Donna tra i sette insigniti,  è un prezioso esempio di cittadinanza attiva, persona di elevate qualità morali, etiche ed umane, di ineccepibile credibilità personale, che si è prodigata nel territorio operando con sensibilità, generosità, autentico e reale spirito solidale ed impegno eccezionali.

La consegna dell'attestato

La consegna dell’attestato dell’onorificenza da parte del Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi

L'Avv. Silvana Paratore

L’Avv. Silvana Paratore

I sette insigniti

I sette insigniti

0 20

Palermo – Si è insediata oggi la “Commissione del coordinamento dei sistemi informativi regionali” che coordinerà la spesa e le attività del programma dell’Agenda digitale siciliana.

Una cabina di regia – istituita con decreto del vicepresidente della Regione e assessore all’Economia, Gaetano Armao – che avrà il compito di monitorare il programma dell’Agenda digitale, con l’obiettivo di colmare il ritardo che separa la Sicilia dal resto del Paese, sia sul piano infrastrutturale che su quello dei servizi per la pubblica amministrazione, imprese e cittadini.

“Il programma digitale è prioritario per lo sviluppo della Sicilia – ha detto il vicepresidente -.  L’Agenda digitale rappresenta un’occasione di riscatto per la nostra terra e di opportunità di lavoro per tanti giovani siciliani preparati e innovativi”.

Il vicepresidente, poi, ha comunicato al Comitato per l’Agenda digitale che “la giunta regionale ha approvato la delibera che prevede la destinazione dell’ex Asi di Brancaccio al Data center regionale che diventerà sede della più grande struttura informatica dell’Europa mediterranea – ed elemento essenziale per il riconoscimento della Sicilia come Polo strategico nazionale – nel quale saranno investiti oltre 12 milioni di euro provenienti dal Pon legalità e dal programma di Agenda digitale, con l’obiettivo di rendere sicuri i dati dell’amministrazione regionale, dei siciliani e di gestire i big data”.

Il vicepresidente ha precisato anche che “all’Agenda digitale siciliana sarà esteso il Protocollo d’intesa per la legalità e la sicurezza stipulato dal presidente della Regione, Nello Musumeci, con la Guardia di finanza che potrà così monitorare le attività del programma digitale”.

La Commissione del coordinamento dei sistemi informativi regionali è distinta in due sezioni (Regione digitale e Sanità digitale). Costituita dai dirigenti generali degli assessorati competenti, sarà coordinata da Maurizio Pirillo, dell’Autorità per l’innovazione e da Serafino Sorrenti, consulente per l’informatica del vicepresidente Armao.

La foto di gruppo del Consiglio

La foto di gruppo della Commissione

0 27
L'Argimusco

L’Argimusco

L’Argimusco potrebbe diventare uno dei siti Patrimonio dell’Umanità in seguito ad una conferenza internazionale che si svolgerà dal 24 al 28 ottobre a Montalbano Elicona. Si discuteranno teorie scientifiche sul sito megalitico e, con tecniche non invasive, si studierà il luogo per poi proporre la sua candidatura all’Unesco. All’inaugurazione dell’evento, il 25 ottobre prossimo, saranno presenti importanti ospiti tra i quali, il Presidente Icahm John Peterson, un componente della Commissione NazionaleUnesco Raymond Bondin, il Sindaco di Montalbano Elicona Filippo Taranto, il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il Direttore World Heritage Centre Unesco Mechtild Rössler.

 L’Argimusco, la Stonehenge siciliana nota in tutto il mondo, potrebbe entrare a far parte dei siti considerati patrimonio dell’Umanità e divenire così  punto di  riferimento internazionale in ambito archeologico, astronomico e storico culturale. Verrà eseguito difatti, nei prossimi giorni, uno studio nell’area dove sono presenti imponenti  rocce antropomorfe e geomorfe da parte di professionisti e ricercatori internazionali di varie discipline provenienti da  32 paesi diversi. Si tenterà di avvalorare tesi scientifiche di rilevante importanza sulle origini  e l’evoluzione del luogo, e questo servirà, tra l’altro, a promuovere la candidatura all’Unesco. La Conferenza, promossa dall’Icahm (Comitato Scientifico Internazionale per la Gestione del Patrimonio Archeologico) e dall’Icomos (consulente professionale e scientifico della Commissione Unesco) è un evento di portata scientifica e culturale internazionale, che prevede la partecipazione di professionisti e ricercatori geologi, archeologi, ricercatori, esponenti di università ed enti di ricerca italiani e stranieri, rappresentanti di istituzioni e studiosi provenienti da ogni continente.

Durante l’avvenimento, organizzato dall’Icham, e dal Comune tirrenico con il patrocinio dell’Unesco. che si svolgerà dal 24 al 28 ottobre al Castello medievale di Montalbano Elicona (Me),  si tratteranno temi distintivi che riguardano diversi approcci alla gestione del patrimonio: impegno comunitario, cambiamento climatico e rapido cambiamento del paesaggio, turismo del patrimonio, archeoastronomia, continuazione dell’iniziativa Africa- workshop, tecnologie non invasive.

Gli studiosi il prossimo 24 ottobre, durante una giornata di lavoro dedicata,  analizzeranno l’Argimusco dalle 9 alle 17, e questo permetterà loro di valutare eventuali ipotesi scientifiche sul sito. In particolare, saranno abilitati per lo studio dell’Argimusco trenta studiosi internazionali, tra i quali esperti della European Space Agency, del German Archaeological Institute (DAI), del Cultural Site Research and Management, dalla Queens University Belfast, e della Otto-Friedrich University Bamberg, che utilizzeranno per lo studio del territorio tecnologie non invasive di telerilevamento usate nelle ricerche e valutazioni archeologiche. I dati che saranno raccolti ove verranno testate alcune tecniche non invasive per lo studio dei siti naturalistici ed archeologici, con la partecipazione dell’Agenzia Spaziale Europea, serviranno a mappare l’Argimusco, per ricerche ulteriori e per lo sviluppo del sito.

Alla cerimonia di apertura il  giorno dopo il 25 ottobre alle 10, parteciperanno tra gli altri, il Presidente Icahm John Peterson, un componente della Commissione Nazionale Unesco Raymond Bondin, il Sindaco di Montalbano Elicona Filippo Taranto, il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il Direttore del World Heritage Centre Unesco Mechtild Rössler,  l’Assessore Beni Culturali e Identità Siciliana Sebastiano Tusa, l’assessore delle Infrastrutture della  Regione Siciliana, Marco Falcone, il Presidente Icomos Italy, Pietro Laureano, il direttore generale Iccrom,  Webber Ndoro e l’autore del libro  “Megaliti di Sicilia” Gaetano Pantano.

Durante la prima giornata si discuterà anche di “Messina e la sua Città Metropolitana: arte, artigiani ed eccellenze e saranno inaugurate  due mostre (curatori: Alessandro La Motta e Fulvia Toscano): “Lighea”, un tributo a Giuseppe Tomasi di Lampedusa, autore de “Il Gattopardo” e “Tradurre la Bellezza”, dedicato alla traduzione delle poesie Greche da parte di Salvatore Quasimodo, uno dei più importanti scrittori italiani, nel 50esimo anniversario dalla sua morte.

Dalle 19 alle 23 serata di gala al Castello offerta dal Comune di Montalbano Elicona e da Confcommercio Messina, con la partecipazione della Città Metropolitana di Messina. ………………………………………………………………………………………………………………

Note:

Argimusco: E’ un affascinante complesso di megaliti che si trova a Montalbano Elicona intorno ai quali aleggia ancora un’aura densa di mistero. Sono un gruppo di grandi rocce di arenaria quarzosa, che svettano sugli oltre mille metri di altitudine dell’altopiano modellati in forma curiosa e suggestiva. La tradizione popolare riconduce questi megaliti all’opera di popolazioni preistoriche: si tratterebbe quindi di antichi menhir e dolmen. Ma i geomorfologi e gli archeologi propendono piuttosto per una loro origine assolutamente naturale, dovuta in particolare all’erosione eolica. Tali rocce però mostrano segni che, a detta di altri studiosi, testimonierebbero almeno una attenzione dell’uomo nei loro confronti riconducibile ad attività di osservazione del cielo e a qualche pratica rituale forse legata ai cicli delle stagioni e ai principali fenomeni astronomici dell’anno. Il luogo è diventato meta di appassionati di archeoastronomia e di turisti. Le curiose forme dei megaliti e le atmosfere naturali mozzafiato che vi si respirano, certo contribuiscono a rendere l’Argimusco un luogo di assoluto interesse.

 

Icham: E’ il Comitato scientifico internazionale per la gestione del patrimonio archeologico che consiglia Icomos e il Comitato del patrimonio mondiale su questioni che riguardano tutti gli aspetti della gestione dei siti e dei paesaggi archeologici. 

L’Icham, seguendo il mandato della World Heritage Convention, è interessata non solo ai siti  del patrimonio mondiale ma anche a  quelli che vengono considerati per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale. Icahm è unico per la sua attenzione allo sviluppo e alla diffusione di standard e pratiche di gestione delle risorse culturali internazionali efficaci ed efficienti e collabora con organizzazioni internazionali, nazionali, regionali e locali.

Accrediti:Per gli accrediti  per i giornalisti che volessero partecipare e soggiornare gratis a Montalbano Elicona durante l’evento chiamare Ufficio stampa dott. Gianluca Rossellini, Tel 3289164523, email: gianlucarossellini@gmail.com

 

IL CASTELLO

IL CASTELLO

L'Argimusco

L’Argimusco

RIMANI IN CONTATTO