GENNAIO 2021
Home Authors Posts by Dott. Rosario Messina

Dott. Rosario Messina

Dott. Rosario Messina
1683 POSTS 0 COMMENTS
Email: direttore@siciliafelix.it

Il concorso

Il concorso

 

 

Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana

“Salvatore Zuppardo” – Gela

in collaborazione con

l’Associazione Betania OdV

 

BANDO DI PARTECIPAZIONE

 

Premio nazionale di Poesia

“La Gorgone d’oro”

XXI EDIZIONE

 

Art. 1 – IL CONCORSO

Il Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana “Salvatore Zuppardo” di Gela con il patrocinio culturale di “WikiPoesia. Enciclopedia poetica”, indice ed organizza la

21esima edizione del Premio nazionale di Poesia La Gorgone d’Oro. Il concorso è articolato in due sezioni:

  1. Poesia religiosa e/o poesia a tema libero in tutte le lingue parlate in Italia;
  2. Libro di poesia edito a partire dal 2012 in tutte le lingue parlate in Italia;

 

Art. 2 – SEZIONE

Sezione A: possono partecipare tutti gli autori residenti in Italia e all’estero che dovranno inviare da una a tre composizioni (massimo 40 versi ciascuna), in sette copie

dattiloscritte, mai premiate o pubblicate;

I testi dovranno essere spediti anonimi e all’interno del plico dovrà essere inserita un’altra busta chiusa non recante alcun segno esterno, contenente le generalità,

l’indirizzo di residenza, recapito telefonico, indirizzo di posta elettronica ed un breve curriculum letterario unitamente all’attestazione di versamento di cui all’art. 10,

nonché la sezione per la quale si intende partecipare.

Sezione B: si può partecipare con una o più opere in cinque copie, edite a partire dal 2012.

Il poeta può concorrere ad entrambe le sezioni. È possibile partecipare ad entrambe le sezioni.

 

Art. 3 – PREMI

Premi sezione A

1° Classificato – Trofeo “Gorgone d’oro” e assegno di € 500,00;

2° Classificato – Trofeo “Gorgone d’argento” e assegno di € 250,00;

L’organizzazione si riserva di assegnare altri premi messi a disposizione per poeti segnalati dalla giuria.

Sarà erogato metà importo ai primi due classificati qualora questi non si presentassero alla cerimonia di premiazione.

Premi sezione B

1° Classificato – Trofeo “Gorgone d’Oro” e assegno di € 500,00;

2° Classificato – Trofeo “Gorgone d’Argento” e assegno di € 250,00;

L’organizzazione si riserva di assegnare altri premi messi a disposizione per poeti segnalati dalla giuria.

Sarà erogato metà importo ai primi due classificati qualora questi non si presentassero alla cerimonia di premiazione.

 

Art. 4 – SCADENZA

Tutte le opere concorrenti dovranno pervenire presso: Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana “Salvatore Zuppardo”, Via Cammarata, 4 – 93012, Gela (CL)

Tel./Fax 0933 937474 oppure 339 2626015 – 331 8089712 o via e-mail: centrozuppardogela@gmail.com entro e non oltre il 28 febbraio 2021.

 

Art. 5 – GIURIA

Due giurie di esperti (una per la sez. A e una per la sez. B), il cui giudizio è insindacabile e inappellabile, esamineranno i lavori e formuleranno i relativi giudizi. I

nominativi dei componenti delle giurie verranno resi noti all’atto della premiazione. Le giurie hanno la facoltà di non assegnare premi qualora gli elaborati pervenuti

non fossero ritenuti meritevoli. Le opere concorrenti non saranno restituite.

 

Art. 6 – PREMIAZIONE

La cerimonia di premiazione avrà luogo a Gela sabato 19 giugno 2021, presso l’Hotel Villa Peretti.

Un eventuale cambiamento di data e di luogo sarà comunicato ai partecipanti in tempo utile.

 

Art. 7 – ANTOLOGIA

Il Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana “Salvatore Zuppardo” curerà la pubblicazione di un’antologia contenente le poesie vincitrici alle sezioni A e B e le poesie

segnalate dalle giurie.

 

Art. 8 – CLAUSOLA

I poeti classificati al primo posto nelle rispettive sezioni della XXI esima edizione del premio non potranno partecipare all’edizione successiva, ma faranno parte di

diritto, qualora lo volessero, della giuria del concorso.

 

Art. 9 – DIRITTI DI SEGRETERIA

Quale contributo per spese di segreteria è dovuta la quota di € 20,00 per ciascuna sezione per cui si intende partecipare, da versare per mezzo assegno bancario, postale

o con conto corrente postale n. 19894930 o a mezzo bonifico bancario IBAN: IT23H0760116700000019894930 entrambi intestati:

Associazione Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana “Salvatore Zuppardo”, Via Cammarata, 4 – 93012 Gela (CL). Copia del versamento va allegata nella busta

chiusa (vedi art. 2).

Il Presidente

Prof. Andrea Cassisi

Via Cammarata, 4 – 93012 Gela (CL) – centrozuppardogela@gmail.com

 

 

Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana

“Salvatore Zuppardo” – Gela

in collaborazione con   l’Associazione Betania OdV

Il Presidente

Prof.ssa Desirèe Alabiso

Invitiamo i poeti ad inviarci copie delle loro pubblicazioni, al fine di poterle catalogare ed archiviare. Abbiamo creato una biblioteca specializzata sulla poesia italiana e dialettale regionale, punto di riferimento per ricercatori e studiosi del nostro tempo. L’archiviazione, di cui l’autore riceverà certificazione, avviene con criteri informatici, così da consentire una facile consultazione ai fruitori.

Le opere dovranno essere spedite al Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana “Salvatore Zuppardo”, Via Cammarata, 4 – 93012 Gela (CL).

 

Aspettiamo i vostri libri per l’Istituto di Ricerca sulla Poesia Contemporanea “Salvatore Zuppardo” di Gela

 

Premio “La Gorgone d’Oro per il Giornalismo”

2014 – Franco D’Urbino – Caltagirone (CT)

2016 – Carmelo Sardo – Roma

2017 – Salvo Toscano, Palermo

2018 – Andrea Lodato – Catania

2019 – Fabio Bolzetta – Roma

2020 – Stefania Petyx – Palermo

Giuseppe Di Fazio, Leonardo Lodato e Antonello Piraneo – Catania

 

Premio “La Gorgone d’Oro per la Pace”

2014 – Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa e Linosa (AG)

2016 – Marco Maisano, giornalista – Milano

2018 – Lucia Andreano, scrittrice – Catania

2019 – Michele Caccamo, scrittore – Roma

 

Premio “Salvatore Zuppardo”

per la Saggistica e la Drammaturgia

2013 – Marco Pappalardo – Catania

2015 – Vincenzo Pirrotta – Palermo

 

 

ALBO D’ORO DEI PREMI SPECIALI

 

Premio della Cultura “Salvatore Zuppardo”

2008 – Prof. Salvatore Vicari – Ragusa

2009 – Mons. Pio Vigo – Arcivescovo di Acireale (CT)

2010 – Mons. Francesco Miccichè, Vescovo di Trapani

2011 – Mons. Giuseppe Liberto, M° Cappella Sistina – Città del Vaticano

2012 – Prof. Nino Piccione – Roma

2013 – Prof.ssa Sarah Zappulla Muscarà, Università di Catania

2014 – Mons. Antonio Staglianò, Vescovo di Noto (SR)

2015 – Prof.ssa Alba Donati – Firenze

2016 – Prof. Roberto Tufano, Università di Catania

2017 – Prof. Bernardo Panzeca – Palermo

2018 – Prof. Sebastiano Burgaretta – Avola (SR)

2019 – Prof. Salvatore Ferlita – Palermo

2020 – Prof.ssa Silvana Grasso – Gela (CL)

 

Premio “La Gorgone d’Oro per il Teatro”

2014 – Angelo D’Agosta – Catania

2015 – Alessandro Quasimodo – Milano

2016 – Enrico Gurneri – Catania

2017 – Alessio Vassallo – Palermo e Alessandra Costanzo – Catania

2018 – Manuela Ventura – Catania

2019 – Angelo Russo – Ragusa e Ornella Giusto – Roma

2020 – Francesca Ferro – Catania

 

Premio della Critica “Ignazio Buttitta”

2007 – Daniela Raimondi – Londra

2008 – Michelangelo Grasso – Catenanuova (EN)

2008 – Franco Casadei – Cesena

2009 – Giovanni Parisi Avogaro – Niscemi (CL)

2010 – Pierino Pini – Montichiari (BS)

2018 – Peppino Burgio – Ragusa

 

ALBO D’ORO

2011/12 Sez. A 1° Premio: Salvatore Cangiani – Sorrento (NA)

2° Premio: Andrea Accaputo – Avola (SR)

Sez. B 1° Premio: Margherita Neri Novi – Cefalù (PA)

2° Premio: Pierino Pini – Montichiari (BS)

2012/13 Sez. A 1° Premio: Marisa Provenzano – Catanzaro

2° Premio: Paolo Salamone – Palagonia (CT)

Sez. B 1° Premio: Nino Fraccavento – Ramacca (CT)

2° Premio: Gennaro Piccirillo – Afragola (NA)

2013/14 Sez. A 1° Premio: Rodolfo Vettorello – Milano

2° Premio: Angelo Taioli – Voghera (PV)

Sez. B 1° Premio: Giuseppe Muscetta – Oriolo (CS)

2° Premio: Salvatore Vicari – Ragusa

2014/15 Sez. A 1° Premio: Carmelo Consoli – Firenze

2° Premio: Gaetano Spinnato – Mistretta (ME)

Sez. B 1° Premio: Davide Rondoni – Forlì

2° Premio: Danilo Mandolini – Osimo (AN)

2015/16 Sez. A 1° Premio: Rita Muscardin – Savona

2° Premio: Antonio Damiano – Latina

Sez. B 1° Premio: Aldo Nove – Milano

2° Premio: Cristina di Gesù Crocifsso – Lagopesole (PZ)

Sez. C 2° Premio: Palma Civello – Palermo

2016/17 Sez. A 1° Premio: Emanuele Aloisi – Zaccanopoli (VV)

2° Premio: Emanuele Insinna – Palermo

Sez. B 1° Premio: Zosi Zografidou – Salonicco (Grecia)

2° Premio: Francesco M.T. Tarantino – Mormanno (CS)

2017/18 Sez. A 1° Premio: Andrea Accaputo – Avola (SR)

2° Premio: Umberto Druschovic – Aosta

Sez. B 1° Premio: Paolo Butti – Figline Valdarno (FI)

2° Premio: Antonella Montalbano – Sciacca (AG)

2018/19 Sez. A 1° Premio: Monica Borettini – San Michele di Tiorre (PR)

2° Premio: Maricla Di Dio Morgano – Calascibetta (EN)

Sez. B 1° Premio: Daniela Raimondi – Saltrio (VA)

2° Premio: Giovanni Di Lena – Pisticci (MT)

2019/20 Sez. A 1° Premio: Rita Muscardin – Savona

2° Premio: Raffaele Manduca – Catania

Sez. B 1° Premio: Giovanna Cristina Vivinetto – Floridia (SR)

1° Premio: Fadi Nasr – Milano

2000/01 Sez. A 1° Premio: Domenico Luiso – Bitonto (BA)

2° Premio: Vincenzo Pinna – Gela (CL)

Sez. B 1° Premio: Siriana Ceroni – Serravalle (AR)

2001/02 Sez. A 1° Premio: Cristina di Gesù Crocifisso – Lagopesole (PZ)

2° Premio: Silvano Forte – Napoli

Sez. B 1° Premio: Maria Bella – Siracusa

2002/03 Sez. A 1° Premio: Massimo Cassarà – Gela (CL)

2° Premio: Sr. Barbara Ferrari – Carbonica (CA)

Sez. B 1° Premio: Loriana Capecchi – Quarrata (PT)

2° Premio: Alfia Abbadessa – Piano Tavola (CT)

2003/04 Sez. A 1° Premio: Agostino Bagordo – Monopoli (BA)

2° Premio: Franco Casadei – Cesena

Sez. B 1° Premio: Giancarlo Interlandi – Acitrezza (CT)

2° Premio: Giovanni Caso – Siano (SA)

2004/05 Sez. A 1° Premio: Adolfo Silveto – Boscotrecase (NA)

2° Premio: Giovanni Caso – Siano (NA)

Sez. B 1° Premio: Domenico Luiso – Napoli

2° Premio: Mara Librizzi – Caltanissetta

2005/06 Sez. A 1° Premio: Adolfo Silveto – Boscotrecase (NA)

2° Premio: Rocco Raitano – Gela (CL)

Sez. B 1° Premio: Mara Librizzi – Caltanissetta

2° Premio: Renato Greco – Modugno (BA)

2006/07 Sez. A 1° Premio: Giovanni Caso – Siano (SA)

2° Premio: Benito Galilea – Roma

Sez. B 1° Premio: Monica Borettini – San Michele di Tiorre (PR)

2° Premio: Domenico Luiso – Napoli

2007/08 Sez. A 1° Premio: Armando Giorgi – Genova

2° Premio: Salvatore Cangiani – Sorrento (NA)

Sez. B 1° Premio: Sandro Angelucci – Terni

2° Premio: Rossano Onano – Reggio Emilia

2008/09 Sez. A 1° Premio: Salvatore Cangiani – Sorrento (NA)

2° Premio: Rosaria Fausta Pezzino – Siracusa

Sez. B 1° Premio: Ines Betta Montanelli – Prati di Vezzano (SP)

2° Premio: Antonella Pizzo – Ragusa

2009/10 Sez. A 1° Premio: Giannicola Ceccarossi – Roma

2° Premio: Margherita Neri Novi – Cefalù (PA)

Sez. B 1° Premio: Carla Baroni – Ferrara

2° Premio: Antonietta Tafuri – Roma

2010/11 Sez. A 1° Premio: Carmelo Consoli – Firenze

2° Premio: Marisa Provenzano – Catanzaro

Sez. B 1° Premio: Maria Luisa Tozzi – Parma

 

Premio “don Giulio Scuvera”

2012 – Mons. Michele Pennisi, Vescovo di Piazza Armerina

2013 – Don Giuseppe Anzalone – San Cataldo (CL)

2014 – Prof. Don Cosimo Scordato – Palermo

2015 – Istituto Sr. Teresa Valsè – Gela (CL)

2016 – fr. Giuseppe Gurgiullo – Siracusa

2017 – Mons. Rosario Gisana, Vescovo di Piazza Armerina – Modica (RG)

2018 – Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo – Modica (RG)

2019 – Lucia Ascione – Roma

2020 – Mons. Rino La Delfa – Palermo

Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo

 

0 93

Peter Burke scrive:

Le riflessioni estremamente interessanti di Carlo Ruta sul futuro degli studi storici combinano un richiamo all’innovazione nella disciplina con una discussione sulla sua vicenda nel XX secolo e l’auspicio di una maggiore interazione tra le «due culture» (come il chimico-romanziere inglese C. P. Snow li chiamò nel 1959), ovvero tra le scienze umane e le scienze naturali. Condivido l’attenzione fervida di Ruta per gli storici francesi associati alle Annales, da Bloch e Febvre a Chartier e Boucheron, quindi mi concentrerò qui di seguito sui punti da lui trattati, l’innovazione e l’interazione.

  1. Abbiamo bisogno di una maggiore innovazione nella nostra disciplina? Credo che mentre il presente scorre, scorgiamo il passato da nuove angolazioni. Ogni generazione di storici ha bisogno quindi di riscrivere la storia, ponendo nuove domande, integrando nuove ricerche e utilizzando nuovi metodi laddove sia opportuno. In effetti, negli ultimi 20 o 30 anni abbiamo assistito a numerose innovazioni, all’ascesa di numerose sotto-discipline: la storia dei sensi e delle emozioni, ad esempio (ispirata a Febvre ma ben più avanti); la «storia non umana», riguardante la «co-evoluzione» degli esseri umani e di altri esseri viventi, dai microbi ai mammiferi; la storia digitale, che attinge ai big data (oggetto di The History Manifesto di Jo Guldi e David Armitage); la «storia delle cose» (o «cultura materiale»); e la storia della conoscenza (ormai prossima ad emanciparsi dalla storia della scienza e a includere l’opposto che le è complementare: la storia dell’ignoranza).

Dovremmo certamente tenere la mente e gli occhi aperti per avviare ulteriori innovazioni, ma un compito più immediato è quello di assimilare bene le nuove innovazioni, in altre parole scoprire i metodi di ricerca più appropriati a questi nuovi temi e le loro implicazioni per la disciplina nel suo insieme.

  1. Queste innovazioni relativamente recenti illustrano l’indebolimento del modello delle due culture. Carlo Ruta ha indicato l’esempio degli archeologi, che si sono avvicinati agli scienziati naturali nell’ultima generazione. La geografia si divide tra geografia fisica, scienza naturale e geografia culturale, che è difficile distinguere dalla storia culturale. Lévi-Strauss ha posto il contrasto tra «natura» e «cultura» al centro delle tante opposizioni binarie con cui soleva lavorare, ma il suo ex allievo Philippe Descola ora sostiene che è necessario dissolverlo o andare oltre. Alcuni storici si stanno muovendo nella stessa direzione. Se gli storici della mia generazione hanno trovato ispirazione per la loro storia socioculturale nella sociologia e nell’antropologia culturale, i giovani storici dell’ambiente trovano che la geologia, la botanica, la climatologia e altre scienze naturali siano essenziali per il loro pensiero e la loro ricerca. Gli storici delle emozioni sono divisi tra gli antropologi storici, secondo cui ogni cultura ha un proprio fondamento emotivo, e i neuro-storici, secondo cui le emozioni di base sono universali. I «biostorici» stanno costruendo un ponte tra storia e biologia.

Quello che stiamo vivendo è un momento entusiasmante ma anche sconcertante per uno storico, che si trova ad assistere alla messa in discussione della saggezza convenzionale della professione e alla proliferazione di nuovi paradigmi. È certamente giunto il momento di parlare, come Ruta, di «pluralità». Se è anche opportuno parlare di «crisi» è perché la pluralità, anzi il moltiplicarsi di nuovi ambiti disciplinari, non solo allarga l’idea di storia totale ma rende anche tale traguardo estremamente difficile da raggiungere.

Peter Burke, storico britannico, sostenitore della dimensione culturale della storia (New Cultural History), ha focalizzato in modo paradigmatico la storia sociale della comunicazione e la storia sociale della lingua. Ha fortemente rivalutato inoltre il significato storico delle immagini. Ha insegnato a lungo a Cambridge. Ha tenuto corsi e seminari all’Institute for Advanced Study di Princeton, all’Humanities Research Centre dell’Australian National University di Canberra, all’Ecole des Hautes Etudes di Parigi, al Wissenschaftskolleg di Berlino, all’Instituto para Estudos Avançados dell’Università di São Paulo del Brasile, al P. Getty Research Institute di Los Angeles, al Netherlands Institute of Advanced Study. Ha tenuto lezioni inoltre nelle università di Nijmega, Groningen, Heidelberg, Bruxelles e Princeton. È socio della British Academy, dell’Accademia Europea, della American Association for the Advancement of Science, dell’American Sociological Association e della Sociological Research Association. Ha tenuto conferenze in molti Paesi del mondo tra cui la Repubblica Popolare Cinese, Taiwan, l’India, il Giappone, gli Stati Uniti d’America, il Brasile, l’Argentina, il Canada, l’Australia e la Nuova Zelanda. Ha pubblicato diverse centinaia di opere, tra monografie, tradotte in oltre 30 lingue, articoli e saggi su riviste di tutti i continenti.

Peter Burke

Peter Burke

0 44
Rinaldino e Argento

Rinaldino e Argento

Nuova sfida per la Rete italiana di valorizzazione dell’Opera dei pupi: 80 spettacoli in programma e 10 compagnie in scena in tutta la Sicilia

 La rete fa la forza. E in questo 2021 ancora scandito dalle restrizioni pandemiche, la Rete italiana di organismi per la tutela, promozione e valorizzazione dell’Opera dei pupi, coordinata dal Museo internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, si lancia in una nuova sfida.

E lo fa attraverso una rassegna annuale di 80 spettacoli teatrali che riprendono e valorizzano tradizione e creatività insieme. Si chiama Sicilian Puppets Series la rassegna che avrà inizio venerdì 5 febbraio alle 18 con il primo spettacolo ospitato dal Museo Pasqualino: “La passione di Agata”, della Compagnia Marionettistica Fratelli Napoli.

L’occasione ideale, tra l’altro, per festeggiare il compleanno di questa storica compagnia catanese che, proprio nel 2021, compie un secolo di vita.

Fino al 31 ottobre,  Sicilian Puppets Series terrà compagnia agli spettatori ogni weekend,  con spettacoli interamente in diretta streaming (e in presenza non appena possibile) dai teatri stabili di Opera dei pupi e dai luoghi della cultura di cinque comuni siciliani: Palermo, Acireale, Alcamo, Messina, Sortino.

Sono 80 gli spettacoli in programma, portati in scena dalle 10 compagnie di Opera dei pupi di tutta la Sicilia: Compagnia Franco Cuticchio Figlio d’Arte, Compagnia Famiglia Argento, Compagnia Famiglia Mancuso, Compagnia Marionettistica Popolare Siciliana, Compagnia Brigliadoro, Compagnia Opera dei pupi messinesi Gargano, Antica Compagnia Opera dei pupi Famiglia Puglisi, Compagnia Opera dei pupi Siciliani “G. Canino”, Compagnia Turi Grasso, Compagnia Marionettistica Fratelli Napoli.

L’intero programma al link: https://www.museodellemarionette.it/news/news-museo/1880-ciclo-annuale-di-opera-dei-pupi-febbraio-ottobre-2021

«L’iniziativa costituisce il primo passo – dice Rosario Perricone, presidente dell’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari - verso la graduale attuazione delle misure individuate dal Piano delle Misure di salvaguardia dell’Opera dei pupi che potranno concretizzarsi pienamente solo attraverso un engagement concreto e duraturo da parte di tutti i soggetti istituzionali, e non solo, a vario titolo coinvolti nella salvaguardia del patrimonio culturale immateriale».

Il potere di Durlindana

Il potere di Durlindana

Il programma di questo weekend

 

Venerdì 5 febbraio, ore 18
Palermo – Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino
La passione di Sant’Agata

Compagnia Marionettistica Fratelli Napoli

Oltre al notissimo repertorio cavalleresco, i pupari catanesi mettevano in scena anche storie di santi, spesso rappresentate in un’unica serata “per famiglie”. Non poteva mancare la vicenda della martire Agata, la cui rappresentazione nei teatri di quartiere, oltre ad essere un esplicito omaggio dei pupari alla patrona della città, si prestava straordinariamente a rispondere alla vocazione tragica e scenotecnica dell’Opera dei pupi catanese. I famosi duelli verbali della Santa col proconsole Quinziano diventavano uno dei pezzi di bravura del parlatore e della parlatrice e tutto l’apparato barocco di paludamenti romani, martirii, visioni e trionfi raggianti di gloria appagava il gusto scenografico dei pupari e del pubblico catanese.

La Compagnia ha voluto riprendere questo momento sacro del repertorio rifacendosi soprattutto agli Atti latini di Sant’Agata, comunemente considerati i più attendibili per la ricostruzione delle vicende della martire. Si è voluto mantenere nella messinscena anche tutti quegli episodi di tradizione che non vengono raccontati nella fonte presa in considerazione, come i particolari famosi del telaio e del velo. Nel loro adattamento si sono sforzati di delineare il dramma interiore che emerge dalle schermaglie verbali dei due protagonisti: Agata, fervente innamorata del suo Cristo e francamente nutrita di passione per la retorica, e Quinziano, accecato dalla passione, ma ancor più ferito nel suo orgoglio di potente messo in scacco da un’inerme fanciulla.

Resta salvo, com’era all’Opera dei pupi, l’intento edificatorio di questa sacra rappresentazione, nella quale si confrontano, in maniera forse ingenua ma efficace, due visioni del mondo – allora come oggi – opposte e inconciliabili.

Sabato 6 febbraio, ore 21

Palermo – Teatro Agramante
Rinaldino

Compagnia Famiglia Argento

Rinaldo viene a conoscenza che la madre era stata vittima di un atto infame da parte di Ginamo di Baiona. Un giorno, nel pieno del consiglio riunito alla corte di Carlo Magno, Ginamo confessa che Rinaldo e i suoi fratelli non sono figli di Amone bensì suoi. Malagigi, appreso dell’infamia grazie alle sue arti magiche, fa sì che una donna si trovi sul loro cammino e sveli loro il segreto, affinché vendichino l’onore del padre e della madre sfidando Ginamo in un duello all’ultimo sangue.

Domenica 7 febbraio, ore18
Messina – Sala le Cianfrusaglie

Il potere di Durlindana

Compagnia Opera dei pupi messinesi Gargano

L’episodio narra le vicende di Gano e delle sue macchinazioni per impossessarsi del Regno di Francia. Questi, ostacolato da Orlando, decide di ucciderlo. Per raggiungere il suo scopo interpellerà una fattucchiera che creerà un’arpia per rapire Alda, la sposa di Orlando e chiederà in cambio la spada Durlindana. Il misero piano però fallirà grazie all’intervento divino ed al valore del paladino Orlando.

La Rete italiana di organismi per la tutela, promozione e valorizzazione dell’Opera dei pupi

Tutte le compagnie che andranno in scena nel corso della rassegna annuale Sicilian Puppets Series aderiscono alla Rete italiana di organismi per la tutela, promozione e valorizzazione dell’Opera dei pupi.
Una realtà che, dopo la sua formale costituzione nel 2018, ha intensificato la collaborazione fra i suoi membri con lo scopo di intraprendere azioni condivise di salvaguardia dell’Opera dei pupi.

A pochi mesi dall’elaborazione del Piano delle Misure di salvaguardia dell’Opera dei pupi siciliani per conto del MiBACT, l’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari – Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino – soggetto referente della Rete – mette già in atto alcune delle misure individuate dalla comunità patrimoniale.

Lo scopo di Sicilian Puppets Series è infatti favorire il processo di trasmissione del patrimonio orale e immateriale di cui i pupari sono depositari promuovendo una pratica costante e impegnando le compagnie in un’attività performativa regolare e continuativa.

Una nuova occasione per fare esperienza della instancabile creatività dei pupari, della loro capacità di “ricreare” il patrimonio di cui sono detentori, in risposta alle sollecitazioni del presente, alle istanze e ai bisogni della comunità che rappresentano e di cui fanno parte in questo periodo di pandemia.

La Passione di Agata

La Passione di Agata

____________

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari in qualità di soggetto referente della “Rete italiana di organismi per la tutela, promozione e valorizzazione dell’Opera dei pupi – #OPERADEIPUPI.IT#” e si inserisce nell’ambito del progetto “The Image of Oral Thought”. Per un modello di salvaguardia del teatro dell’Opera dei pupi siciliani, finanziato dal Ministero dei Beni Culturali e delle Attività Culturali e del Turismo, Legge 20 febbraio 2006, n. 77 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti e degli elementi di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella ‘lista del patrimonio mondiale’, posti sotto tutela dell’UNESCO”.

La manifestazione è inoltre organizzata con il contributo di: Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e Assessorato del Turismo dello sport e dello spettacolo; in collaborazione con: Società Italiana per la Museografia e i Beni Demoetnoantropologici – SIMBDEA, Fondazione Ignazio Buttitta; con il patrocinio di: ICOM Italia e UNIMA.

Il progetto “The Image of Oral Thought”

Attraverso azioni integrate e trasversali, il progetto intende tutelare, valorizzare, promuovere e diffondere conoscenze sul teatro dell’Opera dei pupi siciliani nell’ottica di uno sviluppo sostenibile. Obiettivo centrale del progetto è la salvaguardia del teatro dell’Opera dei pupi con particolare riferimento agli ambiti della trasmissione del patrimonio orale a grazie alla realizzazione di “cicli” tradizionali di spettacoli  e attraverso la tutela dei beni materiali dell’elemento attraverso la loro schedatura, manutenzione e restauro.

Spazio virtuale di rappresentazione e documentazione dell’Opera dei pupi è l’omonimo portale plurilingue on line www.operadeipupi.it che verrà attivato per diventare anche piattaforma di servizi a sostegno sia della comunità patrimoniale che dei fruitori reali e potenziali.

“The Image of Oral Thought” costituisce il primo passo verso la graduale attuazione delle misure individuate nel Piano, con particolare riferimento ad alcuni ambiti di salvaguardia: il sostegno ad un’attività performativa regolare e continuativa, la promozione e il rafforzamento delle capacità della più ampia comunità patrimoniale e di valorizzazione delle funzioni sociali e dei valori culturali dell’Opera dei pupi; la tutela dei beni tangibili associati al teatro delle marionette siciliane con particolare riferimento alla loro catalogazione partecipata e alla manutenzione e/o restauro; la promozione, diffusione e valorizzazione della pratica attraverso le nuove tecnologie. Il progetto ha tra i suoi principali obiettivi:

  • promuovere il coinvolgimento diretto, la partecipazione attiva e il dialogo tra ricercatori e studiosi e comunità patrimoniale su diversi temi e attività previste attraverso azioni fondate sull’equilibrio tra approccio scientifico, divulgazione e nuove tecnologie, tutela dei mestieri custoditi dalle compagnie;
  • aumentare la visibilità del teatro dell’Opera dei pupi siciliani attraverso l’attivazione del portale on line www.operadeipupi.it quale strumento di promozione integrata e congiunta di “cicli” e programmi di spettacoli;
  • promuovere la creatività e diversità culturale dando rilievo internazionale all’Opera dei pupi siciliana, pratica performativa tradizionale a forte carattere comunitario ancora oggi vivace realtà creativa e creatrice di nuovi sensi e connessioni.

0 146

“Merì (Sicily) – Timeless Immortal Art”, la rivoluzione del piccolo comune che diventa un museo eterno a cielo aperto, donando l’immortalità a 60 artisti provenienti da tutte le nazioni del mondo. Un messaggio per il futuro, contagia tutti i paesi del mondo.

Un progetto unico nel suo genere sta per cambiare il modo di concepire l’Arte all’interno di un contesto urbano, e lo farà dalla Sicilia alla Cina, esaltando la bellezza. Il progetto prevede innanzitutto, l’installazione di mattonelle in terracotta, dipinte da artisti provenienti da tutto il mondo, nel piccolo borgo di Merì (Me). Non ci saranno più targhe sui muri ad indicare le vie e le piazze della città, ma sessanta opere che la trasformeranno in un museo eterno a cielo aperto. Ogni artista diventerà testimonial di una via della città, e avrà il dono dell’immortalità, perché il suo nome ricorderà una via o una piazza. Un forte campo energetico positivo fatto di arte allo stato puro, dalla Sicilia alla Cina e presto in altri paesi del mondo. Attraverso un approccio multi culturale si darà alle città non solo un aspetto nuovo, rilanciandone l’immagine territoriale a livello estetico, ma un diverso respiro dal punto di vista culturale, con risvolti economici e sociali e con attenzione agli aspetti ambientali.
La posa della prima opera sarà accompagnata dal canto di un Ave Maria del soprano Ekaterina Adamova“ Sessanta artisti internazionali per un rivoluzionario progetto artistico destinato a rilanciare il piccolo comune di Merì a “capitale” dell’arte. Un progetto che sarà realizzato anche in Cina con lo stesso team di artisti: una pattuglia diventata esercito, che armato di pennelli trasformerà in realtà il “sogno” degli amministratori di queste città. Il Sindaco Filippo Bonansinga, l’assessore alla cultura Carmelo Arcoraci, supportati dal Patrocinio della Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana, insieme al pittore Lorenzo Chinnici ed il figlio Francesco Chinnici a fare da trait union con gli artisti di tutto il mondo, Emma XingYi Wang partner per il progetto Cinese.

“Un museo a cielo aperto ma anche una vera e propria rigenerazione urbana attraverso l’arte – un modello di rinascita culturale grazie ad un progetto di riqualificazione che può contare su centinaia di artisti internazionali”. Con la donazione delle opere degli artisti realizzate su mattonelle in terracotta, la città decorerà vie e piazze creando un percorso culturale, una mostra senza tempo, che farà sì che il nome e l’opera dell’artista siano conservati, preservati ed esposti per sempre nelle vie e piazze della città, epicentro di micro monumenti dedicati agli artisti.

Progetti simili a quello di Merì avverranno in Cina, con lo stesso gruppo di artisti. Sino-Italy Ningbo Ecological Park, insieme a Sino-Italy Tus-Investment (Zhejiang) Co.Ltd., Huangshan City, TsungDao Lee Center of Sciences and Arts of the University of Chinese Academy of Sciences sono tra il primo gruppo di organizzazioni che hanno forti interessi per ospitare questo progetto. Grazie all’intermediazione di Emma XingYi Wang, presidente della G&Y Cultural Exchange Association di Shanghai e Firenze.

A Kiev si preparano per ospitare questo progetto integrato a dei progetti Culturali per la Città.

Ecco il cast internazionale degli artisti: Lorenzo Chinnici (Italia),  Zheng XiaoTong (Cina), Craig Warwick (Inghilterra), Farida Saba (Arabia Saudita), Patrick Smith (Stati Uniti D’America), Alisa Byteva (Russia), Dorina Nicoleta Crisu (Romania), Christine Bleny (Francia), Ildo Domingos (Brasile), Jacqueline Scheffer (SudAfrica), Agnieszka Wioletta Meler (Polonia), Giuseppe Gorga (Italia), Ingrid G.G. Pegge (Olanda), Bojan Jevtic (Serbia), Isabella Young (Nuova Zelanda), Giovanni Gargano (Italia), Uliana Storozhylova (Ucraina), Lu Mei (Cina), Alberto Urbano Moreno Monturque (Spagna),  Adriana Antidin (Argentina), Francesca Maio (Italia), Luna Smith (Scozia), Bruce Chidovori (Zimbabwe), Neven Zoricic (Croazia), Salvatore Cusimano (Italia), Mirit Ben-Nun (Israele), Pawel Mendrek (Austria), Nicole Musser (Canada), Nicoló Garrasi (Italia), Lilivet Pena Echemendía (Cuba), Osama Imam El-Laithy (Egitto), Agatino Furnari (Italia), Brian Jenninngs (Irlanda), Giuseppe Messina (Italia), Aidas Rytis Vasiliauskas (Lituania), David Kent (Inghilterra), Dimitri Salonia (Italia), A.Tinne Vereeck (Belgio), Linda Schipani (Italia), Rui Manuel de Sousa Lourenco (Portogallo), Shadi Abou Sada (Siria), Anne Gry Andersen (Danimarca), Du Shusheng (Cina), Lucy Lago (Russia), Pino Morena (Italia), Helen Mortimer (Australia), Salvatore Imbesi (Italia), Tara Vahab (Canada), Vincenzo Campo (Italia), Olena Rudnieva (Ucraina), Francesca Licari (Italia), Adil Es-Safi (Marocco), Gianmaria Lafranconi (Italia), Zhang Jigang (Cina), Michela Velardita (Italia), Joe Cooper (Galles), Mel Alexenberg (Israele), Roberto Di Costanzo (Italia) e la nostra mascotte il giovanissimo Kenta Leon Hayashi (Giappone).

Chebolle (Lago Maggiore, Lago di Como e di Garda) per i prossimi vernissage internazionali Enoculturali, presenterà inoltre questo progetto in collaborazione con il Mondo in un Bicchiere emblema dell’anima dei vini Siciliani. La GEИTILE Exclusive Jewelry Dubai per l’occasione sta realizzando delle mattonelle con incastonate con delle vere pietre lunari e di marte, simbolo di immortalità, da donare ai paesi ospitanti il progetto. Le Mattonelle in Cotto Siciliano di La Fauci, utilizzate per immortalare le opere degli artisti. La fashion art designer Gisella Scibona dedicherà una linea di 60 abiti personalizzati, rifacendosi alle singole opere degli artisti.

 

Il manifesto dell'evento culturale

Il manifesto dell’evento culturale

Gli organizzatori

Gli organizzatori

0 26

La visita odierna del sindaco Marco Nunzio Rubino pone le basi per una collaborazione

 

SANT’AGATA LI BATTIATI, GIOVEDì 4 FEBBRAIO 2021 - Giornata ufficiale, quella di oggi, nella nuova sede regionale di Assotir (Associazione Italiana Imprese di Trasporto) Sicilia, in via Kennedy 15 a Sant’Agata li Battiati. Da gennaio 2021 l’associazione guidata dal segretario regionale, Gabriella Ferlito, e dal coordinatore regionale, prof. Pino Bulla, ha scelto Battiati come sede ufficiale dell’ufficio che si occupa di tutela dei lavoratori e di formazione per il trasporto misto (merci e persone) e che oggi ha avuto il piacere di ospitare il sindaco, Marco Nunzio Rubino per una mini inaugurazione, in pieno rispetto delle disposizioni anti-covid-19, che ha anche posto le basi per una fattiva collaborazione tra il Comune e il sindacato

Nella giornata di ieri lo staff del Centro Studi Assotir Sicilia – composto da Mario Cugno (resp.le naz. Assotir esperto sicurezza e certificazione di qualità), i fratelli Dario e Salvo Grasso (consulenti del lavoro e infortunistica), Alessandro Maugeri (consulente e progettista), Massimo Patti (consulente amministrativo), Cesare Santuccio (consulente legale) e Monica Adorno (ufficio stampa) –  era stato presentato al sindaco Rubino per illustrare l’attività dell’ufficio, sottolineare la piena disponibilità a rispondere con professionalità alle esigenze delle imprese private che insistono sul territorio di Battiati.

«Consideriamo fondamentale implementare la formazione, requisito indispensabile per tutte le aziende che operano nel settore – affermano insieme Gabriella Ferlito e Pino Bulla -, ed è per questo che chiediamo al Comune una collaborazione, ove ce ne fosse la possibilità, tecnica e/o logistica. L’aggiornamento professionale costante, oltre a essere obbligatorio, è il passepartout per la tutela di quanti lavorano nel settore dei trasporti, ma anche dei passeggeri che devono viaggiare nella massima serenità. Ma è anche un modo per ricordare ai piccoli padroncini – continua Bulla – il rispetto del Manuale degli autisti e dei tempi di guida e riposo imposti dal cronotachigrafo”.

“Rispetto dimenticato nell’80% dei casi”, precisa il comandante dei Vigili Urbani di Battiati, Vincenzo Gullo che ha accompagnato il sindaco Rubino insieme ai due assessori Salvatore Rosano e Mario Pulvirenti.

“Ho risposto con piacere all’invito del prof. Bulla – commenta il sindaco Marco Nunzio Rubino – perché considero i sindacati una realtà fondamentale che dà voce a chi non ne ha, realtà riconosciuta dagli articoli 39 e 40 della Costituzione per tutelare il diritto alla libertà dei lavoratori di dire se c’è qualcosa che non va. Per questo che oggi ho scelto di indossare la fascia da sindaco. In più ritengo importante avere dei punti di riferimento sul territorio – conclude Rubino – che siano in grado di dare risposte concrete a chi, ad esempio, deve presentare la documentazione necessaria per ottenere un’autorizzazione”.

Presente all’incontro anche l’avv. Rosario Torrisi Rigano, amministratore unico della Società degli Interporti Siciliani SpA, la più grande in infrastrutture e logistica della regione, che ha voluto sottolineare l’interesse e l’attenzione con cui lui e la Società che rappresenta guardano alla lodevole iniziativa che il prof. Bulla sta svolgendo.

Bulla, Rubino, Ferlito

Bulla, Rubino, Ferlito

Da sx Rosano, Bulla, Ferlito, Rubino, Torrisi Rigano, Gullo e Pulvirenti

Da sx Rosano, Bulla, Ferlito, Rubino, Torrisi Rigano, Gullo e Pulvirenti

0 354

Non ha tregua la creatività del poliedrico artista romano Luigi Centra che, di recente, ha pubblicato il suo nuovo libro intitolatoLe fortezze del Lazio meridionale, un testo che segue la pubblicazione, avvenuta anni fà di un altro volume dedicato ai castelli del Lazio. L’ultima fatica letteraria del pittore-scrittore nato a Carpineto Romano è il frutto di una ricerca certosina e rigorosa sull’affascinante storia e origini dei castelli, manieri e, delle fortezze del Lazio meridionale che è riuscito a descrivere in maniera dettagliata ed esaustiva nel libro appena pubblicato. Il testo così come ha sottolineato l’imprenditrice Luisa Magnante, che ha curato la presentazione del libro, “ha una lettura attenta e ragionata, una duplice funzione, la prima è quella di avere cristallizzato le peculiarità storico-architettoniche del nostro prezioso territorio, dove tutto il periodo medievale che emerge è il principale protagonista. La seconda è quella di provare a trasmettere, sensibilizzando le future generazioni, di riappropriarsi delle radici storiche, consci del fatto che solo conoscendo il proprio passato, si possono affrontare le sfide future che un globalismo sempre più ascetico e distopico tende ad affermarsi”.

L’opera è composta da 520 pagine arricchite da numerose fotografie, fascicoli illustrativi e tre appendici territoriali . E’ un testo che potremmo dire enciclopedico utile soprattutto per gli studenti che possono conoscere il proprio territorio e per gli appassionati di storia.  Il Maestro Luigi Centra è uno degli ultimi esponenti della Pop Art. Fa parte della corrente artistica che ha rivalutato e, reinterpretato in Italia l’arte “populaire” americana. La sua poliedricità però lo ha portato ad esplorare anche altri mondi dell’arte come la poesia, la narrativa ed anche la saggistica come testimonia questa ultima sua fatica letteraria che sta riscuotendo un discreto successo. Ha scritto numerose opere letterarie molte delle quali dedicate alla Sicilia che lui considera la sua seconda patria.

          ROSARIO MESSINA     

L'artista Luigi Centra

L’artista Luigi Centra

Centra firma una copia del suo libro

Centra firma una copia del suo libro

Luisa Magnante

Luisa Magnante

La presentazione del libro

La presentazione del libro

Un acquirente del libro

Luigi Centra con Luisa Magnante

0 95
San Francesco Di Sales

San Francesco Di Sales

Molto ricco il calendario di appuntamenti che l’’Ucsi Sicilia in occasione della solennità liturgica di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti, che si festeggia domenica 24 gennaio, ha organizzato una serie di eventi culturali e religiosi, che inizieranno ad Acireale il 22 gennaio e si concluderanno a Messina nella prima decade di febbraio.

L’Ucsi Sicilia ha organizzato due eventi regionali: un corso di formazione in webinar per i giornalisti e un incontro con tutti i soci. Il corso si svolgerà  mercoledì 27 gennaio 2021, con inizio alle 16.00 fino alle 18,15,  dal titolo: Vieni e vedi” (Gv 1,46). Comunicare incontrando le persone come e dove sono”  Tema del Messaggio di Papa Francesco per la 55^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali”. Relatori: Vania De Luca, presidente nazionale Ucsi, Vincenzo Corrado, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali della Cei, S.E. Mons. Francesco Lomanto, Arcivescovo di Siracusa e Delegato Episcopale per le Comunicazioni Sociali e Cultura della Conferenza Episcopale Siciliana,  don Paolo Buttiglieri, Consulente Ecclesiastico Ucsi Sicilia, Alessandro Ricupero, vice direttore dell’Ufficio Comunicazioni dell’Arcidiocesi di Siracusa e  Gaetano Rizzo, consigliere nazionale Ucsi, Modera: Salvatore Di Salvo, giornalista, componente della Giunta Nazionale Ucsi. Il corso, con tre crediti formativi, è stato promosso dall’Ucsi Sicilia è organizzato dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia dal Cong,  dall’Assostampa e dall’Ufficio Comunicazioni Sociali della CeSi.

A seguire si svolgerà l’assemblea regionale dell’Ucsi Sicilia, in webnair, aperta a tutti i soci alla quale parteciperanno: la presidente Nazionale Ucsi Vania De Luca e il Delegato Episcopale per le Comunicazioni sociali e la Cultura della CeSi S.E. Mons. Francesco Lomanto, arcivescovo di Siracusa.

“Abbiamo scelto la giornata dedicata a San Francesco di Sales  – ha detto il presidente dell’Ucsi Sicilia Domenico Intedonato – per affrontare con grande speranza, questo difficile momento che stiamo attraversando. Il nostro Santo patrono  ci darà la forza per ripartire e  continuare a sperare in una rinascita culturale e spirituale. Pur vivendo in un momento particolare e con le restrizioni anti contagio al Covid19 abbiamo pensato di programmare solamente la Celebrazione Eucaristica in ogni sezione provinciale e diocesana.”.

Gli eventi organizzati dalle vari sezioni dell’isola:

Acireale, venerdì 22 gennaio 2021, dalle 17 alle 20,  si svolgerà  un corso di formazione in webinar dedicato ai giornalisti e organizzato dalla sezione diocesana dell’Ucsi, in collaborazione con la Diocesi di Acireale, l’Ufficio per le Comunicazioni Sociali e la Cultura,  l’Odg Sicilia e l’Assostampa, dal titolo ““La Chiesa (social) al tempo del Covid-19”. Riflessioni sulla codificazione etica e deontologica giornalistica”.  Relatori: S.E. mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale e vicepresidente della Cei, Alberto Cicero, presidente regionale Assostampa Sicilia, Giuseppe Vecchio, Delegato Regionale Fisc Sicilia, già consigliere nazionale e regionale dell’Odg già presidente del Consiglio di Disciplina dell’Odg Sicilia e già presidente dell’Ucsi Sicilia, Salvatore Di Salvo, componente della Giunta Nazionale Ucsi, don Arturo Grasso, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali della diocesi di Acireale, Antonio Carreca, già consigliere provinciale Ussi.

A Patti, sabato 23 gennaio 2021, ore 17,30, la sezione diocesana, guidata da Domenico Pantaleo,  in sinergia con la Diocesi organizzerà una Santa Messa nella chiesa “Sacro Cuore” di Corso Matteotti. La celebrazione Eucaristica sarà presieduta da S.E. mons. Guglielmo Giombanco,  vescovo della Diocesi di Patti, alla funzione religiosa parteciperà Santino Franchina Consigliere Nazionale dell’Ordine dei giornalisti.

A Siracusa domenica 24 gennaio 2021, alle ore 12.00, nel Basilica Santuario Madonna delle Lacrime, si svolgerà la Celebrazione Eucaristica, presieduta da S.E. mons. Francesco Lomanto, arcivescovo di Siracusa e concelebrata da don Aurelio Russo, Rettore del Santuario Madonna delle Lacrime e Consulente Ecclesiastico Ucsi Siracusa. La festa di San Francesco di Sales sin dal 1996 è organizzata dall’Ucsi Siracusa, dal settimanale diocesano “Cammino” con la collaborazione dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Siracusa e l’Assostampa Siracusa. Alla Messa parteciperanno il direttore del Settimanale diocesano “Cammino” Orazio Mezzio, il segretario provinciale dell’Assostampa Prospero Dente, il consigliere regionale dell’Odg Sicilia Santo Gallo e il vice direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali Alessandro Ricupero e il presidente Ucsi Siracusa Salvatore Di Salvo.   Al termine della Messa  i  giornalisti rinnoveranno l’affidamento alla Madonnina delle Lacrime.

 A Caltanissetta, domenica 24 gennaio 2021, alle 11,  la sezione Ucsi, guidata dalla presidente Fiorella Falci,  in sinergia con l’Assostampa e la diocesi ha organizzato una funzione religiosa che si svolgerà nella Cappella Maggiore del Seminario Vescovile, presieduta da S.E. Mons. Mario Russotto, vescovo di Caltanissetta.

A Catania, domenica 24 gennaio 2021, alle 11.00, l’Ucsi, guidata da Giuseppe Adernò,  ha organizzato una Santa Messa,  presso la Chiesa dell’Istituto Salesiano “San Francesco di Sales” sita nel quartiere Cibali, la funzione religiosa sarà officiata dal direttore don Giuseppe Troina.

A Trapani, il vescovo S.E.  mons. Pietro Maria Fragnelli, invierà un messaggio a tutti i giornalisti e agli operatori della comunicazione della diocesi.

A Palermogiovedì 28 gennaio 2021, alle 17.00, l’Ucsi di Palermo, presieduta da Michelangelo Nasca, celebrerà  la giornata del San Francesco di Sales in collaborazione con l’Arcidiocesi, con una riunione in webinar alla quale  parteciperanno l’arcivescovo S.E. mons. Corrado Lorefice e alcuni giornalisti palermitani.

A Messinafebbraio 2021, l’Ucsi, guidata da Laura Simoncini, organizzerà l’incontro di San Francesco di Sales, nella prima decade di Febbraio. L’incontro è organizzato in collaborazione con l’Ufficio per le Comunicazioni Sociali e la Cultura dell’Arcidiocesi di Messina e Assostampa Messina. All’incontro parteciperà S.E. mons. Giovanni Accolla, arcivescovo di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela.

Manifesto UCSI Sicilia

Manifesto UCSI Sicilia

0 136

Il 28 Dicembre 2020  si è riunito in modalità Google Meet  il Consiglio Direttivo Regionale ANPE Sicilia per ridistribuire le cariche dopo le dimissioni del dott. Massimo Sidoti, il quale per motivi di impegni lavorativi si è dovuto trasferire in Regione  Veneto, viene dunque convocato il C.D.R. Sicilia  dal Segretario Regionale e membro del Direttivo Nazionale dott. Corrado Cavarra  il quale ha coordinato i lavori di cooptazione del nuovo membro la dott.ssa Lorena Galesi e iniziare le consultazioni per la ridristribuzione delle cariche sociali ANPE Sicilia.  L’impegno avuto negli anni all’interno del Consiglio Direttivo Regionale della dott.ssa Maria Luisa Pino ha senza alcun dubbio inciso sulla scelta, la quale viene votata e nominata PresidenteANPE Regionale Sicilia.

Noi tutti membri del C.D.R. riteniamo che l’esperienza, la competenza e Il pregevole lavoro e espresso negli anni con impegno e professionalità fanno della dott.ssa Maria Luisa Pino la guida ideale per i Pedagogisti Siciliani.

Dopo la ridistribuzione delle cariche Il nuovo C.D.R. è quindi composto nel seguente modo:

Presidente Regionale ANPE Sicilia la dott.ssa Maria Luisa Pino di Villafranca Tirrena (ME),  ha inoltre esperienze ai vertici associativi anche in passato, infatti la stessa ha svolto il ruolo di Presidente della FIDAPA sez. Venetico,  Presidente del Soroptimist Spadafora Gallo-Niceto, Vicepresidente dell’Osservatorio per i minori Luca Natoli, componente della Consulta delle organizzazioni per l’area tematica famiglia, giovani e minori del Comune di Messina, Pedagogista presso l’asilo nido di Saponara (ME);

Vicepresidente il dott. Loris Vasile di Siracusa, Presidente della Società  Cooperativa LAB.E.FO.R.M; Responsabile Spazio neutro presso alcuni comuni del Distretto 46 di Siracusa, Mediatore Familiare e Responsabile Centro Famiglie presso il Comune di Canicattini.

Vicepresidente la Dott.ssa Lorena Galesi di Niscemi (CL) Docente MIUR- Pedagogista Libero professionista, Componente Direttivo Nazionale Osservatorio per il monitoraggio e il contrasto della violenza contro le donne, giovani e bambini- IHRC,  Componente osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità -Regione Siciliana, Formatore agli Enti Locali, Progettista servizi educativi e sociali, Pedagogista -CDA- Consultorio Familiare d’ Ispirazione Cristiana -Vittoria, Componente Comitato scientifico ELIEA Istituto Italiano di ricerca e studi criminologico-forensi Pedagogista Team del  Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza -Comune di Comiso ,Tutore minori stranieri non accompagnati- Tribunale dei Minori di Catania.                                                            Tesoriere la dott.ssa Giovanna Scillufo di Santa Flavia (PA), Responsabile del CAMPUS estivo “Centro San Marco” di Santa Flavia e Operatore Educativo per il progetto PON per i Servizi Sociali presso il Comune di Termini Imerese e Trabia.

Segretario il dott. Corrado Cavarra di Rosolini (SR), membro del Consiglio Direttivo Nazionale ANPE, Giudice Minorile presso la Corte D’Appello sez. famiglia e minori del  Tribunale di Catania e impiegato presso il Comune di Rosolini.

A tutti gli eletti i complimenti del Consiglio Direttivo Nazionale.

La Presidente dott.ssa Maria Luisa Pino subito dopo essere stata eletta dichiara il suo compiacimento e ringrazia tutti i presenti e sottolinea le linee guida ed il programma del nuovo Direttivo Regionale, sottolineando che questo Direttivo si pone diversi obiettivi da raggiungere a breve e lungo termine, il primo è sicuramente quello di attivare iniziative e seminari formativi indirizzati a docenti e Pedagogisti, per cui sono state avviate già le procedure per il coinvolgimento di diversi Istituti Scolastici nella realizzazione di dette attività formative, nonché la creazione di uno sportello Pedagogico on line in ambito Regionale che possa sostenere da subito le famiglie, i  minori e gli anziani del territorio siciliano in questo periodo difficilissimo a causa dell’emergenza da Covid 19.

Non manca  di ribadire la continuità e l’attenzione verso gli impegni di collaborazione già avviati in precedenza che si prefiggono di individuare interventi, azioni e idee progettuali volte a migliorare le tutele dei diritti dei minori nonché avviare rapporti di collaborazione in progetti ed attività che prevedono la presenza dei pedagogisti ANPE all’interno dei Servizi Minorili della Giustizia in Sicilia.

Oggi più che mai necessitano interventi più efficaci e mirati di contrasto delle povertà educative, alla devianza e alla criminalità giovanile, afferma la Presidente Maria Luisa Pino , bisogna quindi attivare al più presto progetti di rete a carattere innovativo per incidere adeguatamente sui minori a rischio di devianza o sottoposti a provvedimenti penali dell’Autorità Giudiziaria minorile per aver commesso reati. Resta inteso che l’intervento più importante rimane ad oggi quello della prevenzione, intervenire ai primi segnali di disagio che i giovani manifestano, ma che spesso non vengono colti o vengono percepiti quando già essi si sono evoluti in devianza, per questo motivo oggi è fondamentale la ricerca e l’uso di strumenti innovativi nell’ambito della promozione della cittadinanza attiva, educando i giovani alla legalità e all’Intercultura aggiunge la dott.ssa Pino.

I Pedagogisti oggi rappresentano il riferimento principale per le famiglie e i minori, per tale motivo si ritiene necessario, pertanto, che ritorni al centro dell’attenzione di tutti gli interventi la interrelazione significativa dei ruoli, caratterizzata da una responsabilità reciproca tra Istituzioni, scuola, famiglie ed agenzie del territorio, indispensabile per costruire l’unità dell’atto educativo e per tale motivo rivolge un appello alle Istituzioni affinché si arrivi subito al riconoscimento di questa importantissima figura e alla costituzione di un Ordine Professionale

La dott.ssa Maria Luisa Pino evidenzia che se si vuole arrivare ad ottenere dei risultati importanti l’interrelazione tra le famiglie e le Istituzioni deve essere mediata e sostenuta da quelle figure specialistiche che posseggono una mentalità di servizio pedagogico coerente con la natura dell’intervento pedagogico–educativo, e pone tale servizio come  obiettivo inderogabile per la tutela della dignità dell’uomo.

 L’Anpe ribadisce e sostiene la funzione imprescindibile del Pedagogista e della formazione rilevando che il pedagogista è l’ESPERTO DEI PROCESSI EDUCATIVI E FORMATIVI, così come sostiene l’Unità di Pedagogia e Psicologia scolastica nell’Ottica della multiprofessionalità.

Questa funzione in diverse realtà scolastiche territoriali Italiane con il servizio CIC adempie ottimamente proprio perché ha assunto forti connotazioni educativo-formative, grazie alla presenza di professionisti deputati, oggi anche questa certezza è messa in discussione dalle vigenti normative alla Camera e auspichiamo che ci si adoperi onde evitare il pericolo di ulteriore messa in opera del processo di medicalizzazione già in atto e che responsabilmente si assumano decisioni e indirizzi nell’autentico interesse delle persone, nella reale tutela e garanzia dei loro diritti, superando il criterio degli interessi di categoria, nell’ottica della valorizzazione e della necessità etica della multiprofessionalità.
Se viviamo una fase storica così accidentata , conclude la  Presidente ANPE Sicilia dott.ssa Maria Luisa Pino  lo si deve proprio all’assenza Istituzionale di Educazione e Formazione PEDAGOGICA.

Maria Luisa Pino

La dott.ssa Maria Luisa Pino

Comunicato stampa anpe sicilia

0 1047
La lievitazione del pane di casa

La lievitazione del pane di casa

Giardini Naxos (ME) – Ha da poco festeggiato l’ennesimo premio alla carriera, “Pizzarte” di Firenze, Giuseppe Santoro, di Giardini Naxos, Presidente nazionale della FIP (Federazione Nazionale Pizzaiolo). Qualche giorno per smaltire l’euforia del premio ed è già sui nastri di partenza per promuovere un nuovo progetto culinario nato a ottobre 2019 denominato Dacci il nostro Pane quotidiano”. Si tratta di un altra originale idea che, a sua detta “Non avrà fine”  perchè la nostra cultura enogastronomica italiana ed in particolare quella siciliana è così vasta che una sola vita non basterebbe per raccontarla.

Per comprendere il progetto abbiamo sentito lo stesso Santoro il quale spiega:In un momento delicato come quello vissuto nel 2020, una cosa e’ sicura, abbiamo riscoperto momenti dimenticati nel tempo. In questo momento di pausa generale, ho rispolverato alcuni ricordi di vita quotidiana del passato, che spesso riaffiorano, come momenti indelebili nelle nostre memorie, tradizioni che hanno fatto la storia della nostra cultura. Cosicché ho riunito un gruppo di chef e pizzaioli, con i quali ho cercato di riprodurre un alimento molto caro a noi, il pane quotidiano. Abbiamo iniziato a lavorare per portare avanti questo originale progettoQuesta volta siamo andati su per la Valle del Chiodaro, nei pressi della fonte del torrente Letoyanni, il quale nella parte superiore prende il nome di Mongi, da qui l’origine della denominazione di Mogiuffi. Questo perché, nelle montagne attorno a Mongiuffi si coltivava grano. I miei nonni in quella zona seminavano grano. Non raccoglievano grosse quantità di quel grano, ma bastava per produrre per un certo periodo dell’anno il pane. Le ricerche sono ancora in corso e per questo rendiamo pubblico il progetto. Faccio un appello se qualcuno volesse collaborare con noi con foto, ricordi e racconti d’epoca, può scriverci alla nostra email: info@cucinamodomio.com . Riteniamo importante collaborare a questo progetto per riportare in vita antiche ricette. A questo progetto sta collaborando anche Roberto Abbate esperto del settore culinario.

In merito al progetto Abbate ritiene che i principi di slow food devono essere:Buono, Pulito e Giusto” per questo è importante riscoprire le tradizioni perdute per  salvaguardarne usi e costumi come quelle del pane casareccio.

In questo originale progetto Giuseppe Santoro ha coinvolto diverse professionalità di amici e colleghi di vecchia data formando un team di esperti culinari di grande esperienza. Tra i componenti vi sono lo chef Giovanni Cannavo esperto della Storia e della cultura gastronomica siciliana autore di pubblicazioni importanti. Al momento sta lavorando su un libro dedicato al mare. Poi abbiamo  Marco Parisi il quale, avvicinatosi da qualche anno al mondo pizza e dell’arte bianca, oggi e un pizzaiolo ben noto nella vallata coinvolto in questa ricerca e rivisitazione di momenti vissuti.

Abbiamo anche Gianluca Sozubir pizzaiolo e maestro dell’arte bianca che opera su Giardini Naxos, proprietario di un noto locale dove si potrà presto, DCPM permettendo, gustare la “Vastedda Cunzata”.

Un altro componente del team è Carlo Bucceri giovane taorminese anche  lui ha aderito al progetto perché vuole ripercorrere tradizioni e ricordi del tempo dei nonni e i bisnonni. E’  questa la sfida del gruppo !

In merito  al progetto Santoro aggiunge:Soprattutto in un momento come questo bisogna essere sempre più legati alle tradizioni che ci hanno lasciato i nostri antenati. Noi cerchiamo di farlo riprendendo antiche ricette, utilizzando grani  siciliani , prodotti naturali e biologici a km 0 ed impastando a mano nella vecchia maidda.”

LA  VASTEDDA  MICIUFFOTA

Scopriamo a questo punto di che “pasta” è fatta a vastedda miciuffota (della vallata di Mongiuffi Melia).

Giuseppe  Santoro spiega  che la vastedda miciuffota, non ha nulla a vedere ad esempio  con quella di Enna se non per il nome vastedda che altro non e che  la definizione di  “pane fatto in casa”. Enna infatti è una delle località dove si produce il pane di casa, anche se in realtà, viene fatto in maniera diversa dalla quella muciuffota. Quest’ultima infatti  ha una forma rotonda e un  buco in mezzo ed un peso che varia dai tra i 400 gr e i 500 gr. Non è  molto alta, circa 5/6cm  con una circonferenza di circa 20 cm.

Mentre quella Ennese prodotta da una cooperativa fondata nel 1976 dal professore Antonino Tusa, pesa  circa un chilo e sempre anche essa di forma tonda di circa 20 cm e, 7 cm l’altezza cotta anche essa nel forno a legna.  ( Cit e Fonti Dal Libro “L’Italia del Pane” Editore Slow Food )

Quella di cui ci parla Santoro  è una ricetta ricca di storia e usanze della valle del Chiodaro.  Dopo aver impastato il pane, pulito il forno, si infornavano le vasteduzze e si lasciava una piccola fiamma dinnanzi la bocca del forno. Dopo pochi minuti potevano essere tolte dal forno e, come da tradizione, venivano “cunzate” (condite)  con olio, sale, origano, pomodori secchi raccolti durante la stagione e poi messi a essiccare sopra le “cimaghie”  e, per finire, una bella spolverata di pecorino.

 La tradizione vedeva i pastori omaggiare i proprietari terreni locali con le loro vastedde, come segno di ricompensa, per averne usufruito del pascolo per il loro gregge.

Per riprendere questa tradizione delle vastedde e del pane di casa Santoro spiega che sta utilizzando il lievito madre che ha preparato con le proprie mani.  Lo ha prodotto già prima del   lockdown da una base di miele, prodotto nella vallata nella zona detta Mancusi, molto ricca di Castagneti.

Il profumo che ne scaturisce e veramente particolare ed intenso” afferma Santoro il quale aggiunge “Ci è stato donato da un apicoltore locale e non e’ l’unico prodotto in zona poiché si trova anche un millefiori, sempre raccolto nella vallata che di fiori di montagna erbe e spezie e molto ricca.  L’acqua che utilizziamo proviene da una sorgente naturale situata a Mongiuffi Melia in Contrada Vena. Le farine che utilizzo sono grano duro integrale  e farina bianca 0, tutti  Siciliani. Anche nella vallata, dal dopo guerra si coltiva grano, per lo piu’ come utilizzo proprio. Per la macinazione, veniva utilizzato un mulino ad acqua ubicato in un’altra vallata. Qualcuno ricorda che nel dopoguerra, nei dintorni ci fossero circa setta molini ad acqua, ma non abbiamo riscontri scritti, anche se la nostra ricerca continua, con riscontri fotografici e racconti dei locali, siamo alla ricerca di qualche foto, e informazioni.

Continueremo ancora nella nostra ricerca, l’intento e quello di fare rivivere momenti belli della nostra infanzia e far conoscere a coloro che hanno voglia di tramandare queste usanze locali.  Occorre valorizzare la cultura locale.

Stiamo lavorando per questo. Grazie all’aiuto di Marco di Carlo e dello Chef Giovanni Cannavò stiamo lavorando nella casa di campagna di Marco dove cerchiamo di migliorare la tecnica ed il prodotto, riproducendo fedelmente gesti e ricette trascritte da testimonianze raccolte dai locali.

 

In primo piano Giuseppe Santoro con i suoi collaboratori

In primo piano Giuseppe Santoro con i suoi collaboratori

Il torrente Leto

Il torrente Leto

Pane antico

Pane antico

Forno a legna

Forno a legna

LA  RICETTA

.Farina di grano duro integrale  Che puo essere sostituita con una TIPO 1

.farina 0

.Lievito madre al 35% in questo caso Abbiamo usato un lievito il cui Start e stato il miele

.H2O al 60% a un max 70%

.pezzature pane o CUDDURA da 900/1000

.pezzature vastedde da  400/500

 

 

0 330

Il T.A.R. Catania sospende la nota di revoca di Franco Scicolone, reintegrandolo nel Cda della Fondazione Lucifero.

L’Avv. Calogero Leanza: è stata fatta corretta applicazione dei principi di diritto

Il membro del C.d.A., difeso dagli avv.ti Calogero Leanza e Francesco Mobilia di Messina, aveva contestato la decadenza postulata da Regione e Fondazione

 

Con ordinanza cautelare n° 58 del 18/1/2021 il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia – Sezione Staccata di Catania ha sospeso la nota dell’Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro per la Regione Sicilia con la quale, su segnalazione della segreteria della medesima Fondazione Lucifero era stato dichiarato decaduto il membro del C.d.A.

 “E’ stato condiviso in toto il ricorso da noi spiegato”, afferma l’avv. Calogero Leanza, precisando come “il T.A.R. ha condiviso le nostre prospettazioni, ritenendo inapplicabile il cosiddetto spoils system al caso del Sig. Scicolone. Ora potrà tornare ad esercitare il suo ruolo di Consigliere d’Amministrazione, al fine di realizzare gli alti obiettivi cui la Fondazione Barone Lucifero tende”.

I Giudici hanno infatti affermato che:Considerato, invero, che, da un lato, l’art. 6, comma 3, della legge reg. Sic. 23 dicembre 2000, n. 30 – espressamente richiamato nella avversata nota nota prot. n. 32882 del 28 ottobre 2020 – nell’evocare la fattispecie delle “nomine fiduciarie” non appare applicabile al caso in esame, prevedendo espressamente il citato art. 6 dello statuto della Fondazione resistente che “Le designazioni effettuate dagli organi preposti [fra i quali, per quanto di interesse, quello del Comune di Milazzo] non creano alcun vincolo giuridico con i membri designati, che rappresentano solo ed esclusivamente la Fondazione, con la quale hanno un rapporto di immedesimazione organica”; Considerato, dall’altro, che, come condivisibilmente chiarito dalla giurisprudenza, la regola dello spoils system non può essere applicata al di là delle specifiche previsioni di legge e non appare rientrarvi la vicenda in esame, posto che l’incarico in questione si iscrive nella gestione di un Istituto che eroga assistenza e che, sotto questo profilo, espleta attività di sicura natura tecnica e amministrativa, non assumendo tale posizione, sotto profili di qualche rilievo, una incidenza per dir così politica (arg. ex Cons. Stato, sez. V, 29 ottobre 2009, n. 6691) Aggiunge poi l’Avv. Leanza: “Una vittoria significativa, che segna un punto fermo nella giurisprudenza riguardante le ex IPAB, non è possibile vincolare l’attività di amministrazione alle vicende politiche”.

L'Avvocato Calogero Leanza

L’Avvocato Calogero Leanza

 

RIMANI IN CONTATTO