LUGLIO 2018
Home Authors Posts by Dott. Rosario Messina

Dott. Rosario Messina

Dott. Rosario Messina
1029 POSTS 0 COMMENTS
Email: direttore@siciliafelix.it

0 85
Pippo Galeano e Angela Lombardo

Pippo Galeano e Angela Lombardo

Giardini Naxos – E’ stata un successo così come meritava la mostra-evento di lavori in legno dell’ex presidente del Centro Anziani di Giardini Naxos Pippo Galeano organizzata a Villa Mariuzza nel rione Ortogrande. Ha realizzato un sogno che coltivava da anni Galeano, quello di far conoscere ai suoi concittadini e soprattutto alle nuove generazioni un arte che sta scomparendo. Non ha perso lo smalto e lo spirito di iniziativa Pippo Galeano che in passato si era già reso protagonista di simili iniziative. L’evento patrocinato dal Comune di Giardini Naxos e dall’associazione scientifico culturale Mea Lux presieduta da Angela Lombardo intitolato “Legno e Artigianato Tradizionale” ha dato risalto all’arte tradizionale siciliana del legno attraverso i lavori dell’ebaniste giardinese. La mostra comprende una collezione di oltre cento manufatti realizzati in legno: tavoli, appendiabiti, porta specchi, angoliere, porta bracieri, dispense e tato altro ancora, il tutto impreziosito da pezzi rari come ad esempio un “arcolaio filarino” realizzato in legno di ulivo e frassino per la filatura della lana. “Ho ritenuto di organizzare questa mostra perché, nell’era della globalizzazione, tante tradizioni si stanno perdendo ed è importante il recupero e la salvaguardia delle nostre tradizioni. Occorre trasferire questa nobile arte con amore e dedizione alle nuove generazioni” così ha commentato l’evento Pippo Galeano, visibilmente commosso. Tanti gli ospiti che sono intervenuti alla serata tra i quali il cantastorie di Riposto Luigi Di Pino e Saro Bellinghieri cultore delle tradizioni locali. A presentare l’evento agli ospiti intervenuti è stata la presidente dell’associazione scientifico culturale Mea Lux,  Angela Lombardo. A riprendere i momenti più significativi dell’evento con la sua telecamera è stato il Maestro della fotografia Pino Parisi del Gruppo Culturale Letterario  Sicilia Cori Miu   mentre la poetessa Giusy Di Mauro ha intervistato Pippo Galeano e gli ospiti per il documentario digitale che racconterà la magnifica serata. La serata è stata impreziosita anche dai numerosi scatti del fotografo di Sicilia Cori Miu Mario Guillerno che hanno storicizzato l’evento. Ai numerosi ospiti è stato offerto un succulento cocktail preparato dalle abili mani del barman AIBES Salvatore Ferrara, noto anche per i suoi numerosi trofei conquistati come maratoneta.

            A questo punto è doveroso conoscere meglio Galeano. Giardinese doc, ebanista raffinato e di rara originalità, sin dall’età di otto anni si dedica all’arte del legno  che nel tempo trasformerà in un mestiere. Le prime nozioni dell’uso del legno e delle tecniche per la realizzazione di manufatti Pippo Galeano li apprende frequentando la bottega del noto ebanista Nicola Cristoforo considerato un icona nel suo settore che in quegli anni esercitava la sua professione. Il giovane Galeano dal Maestro apprende con ingegno, passione e tenacia l’arte e i segreti per costruire mobili e manufatti per la casa, elaborando negli anni tecniche personali e, nel contempo, aggiungendo il suo imprinting all’esperienza maturata nella bottega del maestro. Tecniche che il pubblico ha avuto modo di apprezzare nei numerosi manufatti esposti nella mostra.

                        ROSARIO  MESSINA

Il brindisi con i familiari

Il brindisi con i familiari

Al microfono Giusy  Di Mauro

Al microfono Giusy Di Mauro

Al microfono Pippo Galeano

Al microfono Pippo Galeano

Il pubblico intervenuto alla mostra

Il pubblico intervenuto alla mostra

Il pubblico

Il pubblico intervenuto alla mostra

Parete di manufatti in legno

Parete di manufatti in legno

Un tavolo in noce

Un tavolo in noce

Tavolo e sedie

Tavolo e sedie

Alcune panchine

Alcune panchine

Piccolo tavolo e portapenne

Piccolo tavolo e portapenne

Piattaia in castagno dell'Etna

Piattaia in castagno dell’Etna

Arcolaio Filarino

Arcolaio Filarino

 

0 187

Affascinati dallo stupore suscitato dalle antiche rovine del monastero basiliano di San Salvatore della Placa, in cui la natura, la storia e la bellezza del paesaggio si fondono diventando realtà, si è splendidamente conclusa la prima tappa dell’Itinerario dei palmenti rupestri di Francavilla di Sicilia. I numerosi presenti hanno fatto un viaggio nel tempo alla scoperta dell’antica produzione del vino nella valle Alcantara, e sono stati guidati per mano dai proff. Salvatore Puglisi e Angelo Manitta, e dal dott. Enzo Crimi. Il presidente dell’associazione Naxos Entertainment Giovanni Bucolo e l’ideatore e coordinatore dell’evento Giuseppe Carmeni hanno ringraziato il Sindaco di Francavilla di Sicilia Vincenzo Pulizzi, e il Vicesindaco Carmelo Magaraci, per l’ospitalità e per aver collaborato alla realizzazione dell’evento, la Soc. Coop. Turistica per l’accoglienza e per aver promosso in modo eccellente i prodotti tipici della città dell’olio.

Sabato 21 luglio si continua con la seconda tappa “I palmenti rupestri di Rocca Pizzicata”. Il complesso rupestre di Rocca Pizzicata è un luogo suggestivo, ricco di storia e di fascino, per certi versi ancora sconosciuto e avvolto nel mistero. Il raduno è previsto alle ore 17,00 presso la Tenuta Rustìca di proprietà della famiglia Fisauli a Roccella Valdemone, l’Itinerario è difficoltoso e in campagna, pertanto si consiglia un abbigliamento da escursione naturalistica con scarpe da trekking. La Tenuta Rustìca si raggiunge imboccando la s.p. 2 per Roccella percorrendola per 2 km da Mojo, alla fine dei quali si troverà la segnaletica verticale con le indicazioni del punto di raduno. I visitatori saranno guidati per l’occasione dall’ex commissario del Corpo Forestale della Regione Sicilia Enzo Crimi, il quale illustrerà la natura e il paesaggio di Roccella Valdemone; dall’autore del libro “La valle dei palmenti” Salvatore Puglisi, dall’archeologo Marco Scaravilli, studioso e conoscitore del complesso rupestre e dal presidente dell’Istituto di Archeoastronomia Siciliana Andrea Orlando, il quale farà luce sulle connessioni astronomiche e sull’orientamento del sito rupestre di Rocca Pizzicata. Al Termine dell’itinerario i proprietari della Tenuta Rustica organizzeranno una degustazione di prodotti tipici. La visita e la degustazione sono gratuite, ma è obbligatoria la prenotazione, per info.: 3406700563. L’evento sarà realizzato in collaborazione con il comune di Roccella Valdemone e il Club Alpino Italiano della sezione di Bronte diretto da Angelo Spitaleri.

Gli escursionisti

Gli escursionisti

Itinerario

Itinerario

Palmento Rupestre

Palmento Rupestre

0 17

Taormina – Una serata all’insegna delle donne, donne dello spettacolo, donne delle istituzioni, donne vittime di violenza. Il palcoscenico del Teatro Antico di Taormina, dove si è svolto il Premio Cinematografico delle Nazioni organizzato da Tiziana Rocca e Michel Curatolo, come il Red carpet del Festival di Cannes con tutte le protagoniste unite nel nome della parità di genere e della lotta contro ogni violenza e con la firma sella Carta di Taormina promossa dall’Associazione Mede@, per sensibilizzare la società civile e le istituzioni sulla violenza di genere e in genere.
Claudia Cardinale, Piera Degli Esposti, Piera Detassis, Lucia Ocone, Marina Rocco, Gessica Notaro, Stefania Prestigiacomo, Maria Carmela Librizzi, Urania Giulia Papatheu, Caterina Chinnici, Giovanna Zizzo, Serafina Strano, Giordana Squatrito, Valeria Altobelli. Sul petto di ognuna un nastro rosso, simbolo della consapevolezza. Tanti i riconoscimenti consegnati Teatro Antico non solo alle donne, ma anche a protagonisti di grande talento, nonché volti noti al grande pubblico come Vinicio Marchioni e Daniel Brühl. Momento di grande emozione anche quando a ritirare il Premio è salita sul palco Piera Detassis, Presidente e direttore artistico dell’Accademia del cinema Italiano – Premi David di Donatello che nel ricevere il riconoscimento, ha voluto ricordare il suo grande amico e mentore Gianluigi Rondi. La serata, contrappuntata dalle note della Giovane Banda Sicula, si è conclusa con una standing ovation a Claudia Cardinale a cui è stato consegnato il Premio alla Carriera.

Il taglio della torta

Il taglio della torta

La manifestazione al Teatro Antico

La manifestazione al Teatro Antico

 

0 13

Il radar dell’Aeroporto di Sigonella ha lo scopo di assicurare i compiti istituzionali della Forza Armata e di supportare le attività dell’Aeroporto civile di Catania Fontanarossa.

 Nell’ultima settima di giugno 2018, si sono concluse a Sigonella, dopo le attività di ripristino ed ammodernamento, le operazioni di certificazione del radar di back-up dell’Aeroporto Siciliano dell’Aeronautica Militare (AM).

Il vecchio radar di riserva è stato sostituito con uno più efficiente allo scopo di assicurare i compiti istituzionali della Forza Armata nel campo del controllo del traffico aereo nazionale e per non interrompere il supporto giornaliero garantito all’Aeroporto civile di Catania Fontanarossa consistente nel servizio di assistenza al volo.

I lavori, iniziati lo scorso aprile, sono stati eseguiti da personale dell’Aeroporto di Sigonella unitamente a quello specialista proveniente dalla 4ª Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l’Assistenza al Volo dell’AM di Borgo Piave.

L’AM supporta l’Aeroporto di Catania Fontanarossa che è uno degli scali di interesse nazionale con particolare rilevanza strategica. 90 mila gli avvicinamenti assicurati dalla Forza Armata nell’anno 2017, mentre nell’anno 2018 si prevede di superare i 100 mila.

In questo scenario, in considerazione del fatto che Fontanarossa si trova nella zona di controllo (CTR) di Sigonella, sono continui gli interscambi dell’AM con l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), l’Ente Nazionale per l’assistenza al Volo (ENAV) e la Società di gestione (SAC) del citato Aeroporto, sia per ottimizzare le interagenzie delle attività volative che per analizzare le eventuali modifiche all’attuale architettura dello spazio aereo in previsione futura.

Il Comando Aeroporto dell’AM di Sigonella, oltre a fornire il supporto tecnico-logistico-amministrativo-operativo agli Enti ivi rischierati ed in transito (compresi i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo), è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo denominata “Catania CTR”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti civili di Catania-Fontanarossa e Comiso e quello militare di Sigonella. Il tutto nel pieno rispetto delle procedure per assicurare il massimo livello di sicurezza del volo.

Nello specifico, i controllori AM del traffico aereo (Air Traffic Controllers – ATC), assicurano un servizio di fondamentale importanza per il Paese, spesso poco conosciuto, garantendo il controllo del traffico aereo 365 giorni l’anno, in tutto l’arco della giornata. Il tutto, allo scopo di prevenire il rischio di collisione e di rendere spedito ed ordinato il flusso del traffico aereo, sia attraverso l’applicazione di procedure standardizzate e grazie all’utilizzo di sistemi di comunicazione quali i radar di sorveglianza. In particolare, viene gestito – a vista – il traffico dell’Aeroporto di Sigonella e gli aeromobili in volo nelle immediate vicinanze, mentre – mediante l’utilizzo del sistema radar – vengono guidati gli aeromobili dalla fase di navigazione fino all’ultima fase dell’avvicinamento e – subito dopo la partenza – sino a quando gli stessi non si sono stabilizzati in aerovia.

Il Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Francesco Frare, riguardo ai lavori che interessano il radar ha sottolineato che “…per gli uomini e le donne dell’Aeronautica Militare, impegnati 24 ore su 24 per la sicurezza dei cieli nazionali e dei cittadini, l’ammodernamento del nostro radar è stata un’azione necessaria per essere pronti a qualsiasi eventualità al fine di garantire il costante assolvimento dei compiti assegnati, tendendoci continuamente aggiornati ed ampliando il nostro campo di azione per una reale e sinergica utilità ed integrazione con tutte le altre Forze Armate e con le varie Istituzioni insistenti sul Territorio, sia esse pubbliche che private”.

Operatori in sala Radar

Operatori in sala Radar

Operatori in Sala Radar

Operatori in Sala Radar

Ammodernamento Radar a Sigonella

Ammodernamento Radar a Sigonella

Il nuovo Radar di Sigonella

Il nuovo Radar di Sigonella

0 16

Nell’ambito di “TAOMODA 2018”, kermesse di eventi esclusivi che alla moda coniuga turismo, charity, design, cultura, sana alimentazione, firmata da Agata Patrizia Saccone con il patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana, giovedì 19 luglio sarà la volta del “Caffè Letterario”, realizzato in collaborazione con l’associazione “Arte & Cultura a Taormina”.

Ospite del “Giardino degli Ulivi” dell’Eden Grand Hotel San Pietro la serata, che avrà inizio alle ore 18:00, vede la presenza degli scrittori Manuela Diliberto, autrice di “L’Oscura Allegrezza”, Rosellina Salemi, con “I Mariti Inutili” scritto a quattro mani con Januaria Piromallo, e Michele Torpedine, autore di “Ricomincio Dai Tre”. Coordinato dalla giornalista MariaTeresa Papale, presidente di “Arte&Cultura a Taormina”, l’incontro è moderato dalla scrittrice ed autrice televisiva Catena Fiorello.

L’associazione “Arte&Cultura a Taormina” è sponsorizzata dall’Associazione Albergatori di Taormina e Patrocinata da partners di rilievo quali l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed Identità Siciliana, il Comune di Taormina, Taormina Arte Sicilia, Fondazione Mazzullo, Club per Unesco di Taormina, Valli d’Alcantara e d’Agrò, Gais Hotels Group e l’associazione calabrese Piazza Dalì

LOC. FIORELLO -  JPEG OK

0 27

Giardini Naxos – Successo dell’incontro con la cultura popol

are del Gruppo Folk Naxos a Giardini in occasione dei festeggiamenti di San Pancrazio, I° vescovo di Sicilia. Lo storico Canzoniere di Naxos capitanato dall’infaticabile Nino Buda ha intrattenuto il numeroso pubblico con i canti della tradizione locale dando ampio spazio alle leggende siciliane, i canti storici, le filastrocche, i giochi fanciulleschi in un scoppiettante carosello di musica popolare del meridione d’Italia.  Il Canzoniere di Naxos, che quest’anno con il suo spettacolo “Non solo folk” si alterna fra le piazze siciliane e calabresi, richiesto fortemente da Monsignor Cingari,  ha dovuto cambiare le date del suo tour per non deludere le aspettative dei suoi fans. Applauditi gli interpreti del complesso Marcello Cacciola (flauto di canna e chitarra, organetto),  Francesco Egitto (fisarmonica), Concetto Stracuzzi (percussioni e voce), Maurizio Tamà  (voce e chitarra),  Maria Raneri (voce e idiofoni) e lo stesso Nino Buda (tamorra) .

I musicisti del Canzoniere di Naxos

I musicisti del Canzoniere di Naxos

Il Ballo in Piazza San Pancrazio

Il Ballo in Piazza San Pancrazio

0 639

Anche la Guardia di Finanza di Messina aderisce alla campagna di sensibilizzazione per la donazione del sangue. L’Avis Messina presieduto da Franco Previte con la collaborazione gratuita dell’avv. Silvana Paratore, legale noto nel territorio per il suo impegno nel volontariato sociale, ha attivato un percorso di coinvolgimento di tutte le Forze Armate e dell’Ordine alla campagna Avis.

Lo scopo è quello di far aumentare il numero dei donatori soprattutto in previsione del periodo estivo ove la carenza di sangue fa slittare sovente numerosi interventi chirurgici programmati mettendo a serio rischio e talora a repentaglio la vita e l’incolumità dei cittadini. Donare Sangue significa salvare una vita. La collaborazione delle forze armate, quindi, giunge proprio nel mese più critico dell’estate, quando il numero delle donazioni cala, purtroppo, sensibilmente.

Un sentito ringraziamento è stato rivolto dai promotori evento al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina ed al Comando del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Messina che hanno manifestato sensibilità sul tema invitando tutti gli appartenenti al Corpo di contattare le strutture Avis per un gesto, quello della donazione, di solidarietà e altruismo che può essere di grande aiuto a tantissimi malati.

Nei giorni 28 e 29 giugno 2018, ecco giungere al centro Avis di Messina di via Ghibellina personale appartenente al corpo della Guardia di Finanza di Messina che in modo spontaneo ha proceduto alla donazione del sangue e per quanti non ancora donatori, a sottoporsi ai test preliminari . Un atto che dà una speranza di vita in più a chi combatte con patologie che richiedono la trasfusione di sangue o di emoderivati

Lo Stato che va incontro a questi bisogni di solidarietà integra una iniziativa encomiabile ha affermato la Paratore. Gli appartenenti al Corpo della Guardia di Finanza hanno dimostrando di svolgere una funzione sociale che ben si adatta alla definizione, a loro attribuita. Le caserme rappresentano un bacino importante a cui fare riferimento per fronteggiare le difficoltà contingenti. Il gesto di solidarietà dei militari rappresenta, inoltre, un esempio da seguire anche per i tanti giovani della nostra provincia.

 didascalia foto 1 : Previte, Col.Tomei (Comandante Provinciale della Gdf), Paratore

 didascalia foto 2: Ten. Col. Donato, Paratore, Col. Alemanno ( Comandante del G.A.N.GDF Messina), Previte

rpt

Foto 2: Donato, Paratore e Alemanno

Previte, Col. Tolomei e Silvana Paratore

Foto 1 Previte, Col. Tomei e Silvana Paratore

 

 

0 83

Messina – Si è tenuta anche in Sicilia, presso la base logistica all’interno dell’area protetta dell’associazione di volontariato ambientale “Ramarro Sicilia” l’iniziativa indetta da Federtrek Italia denominata “ Natura senza barriere”.Madrina della quarta edizione l’avv. Silvana Paratore che ha sostenuto come sia importante rendere la natura vivibile per tutti quale elemento inclusivo e costruttivo di una comunità. L’escursionismo non puo’ e non deve, ha aggiunto la Paratore, essere considerata una esperienza riservata a pochi: occorre che molte barriere siano superate con un significativo cambiamento di visuale ed atttraversoprogetti che sappiano coniugare con attenzione e sensibilità, soluzioni per l’accessibilità nel pieno rispetto del patrimonio storico-culturale  e paesaggistico dell’ambiente. Presenti all’evento l’Assessore all’ambiente di Caltagirone Francesco Caristi, il consigliere comunale Giuseppe Carnibella e la Comunità di 1° accoglienza di San Michele di Ganzaria con i ragazzi extracomunitari accolti nell’ambito del progetto F.A.M.I. (Fondo asilo migrazione integrazione). Un contributo attivo all’iniziativa promosso dal Ramarro Sicilia e dalla Associazione Centro Educazione Ambientale (CEA) Messina onlus di Francesco Cancellieri, è stato reso dal gruppo Masci Messina 1 Il Faro. Lodevole l’impegno posto in essere dal Magister Lillo Brigandi e dai rappresentanti del Masci Messina 1 “ Il Faro” per una ottima riuscita dell’evento. Di Macchia Mediterranea e delle relazioni che intercorrono fra il mondo vegetale ed il genere umano ne ha parlato il Presidente di Ramarro Sicilia Renato Carellache ha sostenuto come all’interno della Riserva naturale orientata Borgo di Santo Pietro si realizzano attività laboratoriali di pittura, cosmesi naturale, fitoalimurgia, ricerca e cucina delle verdure selvatiche commestibili nonché fervida attività di volontariato ambientale con cui si mira al recupero sociale.  L’obiettivo di Ramarro Sicilia ha sottolineato Carella, è la rinaturalizzazione del bosco con essenze arboree ed arbustive appartenenti alla Macchia Mediterranea (a sostegno del Progetto della Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea – www.cartamacchiamediterranea.it).  Adeguato ed attrezzato il sito di fruizione dedicata posto a disposizione di tutte le entità e le organizzazioni del territorio impegnate sui temi dell’accoglienza e dell’inclusione. Interessante il percorso di Orienteering appositamente pensato per una fruibilità allargata ed il “sentiero tattile e degli odori” che consente la riconoscibilità delle principali specie arboree ed arbustive della Macchia Mediterranea. Ricca la colazione offerta dal Ramarro a tutti i presenti nonché il pranzo condiviso all’insegna dei valori dell’amicizia, della fratellanza, dell’inclusione ed integrazione sociale. Non sono mancati momenti dedicati ai giochi antichi, all’ascolto musicale ed alla riscoperta della macchia mediterranea.

I volontari

I volontari

Al centro l'avv. Silvana Paratore

Al centro l’avv. Silvana Paratore

Volontari

Volontari

Foto di gruppo

Foto di gruppo

0 32

Il cavaliere al merito della Repubblica Italiana Pietro Bongiovanni, presidente della Sezione Ancri di Messina, è stato nominato delegato ai rapporti istituzionali con la Presidenza della Regione Sicilia e contestualmente inserito a pieno titolo nel Direttivo Nazionale.

La meritata nomina sancita dal cav. Tommaso Bove, presidente nazionale dell’Ancri “Associazione Nazionale Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana”, con l’unanime approvazione del Consiglio di Presidenza, è giunta nei giorni scorsi al diretto interessato, il quale ha provveduto ad informare i numerosi soci della Sezione peloritana.

Meritato il prestigioso incarico conferito al presidente Bongiovanni, socio fondatore dell’Ancri Messina, il quale con la sua azione ha saputo dare risalto a importanti tematiche di riferimento dell’Associazione, come la Patria, lo Stato, le Istituzioni, la Bandiera e la Società Civile.

L’Ancri di Messina è nata ad inizio dello scorso anno ed è cresciuta in maniera esponenziale grazie al dinamismo del Presidente e del  Consiglio Direttivo, infatti il Gonfalone  accompagnato sempre da una folta e qualificata delegazione, ha finora presenziato a tutte le manifestazioni ed alle ricorrenze istituzionali, che si svolgono sul territorio comunale e provinciale.

Per conoscere meglio le attività associative dell’Ancri di Messina e per chiedere informazioni di contatto, gli interessati potranno scrivere alla seguente email: rapportiistituzionali.sicilia@ancri.it

 

 

ANCRI Messina al centro Bongiovanni

ANCRI Messina al centro Bongiovanni

Pietro Bongiovanni

Pietro Bongiovanni

 

0 124

Un po’ di Sardegna in Sicilia. Venerdì 13 luglio, alle ore 18:30, ospite della suggestiva terrazza sui tetti dell’Hotel Isabella di Taormina, messa generosamente a disposizione da Isabella Bambara De Luca, il “Caffè Letterario” di SPAZIO al SUD condotto dalla giornalista Milena Privitera presenterà il cagliaritano Fabio Pinna, giovane informatico che “ai bit preferisce le parole”. Dedito alla poesia ed alla letteratura, tra un lavoro precario e l’altro esordisce nella scrittura nel 2006 con “Senza sottile dispiacere” ed in un paio d’anni trasforma il proprio blog personale, usato per pubblicare recensioni di libri, in un progetto collettivo per diffondere letteratura. Nasce così il sito “Leggere a Colori”, punto di riferimento per gli amanti dei libri, che con le sue anteprime, gli approfondimenti letterari ed una recensione giornaliera, nel 2016 diventa un network con 100.000 utenti iscritti e 3 milioni di pagine visitate all’anno.

A Taormina, Pinna presenterà “Il lieto fine è Dispari”, collage di una cinquantina di brevi racconti di vita vissuta: venticinque racconti pari e ventiquattro racconti dispari, che, come pari e dispari, sono le due facce della stessa medaglia. La vita. Immagini di vita semplice, comune, spesso triste e dolorosa, pensieri sparsi e riflessioni coraggiose convogliate in racconti brevi e intensi che parlano di occasioni mancate, di promesse non mantenute, di conformismo e d’Amore. Quello vero, reale, non quello delle favole. L’amore che reputi eterno e che ti abbandona. L’amore geloso, l’amore affittato, l’amore represso. L’amore che hai immaginato, sperato, e che non si è mai concretizzato. L’amore che, piuttosto che in ciò che è perfetto, si trova “in un volto struccato, in un seno poco abbondante, in qualche kg di troppo e nel disordine delle piccole cose quotidiane

I protagonisti dei racconti si chiamano Gaspare, Eléna, Gabriele, Anna, Gianmarco, Maria, ma potremmo essere ciascuno di noi: tra il cielo bigio di Milano, il gelo della Russia ed il mare luccicante della Sicilia assolata danno vita ad una girandola di amori e di incontri, veri, immaginari, occasionali, in un mondo di sofferenza dove l’amore la fa da padrone, perché “l’amore è questo: un incomprensibile accidente che si risolve, come un enigma, mano a mano che ci si lascia cullare dalla sua inafferrabilità”.

Ed anche se l’amore non è sempre “pari”, voluto cioè da entrambi i protagonisti, anzi molto più spesso è “dispari”, unilaterale, vissuto solo per metà, esso, comunque, deve essere vissuto senza rimpianti, senza “se” e “chissà”. Perché, inaspettatamente, in alcuni casi “Il lieto fine è dispari”.

Inserito nel cartellone estivo SPAZIO al SUD dell’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, presieduta dalla giornalista MariaTeresa Papale che ne firma anche la direzione artistica, l’evento condotto con taglio volutamente informale all’insegna di un “incontro tra amici”, ha la sponsorizzazione dell’Associazione Albergatori di Taormina, il patrocinio dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed Identità Siciliana, del Comune di Taormina, di Fondazione Mazzullo, Taormina Arte, Club Unesco di Taormina, Valli dell’Alcantara e d’Agrò, di “Gais Hotels Group”, dell’Hotel Isabella e dell’associazione culturale calabrese “Piazza Dalì”.

La Locandina dell'evento letterario

La Locandina dell’evento letterario

RIMANI IN CONTATTO