LUGLIO 2019
Home Tags Posts tagged with "Catania"

Catania

0 20

Il Circolo Canottieri Jonica di Catania, in viale Artale Alagona 2, ospiterà domani, venerdì 12 luglio, alle ore 10, la conferenza stampa di presentazione della terza edizione del Mythos Opera Festival, rassegna concertistica tra le più attese dell’estate siciliana. Ricchissimo il programma della manifestazione che quest’anno farà tappa a Palermo, Taormina e Caltagirone, in alcune tra le più suggestive location dell’isola. Il 16 luglio sarà Cavalleria Rusticana ad inaugurare il festival nella suggestiva Scalinata Santa Maria del Monte di Caltagirone, dichiarata patrimonio dell’Umanità. Il 22 luglio andrà in scena, nella magica atmosfera del Teatro Antico di Taormina, La Traviata, poi in replica al Teatro di Verdura di Palermo il 21 ed il 28 agosto. Il 29 luglio al Teatro Antico di Taormina ed il 7 agosto al Teatro di Verdura di Palermo, verrà messo in scena il collaudato dittico verista Cavalleria Rusticana e Pagliacci. Grande attesa anche per Aida, in programma il 12 agosto al Teatro Antico di Taormina ed il 14 agosto al Teatro di Verdura di Palermo.

 Alla conferenza stampa di presentazione saranno presenti il sindaco del comune di Catania, Salvo Pogliese, l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina, il sovrintendente del Mythos Opera Festival, Salvatore Pappalardo, il direttore artistico e regista del Mythos Opera Festival, l’ex senatore Nino Strano, il regista René Fiorentini ed il tenore Roberto Cresca. Nel corso della conferenza stampa, Liliana Nigro, docente di Storia del Costume per lo Spettacolo presso l’Accademia delle Belle Arti di Catania, nonché direttore artistico del gruppo Maison Du Cochon, presenterà cinque abiti confezionati dai propri allievi. La mini kermesse sarà un omaggio al maestro Franco Zeffirelli e a Cavalleria Rusticana, simbolo della passione, dell’amore e del fuoco sacro della sicilianità.

Il Teatro Greco di Taormina dove si svolgerà la manifestazione

Il Teatro Antico di Taormina dove si svolgerà una delle manifestazioni

0 79

Milo – In un clima tradizionalmente festoso, sono stati annunciati, a Milo, i nomi delle compagnie finaliste che concorrono per l’assegnazione del XIII Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla FITA Sicilia e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

 La giuria, presieduta dall’Avv. Vincenzo Zappulla, presidente dell’istituto Storia dello Spettacolo Siciliano, e formata dalla prof.ssa Sarah Zappulla Muscarà (docente Letteratura Italiana, Letteratura Teatrale italiana, Storia del Cinema), dal sig. Turi Giordano (attore e regista), dal sig. Agostino Zumbo (attore e regista), dal sig. Fabio Costanzo (attore), dal dott. Gianfranco Barbagallo (avvocato specialista in Diritto dell’Arte e Legislazione dello Spettacolo, consigliere regionale FITA Sicilia) e dal sig. Luciano Patanè (in rappresentanza del Comune di Milo), dopo la attenta valutazione dei curricula e dei video di presentazione delle proposte artistiche delle numerose compagnie che hanno risposto all’avviso pubblico, ha scelto cinque compagnie teatrali che indichiamo di seguito in ordine di esibizione nello splendido “Anfiteatro Comunale Lucio Dalla” di Milo:

1)      Compagnia Teatrale “Cambia… Menti” di Santa Venerina in scena con “La Scatola di Marlene” di Nino Criscione, per la regia di Pietro Coco (selezionata, come da regolamento del Premio, tra le compagnie partecipanti alla rassegna teatrale invernale milese, a cura della Filocomica Sant’Andrea) – 29/07/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

2)      Associazione Caf  “Cultura Arte Spettacolo” di Aci Catena (Ct) in scena con “Dyskolos” di Menandro, per la regia di Davide Pulvirenti – 30/07/2019  ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

3)      Associazione Culturale “Dietro le Quinte” di Milazzo (Me) in scena con “Aragoste di Sicilia” di Gianni Grimaldi e Bruno Corbucci, adattamento di Romano Bernardi, per la regia di David Amalfa – 31/07/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

4)      Associazione culturale “Carma” di Bagnara Calabra (Rc) in scena con “1861 La brutale verità” di Michele Carilli, per la regia di Michele Carilli e Lorenzo Praticò – 01/08/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

5)      Compagnia “Imprevisti e Probabilità” di Formia (Lt) in scena con “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” di Giovanbattista Basile e Italo Calvino, adattamento di Raffaele Furno, per la regia di Raffaele Furno – 02/08/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo

 “Anche quest’anno - dichiara Mimì Scalia, Direttore artistico del Premio “Angelo Musco” - siamo molto soddisfatti delle scelte fatte dalla nostra prestigiosa giuria e convinti che gli spettatori gradiranno questa policroma selezione. L’idea, coerentemente con quanto realizzato in passato, rimane quella di permettere a valenti compagnie teatrali (provenienti da tutta l’Italia) di esibirsi nel segno di una competitività costruttiva, divertente e di qualità. Non dimentichiamo che il teatro è e rimane uno specchio per la nostra coscienza, un luogo prezioso per ricevere e trasmettere informazioni e riflessioni utili al nostro divertimento come, e soprattutto, alla nostra crescita personale”.

Special guest Mario Incudine. Targa alla Memoria per Gilberto Idonea

Attesa per la serata intitolata “Milo Premia il Teatro” che si terrà al Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo, alle ore 21, sabato 3 agosto 2019, con ingresso libero, che sarà condotta dal giornalista Salvo La Rosa e vedrà, tra gli altri, la presenza, in qualità di ospite d’onore, special guest, dell’acclamato artista Mario Incudine, che sarà premiato in quanto personaggio tra i più rappresentativi della nuova world music italiana, e che, per l’occasione, regalerà, come nel suo stile, indimenticabili momenti di spettacolo.

“Per me che vengo dal teatro, ricevere un riconoscimento così prestigioso è un grande motivo di orgoglio e un grande privilegio e, certamente, riconosco che i premi ricevuti nella propria terra hanno un valore ancora più importante e più alto – dichiara Mario Incudine -. Ringrazio la Commissione, la Direzione artistica e tutta l’organizzazione del Premio Musco del quale sono felice di poterne incarnare i principi. Naturalmente, quella sera, per ringraziare quanti hanno scelto di premiarmi e quanti interverranno, cercherò di fare confluire nella mia performance le mie due anime, quella teatrale e quella musicale, offrendo un percorso che possa unire tutte e due le arti.  L’artista, da sempre, ha un ruolo privilegiato, un ruolo sociale più che mai importante – aggiunge  Incudine -. L’artista deve smuovere le coscienze, creare una coscienza critica collettiva; credo che il teatro e la musica possano servire alla realizzazione di questo obiettivo, possano accendere il faro, possano fornire un’idea di come affrontare le delicate questioni del nostro tempo. Non dico possano sempre risolvere i problemi ma quantomeno aprirli, sviscerarli e darne una visione che può trovare condivisione. Ma, ripeto, la cosa importante è creare massa critica; creare un pubblico che pensa e non soltanto un pubblico che assorbe e che consuma in maniera passiva. Oggi, più che in passato, serve svegliare le coscienze e cercare di creare un ponte con raffiche di interrogati che non dobbiamo smettere di porci su fatti politici, sociali, culturale e umani”.

 

Mario Incudine – Poliedrico artista-cantastorie, riesce a far confluire la passione per musica con quella per il teatro e la scrittura portando la sua arte made in Sicily in giro per il mondo. Il suo ultimo progetto musicale, D’acqua e di rosi (Finisterre/Felmay), è una raccolta di canti d’amore in lingua siciliana in distribuzione in tutta Europa. Biagio Antonacci lo ha voluto come ospite nel suo brano Mio Fratello del cd Dediche e Manie (Sony Music, 2017) e Mario Incudine è stato chiamato ad eseguirlo dal vivo nel live tour nazionale di Antonacci per i palasport d’Italia.

Come coregista assieme a Moni Ovadia firma Liolà, opera nel cartellone del teatro Biondo di Palermo nel 2018  e attualmente in tour (spettacolo in cui è anche protagonista e autore delle musiche originali), e Le Supplici nella stagione dell’Istituto nazionale del dramma antico di Siracusa 2015, recitando e cantando anche nel ruolo del cantastorie e curandone la traduzione in siciliano e le musiche originali. Firma le musiche ed è tra i protagonisti (assieme a Ovadia e Valeria Contadino) dello spettacolo Il Casellante, tratto dal romanzo di Andrea Camilleri e diretto da Giuseppe Dipasquale, attualmente in tournée nazionale. È protagonista dello spettacolo di teatro musicale Mimì, da sud a sud con le note di Domenico Modugno che Incudine da vero mattatore porta in giro per l’Italia assieme alla sua band per la regia di Giuseppe Cutino e Moni Ovadia. Ha all’attivo tour in quattro continenti e collabora con alcuni tra i più importanti artisti della musica, del teatro e della danza: tra gli altri, Andrea Camilleri, Ambrogio Sparagna, Gaetano Savatteri, Alessandra Mortelliti, Rocco Mortelliti, Mariano Rigillo, Francesco De Gregori, Franco Battiato, Lucio Dalla, Alessandro Haber, Geppy Gleijeses, Massimo Ghini, Walter Matteini, Matteo Tarasco, Marinella Bargilli.

Nel corso della serata sarà assegnata una Targa alla Memoria all’attore Gilberto Idonea, scomparso lo scorso Ottobre, per l’occasione interverranno il figlio Alessandro Idonea e la moglie prof.ssa Raffaella Oliveri.

Nella foto Salvo La Rosa e, a destra, Mimì Scalia

Nella foto Salvo La Rosa e, a destra, Mimì Scalia

0 57

Sigonella visita NATO SNR Trip (5)Nel periodo dal 7 al 10 giugno 2019, l’Aeroporto di Sigonella, sede del 41° Stormo Antisom, è stato interessato al viaggio di istruzione in Italia da parte dei Senior National Representative (“SNR trip”) della NATO Airborne Early Warning & Control Force (NAEW&C Force) di Geilenkirchen (Germania).

Promossa dalla leadership della NAEW&C Force, per dare la possibilità a ciascuna Nazione del programma AWACS (Airborne Early Warning and Control System) di incrementare e consolidare la conoscenza delle rispettive Forze Armate, delle industrie e della cultura del Paese ospitante, la visita dei SNR – oltre alle mete culturali della Sicilia sud-orientale – ha interessato in modo particolare la NATO Alliance Ground Surveillance Force (NAGSF) dislocata a Sigonella e due realtà peculiari dell’Aeronautica Militare (AM): quella del velivolo P-72A del 41° Stormo Antisom e del velivolo CAEW (Comformal Airborne Early Warning) del 14° Stormo di Pratica di Mare; quest’ultimo dipendente dal Comando Forze Supporto e Speciali di Roma.

In rappresentanza delle 16 Nazioni partecipanti al programma AWACS, gli SRN erano guidati dal NAEW Force Commander, Maggiore Generale Jörg W. LEBERT. Alla visita ha preso parte anche l’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, Generale di Brigata Aerea Carlo Moscini, da cui dipende il 41° Stormo.

Ad accogliere la Delegazione il Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti, che dopo i saluti di rito ha illustrato il ruolo dell’AM a Sigonella e le varie dinamiche organizzative dell’Aeroporto siciliano.

Durante la visita guidata alle varie infrastrutture gli SRN hanno mostrato particolare interesse per quelle realtà legate proprio a rinforzare il canale di cooperazione ed interoperabilità con il velivolo boeing E-3A della NAEW. In particolare:

-       il moderno pattugliatore marittimo P-72A, che opera giornalmente con equipaggi misti all’interno di una realtà joint – unica e preziosa – dell’Aeronautica e della Marina Militare. Un velivolo estremamente versatile, equipaggiato con sofisticati sistemi avionici e di comunicazione, e dotato di un’avanzata suite di sensori di ultima generazione, che ne garantiscono l’elevata flessibilità di impiego in un’ampia tipologia di missioni. Le spiccate caratteristiche net-centriche dell’assetto, infatti, consentono di esprimere al meglio le numerose potenzialità, sia in operazioni indipendenti di area, sia nell’ambito dei complessi scenari aeronavali, in contesti sempre più Joint, combined ed interagency;

-       il velivolo CAEW che, rischierato per l’occasione a Sigonella da Pratica di Mare, ha costituito una preziosa opportunità per la comunità in visita di approfondire il canale di cooperazione già in atto con l’Aeronautica Militare, il CAEW è uno strumento di eccezionale importanza che rappresenta la capacità nazionale autonoma di gestione delle forze. E’ in grado di dirigere e gestire la battaglia aerea nel senso classico del termine, ma è fondamentale anche in altre attività più comuni e frequenti, come la sorveglianza degli spazi aerei nazionali e la Homeland Security. E’ infatti in grado di contrastare non solo le minacce tradizionali, ma anche quelle più subdole dei velivoli leggeri, quelli che sono piccoli, lenti e volano basso, che rappresentano le condizioni più difficili di individuazione, e permette inoltre, volando ad alta quota, di superare i problemi rappresentati dall’orografia del terreno. Infine, è un assetto indispensabile perché la componente NATO di velivoli AWACS non è sempre compatibile con gli impieghi esclusivamente nazionali dei singoli paesi membri;

–       la NAGSF dove il Comandante della medesima, il Brigadier General Phillip A. Stewart, ha illustrato lo stato del programma AGS-NATO, che prevede l’acquisizione di 5 velivoli da ricognizione APR “Global Hawk” (per la sorveglianza terrestre con compiti di difesa collettiva, gestione di crisi e sicurezza cooperativa) e la realizzazione a Sigonella delle infrastrutture che conterranno i relativi sistemi di controllo. Tali lavori comprendono un ampliamento dell’area per le Operazioni a Terra (Gnd OPS Area) e dell’area dedicata alle Operazioni Aeree (Flight OPS Area).

Prima del rientro a Geilenkirchen, il Generale Lebert ha voluto esprimere il vivo ringraziamento per l’ospitalità ricevuta lasciando indelebili, nell’albo d’onore del 41° Stormo, parole di apprezzamento per le attività svolte a Sigonella e di stima per tutto personale della Forza Armata.

Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Squadra Aerea dell’AM per il tramite del Comando Forze Supporto e Speciali dell’AM, ha il compito di fornire il supporto operativo, tecnico, logistico ed amministrativo agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando senza soluzione di continuità tutti i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Il 41° Stormo Antisom, l’11° Reparto Manutenzione Velivoli e il 61° Gruppo Volo APR sono le principali realtà nazionali insistenti sul sedime e/o supportati; a questi vanno aggiunti quelli di rilievo internazionale: gli stanziali Naval Air Station U.S. Navy e NATO AGS Force ed i rischieramenti nell’ambito dell’attuale operazione EUNAVFORMED SOPHIA (di Lussemburgo, Spagna, Polonia). Inoltre, l’Aeroporto di Sigonella è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata “Catania”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti, ivi compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG).

Sigonella visita NATO SNR Trip

Sigonella visita NATO SNR Trip

Sigonella visita NATO SNR Trip

Sigonella visita NATO SNR Trip

Il tavolo dei lavori

Il tavolo dei lavori

Sigonella visita NATO SNR Trip

Sigonella visita NATO SNR Trip

La base di Sigonella

La base di Sigonella

Militari in rassegna

Militari in rassegna per il saluto al Maggiore Generale Lebert

Visita agli equipaggi

Visita al personale di volo

0 290

CATANIASi svolgerà sabato 15 giugno al “Palazzo della Cultura” alle ore 16:30, nella sala convegni Concetto Marchesi, la giornata conclusiva dei premi dedicati a due grandi personaggi siciliani, Giuseppe Antonio Borgese e Pietro Carrera, organizzati dall’Accademia Il Convivio, in collaborazione con Il Convivio Editore. Quest’anno riceveranno i riconoscimenti personaggi di primo piano della cultura italiana e internazionale. La giuria presieduta dal dott. Giuseppe Manitta era composta dal prof. Pietro Russo, dalla prof.ssa Francesca Luzzio e dalla dott.ssa Lucia Paternò, i quali hanno avuto il complesso compito di selezionare le opere partecipanti ai concorsi.

Al concorso Giuseppe Antonio Borgese, per i testi teatrali il primo premio è andato a Roberto Giardina (Berlino-Germania) con “Monologo con figlio”; secondo premio a Vincenza Campopiano (Civitavecchia-RM) con “Dal cimitero delle Fontanelle… “Per grazia ricevuta”; terzo premio a Emanuela Antonia Rosina (Milano) con “Caro me stesso”; quarto premio a Patrizio Pacioni (Brescia) con “Amaranto (Amaro amianto)” e quinto premio a Giancarlo Telloli (Aosta) con “All’alba della notte”. Premio del presidente della giuria ad Agatino Vittorio (Catania) con “Mao e la mafia”. Per la sezione saggio il primo premio a Maria Rosaria D’Uggento (Roma) con “Il filosofo edificante. Su Spinoza”; il secondo premio a Silvana Bedodi (Cuneo) con “Le intellettuali del Medioevo”, terzo premio ex equo ad Andrea Massardo (Carrù-CN) con “Italia. Un possibile laboratorio per il superamento del welfare state” e Carmelo La Torre (Fano-PU) con “Il giorno dopo”.

Al concorso Pietro Carrera, per silloge di poesia, il primo premio ex-equo è stato assegnato a Maciej Durkiewicz (Varsavia), con “89 notifiche di amore non lette” e a Fabia Baldi (Piombino – LI), con “Come un’ala di rondine”; secondo premio a Diego Baldassarre (Pistoia), con “6090-Sessanta novanta”; terzo premio a Roberta D’Aquino (Treviso), con “Un istante di grazia”; quarto premio ex-equo a Giancarlo Stoccoro (Spino d’Adda – CR), con “Il privilegio dei sostantivi” e Joan Josep Barcelò i Bauçà (Palma di Maiorca- Spagna), con “Elettronegatività”; quinto premio a Biagio Accardo (Santa Ninfa – TP), con “A più tremanti mani”. Premio del presidente della giuria a Francesco D’Episcopo (Salerno), con “Sulla soglia del domani”.

Per quanto riguarda il premio Giuseppe A. Borgese dei finalisti saranno presenti: Colletti Gabriella, Francaviglia Giorgio, Giannino Titty, Grasso Alfio, Liotta Paola Maria, Lonardo Angela – Antonio Santoro, Pizzimenti Antonello, e Russotti Josè. Dei segnalati saranno presenti: Calabrese Maria Rita, Curia Maria Carla, Dall’Olio Anna Maria, Di Girolamo Enza, Galvagno Pietro, Tropea Simona Elsa e Sinigaglia Francesco.

Per il premio Pietro Carrera dei finalisti saranno presenti: Carcara Jana, Di Salvatore Rosa Maria,  Civello Palma,  Gulino Giovanni, Occhipinti Salvatore, Schiera Antonino e Tuccari Carmela.

Segnalati presenti: Annicchiarico Grazia, Baglieri Giusi, Bellia Liliana, Belvedere Anna Maria, Bordino Salvatore, Cafiso Caterina, de Lieto Vollaro Antonio, Gabriele Luigina,  La Spina Giuseppe, Messina Luigia, Panarello Caterina, Romanetti Maria, Russo Paolo, Sichenze Sergio, Trovato Daniela, Valenti Agata e Vita Gianluca.

I relatori della precedente edizione

I relatori della precedente edizione

0 124

Testimonial dell’opera italiana in Moldavia. In occasione del 73° anniversario della Repubblica Italiana, il maestro Gianfranco Pappalardo Fiumara, noto pianista etneo, docente e consulente del festival Pucciniano, ed il tenore Roberto Cresca, direttore artistico della stagione operistica del teatro di Viterbo, hanno rappresentato l’Italia in un prestigioso evento organizzato dall’Ambasciata italiana al teatro di Stato di Chisinau in Moldavia. I due artisti sono stati ospiti di un forum economico, dedicato alla cultura ed al vino, che ha visto protagoniste aziende italiane ed enti pubblici. All’evento hanno partecipato anche rappresentanti della Regione Siciliana e del parco archeologico della Valle dei Templi, che hanno presentato  le iniziative a sostegno del turismo siciliano.
L’iniziativa che ci ha visti coinvolti ha rappresentato un prestigioso incontro tra l’arte e l’imprenditoriacommenta soddisfatto il tenore Roberto Cresca - Sinergia che deve coinvolgere sempre di più il mondo culturale.
Rappresentare l’Italia all’estero attraverso l’opera lirica è importante perché l’opera lirica può rappresentare un importante veicolo per la divulgazione della cultura italiana nel mondo e, nello stesso tempo, un’attrazione turistica”.
Si dice onorato di rappresentare la cultura italiana il maestro Gianfranco Pappalardo Fiumara. “Siamo stati invitati molte volte in qualità di ambasciatori della cultura italiana in diverse parti del mondo – spiega Pappalardo Fiumara – Ringrazio la Farnesina e l’ambasciatore per il prezioso invito in occasione delle celebrazioni per la festa della Repubblica. Siamo all’estero per onorare l’opera e la Repubblica e siamo orgogliosi di esserci perché l’Italia è la patria di Verdi, Bellini e Puccini. Il tema di quest’anno è il legame tra cultura ed imprenditoria, il rilancio in chiave turistica dei percorsi culturali, dei nostri storici teatri, della nostra identità. Sarebbe importante creare un vero connubio tra pubblico e privato e rilanciare così enti di formazione e fondazioni”.
I due artisti, per l’occasione hanno presentato arie di opere liriche e canzoni italiane ispirate al vino. Oltre a brani di Tosti, Leoncavallo e Puccini sono stati eseguiti: Il Brindisi di Giuseppe Verdi; Dell’Elisir Mirabile ed Una furtiva lagrima di Gaetano Donizetti; l’intermezzo della Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni. Il maestro Pappalardo Fiumara, infine ha portato all’estero l’amore per Catania e per Vincenzo Bellini attraverso l’esecuzione della Sonata in sol maggiore.

Gianfranco Pappalardo Fiumara e Roberto Cresca

Gianfranco Pappalardo Fiumara e Roberto Cresca

Gianfranco Pappalardo Fiumara e Roberto Cresca

Gianfranco Pappalardo Fiumara e Roberto Cresca

Gianfranco Pappalardo Fiumara e Roberto Cresca

Gianfranco Pappalardo Fiumara e Roberto Cresca

0 65

Milo – Annunciati i nomi delle compagnie che accedono alla selezione per l’assegnazione del XIII  Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla FITA Sicilia e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

La giuria del Premio dopo attenta valutazione delle domande ricevute e dei curricula sceglierà, tra quelle di seguito indicate, cinque compagnie teatrali che si esibiranno (nei giorni 29/7 – 30/7 – 31/7 – 1/8 – 2/8 e, con cerimonia di premiazione, il 3/8) nello splendido “Anfiteatro Comunale Lucio Dalla” di Milo:

1) Associazione “Teatro Due” – “L’Anatra all’Arancia” – Castellana Grotte (BA);

2) Compagnia teatrale “Piccolo Borgo Antico” – L’Incidente” – Lipari (ME);

3) Associazione Culturale “Pensieri Riflessi” – “Boeing Boeing” – Catania;

4) Compagnia “Le Maschere” –“ Si Vola” – Canicattini Bagni (SR);

5) Ass. Culturale “Teatranima” – “Il Mostro” (Studio Teatrale) – Agrigento;

6) Ass. Culturale “G. Grasso  –  Teatro Stabile Aci Catena”  – “Scuru” – Aci Catena (CT);

7) Ass. Culturale “Compagnia Liotru” – “Mio marito aspetta un figlio” – Catania;

8) Ass. C.a.f. “Cultura Arte Spettacolo” – “Dyskolos” – Aci Catena (CT);

9) Ass. Culturale “Dietro le Quinte” – “Aragoste di Sicilia” – Milazzo (ME);

10) Compagnia “Imprevisti e probabilità’” – “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” – Formia;

11) Compagnia teatrale “Stabile dei nomadi” – “Il marito di mio figlio” – Leonforte (EN);

12) Ass. Tratrale “La cricca” – “Libere Clausure” – Taranto;

13) Ass. Culturale “Carma” – “1861 La brutale verità” – Bagnara Calabria (RC);

14) Ass. Teatrale culturale “Calandra” – “Edipo Re” – Tuglie (LE);

15) Compagnia teatrale “Piccolo palcoscenico” – “il Berretto a Sonagli” – Pomezia (RM);

16) Ass. Culturale “Il Belvedere” – “La Scuola delle Mogli” – Catania;

 

              COMPAGNIE PARTECIPANTI ALLA RASSEGNA INVERNALE

 

1) Ass. culturale “G. Grasso ” Teatro Stabile Aci Catena – “Funny Money” – Aci Catena (CT);

2) Compagnia teatrale “Ars Theatri” – “Amara a cu ci capita” – Zafferana Etnea (CT);

3) Ass. Culturale “La compagnia che non c’è” – “Matrimoniu putativu” – Guardia (CT);

4) Gruppo teatro “San Paolo” – “Li du’ surgivi” – Acireale (CT);

5) Gruppo teatrale “I Lauretani” – Le tre pecorelle…” – Acireale (CT);

6) Compagnia teatrale “Cambia…Menti” – “Lla Scatola di Marlene” – Santa Venrina (CT).

 

“Il Premio Angelo Musco – ribadisce Mimì Scalia – permette a valenti compagnie teatrali provenienti da tutta l’Italia di esibirsi con i loro talenti durante la fase finale. È un appuntamento attesissimo, come attesissimo è anche “il premio speciale” assegnato, di volta in volta, a prestigiosi personaggi che si sono particolarmente distinti in attività artistiche, sociali e culturali. Presto sveleremo altre interessanti novità. Siamo felici, anche quest’anno, sebbene le difficoltà economiche, di poter contare del sostegno dell’Amministrazione Comunale”.

Ph di Daniel Reina (del Premio Angelo Musco 2018); da sinistra verso destra il Sindaco di Milo, Alfio Cosentino, Salvo La Rosa e Mimì Scalia

Ph di Daniel Reina (del Premio Angelo Musco 2018); da sinistra verso destra il Sindaco di Milo, Alfio Cosentino, Salvo La Rosa e Mimì Scalia

0 118

Sigonella (Ct)- Nel periodo dal 21 al 23 maggio 2019, una delegazione di Addetti Aeronautici Esteri accreditati presso il Governo della Repubblica Italiana, ha effettuato una visita al Comando Aeroporto di Sigonella, sede del 41° Stormo Antisom.

La visita, organizzata dal 3° Reparto dello Stato Maggiore dell’Aeronautica, ha avuto l’obiettivo di dare alle delegazioni un panorama rappresentativo delle capacità della Forza Armata ed una serie di attività conoscitive ed informative di siti industriali e culturali per incrementare e consolidare le relazioni diplomatiche tra i vari Paesi.

Provenienti da 25 Paesi (Afghanistan, Angola, Argentina, Austria, Brasile, Cile, Federazione Russa, Gran Bretagna, Germania, Grecia, Iran, Israele, Libano, Norvegia, Paesi Bassi, Pakistan, Perù, Serbia, Spagna, Sud Africa, Svizzera, Turchia, Ungheria, Venezuela, Zambia), la delegazione di Addetti Aeronautici Esteri (il cosiddetto “Stormo Azzurro”) era guidata dal decano Colonnello Reginaldo Pontirolli (Brasile) e dalla delegazione nazionale composta dal capo del 3° Reparto dello Stato Maggiore AM, Generale di Brigata Aerea Luigi Del Bene, e dall’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, Generale di Brigata Aerea Carlo Moscini, da cui il 41° Stormo dipende. Inoltre le assistenti a seguito della delegazione (Stormo Rosa), erano guidate dalla Sig.ra Alessandra Neri anch’essa in forza al 3° Reparto di SMA.

 Ad accogliere gli Ospiti, il Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti, che dopo i saluti di benvenuto ha illustrato in una presentazione il ruolo dell’AM a Sigonella e le dinamiche organizzative, in particolare del 41° Stormo e dell’Aeroporto siciliano.

 Durante la visita guidata alle varie infrastrutture, tra cui anche l’11° Reparto Manutenzione velivoli e il 61° Gruppo Volo a pilotaggio remoto, gli Addetti hanno mostrato particolare interesse per il servizio di traffico aereo, del quale l’AM di Sigonella è responsabile anche per l’avvicinamento sugli Aeroporti civili di Catania e Comiso, e per il nuovo sistema d’arma del 41° Stormo, il moderno pattugliatore marittimo P-72A, che opera giornalmente con equipaggi misti all’interno di una realtà joint – unica e preziosa – dell’Aeronautica e della Marina Militare.

 Nei tre giorni trascorsi in Sicilia dalle Delegazioni, oltre al lato militare della complessa realtà di Sigonella, anche un tuffo nella cultura e storia isolana con visite a importanti città d’arte famose in tutto il mondo – quali Catania, Siracusa, Taormina.

 Al termine delle attività in Sicilia, prima della partenza, il Capo Delegazione, ha voluto esprimere il vivo ringraziamento per la calorosa accoglienza ricevuta, rivolgendo parole di apprezzamento e stima per l’attività svolta quotidianamente dagli uomini e dalle donne dell’intera Forza Armata.

​Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Squadra Aerea dell’AM per il tramite del Comando Forze Supporto e Speciali dell’AM, ha il compito di fornire il supporto operativo, tecnico, logistico ed amministrativo agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando senza soluzione di continuità i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo, che includono tra gli altri l’assistenza tecnica a terra, il rifornimento di carburante, il servizio meteorologico, il servizio antincendio, l’assistenza sanitaria, la disponibilità di infrastrutture ricreative ed alloggiative. Il 41° Stormo Antisom, l’11° Reparto Manutenzione Velivoli e il 61° Gruppo Volo APR sono le principali realtà nazionali insistenti sul sedime e/o supportati; a questi vanno aggiunti quelli di rilievo internazionale: gli stanziali Naval Air Station U.S. Navy e NATO AGS Force ed i rischieramenti nell’ambito dell’attuale operazione EUNAVFORMED SOPHIA (di Lussemburgo, Spagna, Polonia). Inoltre, l’Aeroporto di Sigonella è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata “Catania”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti, ivi compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG).

La visita degli addetti militari

La visita degli addetti militari

La visita

La visita

La conferenza

La conferenza

L'arrivo  della delegazione

L’arrivo della delegazione

Sigonella visita addetti militari esteri (5)

L’arrivo dei delegati

L'arrivo dei delegati

L’arrivo dei delegati

La visita addetti militari esteri

La visita addetti militari esteri

La visita degli addetti militari

La visita degli addetti militari

La visita alla base

La visita alla base

0 84

Il Michelangelo Bartolo di Pachino il 15 maggio visiterà la 4 spa di Aci Castello (CT), gli stagisti concluderanno il PON di 120h visitando la struttura polivalente gestita con le tre specializzazioni della ditta C.R.E.A. di Ragusa (Audio, Video e Domotica).  Il percorso degli stagisti del Bartolo è giunto al termine prefissato, la visione generale dell’uso della Tecnologia da parte dell’azienda ospitante la C.R.E.A. ha permesso loro di dare uno sguardo più reale della potenzialità inerenti alle tematiche trattate durante il Progetto.

Gli Stagisti hanno avuto l’opportunità di svolgere tale progetto grazie ai Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo scuola Pachino Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020 sulla Modernizzazione delle Imprese Agricole del Territorio, per gli allievi del III e IV anno
dell’I.T.I.S. “M. Bartolo” di Pachino, lo stage è stato di I livello di 120 ore, in collaborazione con l’azienda C.R.E.A. di Ragusa. Esperto designato dalla C.R.E.A. di Ragusa Salvatore Battaglia e l’Esperto Tecnico aziendale Maurizio Scalone con il Tutor Scolastico Ing. Orazio Di Martino.

 Il Corso ha previsto è raggiunto il seguente obbiettivo – Controllo integrato di una azienda agricola integrata con sistemi di “Domotica” e una visione generale dell’uso della Tecnologia in vari settori ricettivi, un corso rivolto a studenti interessati ad apprendere e accrescere le proprie competenze nel campo dell’automazione e del controllo integrato di una qualsiasi tipologia di uso tramite un impianto domotico.

Stagisti alla C.R.E.A.

Stagisti alla C.R.E.A.

Stagisti alla CREA

Stagisti alla CREA

Stagisti e Tutor aziendale

Stagisti e Tutor aziendale

0 86

Base Aerea di Sigonella (Catania)Martedì 7 maggio 2019, l’Aeronautica Militare (AM) ha tenuto a Sigonella un seminario dedicato alla formazione continua e professionale per giornalisti iscritti all’albo, dal titolo “Comunicare Sigonella” per far conoscere i compiti e le attività che l’AM assicura per la sicurezza del Paese e dei cittadini, 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno, garantendo il controllo dello spazio aereo e proteggendo gli interessi nazionali, anche all’estero.

Alla giornata informativa e conoscitiva, organizzato dal Comando Aeroporto di Sigonella in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti (OdG) Sicilia, hanno partecipato decine di rappresentanti dei media ed alcuni responsabili della comunicazione delle Istituzioni – militari e civili – della Sicilia Orientale.

Dopo il saluto di benvenuto da parte del Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Gianluca Chiriatti, è stato trattato il contesto e la complessità della realtà dell’Aeroporto di Sigonella. Le varie presentazioni hanno riguardato, oltre ad alcuni concetti comuni legati al Territorio ed alla storia di Sigonella, il 41° Stormo e il velivolo P-72A nonché le attività “dual-use” legate meteorologia ed alla fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso. Tutti argomenti che hanno suscitato particolare interesse per i giornalisti presenti.

L’Aeroporto dell’Aeronautica Militare di Sigonella, intitolato al Capitano Pilota Medaglia d’Oro al Valor Militare Cosimo Di Palma, è situato in Sicilia al confine tra due provincie tra il comune di Lentini (SR) e quello di Motta Sant’Anastasia (CT). Nel 1942, il campo volo di Sigonella veniva costituito dalla Regia Aeronautica che, unitamente all’Aeroporto di Catania Fontanarossa, lo utilizzava durante la seconda guerra mondiale come pista satellite di Gerbini (CT) da dove operava la 281ª Squadriglia Aerosiluranti. Nel 1952, da Sigonella iniziava ad operare l’87° Gruppo Volo Autonomo dell’Aeronautica Militare di stanza a Catania Fontanarossa. La crescita dell’Aeroporto Militare di Sigonella si concretizzava negli anni successivi con il trasferimento definitivo sul sedime dell’87° Gruppo, la costituzione della Naval Air Facility (NAF) degli USA, la ricostituzione del 41° Stormo nella specialità Antisom e di tutte le altre predisposizioni legate alla guerra fredda. Dal ridimensionamento del 41° Stormo, avvenuto dal 31/12/2013, è stato costituito il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Squadra Aerea dell’Aeronautica Militare per il tramite del Comando Forze di Supporto e Speciali. Oggi l’Aeroporto di Sigonella, una delle più importanti e strategiche Basi Aeree Italiane, ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea (41° Stormo Antisom, 11° Reparto Manutenzione Velivoli, 61° Gruppo Volo, 304° Servizio Tecnico Distaccato Infrastrutture, Squadrone Carabinieri Eliportato “Cacciatori Sicilia”, Compagnia Carabinieri per l’AM, altri Enti più piccoli ed i vari rischieramenti ed assetti – nazionali ed internazionali – che si alternano per le più disparate operazioni), assicurando – al contempo – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, l’Aeroporto di Sigonella, oltre ad ospitare dal 1959 la Naval Air Station (NAS) della Marina degli Stati Uniti d’America (nella parte ovest del sedime) e dal 2015 la Nato AGS Force (NAGSF), è capoluogo di Circoscrizione per tutti gli Enti AM che ricadono nelle provincie orientali e centrali della Sicilia.

Il corso formativo

Il corso formativo

I giornalisti presenti al corso

I giornalisti presenti al corso

La foto di gruppo

La foto di gruppo

Il corso

Il corso

L'intervento con slides di uno dei relatori

L’intervento con slides di uno dei relatori

0 84

Catania, 10 maggio 2019- Arriva sui “palcoscenici” nazionali la delicata questione riguardante lo stato di emergenza in cui si trova il Teatro Massimo Bellini di Catania.

La deputata catanese del Movimento 5 Stelle, Maria Laura Paxia, ha rivolto al Ministro dei beni e delle attività culturali del turismo, Alberto Bonisoli una interrogazione a risposta scritta, ripercorrendo le varie “tappe” che hanno gradualmente portato all’attuale stato di crisi l’Ente, sfociato nella protesta di pochi giorni fa dei lavoratori precari che hanno manifestato sul tetto del Teatro Sangiorgi (sede degli uffici amministrativi del Teatro).

Nei vari anni il governo della regione Siciliasi legge nel documentoha ridotto drasticamente il contributo destinato al teatro Massimo «Vincenzo Bellini» di Catania portandolo dai 21,7 milioni di euro del 2006 agli 11,6 milioni per l’anno 2019; a causa del finanziamento ridotto per il triennio in corso dalla Regione Siciliana, che vede diminuire il contributo da 11,6 milioni per l’anno 2019 a 8,8 milioni per il 2020 e addirittura a zero euro per il 2021, sarà impossibile adempiere agli obblighi di legge e quindi garantire l’apertura del Teatro Massimo Bellini”.

Viene specificato, inoltre, che “il Teatro Bellini ha 418 dipendenti in pianta organica, di cui, durante quest’ultimo anno, ne sono stati in servizio 212. I precari storici sono 42 e le ultime assunzioni – 10 unità – sono avvenute nel 2006. Nonostante tutto ciò nel 2018 il teatro ha effettuato ben 160 spettacoli e senza l’intervento da parte della Regione Sicilia, la paralisi delle attività teatrali, in primis quelle estive, sarà inevitabile. Infatti, a causa di una azione politica regionale che prevede tagli alla cultura sono a serio rischio l’erogazione degli stipendi dei dipendenti e l’assunzione del personale precario, con un significativo impatto anche sui livelli occupazionali della città”.

Il teatro “Bellini” – una delle più prestigiose istituzioni artistiche musicali del Paese che vanta una tradizione ultrasecolare – è destinato, quindi, a chiudere i battenti se non verrà individuata una soluzione, a livello regionale o nazionale, in tempi brevi. 

L’on. Paxia, in questa interrogazione al ministro Bonisoli, chiede un eventuale intervento diretto del Governo in aiuto del teatro catanese, anche attraverso l’aumento della dotazione del fondo unico dello spettacolo (FUS) e di assumere iniziative per la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici del Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania.

L'On. Laura Paxia

L’On. Laura Paxia

RIMANI IN CONTATTO