NOVEMBRE 2019
Home Tags Posts tagged with "Catania"

Catania

0 12

L’attività ha consentito lo scambio di competenze nel settore della ricerca e soccorso e del pattugliamento marittimo

Si è svolta a Sigonella, dal 23 al 24 ottobre, l’attività di cooperazione tra equipaggi del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella e delle Armed Forces of Malta (AFM), denominata “Fixed Wing Crew Knowledge activity on TTPs” e finalizzata allo scambio di competenze nel settore del pattugliamento marittimo con particolare riferimento alla ricerca e soccorso (SAR).

Due giorni molto intensi, nell’ambito di un accordo bilaterale della Missione Italiana di Collaborazione nel Campo della Difesa (MICCD) con Malta, allo scopo di condividere e confrontare, nella fattispecie, esperienze e procedure nell’impiego del velivolo P-72A del 41° Stormo e del Beechcraft King Air B200 della AFM. Gli equipaggi delle due Nazioni hanno potuto svolgere attività di volo congiunta, effettuando attività dimostrativa su entrambi i velivoli.

A bordo del P-72A l’equipaggio nazionale ha dato dimostrazioni delle capacità del sistema d’Arma nel campo del pattugliamento finalizzato alle attività di soccorso in mare. In particolare, è stato simulato l’avvistamento di naufraghi e tutte le successive fasi, dall’allertamento delle autorità preposte al coordinamento dei soccorsi in mare, agli OBT (On Board Technician) che si predispongono all’apertura della porta posteriore per il lancio del fumogeno di segnalazione – per marcare la posizione esatta dei naufraghi – e al successivo lancio della zattera autogonfiabile. A corollario, sono state altresì evidenziate le peculiarità dei sensori di bordo nell’ambito del pattugliamento marittimo e dell’acquisizione delle informazioni sia su mare che su terra.

Il “P-72A” del 41° Stormo Antisom dell’AM di Sigonella è un pattugliatore marittimo a medio raggio, con caratteristiche “ognitempo” e capacità “multiruolo”. Grazie ad un’avanzatissima suite di sensori, è in grado di assolvere molteplici tipologie di missioni: dal pattugliamento marittimo alla ricerca e soccorso in mare, alla sorveglianza elettronica, alle attività di sorveglianza con sensori AIS, radar, ottici ed elettro-ottici al supporto aereo a truppe di terra. Gli equipaggi del P-72A sono formati da ufficiali piloti e sottufficiali operatori di bordo che appartengono all’Aeronautica Militare e alla Marina Militare. Questa caratteristica sinergia rappresenta dal 1965 un esempio di sinergia e cooperazione interforze ben collaudato ed efficiente che si pone in netto anticipo rispetto al forte sviluppo interforze dello strumento militare caratteristico di questi ultimi anni. Infatti, il 41° Stormo mantiene una veste tipicamente interforze attraverso un connubio tra due Componenti (AM e MM) perfettamente integrate, che nei 45 anni di storia dell’Atlantic, e prima ancora con i velivoli “Grumman”, ha dato risultati eccellenti.

Sigonella ex congiunta 41° Stormo - Malta

Sigonella ex congiunta 41° Stormo – Malta

Sigonella ex congiunta 41° Stormo - Malta

Sigonella ex congiunta 41° Stormo – Malta

Interno aereo

Interno aereo

Nella cabina di pilotaggio

Nella cabina di pilotaggio

Interno aereo

Interno aereo

0 20

Barcellona Pozzo di Gotto – È con la delicatezza dei grandi circensi, l’arte di far vedere ciò che non c’è e far scomparire ciò che si ha davanti agli occhi, la magia delle ombre cinesi e quella della sand art che Oscar Strizzi, mimo e illusionista che si esibisce nei più importanti festival del genere, diventa al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto un particolarissimo “Mago di Oz” incamminato lungo le vie del “Paese delle Meraviglie”. E le risate, le espressioni di meraviglia, i commenti, gli applausi dei tanti giovani e giovanissimi in platea diventano lo spettacolo nello spettacolo, trasformando la domenica pomeriggio di “Teatro in Famiglia” in una vera e propria festa.

Con una sottolineatura speciale per i cani, gli elefanti, le civette, i cammelli, ma anche gli Alfred Hitchcock, i John Wayne, gli Arnold Schwarzenegger, i Luciano Pavarotti creati dalle sue mani sapienti con l’ausilio di un semplice proiettore, Oscar Strizzi ha letteralmente “agganciato” il suo pubblico, coinvolgendolo e accompagnandolo da uno stupore all’altro, tra sorrisi e ammiccamenti, sempre raffinato e capace di piena sintonia con gli spettatori, grandi e piccini.

Dai nonni ai nipotini, dai più piccoli agli adolescenti, la sala del Teatro Mandanici è stata piacevolmente invasa dall’atmosfera di una domenica speciale. Una perfetta inaugurazione del ciclo “Teatro in Famiglia” che proseguirà con “Giufà, un viaggio per conoscere, per capire, per crescere” (26 gennaio 2020, ore 18) del Centro Studi Artistici, per la regia di Carmelo R. Cannavò, e con “La gazza ladra” (22 marzo 2020, ore 18), spettacolo con la regia di Emanuele Gamba, ispirato all’opera di Luzzati e alle musiche di Rossini.

Il prossimo appuntamento del cartellone del Teatro Mandanici è però con la grande prosa: il 30 novembre 2019 alle ore 21, infatti, sarà di scena il capolavoro di Shakespeare, “La tempesta”, per la regia di Roberto Andò e con Renato Carpentieri protagonista in un cast all stars.

Momenti dello spettacolo

Momenti dello spettacolo

Momenti dello spettacolo

Momenti dello spettacolo

Lo spettacolo

Lo spettacolo

0 15

In occasione dell’iniziativa culturale Libriamoci, la nostra Ambulanza Letteraria capitanata dallo scrittore e ideatore del progetto Cono Cinquemani,  sarà ospite  presso il Liceo Linguistico e Liceo delle Scienze Umane “G. Lombardo Radice”, di Catania. L’appuntamento è previsto per il prossimo lunedì, 11 novembre, dalle ore 09.00 alle 11.00, nell’ Aula Magna dell’edificio per discutere dell’importanza della Libroterapia, la capacità magica dei libri di curare, e dei Banned Books, i libri censurati nelle scuole americane.

 Libriamoci,  l’iniziativa di letture ad alta voce promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) con il Centro per il libro e la lettura e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) con la Direzione Generale per lo Studente, ogni anno  invita le scuole d’Italia a organizzare attività di lettura ad alta voce con gli allievi, libere da qualsiasi impegno valutativo. Ambulanza Letteraria, l’iniziativa di promozione della lettura e dei libri che già dallo scorso 9 ottobre è in viaggio per lo Stivale con l’intento di avvicinare i lettori accidiosi e i non lettori alle opere letterarie, sarà ospite presso dell’Istituto della città etnea per discutere dell’effetto benefico dei libri, e dei Banned Books, i libri censurati nelle scuole americane.

<<Un libro, se letto nel momento giusto, può salvare. Questo è da sempre il motto di Ambulanza letteraria – afferma lo scrittore Cono Cinquemani -. Noi di Ambulanza Letteraria crediamo nel potere salvifico dei libri e nella loro capacità di aprire la mente ad una pluralità di idee con cui confrontarsi e interagire, per crescere e conoscere. Con il nostro cammino di Santiago dei libri, come abbiamo voluto definire questa nostra piccola ma sentita missione, siamo stati ospiti nelle scuole, librerie, biblioteche e nei caffè letterari per incontrare studenti, lettori, scettici e appassionati,  per ribadire il valore inestimabile dei romanzi e della lettura. Credo che comprendere le ragioni per le quali, ancora oggi, in alcune scuole della stimata America si decida di censurare i testi, sia una questione interessante – continua lo scrittore. – Perché nella culla della conoscenza e nel grembo pulsante del sapere e delle libertà ideologiche, nelle scuole quindi, si vieti la lettura dei testi di narrativa, diventa una questione fondamentale per ribadire l’importanza della libertà di stampa e di opinione. Se alcuni romanzi fossero rimasti censurati, il nostro patrimonio letterario italiano sarebbe rimasto orfano di Ragazzi di vita di Pasolini, La mascherata di Moravia o Il Decamerone di Boccaccio, per citarne solo alcuni.  E sarebbe stato imperdonabile. >>

Dedicare tempo alla lettura e ai libri equivale a  liberare l’immaginazione e intraprendere una via di formazione e crescita per rendere partecipi i giovanissimi delle infinite possibilità di scoperta e piacere offerte dai libri.

Ambulanza letteraria

Ambulanza letteraria

Lo scrittore

Lo scrittore Cono Cinquemani

0 84

Convegno internazionale di studi sulla Sicilia nell’Alto Medioevo: a Catania, nella suggestiva location del complesso barocco “Le Verginelle” (sede del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università) si svolgeranno dal 14 al 16 novembre tre giornate internazionali di studio  sul tema “La Sicilia: dinamiche di poteri e culture nei secoli VI-X”: il progetto del convegno è frutto della collaborazione tra studiosi appartenenti a diverse Università italiane (prof.ssa Giuliana Albini, Università Statale di Milano; prof. Gabriele Archetti, Università Cattolica di Milano; prof. Claudio Azzara, Università di Salerno; prof. Nicola Busino, Università della Campania; prof. Rosa Maria Lucifora, Università della Basilicata; prof.ssa Carmelina Urso, dell’Ateneo catanese, che ne dirige la realizzazione), ed è promosso dal Centro Studi Longobardi (presieduto dal prof. Archetti).

Vi converranno relatori illustri di sei differenti nazionalità europee, provenienti da 28 fra università e istituzioni culturali di prestigio, sulla scorta di un programma di ampio respiro interdisciplinare, che include Storia, Lingue, Letterature, Archeologia, Geografia, Religioni, il focus puntato sul lungo, difficile, periodo nel quale l’isola, crocevia del Mediterraneo, si conferma spazio di conflitto e sovrapposizione, ma anche di incontro e di integrazione, tra poteri e genti – Cristianesimo e Islam, Bizantini, Ostrogoti, Arabi e, lontani ma non certo assenti Longobardi – mostrandosi, alle soglie dell’anno 1000, laboratorio di civiltà europea. L’evento – che si svolgerà sotto l’alto patrocinio della Regione Sicilia e della Regione Basilicata – si annuncia dunque di grande attrattività, non solo per la comunità accademica, ma anche per il pubblico della scuola, dei beni culturali, del turismo, della comunicazione, insomma, per la società civile.

Molti, e molto prestigiosi i patrocini: accanto a quelli di Brixia Sacra, Centro Studi per il Medioevo di Spoleto, Fondazione Cogeme, Accademia Peloritana, ricordiamo quelli della Regione Lombardia, che sarà rappresentata dall’Assessore all’Autonomia e alla Cultura Stefano Bruno Galli, e della Regione Sicilia, per la quale interverrà l’Assessore al Turismo Manlio Messina. Questi si uniranno, negli indirizzi di saluto, al Magnifico Rettore dell’Università di Catania, prof. Pietro Cafaro, e ad altre autorità accademiche.

La locandina del convegno

La locandina del convegno

0 26

La forza comunicativa della musica sarà protagonista giovedì 31 ottobre, alle 9 e 30, dell’incontro tra il cantautore ripostese Ture Most e gli alunni della scuola media dell’Istituto Comprensivo di Santa Venerina. Il cantautore racconterà ai ragazzi la propria esperienza artistica ed il significato dei brani, che riflettono le proprie radici. Ma questo sarà solo un primo assaggio. L’11 novembre Ture Most tornerà all’Istituto Comprensivo di Santa Venerina per una esibizione dal vivo. “Abbiamo deciso di organizzare questo doppio incontro con Ture Most – spiega la dirigente scolastica Mariangiola Garraffo – per dare ai ragazzi la possibilità di conoscere un cantautore locale e comprendere così che il linguaggio musicale è un linguaggio universale. Il racconto della nostra terra, delle nostre radici può avvenire anche attraverso la musica e la scelta di testi ben precisi. Il siciliano, che non è un dialetto ma una vera e propria lingua, può essere uno strumento di comunicazione potentissimo, al pari della lingua italiana e della lingua inglese, più conosciute dai ragazzi. E’ più difficile trovare un cantautore giovane che sceglie di scrivere e cantare in lingua siciliana. Ture Most invece – conclude la dirigente scolastica – ha scelto di utilizzare il dialetto, non in forma neomelodica, genere musicale che non ci appartiene, per raccontare i  nostri luoghi e farli diventare luoghi di poesia”.
Ture Most nasce dal rap e le sue canzoni sono caratterizzate da componenti melodiche e dialettali che contribuiscono a qualificare il suo genere musicale nella categoria “Indie-Rap”. Le tematiche dei suoi brani si alternano tra le leggende territoriali e l’introspezione, valorizzandone la sicilianità. Dal giugno 2018 trova la sua identità artistica con l’uscita del singolo “La luna sul canneto”, pezzo che parla della leggenda del “Sugghiu da turri”, con videoclip animato, ambientato tra le ‘vanedde’ di Torre Archirafi, borgo marinaro di  Riposto (CT). ‘Vanedde’ che ritornano tra i versi di “Tequila e vavalaggi”.
Questi singoli vanno a comporre l’album di esordio dal titolo “Mostalgia”, prodotto dal fratello R-Most e che vede le collaborazioni di Valerio Brunetto alla chitarra, i remix del trio jonico JJR e il feat ‘eterno’ col padre di Ture, Frank Mostaccio, cantautore ripostese scomparso nel 2009. L’album dei fratelli Most è disponibile su Youtube, Spotify e tutte le altre piattaforme musicali, dove dall’uscita (17 maggio) ad oggi sono stati totalizzati oltre 200mila stream. Il duo ha in cantiere un secondo album, che vede confermata la presenza di Brunetto, e ad inizio novembre pubblicherà l’uscita del videoclip inedito di “Camurria”, nuovo singolo con la regia di Graziano Piazza.

Ture Most

Ture Most

Ture Most

0 35

All’Istituto Comprensivo Statale di Santa Venerina (CT) entra nella prima fase operativa il progetto “L’Ora di Lezione non Basta”, promosso dall’associazione nazionale “Senza Zaino – Per una scuola comunità” per contrastare la povertà educativa e diffondere un nuovo modello di scuola basato su inclusione e cooperazione. Grazie al finanziamento di 110mila euro (con una compartecipazione della scuola pari al 15%), assegnato all’Istituto scolastico, uno dei 15 in tutta Italia, dall’impresa sociale “Con i Bambini”, sarà possibile rimodulare gli spazi e realizzare nuovi ambienti scolastici capaci di stimolare l’apprendimento degli alunni. Si tratta solo della prima fase di un progetto molto articolato, presentato nei giorni scorsi nell’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo di Santa Venerina dalla dirigente scolastica Mariangiola Garraffo, alla presenza della senatrice Tiziana Drago, segretaria della Commissione Finanze e Tesoro e membro della Commissione bicamerale per le questioni regionali, del sindaco di Santa Venerina, Salvo Greco, dell’assessore alla Pubblica Istruzione di Santa Venerina, Alfio Di Paola, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Santa Venerina, Emilio Grasso, dirigente dell’ufficio scolastico provinciale e Marco Orsi, fondatore del movimento delle scuole Senza Zaino e dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Lucca 5.

“Abbiamo comunicato al territorio l’avvio del progetto ‘L’Ora di Lezione non Basta’, che ci vedrà coinvolti per quattro anni – spiega la dirigente scolastica Mariangiola Garraffo – E’ un progetto molto ambizioso che mira, attraverso una serie di azioni, al contrasto della povertà educativa. Grazie al finanziamento che abbiamo ottenuto e grazie alle tante donazioni ricevute da numerose imprese, associazioni e Club service, che hanno voluto sposare questo progetto, riusciremo a costruire un’aula polifunzionale nel cortile della scuola di Dagala del Re. Questo farà della nostra scuola una scuola pilota. Ma ciò che ci inorgoglisce di più – prosegue – è l’essere riusciti a mettere in rete tanti imprenditori, associazioni e Club service del nostro territorio, che ringrazio perché hanno dimostrato grande cuore. Una comunità che si è messa a disposizione, ha capito la valenza di questo progetto e ci ha dato fiducia. Credo che questo sia il valore aggiunto. Non solo li ringraziamo – conclude Mariangiola Garraffo – ma siamo sinceramente commossi per il gesto che hanno fatto”.

Il valore della rete territoriale è stato uno degli aspetti maggiormente evidenziati nel corso della presentazione. “Mi ero un po’ documentata su questa iniziativa della Scuola senza Zaino – commenta la senatrice Tiziana Drago – però vederla in provincia di Catania, nel territorio in cui si abita, devo dire che è per me motivo di orgoglio. L’iniziativa rappresenta anche un importante esempio di rete sul territorio, tra le imprese, la scuola e le famiglie. Si crea una vera comunità”.

Grande soddisfazione è stata espressa anche dal primo cittadino di Santa Venerina. “L’amministrazione comunale è sempre al fianco della scuola ed è ben felice quando questa riesce a cogliere dei risultati importanti – dichiara il sindaco Salvo Greco – L’Istituto Comprensivo Statale di Santa Venerina è una delle quindici scuole in Italia in cui si realizzeranno degli allestimenti che attengono ad una modalità nuova di fare scuola, come l’apprendimento cooperativo previsto nel progetto ‘L’Ora di Lezione non Basta’. Si tradurrà, nella pratica, nella sistemazione di alcuni spazi già esistenti, che verranno arredati in modo innovativo e stimolante per l’apprendimento dei ragazzi, ma anche nella realizzazione di un nuovo spazio, nel plesso di Dagala del Re, un’aula multifunzionale, anche quella concepita in modo innovativo. Si tratta di importanti investimenti che riqualificano gli edifici scolastici. Noi speriamo – conclude Salvo Greco – che la popolazione scolastica possa giovarsi di questi progressi sul piano didattico perché abbiamo tutto l’interesse a sfornare cittadini sempre più formati a attenti agli stimoli esterni”.

Un plauso per il lavoro fin qui svolto dall’Istituto Comprensivo di Santa Venerina è giunto anche da Marco Orsi, ideatore del nuovo modello educativo. “Abbiamo chiamato questo progetto ‘L’Ora di Lezione non Basta’ – spiega Marco Orsi – perché l’ora di lezione è importante ma bisogna andare oltre. Per esempio, è importante considerare attentamente la qualità della didattica, che non si confina semplicemente nella lezione frontale, anche se quella non va tolta ma va qualificata. E poi dobbiamo prestare un’attenzione particolare allo sviluppo della comunità, la comunità dei docenti, la capacità dei bambini di fare gruppo e di cooperare tra di loro. Ma è importante anche che la scuola – prosegue – sia inserita nella comunità educante più ampia, cioè quella del territorio, dove le amministrazioni comunali, provinciali e regionali, nonché le associazioni, convergono nel creare situazioni migliorative per le istituzioni scolastiche. Le amministrazioni comunali, in modo particolare, hanno un ruolo importante per lo sviluppo delle scuole. Noi abbiamo visto che dove le amministrazioni comunali sono attente la scuola riesce a migliorare. Naturalmente ci vuole anche il concorso dei docenti, dei genitori, dei dirigenti scolastici. Ma qui – conclude Orsi – abbiamo un impegno davvero notevole della dirigente Mariangiola Garraffo che sta dando un contributo significativo a questa istituzione scolastica”.

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto

I relatori del progetto

I relatori del progetto

0 79

Aci Castello (Ct) – Si è svolto presso la sala Einaudi nell’incantevole cornice del Presidential Park Hotel di Aci Castello il convegno medico scientifico sul tema: “l’importanza di una sana postura ed i danni da esposizione inconsapevole all’inquinamento elettromagnetico”. L’evento promosso dalla giovane e dinamica azienda Domus Line Italia nell’ambito del Progetto Salute volto a fornire informazioni utili per la tutela del benessere psico-fisico ed il miglioramento della qualità della vita, ha registrato la presenza di autorevoli relatori. A moderare i lavori del convegno l’avv. Silvana Paratore impegnata con la Domus Line Italia in attività di solidarietà sociale a sostegno dei meno fortunati. Dopo i saluti della Presidente di Domus Line Italia, Giovanna Russello e del funzionario nazionale Santo Ielo, attenzione ha suscitato l’intervento del dott. Carmelo Pecora neurochirurgo specializzato in chirurgia vertebrale che si è soffermato su Patologia della modernità, postura corretta e postura viziata sottolineando come le trasformazioni socio-economiche dei paesi industrializzati nel corso del XX secolo abbiano mutato il quadro delle malattie alterando i pilastri su cui si fonda la salute del nostro organismo. Incisivo il suo monito ad adottare stili di vita corretti e dettagliati i dati sull’aumento di casi di osteoporosi : patologia caratterizzata da una diminuzione della massa ossea tale da indurre ad una maggiore fragilità e conseguente rischio di fratture. A seguire è intervenuto il Dott. Domenico Siclari posturologo che ha posto l’accento sulla necessità di avere un buon sonno come uno degli accorgimenti più importanti per il mantenimento della salute psico-fisica. Sulla magnetoterapia come  trattamento non invasivo usato sia dalla medicina ufficiale che dalla medicina alternativa che sfrutta l’azione dei campi elettromagnetici per curare diversi disturbi si è soffermata la fisioterapista dott.ssa Roberta Vozza. Interesse e spunti di riflessione sono stati infine suscitati dall’intervento dell’ing. Antonino Greco il cui intervento si è basato su elettrosmog e patologie associate. Il recente sviluppo del settore delle telecomunicazioni, ha affermato, ha prodotto un consistente aumento delle fonti di inquinamento elettromagnetico. Importante è sensibilizzare la popolazione spiegando la correlazione dimostrata da alcuni studi scientifici, tra determinate patologie e l’esposizione a fonti di inquinamento elettromagnetico. Diversi sono i campi magnetici all’interno delle nostre case con cui ci interfacciamo nel quotidiano che possono determinare dei danni alla salute di vario genere. Fondamentale diviene educare alla prevenzione.

Il mantenimento di uno stile di vita che sia al massimo salutare sia per il fisico che per la mente è fondamentale ha concluso Giovanna Russello Presidente di Domus Line. L’ azienda  si occupa da anni di sistemi di riposo per patologie posturali, di dispositivi elettromedicali per la prevenzione dei danni da elettrosmog e inquinamento elettromagnetico  e di magnetoterapia come precisato dal consulente Domus Messina, Nazareno Romeo .

L'Avvocato Silvana Paratore presenta il convegno

L’Avvocato Silvana Paratore presenta il convegno

Convegno

Interventi del Convegno

I lavori del convegno

I lavori del convegno

Il pubblico presente

Il pubblico presente

I lavori del convegno

I lavori del convegno

La foto con i relatori del convegno

La foto con i relatori del convegno

0 91

Mostra personale di Clara Calì “IO E IL MARE” tempeste di emozioni, auditorium San Vincenzo Ferreri, Ragusa Ibla. L’amore per la propria Isola e il mare: questo è il binomio che caratterizza il mondo della Sicilia sud-orientale, dove la campagna arida dell’estate si mescola alle onde spumeggianti del Mediterraneo.

L a Clara Calì, cresciuta a Ragusa, racconta con i suoi quadri questa realtà, dando voce, attraverso i colori e le forme, ad una natura che sa emozionare e stupire. Dal 6 al 15 settembre 2019, in un caratteristico auditorium ad Ibla, perla barocca del Val di Noto, sono esposti i lavori più rappresentativi da lei realizzati.

La pittrice trasmette un’atmosfera di emozione e mistero in tutte le sue tele, una calma apparente che si tramuta in vive emozioni ed atmosfere suggestive.

L’Accademia delle Prefi ha voluto omaggiare l’Artista e l’Esposizione, dando il giusto e formale plauso del Presidente dell’Accademia Salvatore Battaglia.

Clara Calì e il Presidente

Clara Calì e il Presidente

0 135

HathaYoga, VeganFood e le vibrazioni rilassanti di uno Spacedrum

Zafferana (Ct) Etna Shakti – Avamposto Vegano (oasi di pace e di verde sita in Via San Giacomo, Zafferana Etnea) in occasione della notte di San Lorenzo, sabato 10 agosto, alle ore 18.30, presenta “Scialàndosela con le stelle”, appuntamento articolato in tre momenti, pensato per coccolarsi con HathaYoga, VeganFood e Spacedrum.

Primo Momento - In una delle splendide terrazze di Etna Shakti, affacciata sul vulcano e su un giardino/orto sinergico con più di mille specie di piante e alberi, piccolo santuario della natura dove si custodisce la biodiversità, ritrovo per incontri di coscienza, la Maestra Antonella Sgroi, insegnante e fondatrice del “Centro Fiore di Loto” di Giarre, terrà una lezione di HataYoga.

«Viviamo in un mondo illusorio che ci impedisce di vedere oltre le apparenze. Occorre saper guardare dentro il proprio cuore e confrontarsi con la propria anima. In questo ci aiuta lo yoga il cui fine ultimo è la meditazione: sedere nel silenzio e nell’immobilità seguendo con pazienza il fluire del respiro, mantenere la presenza costante nel “qui ed ora” senza cadere nei ricordi del passato o nelle preoccupazioni per il futuro. Questo allenamento ci porterà a stare in noi stessi con consapevolezza, non solo quando siamo seduti a praticare ma in ogni circostanza della vita», dichiara la Sgroi.  

Secondo Momento – Si potrà gustare rilassati un Buffet a cura di Seba Giuliano di Etna Shakti, con vino e bevande comprese e senza limiti.

Seba Giuliano, con lunghe esperienze in cucine vegane, è il fondatore di “Etna Shakti”, il primo “avamposto vegano” nato all’interno del Parco dell’Etna, a circa 600 metri s.l.m., nel territorio di Zafferana Etnea.

Terzo Momento – Meditazione/contemplazione del manto stellato accompagnati dalle rilassanti vibrazioni dello Spacedrum del Maestro Armando Xibilia.

Armando Xibilia, musicista percussionista e suonatore di Spacedrum (Handpan). Lo Spacedrum (Handpan) è uno strumento musicale moderno ma dal suono arcaico e con sonorità ancestrali, capace di creare un’atmosfera magica ed ipnotica allo stesso tempo. La creazione di melodie sempre nuove e diverse e la possibilità di variare il volume sonoro in funzione del tocco che viene dato sulle note, generano suoni che fanno vibrare l’animo, inducendo ad uno stato emozionale di quiete e relax. I suoni magici dello Spacedrum aiutano a ritrovare l’armonia tra corpo e mente, un rilassamento dolce alla scoperta del proprio ritmo interiore.

La locandina

La locandina

0 162

Milo (Ct)Il 3 agosto alle ore 21, al “Teatro Lucio Dalla” di Milo, si terrà “Milo Premia il Teatro”, attesissimo Galà di Premiazione del XIII Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla FITA Sicilia e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

La cerimonia conclusiva sarà condotta dal giornalista Salvo La Rosa. Ospite d’onore, special guest, l’acclamato artista Mario Incudine, che riceverà l’ambito “Premio alla carriera” e che, per l’occasione, regalerà indimenticabili momenti di spettacolo. Nel corso della stessa serata sarà assegnata una Targa alla Memoria all’attore Gilberto Idonea, scomparso lo scorso Ottobre, per l’occasione interverranno il figlio Alessandro Idonea e la moglie prof.ssa Raffaella Oliveri.

Il 2 agosto , la giuria, presieduta dall’Avv. Vincenzo Zappulla, presidente dell’istituto Storia dello Spettacolo Siciliano, e formata dalla prof.ssa Sarah Zappulla Muscarà (docente Letteratura Italiana, Letteratura Teatrale italiana, Storia del Cinema), dal sig. Turi Giordano (attore e regista), dal sig. Agostino Zumbo (attore e regista),  dal sig. Fabio Costanzo (attore), dal dott. Gianfranco Barbagallo (avvocato specialista in Diritto dell’Arte e Legislazione dello Spettacolo, consigliere regionale FITA Sicilia) e dal sig. Luciano Patanè (in rappresentanza del Comune di Milo), sceglierà i vincitori.

Concorrono per il prestigioso riconoscimento:  

  • Compagnia Teatrale “Cambia… Menti” di Santa Venerina in scena con “La Scatola di Marlene” di Nino Criscione, per la regia di Pietro Coco (selezionata, come da regolamento del Premio, tra le compagnie partecipanti alla rassegna teatrale invernale milese, a cura della Filocomica Sant’Andrea);
  • Associazione Caf “Cultura Arte Spettacolo” di Aci Catena (Ct) in scena con “Dyskolos” di Menandro, per la regia di Davide Pulvirenti;
  • Associazione Culturale “Dietro le Quinte” di Milazzo (Me) in scena con “Aragoste di Sicilia” di Gianni Grimaldi e Bruno Corbucci, adattamento di Romano Bernardi, per la regia di David Amalfa;
  • Associazione culturale “Carma” di Reggio Calabria (Rc) in scena con “1861 La brutale verità” di Michele Carilli, per la regia di Michele Carilli e Lorenzo Praticò;
  • Compagnia “Imprevisti e Probabilità” di Formia (Lt) in scena con “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” di Giovanbattista Basile e Italo Calvino, adattamento di Raffaele Furno, per la regia di Raffaele Furno.

Novità di quest’anno il Biglietto d’oro che andrà alla Compagnia che avrà venduto il maggior numero di biglietti e l’omaggio teatrale allo scrittore appena scomparso Andrea Camilleri.

La locandina dell'evento

La locandina dell’evento

Il cantautore Mario Incudine

Il cantautore Mario Incudine

RIMANI IN CONTATTO