GENNAIO 2020
Home Tags Posts tagged with "Giardini Naxos"

Giardini Naxos

0 256

Con il concerto Li tri re d’orienti, patrocinato dal Comune di Giardini Naxos, il maestro Nino Buda ha voluto creare un’occasione per stare insieme in modo semplice e sereno e festeggiare con l’Epifania  i 70 anni di vita del Gruppo Folk Naxos che ha portato in tutto il mondo la tradizione popolare, il sapere, la cultura di tutta la Sicilia.

E’ stata una suggestiva carrellata di canti, novene, nenie, filastrocche, canti di questua appartenenti alla tradizione natalizia con cui il Gruppo Naxos è riuscito a far rivivere le emozioni e i sentimenti del  Natale di una volta.

Sono canti raccolti dallo storico Gruppo Folk Naxos in oltre mezzo secolo di attività con un paziente lavoro di ricerca effettuato sul campo registrando dalla viva voce “ nannareddi” e “nuvineddari” o attraverso vecchi testi etnomusicologici .

Il concerto spettacolo si è svolto nella Chiesa S. Maria Raccomanda gremita da un attento pubblico che ha seguito con interesse le varie fasi dello spettacolo applaudendo i valenti interpreti Francesco Egitto (fisarmonica) Concetto Straguzzi (voce e tamburo), Marcello Cacciola (chitarra e flauti di canna), Maria Raneri (voce solista e idiofoni) e lo stesso direttore Nino Buda (voce narrante e tamorra) sempre più bravi e professionali.

Una particolare ovazione l’hanno ricevuta i piccoli canterini di Naxos, figli e nipoti dei vecchi componenti il gruppo folk Naxos molti dei quali hanno preso parte allo spettacolo creando così una sorta di aggregazione generazionale di una tradizione che, rinnovandosi nel tempo, resta sempre viva.I piccoli interpreti, sostenuti dall’amore per le tradizioni popolari da Carla e Roberta Buda, Carmelo Maieli (chitarra), Gaetano D’Angi (fisarmonica) e Nino Gullotta (friscalettu)  hanno cantato le antiche novene natalizie, e ricreato in maniera mimica le azioni dalla classica scena presepiale, mandando in visibilio il pubblico.

Al gruppo si sono affiancati i bravi ragazzi dell’ACR della locale Parrocchia guidati da Mariangela Licosi e Maria Concetta Giandinotto.

I canterini

I canterini

Il gruppo dei musicanti

Il gruppo dei musicanti

I musicanti del Gruppo Folk Naxos

I musicanti del Gruppo Folk Naxos

0 369

Con una semplice ma suggestiva cerimonia è stato inaugurato domenica 15 dicembre, a Giardini Naxos,  l’Archivio-Banca della Memoria nei locali comunali di Via Chianchitta n. 26 bis. Il pubblico è intervenuto in gran numero all’evento. Presenti anche numerose autorità, artisti e nomi noti della cultura locale e comprensoriale.

La “Banca della Memoria” è un progetto ideato e curato da Nino Vadalà stimato elettricista, oggi in pensione, con la passione per quegli oggetti in grado di ricostruire la storia di un luogo il quale, negli anni, si è reso protagonista di generose donazioni delle sue collezioni di cui hanno beneficiato vari enti museali come il Museo della  Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano, il Dipartimento di Ingegneria elettrica dell’Università di Padova, l’archivio Storico Enel  a Napoli e, il Museo Etnoantropologico di Savoca. Oggi anche il “Museo” di Giardini Naxos appena inaugurato annovera oggetti donati da Vadalà e da tanti altri concittadini che, l’ideatore della Banca della Memoria ha raccolto e collocato in appositi spazi e teche, con grande passione e fantasia. Nelle teche e negli spazi a tema allestiti nella grande sala del museo è possibile  ammirare manufatti d’epoca, foto che raccontano eventi locali, libri, quadri, documenti che raccontano la storia della comunità giardinese. Tante le testimonianze interessanti a cominciare dalla copia dell’originale dell’attestato con il quale venne concessa  l’autonomia a Giardini (da Taormina)  datato 1 gennaio 1847. La copia del documento è stata ottenuta dal prof. Elviro Langella, a seguito di una sua ricerca seguita da una richiesta fatta all’Archivio Storico di Napoli.

All’ingresso della struttura danno il benvenuto ai visitatori un paio di moto d’epoca dei vigili urbani di Giardini degli anni 60′ ed ancora, si può ammirare  uno dei cartelloni originali con le immagini dipinte appartenuto al famoso cantastorie ripostese  Orazio Strano. Assieme al pannello anche una delle prime chitarre utilizzate da Strano. Abbondano nella grande sala altri oggetti d’epoca, foto, libri e tant’altro. Suggestiva invece la saletta dedicata al presepe realizzato con le statuine di personaggi storici di Giardini realizzato dal Maestro scultore Turi Azzolina  che sono state date al Comune in Comodato d’uso dalla Regione Siciliana che le aveva acquistate dall’artista. Tra le statuine troviamo il monaco Padre Giammaria, l’Avv. Pancrazio Tornatore, il pescivendolo Pistolo, il direttore della Banda Musicale M° Mangano, il padre di Azzolina abile artigiano della ceramica, il barbiere Minicheddu e tanti altri.

A presentare la serata ed introdurre gli ospiti è stato il dott. Giovanni Bucolo il quale dopo una breve descrizione di quanto è custodito nel museo ha dato la parola al Sindaco Pancrazio Lo Turco il  quale, dopo aver spiegato come è nato questo progetto ed elogiato il lavoro certosino di Nino Vadalà ha concluso dicendo: “Tutti noi dobbiamo essere fieri di questo Museo perchè è un luogo che appartiene ai giardinesi del passato e ai giardinesi del presente dove ognuno può ritrovarsi o ritrovare un parente in una foto, in documento o un libro. La struttura servirà a mantenere viva la memoria della nostra comunità che non dovrà mai cadere nell’oblio”.

La serata ha riservato altri momenti interessanti. Il Cav. M° Nino Buda ha raccontato una delle pagine più buie della storia della cittadina ionica ovvero il maremoto che colpì la costa giardinese a seguito del terremoto di Messina del 1908 e che causò anche delle vittime. A testimonianza di questa pagina di storia è stato esposto un quadro della famiglia Buda che raffigura le barche dei pescatori travolte di sorpresa dalla gigantesche onde causate dalle scosse telluriche.

Emozionante l’intermezzo musicale con alcune canzoni dialettali cantate dal cantautore ripostese Luigi Di Pino.     

Un succulento cocktail realizzato da Salvatore Ferrara ha concluso la serata.  

Nino Vadalà accanto al presepe di Turi Azzolina

Nino Vadalà accanto al presepe di del M° Turi Azzolina

Gianni Bucolo introduce la serata e presenta gli ospiti

Gianni Bucolo introduce la serata e presenta gli ospiti

Il M° Buda racconta il maremoto a Giardini del 1908

Il M° Buda racconta il maremoto a Giardini del 1908

Il pubblico intervenuto

Il pubblico intervenuto

L'intervento del Sindaco Pancrazio Lo Turco

L’intervento del Sindaco Pancrazio Lo Turco

Il M° Nino Buda

Il M° Nino Buda

Luigi Di Pino

Luigi Di Pino

Salvatore Ferrara prepara i cocktail

Salvatore Ferrara prepara i cocktail

0 374

Taormina -L’amicizia non si spiega, si vive” . E’ stato questo il motto che ha animato la serata organizzata da Pippo Galeano già presidente del Centro anziani di Giardini Naxos il quale ha voluto condividere un momento conviviale spensierato con i propri amici per trascorrere una serata in allegria. L’evento dedicato all’amicizia è stato organizzato presso il ristorante la Massaria di Taormina-Trappitello. All’invito hanno aderito in gran numero, varie le provenienze a cominciare dagli amici di Giardini Naxos e di Taormina. All’inizio della serata dopo il benvenuto  ed i ringraziamenti di Pippo Galeano agli amici presenti per aver  preso parte alla “festa dell’amicizia” targata 2019 ha preso la parola Angela Lombardo presidente dell’associazione culturale Mea Lux la quale  ha ricordato i trascorsi traguardi raggiunti con impegno e caparbietà da Pippo Galeano a cominciare dagli incarichi politici ed amministrativi a Giardini Naxos ricoperti in precedenti amministrazioni, all’impegno sociale profuso attraverso la presidenza del Centro Anziani Comunale di Giardini Naxos ed al ruolo artistico come artigiano del legno culminato qualche tempo fà con l’evento con il quale ha inaugurato nella sua casa un museo permanente con i suoi originali lavori in legno. Angela Lombardo si è poi soffermata sulle sue passate attività sociali attraverso le quali sono stati realizzati diversi gemellaggi con altri centri sociali dell’Isola ed anche oltre che hanno dato vita ad interessanti scambi culturali che hanno arricchito la comunità giardinese. La presidente della Mea Lux ha quindi posto l’accento sul carattere di Galeano elogiandone la forza d’animo, la determinazione, la generosità e la passione con le quali ha costruito forti legami di amicizia capaci di sfidare il tempo. La Lombardo ha quindi concluso l’intervento dicendo che Pippo è una persona  sempre pronta ad accettare le sfide, ed in un momento di forti criticità che coinvolgono i tanti aspetti sociali, politici ed umanitari, ben venga l’impegno di chi, come Galeano, sappia lanciare il cuore oltre l’ostacolo, spendendosi per il bene dell’intera comunità.

La serata è poi entrata nel vivo con la succulenta cena consumata all’interno del ristorante. A seguire i commensali hanno ballato al ritmo dei brani latino americani mixati dal Dj invitato per animare la serata. Al termine la gustosa torta dell’amicizia ed un omaggio di Pippo Galeano per tutti, una borsa con su scritto il motto della serata riguardante l’amicizia. Infine la foto di gruppo seguita dalla promessa di organizzare in futuro un altra serata allegra e divertente con tanta buona musica.

  ROSARIO MESSINA

Il taglio della torta

Il taglio della torta

La torta dell'amicizia

La torta dell’amicizia

Pippo Galeano e Angela Lombardo

Pippo Galeano e Angela Lombardo all’inaugurazione della mostra di manufatti artigianali a casa di Galeano

 

PIPPO  GALEANO artigiano del legno d’altri tempi:    

A questo punto è doveroso conoscere meglio Galeano. Giardinese doc, ebanista raffinato e di rara originalità, sin dall’età di otto anni si dedica all’arte del legno  che nel tempo trasformerà in un mestiere. Le prime nozioni dell’uso del legno e delle tecniche per la realizzazione di manufatti Pippo Galeano li apprende frequentando la bottega del noto ebanista Nicola Cristoforo considerato un icona nel suo settore che in quegli anni esercitava la sua professione. Il giovane Galeano dal Maestro apprende con ingegno, passione e tenacia l’arte e i segreti per costruire mobili e manufatti per la casa, elaborando negli anni tecniche personali e, nel contempo, aggiungendo il suo imprinting all’esperienza maturata nella bottega del maestro. Tecniche che il pubblico ha avuto modo di apprezzare nei numerosi manufatti esposti nella mostra che ha realizzato tempo fa nella sua casa museo.

0 245
Un momento dello spettacolo

Un momento dello spettacolo

Giardini Naxos (Me) – Ha voluto omaggiare il Comune di Giardini Naxos e la Chiesa Madre con una pregiata copia del copione dello spettacolo intitolato “E chiamamula cu vera fidi” messo in scena lo scorso 12 settembre in occasione delle festività in onore della Madonna S. Maria Raccomandata Patrona di Giardini Naxos.  A consegnare i due testi realizzati con una elegante rilegatura è stato lo stesso autore ed ideatore dello spettacolo, il cantastorie ripostese Luigi Di Piano il quale, nel corso di una cerimonia svoltasi al Municipio.

            Di Pino, accolto dal Sindaco Pancrazio Lo Turco alla presenza di alcuni personaggi della cittadina jonica ha consegnato al primo cittadino ed al parroco della chiesa Madre una copia del testo dello spettacolo dedicato alla comunità giardinese e, alla profonda devozione verso la Madonna Raccomandata.  Il cantastorie catanese, ispirato da alcuni testi storici, tra questi la recente pubblicazione del libro “Giardini Naxos nel cuore” di Piero Montes,  ha messo in scena uno spettacolo che racconta magistralmente la storia della Patrona e le vicende attraverso le quali la comunità locale  chiamò la Madonna “Raccomandata”.  Il Sindaco Lo Turco nel ringraziare il cantautore per l’originale opera che ha riscosso tanto successo e per la generosa donazione del copione, ha usato parole di stima e grande considerazioni verso l’artista ripostese  concludendo dicendo che Luigi Di Pino per l’originale lavoro che ha realizzato e per aver dimostrato anche in passato un profondo attaccamento verso la cittadina jonica può essere considerato meritatamente cittadino onorario della città di Giardini Naxos.

Anche il parroco Don Giuseppe Di Mauro ha usato parole di apprezzamento per l’originale opera e per il gradito dono ringraziando a nome di tutta la comunità parrocchiale l’autore dello spettacolo.

Alla cerimonia di consegna sono intervenuti vari personaggi tra questi il noto presentatore Antonello Musmeci che il 12 settembre scorso aveva presentato lo spettacolo, il preside Francesco Bottari, Saro Bellinghieri cultore delle tradizioni locali, Filippa Consoli, il pittore Pippo Foti, il regista-videomaker Pino Parisi, il maratoneta Salvatore Ferrara, il promoter Salvo Mannino, Nino Vadalà (responsabile Archivio Storico Giardini Naxos), Jano Mortellaro, Saro La Spina, Giuseppe Leotta.

Nel ringraziare il Sindaco per la calorosa accoglienza e tutti gli intervenuti Luigi Di Pino ha detto: La consegna del copione al Sindaco ed al Parroco della chiesa madre  dell’ultima mia opera dedicata alla Patrona di Giardini Naxos S. Maria Raccomandata è stato il coronamento di un ‘avventura artistica iniziata lo scorso febbraio e culminata nella toccante rappresentazione del 12 settembre presso la chiesa Madre dedicata alla Madonna. Voglio ringraziare ancora il Sindaco che ha patrocinato con il Comune lo spettacolo, il parroco don Giuseppe Di Mauro che ha permesso la realizzazione dello spettacolo in chiesa e tutti gli artisti e tecnici (circa un centinaio) che hanno reso possibile la realizzazione di questa idea, immediatamente accolta entusiasticamente dall’Amministrazione giardinese attenta alla valorizzazione della propria storia e delle tradizioni locali. Un grazie di cuore va anche a tutti coloro che mi seguono con passione e continuano a darmi sostegno.”

La foto di gruppo

La foto di gruppo: al centro, in prima fila, Luigi Di Pino, il Sindaco di Giardini Naxos ed il Parroco della chiesa S. Maria Raccomandata

Luigi Di Pino con il Sindaco ed il Parroco Di Mauro

Luigi Di Pino con il Sindaco ed il Parroco Di Mauro

Luigi Di Pino e Don Giuseppe Di Mauro

Luigi Di Pino e Don Giuseppe Di Mauro

Luigi Di Pino e Don Giuseppe Di Mauro

Luigi Di Pino e Don Giuseppe Di Mauro

0 161

Catania –Nel pomeriggio del 22 novembre, presso l’Istituto San Francesco di Sales, al termine della seduta di insediamento, il nuovo Consiglio direttivo dell’UCSI Unione Cattolica Stampa Italiana sezione di Catania, eletto dall’Assemblea plenaria del 15 novembre, ha confermato alla presidenza il preside Giuseppe Adernò.
Per il prossimo quadriennio, a comporre il neo direttivo Ucsi Catania sono i consiglieri: Mimma Cucinotta con funzione anche di vice presidente; Andrea Micciché e Graziella Nicolosi cui è stato attribuito pure l’incarico rispettivamente di segretario e tesoriere; Vincenzo Caruso, Salvo Fichera, e Marco Pappalardo.

Nel corso dell’incontro sono stati messi in cantiere i primi appuntamenti. Il 25 gennaio 2020 in occasione della Festa di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti, in agenda il congresso regionale per il rinnovo del Consiglio regionale UCSI, con la partecipazione della presidente Nazionale, Vania De Luca.
Alla riunione dello scorso venerdì, è stato inoltre concordata la realizzazione di un evento per ricordare solennemente due storici e prestigiosi personaggi della città di Catania scomparsi recentemente: Monsignor Gaetano Zito vicario Episcopale per la Cultura dell’Arcidiocesi di Catania (1952 – 2019) e il professor Antonino Blandini  (1943 – 2019) docente di diritto ed economia, sovrintendente dei Beni culturali e giornalista cattolico esperto in tradizioni religiose.

da dx Marco Pappalardo, Salvo Fichera, Giuseppe Adernò, Mimma Cucinotta e Graziella Nicolosi

da sin.: Marco Pappalardo, Salvo Fichera, Giuseppe Adernò, Mimma Cucinotta e Graziella Nicolosi

0 331

 

 

Ha scelto un format fuori dagli schemi per presentare la sua ultima creazione letteraria: parliamo della scrittrice giardinese Daniela Sabato, autrice di “Non dire la verità”, edito da “ctl editore Livorno”, ed in vendita in tutti i maggiori siti di distribuzione letteraria. Infatti, presso l’archivio storico/banca della memoria di Giardini Naxos, curato da Nino Vadalà, è andata in scena un’anteprima letteraria che ha visto come relatori/ moderatori il dott. Giovanni Bucolo ed il dott. Giuseppe Leotta e gli artisti Sara Pulvirenti e Francesco Papa esibirsi in alcune letture relative ad alcuni passaggi del testo per suscitare la curiosità di una nutrita platea. Un giallo/ thriller molto scorrevole e capace di tenere alta la tensione del lettore quello della Sabato, ambientato in un paesino della Sicilia rurale dal nome fittizio, Primulivo. Nel corpo del romanzo ricorrono molti temi cari alla scrittrice come ad esempio la critica agli effetti alienanti della tecnologia, in particolare dei social media, la complessità di sentimenti come l’amore e l’amicizia, ed una simbologia fitta di riferimenti anche alla biografia personale dell’autrice. A fare da sfondo un paesaggio fisico e morale della Sicilia che ricorda le esperienze veriste del passato. “Siamo molto soddisfatti dell’esito di questo evento – hanno dichiarato gli organizzatori – è importante investire sulla cultura in un Paese dove si legge sempre meno, da anni privato di una libreria, e dove gli artisti del luogo non sempre sono promossi come meriterebbero. Ci tengo particolarmente a ringraziare la prof.ssa Cettina Costa per aver scritto la prefazione del mio libro e la relazione sull’autrice – ha affermato la Sabato. Siamo stati molto contenti anche della presenza di molti artisti naxioti d’eccellenza come i maestri Pippo Foti e Turi Azzolina, si respirava un autentico senso di comunità – hanno commentato a margine dell’anteprima Bucolo, Leotta e Sabato”.

image

0 404

Un orgoglio tutto Ragusano il giovane atleta Marco Schembri che sfiderà il campione incarica Gordi 5 round per la disciplina Muay Thai K1 presso il Palazzetto dello Sport di Pisa il 23 novembre 2019. Il Muay thai K1, noto anche come thai boxe, boxe thailandese o pugilato thailandese, è un’arte marziale e sport da combattimento a contatto pieno che ha le sue origini nella Mae Mai Muay Thai, antica tecnica di lotta thailandese. Esso utilizza una vasta gamma di percussioni in piedi e di tecniche di clinch. L’Atleta Marco con la sua disciplina e la caparbietà caratteriale ha raggiunto i vertici nazionali di tale disciplina, la complessità delle tecniche e la velocità dei movimenti affascina anche gli spettatori non meno interessati al mondo delle arti marziali.

L’Accademia delle Prefi con il suo Presidente Salvatore Battaglia ha voluto omaggiare i risultati raggiunti con l’augurio di vederlo sul podio più alto di tale disciplina. Proposto dal Comitato Accademico delle Prefi come candidato ad Atleta dell’anno 2019 per lo Sport.

IL SICILIANO MARCO SCHEMBRI SFIDA GORDI

IL SICILIANO MARCO SCHEMBRI SFIDA GORDI

La locandina dell'incontro

La locandina dell’incontro

0 346

Lo abbiamo visto con il suo gruppo (i Cuban Flex) ballare nella sigla di “Ballando Sotto le Stelle” il famoso show di Rai 1 condotto da Milly Carlucci per il quale ha realizzato alcune coreografie. Ha lavorato con le maggiori star del ballo di livello internazionale. Il 29 novembre sarà protagonista a Giardini Naxos di una serata che si prospetta memorabile nella discoteca Caposkisò-Janeeta. Stiamo parlando di Tony Flex coreografo, ballerino e influenzer tra i più quotati del panorama internazionale.

A dare tono e, una “botta di vita” alla movida giardinese anche nell’imminente stagione invernale ci ha pensato l’imprenditore locale, Silvio Angrisani il quale ha programmato nel suo locale Caposkisò-Jaaneta beach diversi eventi che si prospettano di grande richiamo specie per i giovani. Dopo le serate estive animate da artisti e Dj di fama internazionale anche per questa stagione invernale appena iniziata Caposkisò-Jaaneta Beach di Giardini Naxos si conferma uno dei locali di punta della Riviera jonica. Il primo appuntamento del palinsesto invernale è quello di giorno 29 con la serata dedicata ai ritmi caraibici animata da Tony Flex. Originario di l’Avana da anni vive in Italia, a Torino,  dove ha frequentato la scuola artistica di ballo. Tony è uno dei tre ballerini del Gruppo musicale di ballo “Cuban Flex” composto da Yanny Rodrigueza, Yunior Aguilera, Tony Flex e Roilan (batterista) tutti di nazionalità cubana.

Tony Flex è un ballerino professionista che, con le sue coreografie e quelle del gruppo dei Cuban Flex sta girando tutto il Mondo dove si esibisce in spettacoli pieni di energia e tanta buona musica cubana.

E’ stato ospite con i Cuban Flex in diversi programmi televisivi in Italia e all’estero. In Italia  ha partecipato come ballerino al programma Music di Paolo Bonolis, facendo coreografie con Luca Laurenti. Altro programma di spicco al quale ha partecipato è stato il famoso show televisivo “Ballando sotto le stelle” per il quale ha realizzato con il suo gruppo alcune coreografie per la sigla del programma. Ha collaborato con ballerini di fama internazionale e, ogni suo video pubblicato sulle piattaforme social (Facebook, Instagram, Youtube ecc.) ha migliaia di visualizzazioni. In parole povere una vera star di fama internazionale che sicuramente darà tono alla movida comprensoriale. A commento dell’evento Silvio Angrisani  dice:”Siamo onorati di poter ospitare nel nostro locale un professionista di tale fama. Sarà un’opportunità per tutti coloro che sono appassionati di danze caraibiche poichè potranno vedere dal vivo un ballerino di indiscussa fama. Sono certo che sarà una serata divertente dove sarà possibile ammirare le impeccabili tecniche di ballo di un grande professionista. Sarà anche un occasione per imparare a migliorare la propria tecnica di ballo ammirando le performance di Tony Flex. Sono certo comunque che ci divertiremo parecchio“.

Il ballerino cubano Tony Flex

Il ballerino cubano Tony Flex

1x Locandina

0 153

Si svolgerà sabato 26 ottobre presso la Sala convegni dell’Hotel Villa Daphne di Giardini Naxos  la cerimonia di consegna del “Premio Azione Cattolica – vita ecclesiale | impegno politico | arte e cultura” . La giuria, già a lavoro da parecchi mesi per l’organizzazione della terza edizione della manifestazione, ha reso noti i vincitori che nel corso della serata-evento riceveranno il riconoscimento per l’anno 2019: “Associazione “Cercasi un fine”  – Fondazione San Giovanni Battista di Ragusa – Festival Taobuk.

Il “Premio Azione Cattolica – vita ecclesiale | impegno politico | arte e cultura”  nasce da una idea del Consiglio parrocchiale dell’Associazione giardinese per arricchire di significato i festeggiamenti realizzati in occasione del 90° anniversario della fondazione dell’Azione Cattolica nella città di Giardini Naxos presso la chiesa madre “S. Maria Raccomandata”. Proprio in quella occasione il Consiglio parrocchiale di AC ha anche deciso di conferire il “Premio Azione Cattolica” ogni anno a personalità distintesi per particolari meriti sia in ambito nazionale che locale in tre specifici ambiti: “Impegno sociale e politico”,  “Impegno ecclesiale”, “Impegno Artistico e Culturale”.

L’iniziativa è stata sin dalla sua prima edizione sostenuta e incoraggiata dall’Amministrazione Comunale che ne ha riconosciuto la valenza culturale sottolineando così il prestigio della manifestazione e l’importanza del ruolo svolto dall’Azione Cattolica che nei suoi oltre 90 anni di presenza nella città è stata e continua ad essere una palestra di vita e di formazione cristiana per intere generazioni di Giardinesi

Nelle prime due edizioni il Premio è stato consegnato a personalità di rilievo in campo nazionale, come ad esempio l’On. Ernesto Preziosi per l’intensa opera di promozione e diffusione sull’intero territorio nazionale italiano dell’Associazione “Argomenti 2000, il dott. Roberto Falciola, per la meritevole opera di vice postulatore della causa di canonizzazione del Beato Pier Giorgio Frassati, il dott. Angelo Sicilia, creatore dei “Pupi antimafia, l’Ufficio diocesano Migrantes dell’Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela, il dott. Pierluigi Vito, giornalista di TV2000 e scrittore, solo per citarne alcuni, senza trascurare l’ambito locale con un premio al Cav. Nino Buda per l’impegno nella diffusione della cultura popolare siciliana in tutto il mondo.

Per l’edizione 2019 il Consiglio parrocchiale di AC, dopo aver valutato una rosa di candidati, ha scelto di assegnare il premio a:

  • Per la sezione “Impegno sociale e politico”: Associazione “Cercasi un fine nella persona del Prof. Don Rocco D’Ambrosio.
  • Per la sezione “Impegno ecclesiale”: Fondazione San Giovanni Battista, di Ragusa, nelle persone del Vescovo, S.E. Mons. Carmelo Cuttitta e del Dott. Renato Meli
  • Per la sezione “Arte e Cultura”: Festival Taobuk, nella persona del suo Presidente Antonella Ferrara

“Siamo davvero felici e orgogliosi di essere giunti alla terza edizione di questa manifestazione” – dicono soddisfatti i componenti il Consiglio parrocchiale. “Il successo e l’apprezzamento ricevuto nelle passate edizioni ci ha incoraggiati e  spinti ad andare avanti in questa direzione, per lasciare alla città e a tutta la comunità parrocchiale un premio che resti nel tempo e leghi il nome di Giardini Naxos a temi importanti quali l‘arte, la cultura, l’impegno sociale, politico e ecclesiale.

Ai premiati, come ormai consuetudine, verrà consegnato il prestigioso Premio consistente in una Medaglia in argento 925/°°°, realizzata artigianalmente dall’Atelier orafo Alvaro&Correnti  di Taormina,  in esclusiva per l’associazione giardinese  e raffigurante il logo dell’Azione Cattolica da un lato e la scritta AC Giardini Naxos dall’altro.  La serata vedrà la partecipazione dell’Orchestra Mandolinistica “M° G. Gioviale” di Taormina.

LOCANDINA_PREMIO_A

0 360

Il 13 ottobre scorso presso l’Ex Chiesa di San Benedetto e Santa Chiara di Licodia Eubea si è inaugurata la mostra di costumi teatrali del titolo “Abitare il racconto”. Protagonista dell’evento l’artista Ariana Talio di Giardini Naxos che ha proposto con i suoi costumi teatrali, un percorso, un viaggio nel mondo della fiaba  un ‘mondo ideale’, come insegna Max Lüthi  regalando allo spettatore una messa in scena che ha dato vita alla fiaba teatrale de “L’Amore delle tre Melarance” del conte Carlo Gozzi.

Il progetto Abitare il Racconto” spiega Ariana Talio  “è il frutto di un percorso che ha inizio ben 10 anni fa quando iniziai ad avere interesse per la fiaba ed il racconto popolare che nel tempo sono diventati scritti.  Oggi questo tema a me caro prende forma attraverso questo omaggio al maestro, al drammaturgo e, al suo Genio!”.

Alla inaugurazione della mostra sono intervenute molte autorità tra queste,  il Vicesindaco Santo Randone, l’Assessore alla Cultura Dario Tripiciano, il Presidente dell’Archeoclub di Licodia Eubea Giacomo Caruso e l’editore Armando Siciliano per il quale l’artista è anche autrice di alcune sue copertine.

La cura dell’allestimento dello spazio espositivo realizzato all’interno della navata settecentesca della chiesa è di Umberto Naso curatore negli anni di molteplici allestimenti artistici. Così lui racconta: “Sappiamo che i tessuti sono stati prima scelti, distesi sul tavolo, poi con un gesto sicuro il gesso ha tracciato il disegno, quindi con destrezza tagliati con un grande paio di forbici…come non ricordare il gesto che sta per essere compiuto, fissato sulla tela da Giovan Battista Moroni nel suo celebre ritratto ‘Il Sarto’…una polifonia di colori, di tessuti e di forme: broccati dai mutevoli colori, pizzi e tulle, maschere, copricapo ed acconciature per dare fisionomia alle care maschere della Commedia dell’Arte. Corsetti, gonne e sottogonne, abiti di principi, di maghi e di fate…i manichini fremono solo al pensiero di essere vestiti dagli abiti che l’abile artigiana nella grande stanza con perizia, ironia ed amore ha creato. Adesso, indossati gli abiti, come per magia si muovono e si apprestano ad entrare nello spazio della rappresentazione…

“Delle tre Melarance egli è l’Amore. Che sarà mai? L’ho detto e non mi pento. Fate conto, mie vite, mie colonne, d’essere al foco colle vostre nonne”.

La mostra all’interno della navata resterà aperta fino al 24 novembre prossimo. “In cuor nostro” auspica Ariana Talio “ci auguriamo di poterla nuovamente rivedere in altri luoghi così itinerante col suo baglio in mano di magia e meraviglia“. Nell’apprendere la notizia della mostra il Sindaco di Giardini Naxos Pancrazio Lo Turco ha espresso parole di apprezzamento per il lavoro dell’artista giardinese.Non possiamo che essere orgogliosi” ha detto il Sindaco “di questo ennesimo  successo di Ariana. In passato l’abbiamo apprezzata per altre opere artistiche che hanno evidenziato lo spiccato talento artistico di questa nostra giovane concittadina. La sua bravura ed il suo impegno nel percorrere nuove esperienze artistiche ha fatto si che fosse apprezzata anche oltre i confini della sua città e questa originale mostra è un esempio tangibile. Auguro ad Ariana di continuare questo suo percorso con entusiasmo ed impegno certo che in futuro sarà premiata da tanti altri successi.”

Ariana Talio originaria di Giardini Naxos, nasce artisticamente come pittrice. Attualmente si occupa della ideazione e realizzazione di costumi teatrali e in questo ultimo suo lavoro è riuscita a omaggiare il maestro Piero Tosi, da poco scomparso, attraverso la realizzazione di due costumi ispirandosi alla Medea di Pasolini.

La locandina della mostra

La locandina della mostra

L'artista Ariana Talio

L’artista Ariana Talio

RIMANI IN CONTATTO