DICEMBRE 2018
Home Tags Posts tagged with "messina"

messina

0 10

Messina – Si terrà giorno 17 dicembre con inizio alle ore 20:00 presso l’Auditorium Mons. Fasola il Concerto di Natale promosso dall’Associazione CCSVI Sclerosi Multipla col patrocinio del Rotary Club Messina presieduto dal dott. Edoardo Spina, del Kiwanis Antonello da Messina presieduto dall’ing. Orazio Nicosia, dell’ACLI Service Messina presieduto dal dott. Antonio Gallo  dal CESV Messina presieduto dal dott Rosario Ceraolo e con la collaborazione del III e IV quartiere e della Commissione Sanità della Regione Sicilia .

L’evento di beneficenza promosso con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica, i media e le istituzioni sulla CCSVI condizione patologica scoperta dal prof. Paolo Zamboni dell’Università di Ferrara e dal dottor Fabrizio Salvi dell’Ospedale Bellaria di Bologna, e con l’apertura all’ informazione su tutti i metodi di Diagnosi e Cura disponibili , prevederà gli interventi del presidente regionale CCSVI Gianfranco Pistorio, del delegato provinciale CCSVI Virginia Caccamo, del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Messina Salvatore Cuzzocrea.

Ad esibirsi diretti dal maestro venezuelano Abreu Semaìas Botello, l’Orchestra FALCONE BORSELLINO dedicata a due giudici siciliani uccisi dalla mafia nell’estate del 1992 nata per dare alle ragazze e ai ragazzi, alle bambine e ai bambini siciliani, un’opportunità di crescita sana, all’insegna della fratellanza e della legalità.

A presentare la serata l’avv. Silvana Paratore prezioso punto di riferimento nel settore del volontariato sociale.

L’orchestra è stata creata dalla Fondazione no profit “La città invisibile” presieduta da Alfia Milazzo e formata da bambini e ragazzi strappati al disagio sociale dei quartieri più difficili del comune etneo. Ne fanno parte allievi trai 6 e i 18 anni provenienti da tre centri di formazione di Catania (Librino e San Cristoforo), Adrano (CT) e Siracusa.

L’Evento Ideato dal direttore Artistico Gianfranco Pistorio , nasce all’interno del nuovo contenitore  I AM concept, format che dara’ vita nel 2019 ad una serie di iniziative atte a promuovere la Musica e la Cultura nella citta’ di Messina

Per info e  prenotazioni contattare il n. 329/0930006

00xx  Locandina A3 Plus H

0 80

Mostra, cartolina omaggio ai visitatori, annullo postale e 2 nuovi francobolli natalizi

 

Annullo filatelico

Annullo filatelico del 18 dicembre 2018

MessinaE’ stata presentata nella Sala Giunta della Città Metropolitana di Messina, la mostra “Il Natale nella filatelia”, un evento nato per  festeggiare il 40° Anniversario di fondazione, il Circolo Filatelico “Peloritano”, in sinergia con il Servizio Cultura della V Direzione di Palazzo dei Leoni.

La manifestazione rimarrà fruibile dal 18 dicembre 2018 (giorno dell’inaugurazione) al 6 gennaio 2019.  Per l’occasione,  i filatelisti del “Peloritano” metteranno in vetrina una selezione di collezioni dal “sapore” natalizio; ma non solo: per fare conoscere la filatelia tematica in particolare ai giovani, verrà infatti esposta anche una sezione  su illustri personaggi storici messinesi (Felice Bisazza, Giuseppe La Farina, Giovanni Pascoli e Salvatore Quasimodo).

Durante l’intera durata della “Giornata della filatelia”, quella inaugurale del 18 dicembre, i soci del “Peloritano saranno a disposizione del pubblico per illustrare caratteristiche e pezzi postali delle varie tematiche in esposizione. L’ingresso (orari 9-13 e 16-19, sabato solo mattina, domenica e festivi chiuso) è gratuito.

Nella stessa giornata, all’interno di Palazzo dei Leoni sarà stato allestito  un Ufficio distaccato di Poste Italiane che dotato, oltre che dei vari prodotti postali, di un annullo speciale figurato, il cui bozzetto è stato realizzato dall’arch. Nino Principato.

Verrà inoltre predisposta una cartolina speciale natalizia “tutta messinese” che farà da pendant al timbro e che sarà possibile affrancare utilizzando i due nuovi francobolli ordinari delle Serie tematica “Le Ricorrenze”  dedicati proprio al Santo Natale (emessi l’1 dicembre dal Ministero dello Sviluppo Economico). Il Direttivo del Circolo Filatelico ha deciso di fare un “omaggio” ai cittadini regalando questo cartoncino ricordo a ogni visitatore, unitamente a un pieghevole informativo sull’organizzazione della manifestazione.

Un momento particolare, per il sodalizio culturale (i cui affiliati hanno già riscosso brillanti risultati anche in prestigiosi appuntamenti internazionali), che potrà poggiare le simboliche 40 candeline su una torta “tricolore” e ricordare anche la figura del suo fondatore e presidente per oltre un trentennio: il terzo Premio “Pippo Fonseca”, anima del Circolo Filatelico Peloritana fino alla scomparsa nel 2009,  sarà quest’anno assegnato a una personalità di spicco delle nostra città che ha contribuito alla crescita culturale di Messina.

La brocure dell'evento

La brocure dell’evento

L'evento

L’evento

La Cartolina di Natale

La Cartolina di Natale

0 75

Messina -Un susseguirsi di spettacolo ed adrenalina ed un folto pubblico hanno caratterizzato il successo della gara Enduro di Messina ‘100 . Regia organizzativa dell’evento il Motoclub Messina presieduto da Antonio Musicò che ha tirato le redini lasciatigli dal padre Giovanni venuto a mancare quattro anni fa che era conosciutissimo ed apprezzato nell’ambiente dell’enduro e del cross messinese ed al quale è stato dedicato il minuto di raccoglimento annunciato dalla madrina della Manifestazione Silvana Paratore che ha voluto ricordare le dieci edizioni consecutive della gara unica nel suo genere che dagli anni ’80 egli aveva con tenacia, determinazione, infaticabilità e passione portato avanti a Messina .

A dare il via alla manifestazione con la bandiera a scacchi l’assessore allo sport Giuseppe Scattareggia insieme alla madrina ed all’Assessore alla protezione civile Massimo Minutoli raggiunti successivamente anche dall’assessore al turismo Dafne Musolino. Atmosfera magica quella vissuta in una domenica all’insegna dell’enduro la cui bellezza la si avvertiva già nella zona antistante il preparco resa magica dai gonfiabili della federazione motociclistica italiana, dagli stand degli espositori, dai piloti, sbandieratori, meccanici, cronometristi, ufficiali di gara, addetti ai lavori, fotografi, personale di servizio. Una grande voglia di stare insieme ha connotato la giornata tra i numerosi presenti non solo amanti delle due ruote , alla ricerca di piazzarsi nei punti giusti per ammirare i piloti sfidare il percorso di sabbia di 3500 metri . A raccontare la gara lo speaker Luigi Mamone con la madrina Silvana Paratore. Ai microfoni si sono alternati rappresentanti delle istituzioni messinesi, piloti dei vecchi tempi, il direttore di gara Daniela Bucolo (prima donna direttore di gara già nel 1985 ritornata in opera dopo 33 anni), il commissario di gara Antonio Cutroneo, il segretario di gara Ursula Calogero, il presidente del moto club di Taormina Marco Mainardi, il responsabile di Moto.it Antonio Privitera media partner dell’evento. Tanti passaggi con moto che sfrecciavano e sparivano all’orizzonte i nomi dei cui piloti venivano scanditi dallo speaker suscitando emozioni in un pubblico già presente in loco dall’alba. Frequentato il gazebo di Poste italiane per l’annullo filatelico della manifestazione. Un evento che è stato capace di rilanciare l’immagine sportiva della città dello stretto in ambito nazionale nel quale a far da padrone è stato il talentuoso Salvatore Runcio re tra le dune seguito da Carmelo Ferla, Alessio Panarello, Simone Ricciardi e Giuliano Mancuso, Esteban Messina, Francesco Greco, Carmelo Scibilia, Salvatore Scala e Salvatore Greco. Una cinquantina gli iscritti alla gara che sono stati sostenuti dai propri fan durante tutto il percorso. Presente alla manifestazione l’associazione cicloturistica di Castanea con Marzia. Soddisfatto il promotore evento Antonio Musicò visibilmente commosso che ha voluto consegnare a tutti i piloti premi e gadget messi in palio dagli sponsor evento ringraziando il Comune di Messina, l’assessorato allo sport ed al turismo, le aziende e tutta la squadra da Marcello Bottari punto di riferimento insostituibile dell’enduro messina a tutti coloro che a vario titolo con impegno e sacrifici hanno garantito la riuscita ottima del Trofeo Giovanni Musicò. 

Gli organizzatori con la madrina Avv. Silvana Paratore

Gli organizzatori con la madrina Avv. Silvana Paratore

Lo Staff organizzativo

Lo Staff organizzativo

I partecipanti alla manifestazione

I partecipanti alla manifestazione

La foto ricordo con un concorrente

La foto ricordo con un concorrente

L'annullo postale

L’annullo postale

ptr

0 41

Domenica 2 dicembre sarà una giornata di festa con piloti provenienti da tutta la regione e non solo

 Presentato alla Sala Ovale del Comune di Messina il “Trofeo Giovanni Musicò” Illustrata nel dettaglio dalla madrina della manifestazione Silvana Paratore la gara di Enduro di Messina – 100 minuti sulla sabbia che si terrà domenica 2 dicembre nell’arenile di Mortelle. A promuoverla il Moto club Messina con patrocinio dell’Assessorato allo sport ed al Turismo del Comune. Media partner Moto.it . Allestita nell’atrio del Palazzo Municipale anche una mostra di moto d’epoca di inestimabile valenza storica che è visitabile liberamente a partire da oggi .

Trattasi di una competizione organizzata negli anni ’80 per dieci edizioni consecutive dal compianto Giovanni Musicò:  una gara unica di 100 minuti in cui si cimenteranno tantissimi sportivi provenienti da tutta la regione e non solo.

L’ evento presentato nella settimana della fiera all’Eicma mira a rilanciare l’immagine sportiva della città dello Stretto in ambito internazionale. La regia organizzativa è di Antonio Musicò che ha preso in mano le redini del motoclub fondato da suo padre Giovanni e nel segno della tradizione enduristica sabbiaiola messinese ha voluto con tenacia e determinazione predisporre un appuntamento che in passato ha avuto tra i protagonisti alcuni dei piloti più forti del panorama internazionale del motocross e dell’enduro quali Michele Rinaldi e Corrado Maddii.

Nello spazio antistante il Lido “Le Dune” verrà allestito anche un gazebo di Poste Italiane per pubblicizzare l’annullo filatelico.

La manifestazione alla quale sono stati invitati Team di carattere internazionale grazie anche al supporto e in alcuni casi alla partnership di alcune aziende leader nel fuoristrada, , è stata pubblicizzata nella pagina Facebook della Pirelli Moto e dell’azienda spagnola Cooltra (motori elettrici).

Definiti i profili tecnici dell’evento Enduro Messina: la gara si svolgerà su un percorso fuoristrada di sabbia per uno sviluppo di metri 3500 da ripetersi più volte sito in località arenile di Mortelle. La competizione consiste nel percorrere il tracciato il maggior numero di giri nel tempo di 100 ‘

La partenza è fissata c/o villaggio Le Dune alle ore 11:00 . Il direttore di gara sarà Daniela Bucalo, il segretario di gara Jeanette Macri ed il commissario di gara Antonio Cutroneo. Presenti alla conferenza stampa l’assessore alla protezione civile Massimo Minutoli, l’assessore al turismo Dafne Musolino ed i familiari di Giovanni Musicò oltre che appassionati di moto che numerosi parteciperanno domenica alla rievocazione dell’enduro 100’ contribuendo a rendere la città di Messina famosa alle cronache sportive nazionali.

Antonio Privitera di Moto.it, Ass. Minutoli, Ass. Musolino, avv. Paratore, Antonio Musicò, la madre e la sorella

Antonio Privitera di Moto.it, Ass. Minutoli, Ass. Musolino, avv. Paratore, Antonio Musicò, la madre e la sorella

L'Avv. Silvana Paratore madrina della Manifestazione ed Antonio Musicò presidente del Motoclub Messina

L’Avv. Silvana Paratore madrina della Manifestazione ed Antonio Musicò presidente del Motoclub Messina

La moto di Musicò

La moto di Musicò

0 3396

Taormina – Nell’ambito delle metodiche innovative che stanno rivoluzionando la terapia di alcune malattie tiroidee, nell’ospedale “San Vincenzo”, presso il reparto di chirurgia generale, diretto dal prof. Vincenzo Panebianco, il dott. Serenella Ristagno, responsabile della sezione di endocrino-chirurgia, esegue quotidianamente trattamenti di “termoablazione” laser su guida ecografica, di noduli tiroidei benigni. Tale metodica, con la quale ha finora sono stati trattati un centinaio di casi, ha già permesso di evitare l’intervento alla maggioranza dei pazienti molti dei quali con un elevato rischio operatorio (anziani, cardiopatici, ecc..). La netta riduzione di volume dei noduli tiroidei trattati, infatti, consente, in molti casi, di soprassedere all’intervento riducendo, inoltre, le liste di attesa per i pazienti che devono necessariamente essere operati. In ultimo, ma non meno importante, questo tipo di termoablazione è, praticamente, indolore in quanto viene eseguita con una fibra laser che giunge dentro il nodulo attraverso un ago e non necessita di anestesia locale o generale.

L'ospedale S. Vincenzo di Taormina

L’ospedale S. Vincenzo di Taormina

0 155

MessinaPartecipato al Salone delle Bandiere del Comune di Messina, il convegno regionale “Contro ogni forma di violenza per un argine al Bullismo un Educatore Sociale con l’arte marziale del Karate. L’evento rientrante nel progetto La Sicilia e lo sviluppo del sociale nel Mediterraneo promosso dall’Associazione Nova Spes Senectute con la collaborazione dell’Msp Italia sez. Messina ed il patrocinio della Regione Sicilia Assessorato turismo, sport e spettacolo è stato moderato dall’avv. Silvana Paratore che ha sostenuto come oggi i giovani appaiano insicuri, confusi e senza punti di riferimento. Identificare il ruolo sociale ed educativo dell’attività fisica è importante perché i luoghi ove si svolge lo sport diventano centri di aggregazione forieri di regole etiche e di valori  ed insegnamenti di vita. Dopo i saluti dell’Assessore alle politiche sociali Alessandra Calafiore ha preso la parola il dr. Ieni Salvatore Presidente dell’Associazione Nova Spes Senectude Messina e coordinatore del progetto Educatore Sociale che ha sostenuto come occorra realizzare iniziative sociali che promuovano l’educazione e favoriscano la comunicazione, la condivisione e lo scambio reciproco tra adolescenti, giovani e persone mature. A seguire sono intervenuti il Presidente dell’Msp Italia Messina Angelo Minissale che si è soffermato sulle attività promozionali dello sport per tutti evidenziando come lo sport sia un autentico fattore sociale capace di portare in superficie la trama sotterranea che regola le relazioni collettive. E sull’importanza dello sport si è soffermato anche il consigliere della III circoscrizione Alessandro Cacciotto che ha ribadito come esso può assumere un ruolo centrale, intervenendo sulla percezione di se stessi e divenendo essenziale per prevenire i fenomeni di bullismo attraverso la promozione di una vera e propria inclusione sociale . Ringraziamenti sono stati espressi in apertura del suo intervento dal Maestro Angelo Tosto  uno dei promotori del progetto, agli Onorevoli Elvira Amata, Maria Ippolito, Alessandro Pappalardo, a Monsignore Cesare Di Pietro Vescovo Ausiliare della Diocesi di Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela ed all’Amministrazione comunale di Messina, per aver accolto l’idea che l’attività motoria, la disciplina del Karate e delle Arti marziali e lo Sport nel suo insieme, risultano efficace veicolo di socializzazione e potente strumento di lotta all’esclusione, al bullismo giovanile ed a quello sottaciuto dell’età matura. Ha suscitato attenzione l’intervento della dott ssa Angela Zappala’Lionti che ha relazionato su Violenza e Bullismo e sulla valenza dell’arte marziale nel processo pedagogico educativo. Significativo il suo intervento sulle arti marziali con cui si controllano gli impulsi aggressivi e si favorisce lo sviluppo sia del corpo che della mente in positivo.  Incisivo il monito del consigliere del progetto per un Educatore Sociale Cav. Uff. Fulvio Lorenzetti che ha chiarito lo scopo del progetto evidenziando come la stessa etimologia del termine educatore riporta a colui che realizza una azione educativa che contribuisce alla crescita umana della persona. Un educatore sociale nell’arte marziale del Karate ha affermato Lorenzetti, diviene una figura centrale nel contesto ambientale sociale dove opera affrontando tematiche che apparentemente si presentano separate ma nella realtà si generano dalle medesime radici ed alle quali la risposta deve essere complessiva nella sua valenza. La pratica di attività sportive , l’Arte marziale del Karate e quelle da combattimento possono contribuire, ha aggiunto, a promuovere l’affermazione di valori quali l’amicizia, le relazioni interpersonali, la lealtà, l’empatia e la condivisione, il rispetto delle regole, la capacità di cooperare, la partecipazione, l’impegno sociale ed il fair play . Curiosità ed interesse hanno suscitato le dimostrazioni tecniche di karate a cura del M° Angelo Tosto con spiegazioni funzionali di Fulvio Lorenzetti .

I relatori

Relatori e Organizzatori

Una dimostrazione di autodifesa con il Karate

Una dimostrazione di autodifesa con il Karate

Al centro l'avv. Silvana Paratore

Al centro l’avv. Silvana Paratore

I relatori dell'incontro

I relatori dell’incontro

0 59

Taormina (ME) – “Legalità ai tempi nostri” è stato il tema di un interessante convegno che si è svolto nella sala consiliare di Palazzo dei Giurati. Si è trattato di un vero e proprio abbraccio della “città del Centauro” a Nicolò Mannino (noto per essere il “professore antimafia”) e Salvatore Sardisco, ideatori del “Parlamento della legalità internazionale” di cui potrebbe essere presto ambasciata proprio la cittadina simbolo del turismo isolano. L’Iniziativa, spinta dall’associazione “Aiace” e dalla “Pro loco”, in strettissima collaborazione con la presidenza del Consiglio comunale, ha registrato una notevolissima partecipazione. Seguitissimi, appunto, sono stati gli interventi di: Lucia Gaberscek (Presidente del civico consesso), Mario Bolognari (sindaco di Taormina), Gaetano Caliri (presidente Pro Loco), Carlo Turchetti (presidente onorario Pro Loco, autore di un sapiente intervento sul ruolo dell’associazionismo), Franz Buda (presidente nazionale Aiace e storico). Il momento è stato anche l’occasione per indicare soci onorari del parlamento personaggi illustri della  città come Bolognari, Buda e Carmelo Cavallaro (ex comandante della Polfer di Taormina attuale rappresentante dell’Anps). Ha moderato i lavori il giornalista, Mauro Romano. Presenti in sala tanti personaggi di spicco del mondo culturale taorminese e regionale del calibro dell’ex senatore, Nino Strano, Giuseppe Spartà, (intenso promotore dell’iniziativa), Alberto Maugeri e Sergio Spadoni.

La foto di gruppo

0 40

MessinaInteresse ed attenzione ha suscitato, in una gremita Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore G. Minutoli di Messina, il workshop informativo per l’inserimento del bambino con diabete promosso dall’Associazione Giovani Diabetici di Messina presieduta da Armando Maggiari in collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale della Regione Sicilia e col patrocinio dell’Azienda Sanitaria provinciale di Messina e della Federazione Regionale Diabete Sicilia che ha visto la presenza del Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca. Lo scopo del laboratorio informativo i cui lavori sono stati moderati dall’avv. Silvana Paratore,  è stato quello di fornire informazioni utili per agevolare l’inserimento degli studenti con diabete nelle scuole garantendo loro il supporto necessario per conciliare una condotta terapeutica corretta con gli obblighi scolastici senza che intervenga alcuna forma di discriminazione. La scuola ha sostenuto la Paratore, in apertura evento, è il contesto in cui il bambino, l’adolescente ed il giovane confronta e costruisce se’ stesso al di fuori dell’ambiente protetto della famiglia. Necessaria si pone una piena integrazione scolastica degli alunni con diabete coi loro coetanei.  Dopo i saluti della docente referente alla salute dell’Istituto Minutoli prof.ssa Ivon Cannata, della Dott.ssa Agata Tringali dell’ufficio scolastico territoriale provinciale di Messina e della Presidente del Comitato Genitori dell’ istituto sig.ra Puleo Caterina, ha preso la parola il primo relatore dott.ssa Claudia Ventrici dirigente medico pediatra presso l’Ospedale civile di Locri che si è soffermata sulla conoscenza della malattia e di come fronteggiarla per preparare ed istruire il personale scolastico ed ausiliario. Su come mangiare sano ed equilibrato, sulle strategie di approccio verso i bambini che rifiutano alcuni cibi, sulla necessità di destinare meno ore alla TV ed all’Hi tech e più ore all’aria aperta e soprattutto sull’importanza della prima colazione e della merenda da porre nello zaino si è occupata la dietista dell’U.O.C. di Pediatria del Policlinico di Messina dott.ssa Pina La Monica.  Seguitissimo l’intervento della psicologa –psicoterapeuta dott.ssa Maria Pecoraro che ha focalizzato l’attenzione dei presenti sull’importanza del sistema famiglia e del sistema scuola nella crescita del bambino e del ragazzo con diabete sottolineando come il contesto scolastico contribuisce nel percorso di accettazione della malattia  incentivando l’autostima del sé. Dopo un breve coffe break i lavori sono proseguiti con la dott.ssa Marisa Agosta responsabile dell’unità operativa educazione e promozione alla salute aziendale dell’Asp di Messina che ha illustrato la normativa siciliana in vigore in particolare il Decreto assessoriale 7 gennaio 2015 avente l’obiettivo di sostenere i familiari nella gestione del bambino con diabete nel percorso di inserimento a scuola.  A concludere i lavori il Presidente dell’Associazione Giovani Diabetici di Messina Armando Maggiari che oltre a richiamare il ruolo delle associazioni a livello regionale e locale che si occupano di diabete, ha spiegato, con una simulazione in tempo reale, l’utilizzo del glucagone per prevenire il rischio di coma diabetico fornendo indicazioni utili di come fronteggiare le urgenze e le eventuali complicanze che si possono presentare con la patologia diabete. Presenti all’incontro docenti referenti di svariati istituti scolastici della città taluni dei quali insegnanti in classi ove sono presenti diversi bambini e ragazzi con diabete.

Incisivo il monito del Presidente Maggiari che nel corso del dibattito sorto a conclusione evento , ha sollecitato i presenti a farsi portavoce per iniziative come quella denominata “ il diabete nel mio zaino” al fine di garantire una accoglienza scolastica il più possibile vicina alla normalità ed una permanenza in ambito scolastico in condizioni di sicurezza : circostanze che possono essere assicurate solo dalla condivisione di una comune cultura del conoscere e del sapere fare.

I relatori

I relatori

I partecipanti al work shop

I partecipanti al work shop

La foto di gruppo

La foto di gruppo

0 38

MessinaAlla presenza di Autorità Religiose, civili e militari  si è celebrata, nel villaggio Castanea delle Furie, in via Oreto,  la giornata di commemorazione dei caduti della Grande guerra. L’evento accreditato nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della prima Guerra mondiale dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – è stato promosso dall’Associazione culturale peloritana presieduta dal Cavaliere Geom. Domenico Gerbasi direttore altresì del Museo Etnoantropologico di Castanea. La manifestazione è stata coordinata e presentata dal Cavaliere O. M. R. I. Avv. Silvana Paratore che ha affermato come il Monumento ai caduti ricorda un testamento scritto dai Martiri col sangue: lo ricorda alle Madri, alle Vedove, agli Orfani ed ai figli di Castanea. Presenti il Ten. Col. Attilio Vitale dell’Esercito, il Capitano Nicola Amoroso del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Messina;il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Castanea Maresciallo Maggiore Massimo Morgillo; il Maresciallo ordinario Francesco Scaltrito del Nucleo di polizia economica e finanziaria della Guardia di Finanza di Messina, il 1°Lgt Gaetano Ruggirello dell’esercito, l’app. Ivano Messina del G. A. N. Gdf, il 1°Caporal Maggiore Daniele Befumo.  Hanno partecipato all’evento le Associazioni combattentistiche e militari in congedo quali l’Istituto del Nastro Azzurro,  l’Associazione Nazionale Cavalieri Insigniti al Merito della Repubblica Italiana sezione Territoriale di Messina; la Croce Rossa di Messina con Francesca Geria e Maria D’Arrigo, la Società Operaia di Castanea col Vicepresidente Antonino Oliva, l’associazione Nazionale del Fante di Barcellona, la Consulta Reale Siciliana col Presidente Conte Angelo Molino della Torre, la Fondazione di partecipazione Antonello da Messina col Presidente Pippo Previti. Intervenuti alla giornata di commemorazione l’assessore comunale al Turismo Dafne Musolino che ha portato i saluti dell’amministrazione sottolineandone l’impegno  in iniziative di elevato Valore sociale,  i familiari del Finanziere Medaglia d’oro al valore militare Giovanni Denaro nativo di Castanea, il Presidente della VI circoscrizione Maurizio Mangraviti ed i consiglieri di quartiere Celi e Donato.  Dopo la benedizione della bandiera e della corona d’alloro a cura del diacono Saverio Falcone, la recitazione della preghiera del Finanziere, del Fante e della Pace. Deposta la corona d’alloro al monumento ai caduti sulle note del silenzio d’ordinanza. Nel corso della cerimonia è stata data lettura dei nomi dei Caduti in guerra.

La foto di gruppo con i reduci

La foto di gruppo con i reduci

La foto con le autorità civili e militari

La foto con le autorità civili e militari

Al centro l'avv. Silvana Paratore

Al centro l’avv. Silvana Paratore

0 54

MessinaSi è celebrata a Messina in piazza Duomo la giornata mondiale del ricordo delle vittime della strada. A promuovere l’iniziativa l’associazione italiana familiari e vittime della strada onlus sez. di Messina presieduta dalla prof.ssa Pina Cassaniti Mastrojeni . Dopo la celebrazione eucaristica in Duomo, alla presenza delle Autorità civili, religiose e militari, l’iniziativa si è spostata in piazza ove è stato distribuito materiale informativo per la sicurezza stradale e resi noti i dati dell’incidentalità. Determinata, incisiva e diretta la Presidente Cassaniti Mastrojeni che ha ribadito come i responsabili della strage non sono solo gli utenti della strada che violano le norme, ma sono anche quelle Istituzioni che non perseguono appieno gli obiettivi per i quali esistono. Occorre potenziare i controlli coprendo le carenze di organico e riflettere che diminuire la perdita di punti della patente non è sufficiente: si necessita ha dichiarato la Cassaniti Mastrojeni, renderli non più recuperabili sul presupposto che riconoscere il diritto ad avere la patente corrisponde al dovere di osservare le norme. Occorre altresì istituire sul modello del Dipartimento della Protezione civile, una autorità unica interministeriale responsabile della gestione del complesso problema della sicurezza stradale; istituire una rubrica fissa televisiva per comunicare ai cittadini il Piano Nazionale della sicurezza stradale; assicurare nelle scuole l’educazione stradale e la formazione etico-sociale; garantire le cure necessarie per la riabilitazione a lungo termine dei disabili permanenti ed il sostegno economico continuativo per i progetti di vita indipendente; promuovere percorsi specifici di accesso al pubblico impiego per gli orfani o le vedove delle vittime della strada. Non è più il tempo di sottovalutare le responsabilità personali. Occorre ha affermato che istituzioni e cittadini raggiungano insieme importanti obiettivi che si concretano nel superamento delle disparità processuali tra vittima ed imputato e nel garantire la copertura di lacune nella tutela delle vittime al fine di assicurare una applicazione più efficace ed uniforme della disciplina vigente. Necessarie inoltre una serie di politiche di prevenzione per rendere realistico l’obiettivo europeo della Visione Zero corrispondente a quello di fermare la strage dell’AIFVS.

Dopo il contributo dell’Assessore comunale Carlotta Previti e del Presidente della Croce Rossa di Messina Dario Bagnato, è intervenuta alla manifestazione anche l’avv. Silvana Paratore che ha affermato come la giornata non debba esaurirsi nel ricorso di chi ha perduto la vita sulla strada ma deve promuovere concrete iniziative di prevenzione finalizzate alla riduzione dell’incidentalità. Il dovere del ricordo , ha sostenuto, deve rafforzare l’impegno della prevenzione. Ha concluso il suo intervento con un accenno alla normativa vigente sull’omicidio stradale e l’invito a firmare la petizione a sostegno dei diritti delle vittime e la sicurezza stradale nella consapevolezza che gli ultimi dati ACI –ISTAT evidenziano una crescita del numero delle vittime sulle nostre strade.

Commozione tra i presenti, alcuni dei quali genitori e familiari di giovani vittime della strada, ha suscitato la lettura dei 70 nomi di persone che hanno perduto la loro vita in tragici incidenti stradali con l’indicazione della data dell’accaduto . La maggior parte di esse (n.46) avevano una età minore ai 30 anni;  altri ( n. 16) aventi una età compresa dai 30 ai 51 anni ed infine in minoranza (n. 7) le  persone decedute in strada di età superiore ai 51 anni.

Applausi hanno accompagnato i nomi di : Valeria Mastrojeni (17 anni); Niki Crisafulli ( 17 anni); Leonardo Virga ( 24 anni); Salvatore Subba ( 73 anni); Francesco Omero ( 19 anni); Salvatore Currò ( 18 anni); Bianca Di Stefano ( 21 anni); Santino Freni ( 15 anni); Giovanni Cannata ( 78 anni); Emanuela Argeri (23 anni); Salvatore Amato( 51 anni); Giovanni Marangolo (23 anni); Cristian Raffa Irrera ( 17 anni); Andrea Scaglione ( 20 anni); Danilo Gullo ( 17 anni); Salvatore Patanè ( 50 anni); Luca Ragonesi ( 21 anni); Alessandro Lamendola ( 24 anni); Antonio Maiorana ( 27 anni); Davide Cutullo ( 16 anni); Vincenzo Ferraù ( 43 anni); Maurizio La Corte ( 22 anni); Santina Balsamà ( 23 anni); Antonino Lucà ( 69 anni); Salvatore Giovanni Meo ( 36 anni); Giuseppe Stuppia ( 24 anni); Sergio Romeo ( 29 anni); Marcello Contiguglia (24 anni); Stefano Pergolizzi ( 21 anni); Giorgio Trovatello ( 23 anni); Daniele Fagnani (22 anni); Salvatore Amato ( 51 anni); Giuseppina Ingemi ( 69 anni); Noel Chiesini ( 19 anni); Giuseppa Sgrò ( 51 anni); Antonio Pizzuto ( 19 anni); Antonio Caporlingua ( 21 anni); Gaetano Giambò ( 22 anni); Andrea Ritorto ( 19 anni); Salvatore Rifici ( 46 anni); Rebecca Lazzarini ( 14 anni); Lorena Mangano ( 23 anni); Laura Lombardo ( 9 anni); Nino Centorrino ( 22 anni); Alessandro Ferrara ( 39 anni); Rosario Costa ( 14 anni); Provvidenza Grassi ( 27 anni); Ornella Condorelli ( 24 anni); Cinzia Tortorella ( 57 anni); Antonino Oteri ( 76 anni); Gaetano Santapaola ( 51 anni); Santi Inferrera ( 5 anni); Martina De Gaetano ( 16 anni); Tiziana Mangano ( 30 anni); Giuseppe Venuto ( 32 anni); Giovanni De Domenico ( 33 anni); Gandolfo Corradino (18 anni); Francesco Salvo ( 45 anni); Francesco Iellamo (43 anni); Pietro Caprì (21 anni); Pasquale Lentini ( 52 anni); Massimiliano Napoli ( 25 anni) ; Domenico Cardile (21 anni); Ignazio Pitagna ( 19 anni); Nino Fobert ( 17 anni); Giovanni Maio ( 50 anni); Antonino Alessi ( 17 anni); Claudio Scapoli ( 50 anni); Italo Russo Facciazza ( 41 anni); Biagio Amalfi (72 anni)  .

Persone intervenute alla manifestazione

Persone intervenute alla manifestazione

 Paratore, Previti, Cassaniti, Bagnato

Paratore, Previti, Cassaniti, Bagnato

Paratore e Cassaniti

L’Avv. Silvana Paratore e la prof.ssa Pina Cassaniti Mastrojeni

RIMANI IN CONTATTO