GENNAIO 2021
Home Tags Posts tagged with "rassegna archeologia subacquea"

rassegna archeologia subacquea

0 313

Parte il 7 ottobre a Giardini Naxos

la XVII  Rassegna Internazionale di Archeologia Subacquea

L’Assessore Alberto Samonà

“Un’occasione importante per un confronto internazionale sull’archeologia del mare

 

Palermo, 30 settembre 2021 – Il più grande museo del mondo? E’ quello sommerso. Lo dice la Convenzione Unesco firmata a Parigi nel 2001. Ed è proprio a questo immenso – e ancora in larga parte inesplorato – patrimonio culturale che è dedicata a Giardini Naxos, dal 7 al 9 ottobre 2021, la XVII Rassegna Internazionale di Archeologia Subacquea promossa dal Parco Archeologico Naxos Taormina e dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana.

Ad aprire i lavori, giovedì 7 ottobre alle 9.30 all’Hellenia Yachting Hotel, sarà l’Assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, introdotto da Gabriella Tigano direttrice del parco archeologico e Valeria Li Vigni, Soprintendente del Mare. È prevista la presenza del Sindaco di Giardini Naxos, Giorgio Stracuzzi, e di Edoardo Tortorici, Presidente dell’Istituto Italiano di Archeologia Subacquea.

“Un momento molto importante – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – per fare il punto sull’Archeologia subacquea affrontando con un punto di vista assolutamente scientifico tutti gli ambiti di esplorazione possibili: dalle nuove tecnologie per la ricerca, ai risultati delle ultime indagini, ai nuovi indirizzi nella realizzazione delle strutture museali dedicate al mare. Un appuntamento da non perdere che ci consolida nelle relazioni internazionali e rafforza le interlocuzioni della Sicilia con esperti, istituti, ed enti di ricerca di tutto il mondo, con i quali avviare anche nuovi momenti progettuali”.

Numerosi gli interventi programmati nell’arco delle tre giornate di studio; 70 i relatori che si avvicenderanno nel corso delle tre giornate. A Giardini Naxos sono attesi, infatti, archeologi, geologi marini, documentaristi, direttori di prestigiosi enti di ricerca (Cnr, Ingv, Centre Camille Jullian) dottorandi e ricercatori indipendenti, italiani e stranieri.

In tutto saranno rappresentati 42 istituti fra Ministero della Cultura (MiC), Soprintendenze nazionali e regionali di terra e Soprintendenze del Mare, parchi archeologici, musei e decine di atenei: 17 quelli italiani mentre fra quelli esteri figurano gli Stati Uniti (Stanford University, California), Canada (Brock University), paesi UE (Germania, Francia, Grecia, Malta e Cipro) e non UE (come la Oxford University, nel Regno Unito, e il Dipartimento Studi Europei Jean Monnet in Svizzera). Fra gli ospiti Ugo Picarelli, direttore della Borsa del Turismo archeologico di Paestum, e la giornalista di Rai 1, Donatella Bianchi, popolarissima e apprezzata conduttrice della trasmissione Linea Blu che, proprio a Taormina e ai tesori emersi dalle acque di Naxos e Isola Bella dedica la puntata di sabato 2 ottobre (Rai 1, ore 14.00).

Temi di confronto saranno lo studio, la tutela, la valorizzazione e la comunicazione dei beni culturali. Attenzione per i porti sommersi e per la tecnologia con analisi dei moderni sistemi di rilevamento in 3D. I temi da trattare sono suddivisi in macroaree.

Fra i contributi dell’edizione 2021, anche in relazione alle intese attivate in questi mesi tra Sicilia e Calabria, sarà il lavoro di tutela svolto in Calabria dal nucleo dei Carabinieri. Spazio sarà dato alle ultime scoperte realizzate dalla SopMare che hanno reso quest’ultimo anno molto fruttuoso. Nel corso della tre giorni saranno proiettati due documentari inediti che consentiranno di retrodatare di 3mila anni la prima avventura per mare: passione antichissima, a quanto pare, dell’Homo Sapiens che un casuale ritrovamento sull’isola di Marettimo fa risalire al Mesolitico, ossia tra 13600 e 8400 anni fa.

L'Assessore Regionale ai Beni dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana Alberto Samonà

L’Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana Alberto Samonà

Parco Naxos Taormina, Relitto di Capo Taormina 1 (ph. Eddy Tronchet)

Parco Naxos Taormina, Relitto di Capo Taormina 1 (ph. Eddy Tronchet)

Gabriella Tigano (Direttrice del Parco Naxos Taormina) con Donatella Bianchi

Gabriella Tigano (Direttrice del Parco Naxos Taormina) con Donatella Bianchi

0 931

L’appuntamento è per mercoledì 12 settembre, a partire dalle 10, all’Hotel Palladio. L’obiettivo dell’assessore regionale Sebastiano Tusa, del soprintendente del mare Adriana Fresina, del direttore del Parco Vera Greco è di riportare entro il prossimo anno a Naxos la rassegna internazionale interrotta nel 2001

Esperti e studiosi di archeologia subacquea mercoledì 12 settembre, a partire dalle 10, saranno all’Hotel Palladio di Giardini Naxos per partecipare al convegno “Aspettando la rassegna di archeologia subacquea” organizzato dall’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, dal Parco archeologico di Naxos-Taormina, dalla Soprintendenza del Mare e dal comune di Giardini Naxos. «Una giornata di studi dedicata al patrimonio culturale sommerso -spiega il direttore del Parco, Vera Greco – in attesa del gradito ritorno a Naxos della ‘Rassegna di archeologia subacquea’ interrotta nel 2001.  Già a partire dal prossimo anno, insieme all’assessore regionale Sebastiano Tusa, vogliamo rifondare e riorganizzare in quella che è stata la prima colonia greca di Sicilia l’appuntamento internazionale con i grandi nomi dell’archeologia subacquea».

Dopo i saluti istituzionali dell’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Sebastiano Tusa, del soprintendente del mare Adriana Fresina, del direttore del Parco archeologico di Naxos-Taormina Vera Greco e del sindaco di Giardini Naxos, Pancrazio Lo Turco la giornata si articolerà in tre diversi momenti. Nella prima parte il focus sarà su “Le navi lapidarie romane”. Interverranno: Sebastiano Tusa assessore regionale ed ex soprintendente del mare, Carlo Beltrame dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, Lorenzo Lazzarini dell’Università Iuav di Venezia, Patrizio Pensabene dell’Università La Sapienza di Roma. Il pomeriggio sarà dedicato alle “Storie sopra e sotto il mare di Sicilia” con vari interventi sulle attività condotte dalla Soprintendenza del Mare nei fondali attorno all’isola. Parteciperanno: il soprintendente del Mare, Adriana Fresina, Francesca Oliveri, Antonino Testa, Claudio Di Franco, Roberto La Rocca, Nicola Bruno, Marica Costanza Lentini e Giuseppe Simeone. La terza parte intitolata “Vedere il mare” sarà dedicata alla visione di due documentari sulla tutela e la valorizzazione del patrimonio cultuale sommerso. Nella piazza del Municipio di Giardini Naxos, a partire dalle 21.30, verranno proiettati: “Sopmare story – Il passato riemerso” di Salvo Emma, prodotto dalla Soprintendenza del Mare della Regione siciliana, e “Il porto egiziano nascosto. Un mito che riemerge” di Jan Tenhaven. La proiezione è a cura della Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica di Licodia Eubea. Interverranno Alessandra Cillio, direttore artistico del festival “Cinema archeologico subacqueo”, e Fulvia Toscano, presidente dell’Archeolclub Naxos Taormina.

La Locandina

La Locandina

Nei fondali della Baia di Naxos

Nei fondali della Baia di Naxos

RIMANI IN CONTATTO