GENNAIO 2018
Home Tags Posts tagged with "Sicilia"

Sicilia

Cercami amore mio, mi troverai nell’aria che tu respiri nei passi che tu cammini, in un fiore di tulipano tra le spighe del grano, nei fiore di zafferano………” inizia  così una delle poesie del nuovo libro pubblicato dal maestro Luigi Centra. Quest’ultima fatica del poliedrico artista di Veroli (FR) è intitolata “Quando l’amor invoca in poetici canti”. La modella milanese Maria Letizia Somma, di origine pugliese,   è la musa ispiratrice del libro. Diverse foto la ritraggono in pose sensuali vestita da odalisca, si tratta di capolavori degli scatti del fotografo milanese Enzo Viscuso che impreziosiscono le copertine del testo e diverse pagine del libro.

Il testo contiene una sessantina di poesie che regalano emozioni al lettore che li legge. I testi elaborati con parole che sgorgano dall’anima parlano d’amore. La poesia diventa territorio privilegiato di emozioni e sentimenti dell’autore verso la sua musa.

Da anni è un assiduo frequentatore della Sicilia e, in particolare,  di Giardini Naxos perché: “con le sue bellezze naturali e la sua storia” come ama ripetere “è una preziosa fonte di ispirazione per i miei lavori artistici”. A tal proposito nel libro non mancano poesie dedicate alla sua seconda patria, la Sicilia,  come “Riportami a Naxos tra i tuoi seni rassodati…”, “Con me osi amoreggiare mia bedda sicula palermitana”, “La tua pelle par che assomigli tanto ai bronzi delle donne di Manzù e di Messina”.  Alcune delle liriche sono state dedicate ad alcune muse ispiratrici come “Con te peccar vorrei d’amor mio” (dedicata alla stilista Irina), “Morir con te si ch’io vorrei” (Dedicato alla modella Maria Letizia) e “Mia avvenente donna svanita nel gran Jonio” (Dedicato alla cantautrice piemontese di origini siciliane Maria Russel che nel 2017 è stata premiata a Stra  -Venezia con il premio “Leone D’oro” per i suoi traguardi artistici.

Il maestro Centra non finisce mai di stupirci e, ancora una volta, ha lasciato il segno della sua grande maestria e sensibilità d’animo. Il suo è un libro che vale la pena leggere perchè scritto con la penna dell’anima capace di far sognare il lettore e trasferire in chi lo legge una cascata di emozioni particolarmente intensa e suggestiva.

                          ROSARIO MESSINA

Il maestro Luigi Centra a Piedimonte Etneo in Sicilia

Il maestro Luigi Centra a Piedimonte Etneo in Sicilia

Luigi Centra e Vittorio Sgarbi

Luigi Centra e Vittorio Sgarbi

Luigi Centra

Luigi Centra

Maria Letizia Somma

Maria Letizia Somma

Alcune pagine del libro con Maria Letizia Somma

Alcune pagine del libro con Maria Letizia Somma

0 1095

Taormina (Me) – Il prestigioso locale taorminese La Giara ha ospitato qualche giorno fa una manifestazione  dedicata alle acconciature, in pratica un  “Lancio moda su modelli 2018”. Oltre cinquecento persone hanno assistito all’evento.  Il gruppo di parrucchieri protagonista della manifestazione era formato da Massimo Possenti, Simone Tomasello, Giacomo Ragalmuto, Carmelo Giuffrè, Antonino Scuderi e Cristina Cacopardo. Come ci spiega Carmelo i parrucchieri hanno eseguito solo acconciature poiché i tagli alle chiome delle modelle erano state effettuate qualche giorno prima.

Elenchiamo le acconciature più gettonate di tendenza proposte dallo staff di parrucchieri: “razor fade” con old school (si tratta di un acconciatura classica con sotto rasato a pelle); acconciatura “urban style” (in pratica un taglio da strada alquanto spettinato e pettinato solo in avanti); “acconciature classiche all’italiana” con sfumatura accentuata come lo richiede il momento; acconciatura taglio asimmetrico” (un lato rasato più alto con riga fatta a rasoio e un lato più basso con un ciuffo lungo che gli scende) Quest’ultimo taglio effettuato su una delle modelle è stato eseguito  dalla parrucchiera Cristina Cacopardo.  L’acconciatura è stata eseguita a regola d’arte in maniera elegante  con tre tipi di treccine di vario spessore e raccolte. Il gruppo ha realizzato anche un acconciatura raccolta e alzata. Nel corso della manifestazione sono state effettuate delle acconciature tra le persone del pubblico il quale ha gradito tantissimo il lavoro effettuato sulle modelle.

I parrucchieri che hanno partecipato alla manifestazione di Taormina

I parrucchieri che hanno partecipato alla manifestazione di Taormina

La locandina dell'evento

La locandina dell’evento

0 25

Oggetto: “Costruisco la mia serra” – laboratorio ludico didattico | domenica 21 gennaio 2018 | Orto Botanico

 Il prossimo appuntamento con i laboratori ludico-didattici a cura di Officine Culturali per il mese di gennaio si terrà all’Orto Botanico: l’appuntamento per i giovani aspiranti botanici con “Costruisco la mia serra” è fissato per domenica 21 gennaio alle ore 10.30.

L’attività prenderà il via con una passeggiata interattiva, a tema botanico, tra l’ombra e il fresco degli alberi, tra serre e vasche, consentendo ai piccoli esploratori di conoscere l’Orto Botanico dell’Università di Catania e di porre l’attenzione sul tema della biodiversità. Si osserveranno da vicino le piante cercando di comprendere e scoprire perché sono importanti e in che modo influiscono sulla vita dell’uomo. Dopo la fase narrativa ed esplorativa si passerà a quella creativa: i giovani partecipanti impareranno a realizzare una piccola serra che porteranno a casa e di cui si prenderanno cura personalmente.

“Costruisco la mia serra”, attività didattica a cura di Officine Culturali, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali, è pensato per far acquisire maggiore consapevolezza della biodiversità e dell’utilità delle piante nella vita quotidiana, al fine di accrescere nelle nuove generazioni l’affezione alla natura e, dunque, la consapevolezza dell’importanza della sua tutela.

 Il laboratorio è rivolto a bambini di età compresa tra i 6 e gli 12 anni e sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Per partecipare è necessaria la prenotazione ai numeri 0957102767 – 3349242464.

 

Il Laboratorio

Il Laboratorio

 

0 65

Giardini Naxos (ME) - A Messina il “Copavist”  Comitato di Partenariato Volontario per le infrastrutture, la logistica e i Trasporti della Città Metropolitana, presieduto dall’avv. Michele Minissale, dichiara che grazie all’art. 7-bis della  legge 27 febbraio 2017, n. 18.  a  partire dal primo gennaio 2018 per il Meridione  d’Italia potrebbe iniziare una stagione nuova se le Regioni interessate (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna) sapranno sfruttare le opportunità offerte.

Il compito ineludibile del Governo centrale sarà quello di  far sì che la spesa pubblica in conto capitale a favore delle otto regioni del Sud, non possa essere inferiore all’incidenza percentuale della popolazione meridionale sul totale nazionale dei cittadini italiani.

Si tratta della cosiddetta “clausola del 34%”, tanta è la percentuale della spesa da destinare alle regioni del Sud Italia, data l’incidenza, per il primo anno di applicazione della legge,  della popolazione interessata sul totale nazionale.Tale misura normativa ha lo scopo di rendere competitive le regioni meridionali riducendo il loro gap attuale rispetto alle regioni del Centro-Nord, laddove, si pensi che attualmente gli investimenti ordinari nel Sud,  sono pari al 22% del totale.

E’ stato calcolato che se, negli anni dell’ultima crisi, dal 2009 al 2015, fosse stata attivata la clausola del peso demografico piuttosto che di quello produttivo,  il Pil del Sud avrebbe praticamente dimezzato la perdita accusata dal 2008. La diminuzione degli occupati sarebbe stata pari a -2,8% invece del -6,8% e si sarebbero persi circa 300 mila posti di lavoro in meno rispetto alla effettiva perdita di occupazione registrata, pari a circa mezzo milione di unità.

Se si tiene conto che l’ammontare complessivo degli investimenti statali ordinari è pari a 50 miliardi circa, la quota aggiuntiva di risorse spendibili a disposizione  del Mezzogiorno d’Italia sarebbe di ben 6 miliardi. Risorse tutte da destinare a investimenti per rendere competitivo il nostro territorio meridionale, che potrebbe così contare sulla certezza di una cospicua nuova disponibilità di capitali per infrastrutture e opere pubbliche, normalizzando, in tal modo,  la spesa ordinaria e valorizzando la funzione aggiuntiva e non sostitutiva dei fondi europei.

Se è vero che a partire dalla seconda metà del 2015 l’economia italiana ha dato i primi cenni di ripresa in termini di reddito, di produzione e di occupazione, è anche vero che uno dei lasciti negativi della crisi economica mondiale iniziata nel 2008 è stato l’ampliamento del divario di competitività tra le aree forti (Centro-Nord) e le aree deboli del Paese (Meridione e isole), a svantaggio di quest’ultime.

Sarà bene che alla luce di questo fatto i rappresentanti del Sud – politici, esponenti delle organizzazioni sindacali e datoriali, imprenditori, professionisti, uomini di  scienza e dottrina, uomini e donne impegnati nell’associazionismo e nei movimenti di azione civica – si facciano promotori della concreta attuazione  della clausola demografica  .

E’ necessario un nuovo approccio alla cosiddetta “questione meridionale”, un tema, questo, degradato nel tempo a problema marginale, addirittura scomparso dall’agenda della politica italiana dopo le tante polemiche sull’intervento straordinario nel Mezzogiorno culminate nel 1985 con la messa in liquidazione della Casmez.

L’operato di quest’ultima, tuttavia, da qualche anno è stato oggetto di un profonda rilettura, al punto che negli ultimi mesi si è assistito a una rinnovata attenzione alle condizioni di svantaggio e di disagio del nostro Meridione . Difatti, oltre alla citata legge 18/2017, è stata varata anche la legge n° 123 del 03/08/2017, che ha convertito il D.L. n° 91, del 20/06/2017, recante disposizioni urgenti per la crescita economica del Mezzogiorno.

Tale decreto contiene in particolare quattro misure di grande valore, come quella a favore dei giovani imprenditori nel Mezzogiorno, denominata “Resto al Sud”, quella per l’istituzione delle Zone Economiche Speciali (ZES), quella relativa alla semplificazione per la valorizzazione dei Patti per lo sviluppo e alla valorizzazione dei Contratti istituzionali di sviluppo e, infine, quella per la ricollocazione dei lavoratori espulsi dai processi produttivi nelle Regioni meridionali.

In particolare si noti l’istituzione delle ZES, ovvero di zone geograficamente limitate e chiaramente identificate, nella quale le imprese potranno beneficiare di speciali condizioni per gli investimenti e per lo sviluppo. Al fine di generare vantaggi competitivi, il legislatore ha stabilito che la perimetrazione delle ZES debba includere almeno un’area portuale compresa nella rete transeuropea TEN-T  .

I benefici principali di questo strumento scaturiscono dagli sgravi fiscali e dalle semplificazioni amministrative: le Regioni potranno aggiungere a queste opportunità altre condizioni di favore, a cominciare da incentivi mirati alla crescita produttiva.

Posto che sono innegabili le evidenze per le quali l’Autorità portuale di Messina-Milazzo dispone di porti compresi nella richiamata  rete TEN-T  e  la città metropolitana di Messina, almeno sotto il profilo socio-economico, è meno sviluppata rispetto alle altre due città metropolitane della Sicilia, ne consegue che  trova oggettivo fondamento il pensiero che i nostri territori godano, di una condizione di priorità in tema di riconoscimento e individuazione di una esclusiva area riconosciuta ZES.

Quando il Governo, su motivata proposta della Regione Siciliana, avrà varato i provvedimenti attuativi e istituito la Zona Economica Speciale nella città metropolitana di Messina,  spetterà al nostro tessuto economico e sociale il compito gravoso di dimostrare di essere pronto all’appuntamento dell’innovazione di sistema.

ZES  ME

ZES ME

0 210

Giardini Naxos (Me) – Il Consiglio Comunale ha approvato nella seduta del 18 dicembre 2017 il Piano di Azione sull’Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Giardini Naxos, presentato con la proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 55 del 31/10/2017. Il Vice Sindaco Carmelo Giardina assessore alle Politiche Energetiche ha espresso ampia soddisfazione per l’approvazione del PAES. A tal proposito ha dichiarato: “L’approvazione  del Piano di Azione sull’Energia Sostenibile da parte del Consiglio Comunale nella seduta del 18 dicembre, rappresenta un passo importante per la città ed un impegno preciso dell’Amministrazione sul fronte del risparmio energetico, dell’efficienza energetica e tutela dell’ambiente. L’approvazione è avvenuta con sei voti favorevoli dei consiglieri di maggioranza e tre astenuti da parte dei consiglieri di minoranza i quali hanno mantenuto il numero legale affinché la votazione avesse luogo, dimostrando anche loro senso di responsabilità per la rilevanza del documento. L’approvazione del PAES è solo l’inizio di un percorso, malgrado siamo in ritardo, in quanto il documento doveva essere redatto ed approvato entro un anno dall’adesione del Comune al “Patto dei Sindaci-Covenant of Mayors” avvenuta nel 2013 con deliberazione di CC n.14 del 22.04.2013. Il Piano sarà immediatamente inviato al JRC (Joint Research Centre) a Bruxelles, organo tecnico della Commissione Europea, dove sarà valutato per l’approvazione finale. Il documento, redatto  e sviluppato da professionista esterno in ottemperanza a quanto previsto dalle Linee Guida How to Develop a Sustanaible Energy Action Plan (SEAP) elaborate dal JRC, è composto da due pubblicazioni: il BEI ed il PAES. Il BEI (Baseline Emission Inventory-Inventario delle emissioni di base) delinea il profilo energetico del Comune in cui sono tracciate le emissioni annue di CO2 relative agli usi energetici del territorio comunale ed evidenzia gli ambiti in cui è necessario intervenire per ridurre le stesse emissioni. Il PAES, invece riporta dettagliatamente le varie azioni che il Comune di Giardini Naxos intende adottare per raggiungere l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 20% , incrementare del 20% la produzione da fonti energetiche rinnovabili e produrre un risparmio energetico del 20% entro il 2020. Le risorse pubbliche stimate per il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel PAES del Comune , ammontano a circa € 6.550.000,00. Il PAES inoltre è documento essenziale per poter partecipare ai bandi di finanziamento europeo. Essendo il documento un Piano dinamico, verrà continuato il processo di concertazione e comunicazione pubblica volto a condividere la proposta elaborata dal Comune con tutti gli attori del territorio, Enti Locali, privati, portatori di interessi ecc.

     ROSARIO  MESSINA

Il Vicesindaco Carmelo Giardina

Il Vicesindaco Carmelo Giardina

Il Comune di Giardini Naxos

Il Comune di Giardini Naxos

PAES

PAES

0 27

Giardini Naxos (Me) – Il Sistema Dibawatt installato sull’impianto di illuminazione pubblica del Comune di Giardini Naxos ha compiuto un anno. A fare un bilancio sui risultati e sui risparmi ottenuti nei dodici mesi è il Vicesindaco Carmelo Giardina, assessore alle Politiche Energetiche il quale dice: “Il sistema Dibawatt, ad un anno dall’installazione sull’impianto dell’ illuminazione pubblica, ha prodotto un consistente risparmio economico alla cassa del Comune di Giardini Naxos.  Siamo lieti di comunicare alla cittadinanza che, in esito al controllo effettuato sui consumi dell’energia elettrica dell’impianto di illuminazione pubblica da marzo 2016 (data di completamento dell’impianto Dibawatt) a marzo 2017, si è rilevato un considerevole risparmio sui consumi e sui costi della pubblica illuminazione, in aderenza a quanto dichiarato nel 2015, durante la prima fase dei lavori. Come affermato dall’ufficio ragioneria, in esito alla verifica annuale effettuata sulle bollette prima (da marzo 2013 a marzo 2014) e dopo l’intervento Dibawatt, il consumo dell’energia si è ridotto di un valore pari a KWh 209.268, che tradotto in termini economici vale euro 131.623,21. I’importante risparmio sul consumo e sui costi si è ottenuto principalmente grazie all’uso di una nuova tecnologia, e senza alcun investimento da parte del Comune, installando su 1.748 pali dell’illuminazione pubblica un innovativo alimentatore elettronico (Dibawatt). Del risparmio annuo conseguito in bolletta, una parte verrà impiegato, per cinque anni, quale soluzione di finanziamento leasing, mentre la parte restante confluirà nelle casse comunali. Dopo i cinque anni di leasing, tutto il risparmio sarà a totale appannaggio del Comune, quindi l’investimento si pagherà in cinque anni esclusivamente col risparmio in bolletta. Siamo soddisfatti di questo investimento, il cui merito principale va al dirigente pro tempore dell’UTC che ha iniziato il progetto. Inoltre, desideriamo portare a conoscenza che tale soluzione, stiamo generando un contributo fattivo alle politiche ambientali (risparmio di tonnellate di CO2) e notevoli benefici immediati e duraturi sul bilancio comunale (con minori impegni sulla voce di spesa corrente per circa 15 anni).

          ROSARIO MESSINA

Il Vicesindaco Carmelo Giardina

Il Vicesindaco Carmelo Giardina

Pubblica illuminazione sul lungomare di Giardini Naxos

Pubblica illuminazione sul lungomare di Giardini Naxos

Il congegno del DibaWatt installato sulle lampade della pubblica illuminazione

Il congegno del DibaWatt installato sulle lampade della pubblica illuminazione

Il Comune di Giardini Naxos

Il Comune di Giardini Naxos

0 83

Taormina - SICILIA GRAND TOUR Viaggiatori, turisti, cittadini consapevoliTaormina, Sabato 13 gennaio, ore 10.30 Palazzo dei Duchi di Santo Stefano. È questo il tema scelto dalla associazione Art.9 per il secondo appuntamento, dopo la presentazione ufficiale di Siracusa. Un incontro che si prospetta ricco di spunti di riflessione, suggestioni e provocazioni atte a stimolare un.vivace dibattito sugli.scenari del turismo in Sicilia, con particolare riferimento a quel segmento, comunemente detto del turismo culturale che si conferma, oggi piu che mai, come la nuova frontiera del turismo, il crinale lungo cui definire nuove strategie di accoglienza e ospitalità. Tutti gli interventi programmati declineranno diversi aspetti e problematiche, puntando l’ attenzione, soprattutto, sulla necessità di riconquistare una dimensione che è quella dei viaggiatori più che dei turisti, pronti a guardare con nuovi occhi la Sicilia, da leggere e “offrire” nella sua specificità e pluralita, e da promuovere come la più grande stratificazione culturale del pianeta che, proprio da questo 2018, anno del Patrimonio, deve ridefinire la propria centralità mediterranea, sullo sfondo della complessità del reale e delle sfide della globalizzazione. Alla iniziativa, patrocinata dal Comune di Taormina, ed ospitata nella splendida cornice del Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, partecipera’ l’ assessore regionale al Turismo, dott. Sandro Pappalardo. Ai lavori, coordinati da Fulvia Toscano, interverranno studiosi ed esperti, molti dei quali facenti parte della stessa associazione Articolo 9. Dopo i saluti del Sindaco di Taormina, dott. Eligio Giardina,dell’ Assessore al Turismo, Salvatore Cilona e dell’ Assessore alla cultura, Andrea Raneri, la giornata proseguirà con la proposta dei seguenti interventi: On. Fabio Granata “Viaggio e Paesaggio culturale:un nuovo Grand Tour per nuovi Viaggiatori”; Prof. Filippo Grasso “Sistemi turistici e distretti culturali “; Dott.ssa Vera Greco “Il Parco Archeologico autonomo come metà del Viaggio “; Dott.ssa Delia Accetta “Servizi per il Teatro: gestione del bene culturale, valorizzazione, fruizione, progettualita’ e promozione”; Prof. Franz Riccobono “Una proposta:il Museo del Grand Tour”; Prof. Daniele Tranchida “Circuiti regionali teatrali e artistici”; Prof.Andrea Cerra “I circuiti letterari e il Viaggio”; Prof.Ignazio Buttitta “Le feste religiose e il patrimonio etnoantropologico della Sicilia:un calendario per Viaggiatori”; Prof.Sebastiano Tusa “Il Viaggio e i Parchi Archeologici subacquei”.

Grand Tour Sicilia

Grand Tour Sicilia

Un dipinto del Teatro Greco di Taormina

Un dipinto del Teatro Greco di Taormina

0 647

Sant’Alessio Siculo (Me) - Venerdì 26 gennaio alle ore 19,00 presso l’Hotel Kennedy di Sant’Alessio Siculo l’Associazione Progetto Speranza presieduta da Natale Lisitano in collaborazione con l’associazione  Cristo Medico organizzano un corso di formazione sulla tematica “Le malattie come linguaggio dell’anima“. L’incontro sarà tenuto da  Padre Rocco Zappia, sacerdote dell’Arcidiocesi di Messina.

La locandina del Convegno

La locandina del Convegno

 

0 588

Il soprano Giusy Di Mauro, anche quest’ anno è stata protagonista di importanti eventi musicali del periodo Natalizio. Ha infatti realizzato due Recital Natalizi proponendo un vasto repertorio delle più prestigiose arie della musica classica internazionale e del Bel Canto italiano per eccellenza. Nella realizzazione di tale programma, l’artista ha dimostrato,grandi capacità sceniche, sicurezza tecnica e importante estensione vocale.  Il M° Francesco Forzisi, affermato pianista del territorio, ha accompagnato al pianoforte il Soprano con grande maestria, competenza ed estrema musicalità. La prima perfomance artistica si è espletata, il 26 Dicembre 2017 presso la Cattedrale Maria SS. Della Provvidenza in Montalbano Elicona, uno dei Borghi più belli d’Italia. La seconda esibizione, ha avuto luogo il 27 Dicembre 2017 presso il Duomo di Taormina, uno degli angoli caratteristici del centro storico,suggestiva location ricca di storia e splendido fascino.

I due Concerti della Stagione Concertistica Natalizia 2017 del duo Di Mauro- Forzisi, sono stati inseriti nel contesto delle manifestazioni natalizie, organizzate dall’ amministrazione Comunale sia di Montalbano Elicona che di Taormina, durante i quali, i maestri hanno visto partecipe, un numeroso pubblico attento ed interessato al repertorio proposto, che ha dimostrato loro unanimi consensi. Al momento il soprano Giusy Di Mauro, accompagnata al pianoforte dal M° Francesco Forzisi, ha all’attivo numerosi concerti in varie sale e teatri della Sicilia dove la cultura e la valorizzazione dei luoghi d’arte sono “l’essenza” di ogni evento.

Giusy Di Mauro a Montalbano

Giusy Di Mauro a Montalbano

Il concerto di Montalbano: Giusy Di Mauro e Francesco Forzisi

Il concerto di Montalbano: Giusy Di Mauro e Francesco Forzisi

Il concerto di Montalbano

Il concerto di Montalbano

Giusy  Di Mauro si esibisce a Taormina

Giusy Di Mauro si esibisce a Taormina

Il duo Di Mauro- Forzisi al concerto di Taormina

Il duo Di Mauro- Forzisi al concerto di Taormina

 

0 67

L’inizio dei festeggiamenti per il 15° anniversario della fondazione dell’Augusta Boston Club è stato dato dagli inni nazionali Italiano e Americano cantati da Enzo Amara, presidente dell’Augusta Boston Club e corrispondente del Progetto Sicilia nel Mondo, dopo gli applausi e seguito il caloroso saluto di benvenuto fatto dal presidente del comitato organizzativo Mario Russo.

L’atmosfera natalizia, la musica e le canzoni proposte dai due soci del club, Sandro Russo e Enzo Amara, hanno allietato l’evento agli oltre duecento partecipanti. La manifestazione è stata colorata e profumata, dalle squisite pietanze preparate dagli chef della “Spinelli’s Function Facility di Lynnfield.

La serata ha avuto diversi momenti commemorativi e culturali, le prime ad essere premiate con due borse di studio donate dalla Lanzerotta “Family Scholarship”, sono state le studentesse universitarie: Valentina Russo e Maria Lucia Donovan.   Inoltre al socio Roberto Tringali, è stata assegnata la targa come “Persona dell’anno 2017″   e al socio  Sandro Russo, è stata assegnata la targa “High Appreciation Award”, due belle figure di associati, che si sono distinte durante l’anno per operosità ed impegno.

A Domenico Susi nato a Sulmona nel 1946 e trasferitosi a Boston nel 1967, l’Augusta Boston Club, ha riconosciuto il titolo di “High Achievement Award”, perché ha dedicato tutta la sua vita, alla divulgazione ed  allo studio della cultura e della lingua italiana. A Susi sono giunti vari attestati di merito: dal Senato del Massachussets, su proposta del senatore Joe Boncore e dalla Camera del Massachussets, su proposta del  presidente Robert De Leo. Da ricordare che Domenico Susi è presidente dell’Associazione “Gizio”, del Comitato tricolore degli Italiani nel Mondo, è il tesoriere delle Associazioni Abruzzesi in Usa, è il vicepresidente del Comites, Comitato degli Italiani all’Estero e presidente della Federazione delle Associazioni Italiane ed Italo-Americane del Massachussets. Domenico inoltre è stato festeggiato dalla moglie Anna e da tanti amici soci e presidenti delle associazioni in cui opera.

Enzo Amara ha avuto la bella idea di preparare un particolare libro ricordo dedicato alla ricorrenza, che è andato a ruba ed ha prodotto un sostanzioso introito al Club. Durante la serata sono stati letti i messaggi di saluto del Console italiano Nicola De Santis, del Sindaco di Augusta Cettina Di Pietro, delle deputate per la Circoscrizione Estero America Settentrionale e Centrale; on. Francesca La Marca e on. Angela Fucsia Nissoli Fitzgerald. Un messaggio augurale è giunto anche da Francesca Alderisi, famosa giornalista e conduttrice, nota tra le comunità italiane nel mondo. Gradito inoltre il messaggio telefonico giunto dal console onorario di Hartford Connecticut, Quintino Cianfaglione.

I premi della lotteria sono stati donati dalla compagnia  “Pratville Machinery”, che recentemente ha festeggiato il 50mo anniversario di attività, protagonista anche su Rai Italia, con un servizio dedicato ai suoi cinquant’anni. La Compagnia è stata fondata da tre “Augustanesi”, da sempre vicini ai paesani, che giungevano da Augusta. La serata si è conclusa con l’applaudita esibizione del presidente Amara, che ha proposto il suo pezzo preferito “Austa mia” (Augusta mia), brano scritto e dedicato alla sua città.

La premiazione di Mario Russo assieme alla sua famiglia, con il premio "High Appreciation Award" dell'Augusta Boston Club, assieme a Valentina Russo (abito rosso), con il premio Lanzerotta "Family Scholarship".

La premiazione di Mario Russo assieme alla sua famiglia, con il premio “High Appreciation Award” dell’Augusta Boston Club, assieme a Valentina Russo (abito rosso), con il premio Lanzerotta “Family Scholarship”.

Enzo Amara con  Valentina Russo, con il premio offerto dal Club/LANZEROTTA Family Scholarship.

Enzo Amara con Valentina Russo, con il premio offerto dal Club/LANZEROTTA Family Scholarship.

RIMANI IN CONTATTO