LUGLIO 2019
Home Tags Posts tagged with "sigonella"

sigonella

0 1063

Il progetto prevede attività di tirocinio, formazione ed orientamento per i giovani studenti dell'istituto

Sigonella (Ct) – Lunedì 26 settembre, è stata siglata a Sigonella una convenzione per attività di tirocinio di formazione ed orientamento tra l’Aeronautica Militare, rappresentata dal Comandante dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella Colonnello Pilota Federico Fedele, e l’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa, rappresentato dal Dirigente Scolastico Dott/ssa Antonella Rosa.

Come negli intendimenti del Ministero dell’Istruzione, il progetto prevede una serie di percorsi teorici e pratici per gli studenti dell’Istituto al fine di sviluppare e valorizzare le loro vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali, avvicinandoli alle attività della Difesa e dell’Aeronautica Militare per toccarne con mano le dinamiche organizzative e conoscere meglio una realtà sempre al servizio del cittadino, ventiquattro ore su ventiquattro, senza soluzione di continuità.

I dettagli del percorso formativo sono già allo studio dei “tutor” della Forza Armata e dell’Istituto. Le attività interesseranno le branche del controllo spazio aereo e della meteorologia dell’Aeroporto di Sigonella e quelle della manutenzione e dell’attività dei Gruppi Volo del 41° Stormo.

 Prima di lasciare la base di Sigonella, la delegazione di docenti e studenti del Besta ha visitato un velivolo BR-1150 Atlantic in manutenzione presso il locale hangar del Gruppo Efficienza Aeromobili.

 Il Comando Aeroporto di Sigonella ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

 Il 41° Stormo Antisom di Sigonella garantisce dal 1965 la protezione delle principali vie marittime della Nazione, contrastando la minaccia delle unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili e fornendo un costante servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio, a mezzo del “Breguet 1150 Atlantic” che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutta l’area del Mediterraneo. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, per la tempestiva localizzazione di profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti.

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

La preside dell'istituto Antonella Rosa ed il comandante della base di Sigonella e del 41° Stormo  Federico Fedele

La preside dell’istituto Antonella Rosa ed il comandante della base di Sigonella e del 41° Stormo Federico Fedele

Visita hangar Atlantic del Besta Ragusa

Visita hangar Atlantic del Besta Ragusa

Foto di Gruppo con l'Atlantic

Foto di Gruppo con l’Atlantic

0 891

Tra le attività collegate l’area espositiva dell’AM e gli incontri con i giovani

Domenica 25 settembre, si è svolta sul litorale di Scicli (RG) la manifestazione aerea “Donnalucata Air Show” con l’esibizione in volo di velivoli in dotazione all’Aeronautica Militare (AM).

La piccola cittadina Ragusana, nonostante le condizioni meteorologiche non ottimali, ha ospitato persone provenienti da tutta la Sicilia. Il pubblico ha potuto assistere alle dimostrazioni di un elicottero HH 139A del 82°Centro C.S.A.R. e degli Eurofighter F2000 del 37° Stormo di Trapani, nonchè del “familiare” velivolo Breguet 1150 Atlantic del 41° Stormo Antisom di Sigonella che dal 1972 vola su quel litorale a salvaguardia delle nostre coste e mari.

 Come di consueto a conclusione della manifestazione, l’esibizione delle “Frecce Tricolori” della Pattuglia Acrobatica Nazionale che, nella loro ultima esibizione stagionale, hanno colorato con il loro tricolore il cielo grigio del litorale Ragusano.

 Inoltre, lungo le vie di Donnalucata sono stati adibiti diversi stand tra i quali l’area espositiva istituzionale dell’AM e quello illustrativo dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella che per l’occasione ha mostrato, incuriosendo gli appassionati, un intero “cockpit” (cabina di pilotaggio) dell’Atlantic.

 Tra le attività collaterali, subito dopo essere atterrati all’Aeroporto civile di Comiso, i Piloti delle Frecce Tricolori hanno incontrato una rappresentanza di giovani studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa, guidati dal Dirigente Scolastico Dott/ssa Antonella Rosa, e i piccoli “Lupetti” dell’associazione gruppo scouts Ragusa7, guidati dal capo gruppo Leonardo Salamone.

 Tutto il supporto tecnico-logistico alla manifestazione, oltre che dall’Aeroporto civile e dall’Aeroclub di Comiso, è stato fornito dall’AM tramite il 37° Stormo di Trapani.

Per l’Aeronautica Militare è stata un’occasione per mostrare la propria organizzazione e le capacità o​perative che la Forza Armata svolge quotidianamente al servizio del Paese in Italia e fuori da confini nazionali. La Difesa Aerea dello spazio aereo nazionale “operazione Cieli Sicuri”, il supporto in favore della popolazione con costante attività di ricerca e soccorso, il trasporto sanitario d’urgenza, il servizio meteorologico e del controllo traffico aereo, sono solo alcuni esempi del costante impegno degli uomini e delle donne dell’AM.

Area espositiva

Area espositiva

Area espositiva

Area espositiva

Area espositiva

Area espositiva

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Foto di gruppo con scouts

Foto di gruppo con scouts

Frecce Tricolori a Donnalucata

Frecce Tricolori a Donnalucata

La Pattuglia acrobatica

La Pattuglia acrobatica

Il carosello della PAN

Il carosello della PAN

HH 139 del 82° CSAR

HH 139 del 82° CSAR

0 654

FrancavillaSuccesso della Spagna nel Festival dei corti. Dalla penisola iberica sono arrivati, infatti, il corto primo classificato “Lila”, del regista Carlos Lascano, e quello piazzatosi terzo, ossia “Amor a Dios” di Javier Valenzuela. Appannaggio dell’estro tricolore è stato, invece, il secondo posto, andato ad “A regola d’arte”, dell’autore ligure Riccardo Di Gerlando. Ai tre autori primi classificati sono stati assegnati in premio degli artistici lavori in pirografia del maestro Pippo Patanè.
Palcoscenico della serata é stato il gremitissimo Cineteatro Comunale “Arturo Ferrara”. In gara si sono trovati undici lavori selezionati tra i circa cinquanta pervenuti agli organizzatori nei mesi precedenti. La serata è stata brillantemente condotta dalla dirigente della Pro Loco francavillese Loredana Lombardo affiancata dal papà Felice, ideatore e direttore artistico, appunto, dell’evento diventato punto di riferimento del panorama culturale della valle dell’Alcantara. Il cantante Francesco Cubito, ha presentato il video musicale del brano inedito “Un nuovo epilogo”, realizzato da Tony Oliveri, ed in anteprima assoluta la sua ultima incisione “Volo”, di cui sono autori Pietro Granato e Franco Cirino. Durante il calcolo dei punteggi, inoltre, è stato proiettato, fuori concorso, il corto “Ludovico Carter”, del film-maker di Gaggi Giuseppe Di Dio. Il Francavilla Film Festival 2016 è stato apprezzato dal professor Filippo Grasso, docente universitario e consulente dell’Assessorato Regionale al Turismo, facente parte della giuria. La manifestazione è stata interamente finanziata da Padre Salvia di Francavilla di Sicilia cappellano militare tenente colonnello presso la base militare di Sigonella con la sua associazione onlus “Amici di Gesù nel mondo” .

La Giuria

La Giuria

0 1310

Martedì 6 settembre, il Comandante in Capo della Squadra Navale (CINCNAV), Ammiraglio di Squadra Filippo Maria Foffi, prossimo a lasciare l’incarico e il servizio attivo, ha salutato il 41° Stormo Antisom e l’Aeroporto Militare di Sigonella.

L’Ammiraglio Foffi, accompagnato dal Comandante Marittimo Sicilia di Augusta (MARISICILIA), Contrammiraglio Nicola De Felice, all’arrivo presso la Base Aerea siciliana è stato accolto dal Comandante Colonnello Federico Fedele.

Dopo gli aggiornamenti sulla situazione operativa corrente, la visita è proseguita con l’incontro con il personale di volo operante sul velivolo BR-1150 Atlantic del 41° Stormo, a cui il CINCNAV ha rivolto parole di apprezzamento per la professionalità, dedizione e impegno profuso in decenni d’attività antisom. In particolare, si è soffermato sullo spirito inferforze, la simbiosi e la perfetta sinergia che anima il citato personale appartenente sia alla Marina che all’Aeronautica.

La visita è terminata con la firma dell’Albo d’Onore del 41° Stormo, sul quale il Comandante in Capo della Squadra Navale si è espresso con indelebili parole di apprezzamento per gli equipaggi dell’Atlantic: “….sento il dovere di esprimere tutta la mia riconoscenza e l’apprezzamento per il grande lavoro svolto dagli storici Atlantic e dai loro eccellenti equipaggi: dopo 40 anni….continuano a fornire ottimi risultati nella ricerca e nella localizzazione dei targets di interesse così come nell’attività SAR di ricerca e soccorso in mare…”.

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella è dotato di velivoli “Breguet 1150 Atlantic” con i quali – dal 1972 – garantisce la  missione primaria di contrasto alla minaccia subacquea e navale e di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili.

Inoltre, concorre al controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed al supporto delle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del Mediterraneo, assicurando – tramite l’Atlantic che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutto il Mediterraneo – la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, consentendo la tempestiva localizzazione dei profughi in mare, l’allertamento degli organi preposti e garantendo al contempo un tempestivo intervento SAR (Search and Rescue: ricerca e soccorso) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi. L’Atlantic, a breve, lascerà il posto ad un nuovo e tecnologico sistema d’arma: il velivolo P-72A che continuerà ad operare sempre con equipaggi misti dell’Aeronautica e della Marina.

L'arrivo dell'Ammiraglio Foffi

L’arrivo dell’Ammiraglio Foffi

La consegna del Crest del 41 Stormo

Il Comandante della Base di Sigonella Federico Fedele consegna il Crest del 41 Stormo all’Ammiraglio Foffi

Firma dell'Albo d'Onore

Firma dell’Albo d’Onore

Saluto al personale

Saluto al personale

Saluto al personale

Saluto al personale

L'ammiraglio Foffi con il personale della base

L’ammiraglio Foffi con il personale della base

Cabina di pilotaggio dell'Atlantic

Cabina di pilotaggio dell’Atlantic

0 847

Base Aerea di Sigonella (Catania) . Mercoledì 27 luglio 2016, presso l’Aeroporto di Sigonella si è svolta la cerimonia di avvicendamento al Comando del 441° Gruppo Servizi Tecnico Operativi (STO) tra il Tenente Colonnello Nino Iebba, comandante uscente, ed il Tenente Colonnello Rocco Massimo Zaffarana, comandante subentrante.

All’evento, presieduto dal Colonnello Pilota Federico Fedele, Comandante del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella, ha partecipato una rappresentanza del personale in forza alla Base Aerea siciliana.

Il Comandante uscente ha voluto ringraziare il proprio personale per la costante disponibilità e l’impegno profuso negli anni del proprio mandato, sottolineando che “…essere stato Comandante del Gruppo STO rappresenta per me un motivo di orgoglio…”.

Il Comandante subentrante ha tenuto a ringraziare gli ospiti ed i presenti e ha detto che: “… l’incarico che mi  accingo a ricoprire rappresenta per me una nuova sfida professionale che affronterò con impegno e dedizione e che amplierà la sua esperienza lavorativa…”.

A margine della cerimonia, il Colonnello Fedele ha rivolto al Ten. Col. Iebba parole di ringraziamento per l’ottimo lavoro svolto, evidenziando che il raggiungimento degli obiettivi affidati è stato reso possibile dallo straordinario lavoro quotidiano di tutti gli uomini dello STO, a cominciare proprio dal Comandante. Infatti, l’azione quotidiana del Gruppo Servizi Tecnico Operativi è diretta a garantire la continuità operativa dell’Aeroporto di Sigonella attraverso servizi fondamentali quali il Controllo dello Spazio Aereo, il Servizio Meteorologico, Telematico e quello Rifornimenti.

Il Comando Aeroporto di Sigonella, dipendente dal Comando Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare di Roma, ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando – al contempo – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

Carimonia cambio comando

Carimonia cambio comando

Avvicendamento

Avvicendamento

Una fase della cerimonia

Una fase della cerimonia

Avvicendamento

Avvicendamento

La cerimonia delle consegne

La cerimonia delle consegne

0 933

L’Aeronautica Militare si addestra per essere sempre pronta all’azione

Sigonella (Ct). “Addestrarsi significa mettere alla prova le capacità dei mezzi a disposizione ed essere pronti a fronteggiare in modo significativo qualsiasi situazione anomala si possa verificare al fine di garantire la salvaguardia della popolazione”. Con queste parole, il Comandante del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Federico Fedele, ha concluso la giornata di attività esercitativa di recupero naufrago in mare aperto, organizzata dall’Ufficio Sicurezza Volo dell’Aeroporto di Sigonella in sinergia con l’82° Centro Search and Rescue (SAR) di Trapani e con l’ausilio della Guardia Costiera di Catania.

L’esercitazione ha avuto luogo lunedì 11 luglio 2016 nella zona antistante il Centro di Sopravvivenza a mare dell’Aeronautica Militare (AM) di Catania ed è stata finalizzata all’addestramento del personale navigante ed equipaggi fissi di volo del velivolo BR-1150 Atlantic del 41° Stormo con l’intervento dei soccorritori e l’impiego di un elicottero HH 139A del 82°Centro C.S.A.R. di Trapani.

La giornata era iniziata con il briefing teorico dell’istruttore e dell’aerosoccorritore. A seguire l’equipaggio dell’Atlantic è stato condotto nella zona di mare prescelta dove, simulato l’incidente di volo, ha consolidato le conoscenze sulle tecniche di sopravvivenza da seguire per superare i pericoli derivanti dall’ambiente marino con l’approfondimento dell’impiego degli equipaggiamenti in dotazione, compreso l’ausilio di una zattera gonfiabile, e con prove di acquaticità. Successivamente è intervenuto l’elicottero che con il verricello ha recuperato e portato in salvo tutti i naufraghi.

L’esercitazione ha permesso di consolidare e perfezionare il servizio di Ricerca e Soccorso dell’AM, capacità che la Forza Armata impiega anche a favore della Collettività, in caso di eventi gravi o pubbliche calamità, 24 ore al giorno e con qualsiasi condizione meteo.

L’82° Centro è uno dei Reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, 365 giorni l’anno, senza soluzione di continuità, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi, operando in qualsiasi condizione meteorologica. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato più di 7200 persone in pericolo di vita.

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella è dotato di velivoli “Breguet 1150 Atlantic” con i quali garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili, garantendo al contempo un costante e pronto intervento SAR (Search And Rescue: ricerca e soccorso) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi.

 1°  M. Carmelo Savoca

L'esercitazione

L’esercitazione

La simulazione di soccorso

La simulazione di soccorso

Aereosoccorritore

Aereosoccorritore

Briefing

Briefing

Elicottero dell'82°CSAR

Elicottero dell’82°CSAR

Finti naufraghi

Finti naufraghi

Recupero naufraghi

Recupero naufraghi

Il soccorso naufraghi

Il soccorso naufraghi

Recupero naufraghi con il verricello

Recupero naufraghi con il verricello

0 972

Il Contr. Berutti Bergotto ha verificato le attività della Base nell’ambito dell’operazione Europea

Martedì 12 luglio 2016, il Contrammiraglio Giuseppe Berutti Bergotto, Force Commander di EUNAVFOR MED, è stato in visita all’Aeroporto e al 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella, allo scopo di verificare la prontezza operativa e il supporto fornito        della Base Aerea Siciliana nell’ambito della citata Operazione Militare Navale dell’Unione Europea nel Mediterraneo Centromeridionale contro i trafficanti di esseri umani.

All’arrivo a Sigonella, dopo l’assunzione dell’incarico solo lo scorso 27 giugno, il nuovo Comandante della Task Force è stato ricevuto dal Comandante dell’Aeroporto, Colonnello Pilota Federico Fedele. Quest’ultimo, ha provveduto ad illustrare all’ospite il ruolo e le attività della Base Aerea. Dunque, unitamente ai componenti della Forward Operating Base (FOB) – costituita su Sigonella proprio per Eunavfor Med – sono state affrontate ed approfondite le questioni e le problematiche connesse con la presenza sul sedime degli assetti stranieri, impiegati nelle attività dell’operazione Europea, di Lussemburgo, Spagna e Portogallo. Quest’ultimo Paese da poco tempo ha concluso le attività da Sigonella.

A seguire, prima di un tour della base, la visita al personale e alle infrastrutture dei rischieramenti Spagnolo, Lussemburghese e dei velivoli a pilotaggio remoto (APR) “Predator”.

Prima di lasciare Sigonella, il Contr. Berutti Bergotto ha firmato l’albo d’onore del 41° Stormo dove – a futura memoria – ha lasciato parole di apprezzamento per l’opera svolta dall’Aeronautica Militare di Sigonella e dal proprio personale nelle attività di concorso e supporto fornite giornalmente nell’ambito dei flussi migratori in salvaguardia della vita umana.

Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare di Roma, ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando – al contempo – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso

1° M.llo Carmelo Savoca

Consegna Grest

Consegna Grest

Firma Albo D'Onore

Firma Albo D’Onore

Visita  Guidata

Visita Guidata

Visita alla Base di Sigonella

Visita alla Base di Sigonella

Visita alla Base

Visita alla Base

0 1181

Il 27 maggio 2016, il 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella ha partecipato alla manifestazione organizzata della componente Aeronavale della Marina Francese sulla base di Lann-Bihoué a Lorient in Francia che ha festeggiato il prestigioso traguardo dei 50 anni d’attività della flotta Atlantic (ATL1 e ATL2).

Il Paese Transalpino, che a tutt’oggi continua a supportare l’Italia nella gestione tecnico-logistica della Flotta ATL tramite il consorzio NATO Breguet-Atlantic, ha fortemente caldeggiato la partecipazione del Reparto per il forte spirito di collaborazione tra le due Nazioni e l’alto senso d’appartenenza che contraddistingue tutte le componenti MPA delle Nazioni del Patto Atlantico.

Come si attendeva, a Lann-Bihoué grande è stata l’ospitalità dei Francesi nei confronti dell’equipaggio Siciliano. La partecipazione della delegazione italiana è stata accolta con forte entusiasmo da parte del Contrammiraglio Bruno Thouvenin, Comandante dell’Aéronautique Navale della Marine Nationale Francese e del personale tutto, a tal punto che il velivolo del 41° Stormo è stato parcheggiato accanto all’ATL2 francese quale “ospite d’onore” in sfondo alla suggestiva cerimonia. La presenza dell’ATL1 ha inoltre suscitato un immensa commozione tra quel personale, ancora in servizio e non, che in passato aveva volato sulla versione francese. Innumerevoli sono state le manifestazioni di affetto e simpatia dei partecipanti nei confronti del nostro equipaggio.

Il significativo evento in Terra di Francia è stato una delle ultime occasioni per ammirare entrambi i velivoli fianco a fianco, a dimostrazione dell’efficacia di un lunghissimo sodalizio. Nell’ambito di questi consolidati rapporti, è già stata anticipata l’intenzione di estendere l’invito alla flotta Francese ed agli appartenenti alla componente MPA (maritime patrol) della NATO, all’evento che il 41° Stormo intende organizzare in occasione del phase-out della Flotta Atlantic, ad oggi previsto nel 2017.

 

L’Atlantic, nella sua prima versione, è al servizio dell’Italia dal 28 giugno 1972. 44 anni e ben oltre 250 mila ore di volo che suscitano tuttora fascino, ammirazione e gratitudine.

L’Atlantic è un velivolo da pattugliamento marittimo “ognitempo”, prodotto in Francia, caratterizzato da elevate autonomia e raggio d’azione e atto a condurre la lotta sopra e sotto la superficie del mare con il massimo dell’efficacia. La sua peculiarità è che è l’unico velivolo al mondo non derivato da velivolo civile, ma concepito e progettato specificatamente per l’attività “antisom” – viva testimonianza della “guerra fredda”. L’Atlantic è organico dell’Aeronautica Militare ma è impiegato dalla Marina Militare, per questo l’equipaggio, che è il più numeroso in AM, è formato da 13 militari appartenenti ad entrambe le Forze Armate. Di recente è iniziata per il 41° Stormo la fase di transizione al nuovo sistema d’arma: il velivolo ATR-72 nella versione militarizzata “maritime patrol” P-72A. Intanto, seppur datato e vicino alla dismissione, l’Atlantic – il bimotore più “anziano” dell’AM – continua a rappresentare un eccellente binomio di operatività ed efficacia per la Difesa.

Equipaggio del 41° Stormo che ha partecipato evento francese

Equipaggio del 41° Stormo che ha partecipato evento francese

Contr Bruno Thouvenin passa in rassegna schieramento

Contr Bruno Thouvenin passa in rassegna schieramento

Atlantic del 41° Stormo

Atlantic del 41° Stormo

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

 

 

0 960

Diversi gli assetti stranieri rischierati sulla base dell’Aeronautica Militare

Sigonella (Ct) – Nel periodo da 22 febbraio al 4 marzo 2016, si è svolta l’esercitazione “Dynamic Manta 2016” (DYMA 16) che rappresenta una della più importanti attività addestrative avanzate di lotta anti-sommergibile organizzate dalla NATO, con l’obiettivo di addestrare e mantenere un’elevata capacità nel pianificare, coordinare e condurre operazioni complesse in uno scenario aereo, di superficie (ASUM) e subacqueo (ASW).

Hanno partecipato assetti aerei, navali e i sommergibili di 8 differenti nazionalità: Italia, USA, Francia, Regno Unito, Turchia, Spagna, Grecia e Germania.

L’area coperta dall’esercitazione ha compreso la vasta area ad est della Sicilia, interessando il Mar Ionio ed estendendosi a Sud fino a Malta.

L’Italia, paese ospitante, ha fornito il supporto logistico dalle basi di Augusta e di Sigonella.

Dall’Aeroporto e dal 41° Stormo Antisom di Sigonella, comandati dal Colonnello Pilota Federico Fedele, il via all’esercitazione il 20 febbraio con lo “Startex Briefing” e la conclusione della stessa con il classico “Hot Wash Up Briefing” del giorno 4 Marzo 2016 durante il quale sono stati analizzati i positivi dati ed i feedback dell’esercitazione stessa.

In particolare, l’Aeronautica Militare – sempre pronta a dare il proprio contributo di logistica operativa sia in campo nazionale che internazionale – ha messo a disposizione la propria Base Siciliana al fine di fornire alla DYMA 16 il pieno supporto, sia tecnico (pianificazione e coordinamenti con le sale operative, autorizzazioni al volo, assistenza meteo e controllo traffico aereo) che logistico (parcheggio velivoli, trasporto di personale), agli assetti aerei e relativi equipaggi rischierati di Francia, USA, Regno Unito, Spagna, Germania, Turchia nonché a tutto il personale della NATO Maritime Air Command (COMMARAIRNATO) che ha operato da Sigonella.

CASA Spagnolo

CASA Spagnolo

CASA Turco

CASA Turco

Merlin Royal Britannico

Merlin Royal Britannico

Briefing apertura DYMA1

Briefing apertura DYMA

0 1245

La Madonna di Loreto celebrata presso la Basilica Collegiata di Catania

CATANIA. Giovedì 10 dicembre 2015, il 41° Stormo Antisom e l’Aeroporto di Sigonella, comandati dal Colonnello Pilota Federico Fedele, hanno celebrato presso la Basilica Collegiata di Catania la festività della Beata Vergine di Loreto, Santa Patrona degli Aviatori, alla presenza delle massime Autorità civili e militari della Provincia di Catania.
La funzione religiosa è stata officiata dal Vescovo di Noto Monsignor Antonio Staglianò coadiuvato dal Cappellano Militare Don Giovanni Salvia.
Durante l’omelia Mons. Staglianò, rivolgendosi a tutti i presenti – sia essi Autorità e ospiti o uomini e donne dell’Aeronautica – ha proferito parole cariche di entusiasmo unite alla fermezza che riaccende la fede di tutti nel fare festa alla nostra Patrona dell’Aeronautica Militare Madonna di Loreto. Ha concluso con gli auguri a tutti i componenti dell’Arma Azzurra e con la benedizione agli intervenuti
Don Giovanni Salvia ha chiesto la supplica alla Beata Vergine Maria di Loreto e, dopo essersi soffermato sulla sua storia, ha invitato tutti a proseguire sempre sulla strada indicata dal Signore.
Il Colonnello Fedele, nel breve intervento, dopo aver ringraziato il Vescovo di Noto è tutte le Autorità che hanno onorato l’evento con il loro intervento, ha rivolto un pensiero commosso a coloro che hanno compiuto il dovere fino all’estremo sacrificio donando la propria vita per il Tricolore e si è soffermato sui valori senza tempo che fanno parte di ogni componente dell’Aeronautica Militare quali la disciplina, l’etica, la passione, la professionalità, lo spirito di squadra, la generosità. Proprio su quest’ultimo principio, ha detto che “con generosità l’Aeronautica Militare garantisce – silenziosamente 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno – tutti i servizi utili al Paese e alla Collettività che vanno oltre i compiti istituzionali di difesa e sicurezza dello spazio aereo Italiano…. Per non andare lontani, il 41° Stormo e l’Aeroporto di Sigonella assicurano a mezzo dell’Atlantic la ricerca e il soccorso di persone in difficoltà in alto mare e, ancora, l’informazione meteorologica e il controllo dello spazio aereo. Grazie a queste due ultime eccellenze, dal 3 dicembre a tutt’oggi, lavorando in simbiosi (con ENAC – ENAV – INGV) è stato possibile evitare disagi ulteriori – pesantissimi o addirittura la chiusura – dell’Aeroporto di Catania a causa della spettacolare eruzione dell’etna”.
La celebrazione della Santa Patrona degli Aviatori è stata allietata dal canto dei ragazzi del Coro dell’istituto Comprensivo “Aristide Gabelli” di Misterbianco e sostenuto dalla musica liturgica del Complesso Bandistico Città di Misterbianco diretto dal Maestro e Sergente dell’Aeronautica Giovanni Emanuele Mirulla.
La solennità mariana della Madonna di Loreto si ricollega alla tradizione secondo la quale il sacello, venerato a Loreto, è la casa nazaretana della Madonna. Questo piccolo santuario biblico, caduto in mano dei musulmani, venne traslato prima a Tarsatto in Dalmazia (1291), poi nella selva di Recanati ed infine a Loreto (1294). La traslazione compendia in una sola parola l’origine del Santuario, spiega la sua cronaca, che è l’illustrazione del secondo articolo del credo cattolico: “descendit de coelo”, il Figlio di Dio discese dal cielo in terra, per rendere possibile ogni altra “traslazione” dell’umana creatura: dalla schiavitù alla libertà, dal peccato alla grazia, dalla tiepidezza al fervore, dall’egoismo alla solidarietà. Il Papa Benedetto XV, accogliendo i desideri dei piloti della prima Guerra mondiale (1914-1918), proclamò la Madonna di Loreto Celeste Patrona di tutti gli Aviatori con il Breve Pontificio del 24 marzo 1920.

    M.llo  Carmelo Savoca

La Santa Messa alla Colleggiata

La Santa Messa alla Colleggiata

La Madonna di Loreto

La Madonna di Loreto

Le autorità intervenute

Le autorità intervenute

I militari dell'AM

I militari dell’AM

Un momento rituale durante la messa

Un momento rituale durante la messa

Un momento rituale durante la messa

Un momento rituale durante la messa

Il saluto del comandante

Il saluto del comandante

I celebranti

I celebranti

Coro Istituto Comprensivo Aristide Gabelli di Misterbianco

Coro Istituto Comprensivo Aristide Gabelli di Misterbianco

Maestro Mirulla del Complesso Bandistico Città di Misterbianco

Maestro Mirulla del Complesso Bandistico Città di Misterbianco

RIMANI IN CONTATTO