MAGGIO 2020
Home Tags Posts tagged with "ucsi sicilia"

ucsi sicilia

0 38

SIRACUSAL’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio l’economia di Siracusa e dell’intera provincia. Tante, tantissime, le famiglie che non riescono ad assicurarsi neppure i beni di prima necessità. Le condizioni non ci hanno permesso di rinnovare il tradizionale scambio di auguri con l’Arcivescovo di Siracusa Mons. Salvatore Pappalardo, ma  abbiamo ugualmente rinnovato il nostro gesto di solidarietà e vicinanza alle famiglie in difficoltà donando il pane per la Caritas.

Il presidente provinciale dell’Ucsi di Siracusa, Salvatore Di Salvo, componente della Giunta Nazionale Ucsi, sentito il consiglio provinciale e il consulente ecclesiastico provinciale don Aurelio Russo, ha   lanciato un’idea benefica, in questa  Pasqua 2020 in tempo di Covid -19.   La sezione provinciale dell’Ucsi, oltre, alla donazione di  50 chilogrammi di pane alla Caritas della parrocchia Immacolata Concezione – Chiesa Madre, buoni spesa per le famiglie in difficoltà della San Vincenzo della Chiesa Madre di Lentini, ha avviato per due mesi il “pane in sospeso” per le persone in difficoltà. L’idea è semplice: si comprano dei pezzi di pane e si lasciano in panificio, a disposizione di chi è impossibilitato a comprarlo. “In questo modoha detto il presidente provinciale dell’Ucsi di Siracusa Di Salvo  – potremo aiutare le persone in difficoltà compiendo un gesto nobile per permettere a tutti di vivere dignitosamente e portare in tavola il  pane. “Rinnoviamo questo gesto, ma vogliamo aggiungere in questo momento particolare, il pane sospeso”.

UCSI Logo

0 364

Catania –Nel pomeriggio del 22 novembre, presso l’Istituto San Francesco di Sales, al termine della seduta di insediamento, il nuovo Consiglio direttivo dell’UCSI Unione Cattolica Stampa Italiana sezione di Catania, eletto dall’Assemblea plenaria del 15 novembre, ha confermato alla presidenza il preside Giuseppe Adernò.
Per il prossimo quadriennio, a comporre il neo direttivo Ucsi Catania sono i consiglieri: Mimma Cucinotta con funzione anche di vice presidente; Andrea Micciché e Graziella Nicolosi cui è stato attribuito pure l’incarico rispettivamente di segretario e tesoriere; Vincenzo Caruso, Salvo Fichera, e Marco Pappalardo.

Nel corso dell’incontro sono stati messi in cantiere i primi appuntamenti. Il 25 gennaio 2020 in occasione della Festa di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti, in agenda il congresso regionale per il rinnovo del Consiglio regionale UCSI, con la partecipazione della presidente Nazionale, Vania De Luca.
Alla riunione dello scorso venerdì, è stato inoltre concordata la realizzazione di un evento per ricordare solennemente due storici e prestigiosi personaggi della città di Catania scomparsi recentemente: Monsignor Gaetano Zito vicario Episcopale per la Cultura dell’Arcidiocesi di Catania (1952 – 2019) e il professor Antonino Blandini  (1943 – 2019) docente di diritto ed economia, sovrintendente dei Beni culturali e giornalista cattolico esperto in tradizioni religiose.

da dx Marco Pappalardo, Salvo Fichera, Giuseppe Adernò, Mimma Cucinotta e Graziella Nicolosi

da sin.: Marco Pappalardo, Salvo Fichera, Giuseppe Adernò, Mimma Cucinotta e Graziella Nicolosi

0 714

Congratulazioni vivissime al Presidente regionale  dell’UCSI  (Unione Cattolica Stampa Italiana) Domenico Interdonato,  che ha ricevuto il premio “Pro Bono Veritatis” – XV Edizione  in memoria del Martire “Rosario Livatino”. Ad assegnarglielo i l Movimento Nuova Presenza “Giorgio La Pira” –  Centro Studi Rosario Livatino,  presieduto dal dott. Calogero Centofanti. La cerimonia si è tenuta  nell’aula della Corte d’Appello del Tribunale di Messina. Il nostro presidente ha ricevuto il prestigioso riconoscimento dal questore di Messina, Mario Finocchiaro. Interdonato ha dedicato il premio a due cari colleghi e maestri di vita: Armando Russo e Crisostomo Lo Presti. 

Al centro Domenico Interdonato

Al centro Domenico Interdonato

 

0 670

A Caltagirone si è svolto il II seminario formativo dedicato ai giornalisti, Comunicare il fatto storico “Bonaventura Secusio cronista di pace”, curato dall’Ucsi Sicilia “Unione Cattolica Stampa Italiana”, con il Liceo Bonaventura Secusio e in sinergia con l’Ordine dei Giornalisti.

A dare il benvenuto, don  Paolo Buttiglieri  giornalista, docente di storia, filosofia e comunicazione sociale e consulente Ucsi Sicilia ”Con il seminario Comunicare il fatto storico, noi ci proponiamo di diffondere la cultura della comunicazione, l’edizione 2018 ha l’obiettivo di far conoscere la figura del religioso, diplomatico e comunicatore Bonaventura Secusio, un grande personaggio calatino che ha scritto sapientemente, pagine di storia, di cronaca e di pace”.

La dirigente  Concetta Sabrina Mancuso, dopo i saluti istituzionali ha ricordato la figura del diplomaticoSecusio, francescano, ministro dell’ordine e diplomatico, a 400 anni dalla morte perché nel 1698 è stato l’attore principale della Pace di Vervins, grande “costruttore di pace”.  Voglio ricordare inoltre il momento storico in cui il nostro Liceo è stato intitolato a Bonaventura Secusio, che risale al 27 aprile 1865 e noi ne siamo  veramente orgogliosi”.

Il dott. Domenico Interdonato, giornalista e presidente dell’UCSI dopo i saluti si è soffermato sull’importanza della comunicazione, ”Noi della stampa cattolica amiamo comunicare e lo facciamo utilizzando tutti i mezzi, da quelli tradizionali ai nuovi social, a Caltagirone abbiamo il piacere di tornare perché è la culla di importanti personaggi cattolici, da don Luigi Sturzo al diplomatico e religioso Bonaventura Secusio, che oggi conosceremo meglio con il contributo dei relatori“.

Il  rappresentante d’istituto Carlo Cubisino 4^B classico, ha salutato gli intervenuti e si e detto contento di far parte del Liceo dedicato a Bonaventura Secusio, grande diplomatico comunicatore di pace.

Lo storico Enzo Nicoletti, ha tracciato la biografia di Secusio. ”Il religioso e diplomatico ha partecipato alla Controriforma, ed è stato cosi importante perché all’interno del conflitto delle potenze cattoliche  di Francia e Spagna, lui non ha avuto soltanto il ruolo di comunicatore di pace, ma anche di ricomposizione di una frattura che minacciava l’Occidente”.

Il professore di storia e filosofia del liceo classico Giuseppe Alberghina, ha sottolineato l’importanza diplomatica di Secusio, citando i più importanti eventi che si susseguirono durante i conflitti tra Spagna e Francia e l’importanza della pace di Vervins.

Il prof. Salvatore Farinato, docente di discipline teologiche, ha parlato dell’impegno pastorale di Bonaventura Secusio, soffermandosi a esaminare il suo grande significato, anche per il mondo contemporaneo, prendendo in esame un’espressione di Sant’Agostino “Vescovo per voi e con voi”, che risalta la fermezza e la perseveranza di Secusio e anche il suo ruolo”.

Le relazioni si sono concluse con l’intervento del prof. Buttiglieri, il quale ha affrontato il rapporto fra comunicazione e Diplomazia: ”la comunicazione è una relazione tra due soggetti e quindi simmetrica. La diplomazia, invece, assume un atteggiamento e una relazione triadica, che deve mantenere un equilibrio tra le comunicazioni. Conclude poi con la definizione di giornalismo di pace, che è quello che ci ha insegnato Secusio”. I giovani liceali presenti al seminario dopo la conclusione di ogni relazione, hanno posto diverse domande, rendendo dinamico e interessante  il seminario.

La dirigente Mancuso dopo la conclusione dei lavori, ha aperto  ufficialmente le celebrazioni per i 400 anni dalla morte di  Bonaventura Secusio ed ha consegnato ai relatori, una pregevole opera in ceramica artistica calatina raffigurante il volto di Secusio, realizzata dal prof. Fabio Gullè.

UCSI Sicilia a Caltagirone

UCSI Sicilia a Caltagirone

Il convegno di Caltagirone

Il convegno di Caltagirone

I partecipanti

I partecipanti

I lavori del seminario di Caltagirone

I lavori del seminario di Caltagirone

RIMANI IN CONTATTO