Home Arte e Cultura A Giardini Naxos si inaugura il progetto Museo Diffuso “Arte in Circolo”

A Giardini Naxos si inaugura il progetto Museo Diffuso “Arte in Circolo”

0 1521
Il primo quadro realizzato da Centra per il Museo diffuso. Luigi Centra ed Angela Lombardo

Il primo quadro realizzato da Centra per il Museo diffuso. Luigi Centra ed Angela Lombardo

L’aggregazione “ritorna in superficie Giardini Naxos-Veroux Sindaco” ha presentato l’idea progettuale del   Museo Diffuso denominato “Arte in circolo” nello spazio espositivo di Via Vulcano Giardini Naxos, dedicato alla mostra temporanea realizzata dal pittore Santo Giordano, dallo scultore Turi Azzolina e dal pittore Pippo Foti, avente come tema il mare nella pittura e nella scultura.

All’evento, presentato da Angela Lombardo, presidente dell’Ass. Scientifico Culturale Mea Lux, erano presenti il candidato Sindaco dell’aggregazione, Antonio Veroux, esponenti di spicco del mondo artistico giardinese ed il   maestro di fama internazionale Luigi Centra, protagonista insieme all’aggregazione dell’idea progettuale del Museo Diffuso, per la realizzazione del quale il maestro Centra ha espresso la volontà di donare 100 delle sue più belle tele.

Ad inizio evento Angela Lombardo ha ringraziato gli artisti Santo Giordano, Pippo Foti e Turi Azzolina, che hanno inaugurato un mese fà la mostra d’arte tematica dedicata al mare attraverso la pittura e la scultura. A seguire, la presentazione degli ospiti e del progetto, illustrato dalla stessa Lombardo che, a conclusione dell’introduzione, ha chiamato in causa il maestro Centra il quale prendendo la parola ha dichiarato: “Vengo a villeggiare a Giardini Naxos (dove anni fa ho fatto una mia mostra personale) da quindici anni e ormai mi sento un giardinese di adozione. Dopo aver visto il video promozionale “La bellezza ha un indirizzo: Giardini Naxos”, realizzato dall’aggregazione presieduta dal candidato sindaco Antonio Veroux, ho sentito una profonda condivisione nell’approccio allo sviluppo turistico del paese coniugato alla promozione dell’arte, espresso nel video. Ho così voluto sostenere il programma elettorale di  Veroux con un gesto concreto, donando 100 delle mie tele per realizzare un museo diffuso a Giardini Naxos, in modo da esporre i miei quadri nei grandi alberghi e ristoranti di Giardini. Sarà poi realizzato un percorso guidato che accompagna il turista a visitare tutte le location dove sono esposte le opere, creando così una circolarità dell’arte e del turismo”.

A questo proposito Angela Lombardo ha sottolineato  come tanti artisti e artigiani giardinesi hanno  già mostrato entusiasmo per l’idea progettuale di realizzazione del museo  diffuso e della “circolarità dell’arte”, e l’importanza che altri artisti vi aderiscano. Inoltre la Lombardo ha colto l’occasione per ringraziare gli artisti presenti per l’entusiasmo con cui hanno partecipato al video di promozione turistica “La bellezza ha un indirizzo: Giardini Naxos” che ha raggiunto, in poco tempo, oltre venti mila visualizzazione, ricevendo consensi  da parte dei social e dei cittadini di Giardini Naxos. Infine, la presidente dell’associazione “Mea Lux” ha concluso auspicando che la realizzazione del progetto del Museo Diffuso possa contribuire allo sviluppo turistico e quindi del benessere economico dei cittadini tutti.

Luigi Centra, Angela Lombardo e Santo Giordano

Luigi Centra, Angela Lombardo e Santo Giordano

A conclusione del suo intervento il maestro Centra, le cui opere sono presenti in tanti prestigiosi musei nel mondo, ha voluto condividere la sua ultima esperienza artistica realizzata in Argentina nel 2019, quando, a seguito di un invito ricevuto  dall’ambasciata argentina, si è trovato a visitare diversi centri culturali italiani, eseguendo master class nelle scuole di Buonos Aires.

Qui, nella provincia di Santa Fè, e propriamente con il comune di Sanford  e la città di Rosario, ha organizzato la sesta edizione del premio Internazionale “Grandi Artisti, Luigi Centra” , istituito a Venezia nel 2014.

Nel corso del suo intervento, il maestro Centra ha dato in diretta la notizia che gli farebbe  piacere realizzare a giardini Naxos la settima edizione del premio, augurando che la prossima amministrazione sia guidata da Antonio Veroux. Per avvalorare il suo supporto al programma elettorale del candidato sindaco, il maestro Centra si è adoperato in questi giorni per mettere in collegamento il sindaco di Sanford, Julian Gironelli, di origine calabrese, e Antonio Veroux. A sorpresa il maestro Centra ha pubblicamente letto una lettera giunta telematicamente dal comune di Sanford, dove il sindaco Gironelli, condividendo le linee guida del programma politico del candidato sindaco, che ha tra i suoi punti la promozione turistica attraverso la promozione dell’arte e delle risorse umane artistiche del territorio, si dice entusiasta per un possibile futuro gemellaggio tra le due città, finalizzato a scopi culturali e umanitari.

Centra, Giordano, Angela Lombardo e Antonio Veroux

Centra, Giordano, Angela Lombardo e Antonio Veroux

Tra i consensi dei presenti, ha chiuso i lavori il candidato sindaco Antonio Veroux, visibilmente commosso per le manifestazioni di stima e sostegno ricevuti sia dal sindaco di Sanford che dall’artista Centra, il quale ha detto: Ringrazio il Maestro Luigi Centra che ci ha onorato non solo della sua presenza nella nostra città per così tanti anni, ma anche di questo progetto che sarà possibile realizzare con i quadri che intende donare. Un doveroso saluto ed un ringraziamento per la condivisione espressa del progetto al Sindaco Gironelli di Sanford che spero di incontrare in futuro. Che dire, Giardini ha tante ricchezze incommensurabili come ad esempio il Parco Archeologico con l’impianto urbano della prima colonia greca di Sicilia, il Museo con i suoi reperti, i Neoria i quali meritano di essere curati e valorizzati ancora di più perché sono un valore aggiunto della nostra città. Giardini ha anche tante altre risorse oltre la baia incantevole e le spiagge ma purtroppo non sono stati valorizzati abbastanza. La città deve crescere facendo leva su queste sue risorse, puntando anche fortemente sulla cultura volano indispensabile per selezionare una certa clientela. Occorre coinvolgere le proprie risorse e tra queste, i suoi artisti, che sono figli di questa città. Noi abbiamo tanti artisti importanti a Giardini che aspettano solo di essere coinvolti come è giusto che sia. Per questo, iniziative come quella del museo diffuso, meritano di essere promosse. Occorre fare ritornare tutta quella bella gente che non viene più qui da noi, offrendo loro la grande bellezza di Giardini Naxos. Occorre mettere in campo tutte le proprie risorse e tra queste abbiamo anche l’artista, lo stilista, il cantante e tante altre menti le quali, se coinvolte, possono contribuire a far diventare Giardini un grande realtà. E’ strategico e vitale puntare sulla promozione della sua identità. La città deve ritornare ad avere quella notorietà che aveva negli anni 80’ e, avere turisti per almeno nove mesi l’anno.  Faccio un appello a tutti gli artisti di Giardini affinchè si uniscano per contribuire a far rinascere questa nostra città senza pensare alle etichette o ai colori politici. Ciascuno di loro, indipendentemente dal colore politico o dall’aggregazione di appartenenza, può contribuire alla crescita culturale della propria città, partecipando ad iniziative come questa e, promuovendo cultura a 360°. Perchè la cultura è patrimonio di tutti ed è uno dei volani più importanti per la crescita di una comunità. ”

Al termine dell’evento, il Maestro Luigi Centra ha firmato il primo quadro realizzato per il Museo diffuso che ora  si trova esposto nei locali d’arte dell’artista Santo Giordano in Via Vulcano.  A conclusione dell’evento,  brindisi augurale per il successo del progetto del Museo Diffuso e foto di gruppo.

Nei giorni a seguire il Maestro Luigi Centra è stato invitato a visitare alcune botteghe d’arte della città e si è ripromesso di ritornare e incontrare gli altri artisti giardinesi nelle loro rispettive botteghe d’arte.

                          ROSARIO  MESSINA

La foto con gli artisti

La foto con gli artisti

Luigi Centra firma il primo quadro del Museo Diffuso

Luigi Centra firma il primo quadro del Museo Diffuso

La foto di gruppo

La foto di gruppo

 

Centra

Da sin. Giordano, Foti, Centra e Azzolina

Veroux assieme agli artisti

Veroux assieme agli artisti presenti

Foto assieme agli artisti

Foto assieme agli artisti

Luigi Centra e la pittrice Pancrazia Buzzurro

Luigi Centra e la pittrice Pancrazia Buzzurro

Luigi Centra e lo scultore del legno Pippo Galeano

Luigi Centra e lo scultore del legno Pippo Galeano

Luigi Centra e il pittore Pippo Foti

Luigi Centra e il pittore Pippo Foti

Luigi Centra e Pippo Foti

Luigi Centra e Pippo Foti

Luigi Centra e Turi Azzolina

Luigi Centra e Turi Azzolina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Breve biografia di Luigi Centra

 Luigi Centra è uno degli ultimi esponenti rimasi della pop arte italo-americana, e dell’impressionismo  astratto.

Nasce nel 46 a Carpineto Romano, negli anni 60 comincia a dipingere le fotografie in bianco e nero, inventandosi l’estrazione del colore ricavato dalla carta velina colorata. Nel 65 si sposta a Roma dove incontra grandi artisti del calibro di Mario Schifani e Mimmo Rotella, e qui frequenta i loro studi. Successivamente si sposta in Germania dove rimarrà 14 anni pur spostandosi frequentemente in giro per il mondo facendosi conoscere e apprezzare, soprattutto a Boston, mentre in Germania  ha la fortuna di incontrare il grande fumettista Roy Lictenstein.

Le sue opere arricchiscono vari musei nel mondo, da Tokio, a Pekino, Singapore, Mosca, Kiev, a New York e tanti altre città, mentre in Italia sono già stati dedicati quattro musei  e molti centri d’arte. Inoltre le poste italiane gli hanno dedicato tre annulli postali, che ritroviamo al museo filatetico a Roma.

Artista a tutto campo, si è particolarmente impegnato nel sociale sia a livello nazionale che internazionale: ricordiamo i quadri che in Cadore,nella città di Sappada, ha messo a disposizione per acquistare con il ricavato delle ambulanze dei vigili del fuoco, ricevendo gli elogi da parte del presidente della regione Veneto Luca Zaia. Mentre a Kiev, presso l’università di Taras ha esposto per una mostra di beneficenza per i bambini malati a seguito dell’esplosione del reattore nucleare  di Chernobyl, visitando i bambini in ospedale , reparto oncologico, facendoli dipingere.

Nel 98 riceve il premio alla cultura, da parte dalla presidenza del consiglio dei ministri a Roma, con la nomination di ambasciatore dell’arte nel mondo.

Nel contempo riceve da parte del sindaco di Venezia Cacciari, la nomina di maestro del colore, ricevendo il leone di San Marco.

Troppo lunga la biografia dell’artista Centra per poter essere elencata tutta, le ultime due cose le ricordiamo

Nel 2011 apre insieme a  Vittorio Sgarbi la biennale di Venezia e in quell’occasione Sgarbi dice di Centra “ L’arte di Centra comunica il senso dell’esistenza remota, presente e futura”

Nel 2018 a Varsavia la stilista Patricia Presiac, trasforma i quadri di Centra in vestiti di alta moda che porterà in giro per l’Europa.

A dicembre del 2019 Luigi Centra parte per il Sud America, invitato dall’ambasciata argentina, dove visita diversi centri culturali italiani eseguendo master class nelle scuole di Buonos Aires.

Qui, nella provincia di Santa Fè, e propriamente con il comune di Sanford  e la città di Rosario, organizza la sesta edizione del premio Internazionale Grandi Artisti, istituito a Venezia nel 2014.

Centra e Sgarbi

Centra e Sgarbi

  • Print
Computer Hope