Home Arte e Cultura Il 4 Maggio a Francavilla di Sicilia la manifestazione “Alla ricerca di...

Il 4 Maggio a Francavilla di Sicilia la manifestazione “Alla ricerca di Kallipolis”

0 890

Francsaville (Me) – Il 4 maggio a Francavilla di Sicilia si terrà la manifestazione Alla ricerca di Kallipolis organizzata dal Circolo Legambiente  Taormina/Alcantara  nell’ambito della campagna nazionale Salvalarte. Si tratta della prima di tre  eventi organizzati all’interno della campagna di incontri e sponsorizzazioni  Salvalarte Naxos Taormina Alcantara, giunta ormai alla sua sesta edizione. Anche quest’anno le tre manifestazioni avranno il titolo comune di Lezioni di Paesaggio essendo dedicate  alla salvaguardia e valorizzazione di tre differenti “paesaggi” che caratterizzano questo comprensorio.

La prima giornata riguarderà gli scavi effettuati nei siti archeologici di Francavilla di Sicilia e si svolgerà all’Antiquarium e a Palazzo Cagnone, a partire dalle ore 16.00.

La seconda, il 6 maggio, sarà dedicata alla Villa Comunale di Taormina e infine nella terza, il 13 maggio, si parlerà di antiche e nuove migrazioni attraverso la storia del  porto di Giardini Naxos con il suo arsenale navale del V secolo (Neoria).

La giornata del 4 maggio si aprirà con una visita guidata all’Antiquarium a cura di Maria Costanza Lentini, direttrice del Polo Regionale di Catania per i Siti Culturali, che illustrerà i reperti ritrovati nel territorio di Francavilla di Sicilia. L’evento continuerà a Palazzo Cagnone con una serie di relazioni: le prime tre riguarderanno teoria e pratica dell’archeologia, e i relatori saranno MC. Lentini, U. Spigo, già Direttore del Parco Archeologico delle Isole Eolie e G. Restifo, ordinario di Storia Moderna all’Università di Messina. Si continuerà parlando dell’importanza delle specificità culturali all’interno di un Genius loci comune della Valle e dell’importanza di una politica costruita a partire dalla tutela della bellezza, con gli interventi del Presidente dell’U.N.P.L.I. di Messina, S. Gentile  e A. Presti,  Presidente della Fondazione Fiumara D’Arte. La serata si concluderà con musica da strumenti dell’antica Grecia a cura di G. Severini e un rinfresco offerto da esercenti e produttori locali.

La scelta di Francavilla di Sicilia nel vasto territorio della Valle come sede della prima  manifestazione di Salvalarte Alcantara, è stata dettata dalla valenza simbolica assunta dagli scavi effettuati nei suoi siti archeologici. La ricerca, che dura qui ormai da decenni, ha evidenziato le radici comuni di tutto il comprensorio; e questo è fondamentale, non solo in un’ottica di ricostruzione del passato, ma specialmente per la necessaria visione del futuro.

Gli ultimi scavi, nati da una collaborazione tra l’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, il Parco Archeologico di Naxos e il Comune di Francavilla di Sicilia e realizzati nel novembre 2016, sono stati sponsorizzati dal Circolo di Legambiente Taormina Alcantara, tramite l’ospitalità offerta gratuitamente dall’Hotel Palladio ai suoi partecipanti. Salvalarte Alcantara ruota intorno all’affascinate ipotesi che a Francavilla di Sicilia possa essere identificato il sito di Kallipolis, la perduta subcolonia di Naxos, scomparsa  dopo la distruzione nel 403 a.C. della prima colonia greca in Sicilia. “Crediamo che indagare il passato comune di questo territoriospiega Maria Pavone coordinatrice di Salvalarte Alcantarasia l’obbligatoria premessa per una politica che possa finalmente divenire comprensoriale. Salvalarte vuole anche rappresentare un momento di riflessione per quanto non ancora fatto e che si può realizzare per la difesa e la valorizzazione di “tesori minori” di arte, bellezza, cultura, identità e storia, molto spesso misconosciuti e quasi subiti dalle logiche politico/economiche locali. Il territorio dell’Alcantara continua a condividere i propri problemi: calo demografico, spesso dovuto alle migrazioni, depauperamento socio economico, difficoltà di accesso ai servizi“.

Legambiente spiega Annamaria Nossing presidente del Circolo di Legambiente di Taorminavorrebbe che si iniziassero a condividere le soluzioni proposte: innescare un processo di autocoscienza storica che sappia ritrovare una identità comune capace di dare forza alle unicità delle singole realtà e alle azioni virtuose, utili alla collettività tutta della Valle Alcantara. Da una visione di insieme, strategicamente modulata, può  germogliare  il desiderio di cooperazione, l’orgoglio di essere e fare insieme.”

                             ROSARIO MESSINA

 

Il Parco Archeologico di Naxos

Il Parco Archeologico di Naxos

Annamaria  Nossing

Annamaria Nossing

Parco Archeologico di Naxos

Parco Archeologico di Naxos

  • Print
Computer Hope