Home Eventi Il 21 giugno per il Solstizio d’estate si rinnova il Rito della...

Il 21 giugno per il Solstizio d’estate si rinnova il Rito della Luce alla Piramide del 38° parallelo di Fiumara D’arte a Castel di Tusa (Me)

0 1990

Il  Rito della Luce

Piramide 38° Parallelo

La Resilienza della Bellezza

Inno alla Gioia di Vivere

Domenica 21 Giugno 2015

Il 21 giugno, solstizio d’estate, il mecenate Antonio Presti ideatore del Parco di Fiumara D’Arte,  celebra anche quest’anno  il Rito della Luce che si terrà all’interno della “Piramide-38° Parallelo” l’imponente opera di Mauro Staccioli realizzata a Motta D’Affermo nei pressi di Castel di Tusa (Me).

La Piramide come spiega Presti simboleggia il potere della spiritualità. “Con l’artista  Mauro Staccioli, abbiamo concepito una piramide che è emergente. E qui il termine emergenze ha un doppio valore simbolico. Emergenza in quanto necessità di restituire bellezza ed emergenza, come metafora del nascere. Volevo affidare alla nuova opera un pensiero di rinascita e di sacralità. Mi sono preoccupato di affrontare l’interazione con il luogo ed il paesaggio non solo dal punto di vista estetico, ma anche simbolico. Così è nata l’idea di realizzare una piramide in un luogo magico che avevo scoperto venti anni fà“.

          Il Rito della Luce è organizzato e promosso dalla Fondazione Antonio Presti-Fiumara d’Arte. La Piramide 38° Parallelo verrà aperta e potrà essere visitata fino al tramonto. Momento clou della giornata è il Rito della Luce che si svolgerà nelle prime ore pomeridiane con letture di poesia, canti, danza, musica, mantra e meditazione in totale condivisione.

PROGRAMMA:

         Domenica alle ore 10 apertura della Piramide del  38° parallelo di Mauro Staccioli, in contrada Belvedere a Motta d’Affermo. Alle ore 11 visita della mostra fotografica “Luce e segni” di Giovanni Pepi al Museo Albergo Atelier sul Mare (Via Cesare Battisti n. 4 a Castel di Tusa); alle ore 12 visita alle camere d’arte del Museo. Dalle ore 15  all’imbrunire: Rito della Luce  alla “Piramide con lettura di poesie, danze, musica e performance sino al tramonto. Occorre giungere a Motta D’Affermo alla scultura “Energia Mediterranea” di Antonio Di Palma dove sarà attivato a partire dalle ore 1\5 un servizio gratuito di bus-navetta.

           Pubblico e artisti sono invitati a indossare preferibilmente abiti bianchi: un modo per condividere anche visivamente l’anima della Bellezza e della Conoscenza.

La Partecipazione è libera

 

Locandina Inno alla gioia

  • Print
Computer Hope