Home Eventi Sabato 19 e domenica 20 marzo “Cristo al Golgota” con le marionette...

Sabato 19 e domenica 20 marzo “Cristo al Golgota” con le marionette dei F.lli Napoli

0 747

MARIONETTISTICA F.LLI NAPOLI
Opera dei Pupi – Catania
Praemium Erasmianum 1978 – Amsterdam
Sabato 19 Marzo ore 18:00

Domenica 20 Marzo ore 16:30 e 18:30

CRISTO AL GOLGOTA”
copione elaborato da Alessandro e Fiorenzo Napoli
secondo gli antichi canovacci di tradizione

nell’ambito della Rassegna di Opera dei Pupi di scuola catanese 2016

presso

TEATRO MUSEO MARIONETTISTICA F.LLI NAPOLI
Centro Commerciale PORTE DI CATANIA
Stradale Gelso Bianco (CT)

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Info: 347/0954526; 347/3034600; 095/7513076

SINOSSI
Come già ebbe modo di documentare Giuseppe Pitrè in alcune pagine memorabili dei suoi scritti (1881 e 1884, poi 1889), nei giorni di Pasqua la tradizione dell’Opera dei Pupi imponeva che si sospendesse il ciclo cavalleresco rappresentato per mettere in scena la Passione, Morte e Resurrezione di Gesù Cristo.
I pupari siciliani, oltre che naturalmente alla “vulgata” dei Vangeli canonici, si rifacevano al dramma sacro di Filippo Orioles intitolato Il riscatto di Adamo nella morte di Gesù Cristo, probabilmente stampato la prima volta intorno al 1750 e più comunemente noto come Mortorio di Cristo. Venivano altresì accolti molti episodi di tradizione popolare risalenti ai vangeli apocrifi.
L’allestimento scenico dei fratelli Napoli recupera questo toccante momento dello spettacolo tradizionale e intende restituire al pubblico contemporaneo l’atmosfera rituale che si creava nei teatri di quartiere in occasione di quella Sacra Rappresentazione.
Lo spettacolo prende le mosse dall’ingresso di Gesù in Gerusalemme e ripercorre le tappe fondamentali della Passione: l’Ultima Cena, l’arresto nell’Orto degli Ulivi, il processo nel Sinedrio, l’incontro con Pilato ed Erode, fino ai commoventi quadri della flagellazione, della Crocifissione e del ribaltamento della pietra del sepolcro.
Parola e messinscena si uniscono armonicamente per presentare al pubblico di oggi, secondo l’antica tradizione dell’Opira catanese, il dramma interiore degli uomini – Cristo, Giuda e Pilato – che hanno mutato il destino del mondo. (Alessandro Napoli)

  • Print
Computer Hope