Home Area di Confine L’enigma della Piedra del Corazon

L’enigma della Piedra del Corazon

0 1915

1 Pietra di Antigas  Un alone di mistero e di fascino avvolge la storia della “Piedra del Corazon” (La pietra del cuore). Si tratta del famoso geode in agata che risalirebbe a circa 130 milioni di anni. Ha la forma di cuore umano ed è stato ritrovato circa 40 anni fa da Laires Luciano Lucas ad Artigas in Uruguay. Il suo peso è di 7,4 kg e contiene nel suo interno alcuni simboli e scritte in cristalli di quarzo il cui significato, sebbene interpretato in svariati modi rimane un grande mistero. “Siamo in presenza di qualcosa che supera l’uomo” pare avrebbe detto colui che la ritrovò, casualmente, in una cava tra migliaia pietre. Sin dal giorno della scoperta, la famiglia di Lucas, oggi rappresentata da Hugo Lucas, figlio di Luciano, si è fatta carico di trasmettere la conoscenza di questa pietra in tutto il mondo perchè si crede contenga un messaggio di pace e di amore. Una missione svolta con costanza e devozione. Lo stesso Hugo Lucas ama ripetere: “Questa Pietra appartiene all’Umanità”.

La Sicilia, è stata una delle tappe di questo tour ed anche se è passato qualche anno da quell’evento, sono in molti ancora a ricordarlo ed a chiedersi quale verità custodisce tale straordinario reperto. Della Piedra del Corazon si parlò in una conferenza organizzata ad Acireale (Ct) da Giorgio Bongiovanni, mistico di Siracusa, divenuto famoso per aver ricevuto nel 1989 le stimmate. A quell’incontro partecipò anche Hugo Lucas giunto dall’Uruguay con la Pietra del Cuore che raccontò alla numerosa platea la storia affascinante del misterioso reperto.
La sua storia  iniziò circa 40 anni fà in una piccola località uruguaiana a circa 15 Km dalla città di Artigas che produce migliaia di tonnellate di pietre. Luciano Lucas, nel cantiere di sua proprietà, stava visionando le pietre di agata destinate all’esportazione. Una di loro venne scartata perché cava all’interno. Si trattava di un geode che presentava un buco in una delle pareti, cosicché venne buttata giù dal camion.
La pietra si spaccò a metà. Poco più tardi Lucas la trova e constata, mettendo insieme le due parti, che ha la forma di un cuore e che contiene nel suo interno delle iscrizioni e dei simboli.
La pietra di agata con cristalli di quarzo al suo interno ha delle iscrizioni come una “J”, la “C” e un pesce. A queste vanno aggiunte anche 13 segni e la parola “Mil”, oltre a delle scritte formate da decine di punti. Inoltre si può distinguere una donna che porta un bambino in braccio.
Una delle figure sembra rappresentare un drago, un animale preistorico e sopra di esso si può distinguere la figura di due esseri umani. Un reperto misterioso che sconcerta i geologi. Tutte le immagini e i simboli sono in rilievo e, realizzate, su una base di punti brillanti. Sono evidenti i muscoli del cuore, la cui precisione risulta sorprendente. Nella parte superiore del cuore c’è un’apertura, come se si trattasse dell’uscita delle arterie.
La pietra trasformò la vita di mio padre…” ama ripetere Hugo Lucas “Nessuno ad Artigas, la mia città, riusciva a capire quello che quest’uomo trasmettevaPer anni organizzò dei piccoli incontri, portando questo messaggio dappertutto, sempre gratuitamente. Mai più è stata trovata una pietra simile sul posto.” La Pietra ha trasformato anche la vita di Hugo che la porta in giro per il mondo. Artigas è visitata da moltissime persone che hanno dei doni molto speciali e hanno fatto delle predizioni che si sono avverate sino ad oggi. Una di queste era che a partire dal 2007 il misterioso geode avrebbe iniziato a girare il mondo per portare un messaggio di pace, di amore e di unione.  Oggi questa pietra ha visitato la Francia, la Svizzera, il Belgio, il Canada… è conosciuta in oltre 25 Paesi, è entrata nella chiesa del Sacro Cuore, a Notre Dame, alla cattedrale di Lyone ed è stata anche all’ONU.
Qual’é l’opinione degli scienziati?
Come ha spiegato Hugo Lucas il 4 febbraio del 1997 il geologo uruguaiano Claudio Gaucher ha realizzato uno studio sulla Pietra concludendo: “che ha un’antichità di 130 milioni di anni, che le forme che in essa appaiono sono troppo precise e regolari, che le strutture sono state realizzate da ‘qualcuno’, e rispondono a fenomeni a noi sconosciuti fino ad oggi”. Gaucher non ha escluso la possibilità che la Pietra ‘sia stata elaborata, per dirlo in qualche modo, dopo la sua formazione’. Il geologo ha inoltre aggiunto che “volendo entrare nel campo della speculazione possiamo considerare il geode portatore di un vero messaggio“. In sintesi ha affermato che “con l’aiuto di un amico esperto in scrittura antica, siamo giunti alla conclusione che ci sono due tipi di scrittura che assomigliano a quella ritrovata nella pietra, l’ebraico e la runica“. Il 3 luglio 1997, durante una sua visita alla città di Artigas, Giorgio Bongiovanni, stigmatizzato, dopo aver osservato attentamente la Pietra, si è espresso dicendo “contiene un messaggio che fa riferimento al codice genetico dell’evoluzione del pianeta”.

Giorgio Bongiovanni mostra la Pietra del Cuore assieme a Hugo Lucas

Giorgio Bongiovanni mostra la Pietra del Cuore assieme a Hugo Lucas

3 Pietra di Antigas

il pesce

2 Pietra di Antigas

il cuore

il drago con le ali

il drago con le ali

  • Print
Computer Hope