Home Sicilia Più Celebrata a Messina dall’ANIOMRID la Giornata Nazionale del Tricolore con gli studenti...

Celebrata a Messina dall’ANIOMRID la Giornata Nazionale del Tricolore con gli studenti per sensibilizzarli alla conoscenza della Carta Costituzionale ed al rispetto della Bandiera Italiana simbolo dell’Unità Nazionale

0 113

MESSINA- Numerosi gli studenti presenti alla Giornata Nazionale del Tricolore promossa dall’ANIOMRID (ass.nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana e Decorati) sezione territoriale di Messina, all’Istituto di istruzione superiore Francesco Maurolico .

L’evento svoltosi alla presenza di autorità civili, religiose e militari e delle associazioni combattentistiche e d’arma della Sicilia e della Calabria, è stato coordinato e moderato dal consigliere nazionale ANIOMRID, Cavaliere  della Repubblica avv. Silvana Paratore che ha sottolineato la valenza educativa dell’incontro voluto con e per gli studenti . Gli ideali e i valori racchiusi nel Tricolore sono indispensabili per la crescita dei giovani come cittadini:  una crescita ha sottolineato la Paratore, che passa attraverso il senso di appartenenza nazionale. L’ incontro si e’ aperto con l’ esecuzione dell’ Inno di Mameli eseguito dal coro dell’ istituto Maurolico. Ricordato il merito del concittadino Giuseppe Previti promotore nel 2010 dell’ iniziativa concretantesi nell’ esenzione pagamento diritti SIAE per l’ inno nazionale.

Presente il Sindaco di Messina dott. Federico Basile che ha sottolineato l’ importanza del Tricolore quale patrimonio culturale, nel cuore e nella mente di tutti noi italiani. La bandiera italiana si è tutti noi intesi come comunità.

A porgere i saluti all’incontro patrocinato dall’Università degli Studi di Messina, dall’Istituto del Nastro Azzurro fra combattenti decorati al valor militare – Federazione Provinciale di Messina, la dirigente scolastica dell’istituto prof.ssa Giovanna De Francesco che ha dichiarato importantissimo il celebrare il 226° anniversario della nascita della Bandiera italiana a scuola per trasmettere agli alunni quei valori di libertà, democrazia, solidarietà che stanno a fondamento della Nazione. Uno strumento ha concluso la De Francesco per far riflettere i giovani su come rispondere alle difficili sfide del nostro tempo mantenendosi nel solco di quei valori.

Fare memoria delle vicende legate al nostro Tricolore, per “non perdere le radici” di chi ci ha preceduto nella costruzione dell’Unità d’Italia, e soprattutto per mantenere vivi i sentimenti e gli ideali che sono presenti nella nostra Costituzione è stato il monito del Presidente Nazionale ANIOMRID Ufficiale Omri dott. Francesco Frazzetta.

Sensibilizzare il mondo della scuola alla conoscenza della Carta Costituzionale, dell’Inno nazionale ed al rispetto del simbolo per eccellenza dell’unità nazionale, il nostro Tricolore è stato il filo conduttore dell’intervento del componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati On. Tommaso Calderone.

A seguire la tavola rotonda sul tema: SIMBOLI, VALORI E FORME DEL PROCESSO DI UNIFICAZIONE NAZIONALE DAL 1861 AD OGGI.

Insigni i relatori che sono intervenuti: Il prof. Luigi Chiara docente ordinario di Storia Contemporanea; Prorettore agli Affari generali dell’Università di Messina; Vicedirettore del Dipartimento di Scienze Politiche e giuridiche; Direttore del Centro studi sulle mafie. Nel suo intervento oltre a ricostruire brevemente le origini del tricolore italiano ha spiegato i nessi che lo legano al processo di costruzione della nazione secondo i principi di uguaglianza e libertà, poi assunti a simbolo e fondamento della tradizione democratica della Repubblica sin dalla sua nascita. A seguire ha preso la parola il professore Luigi D’Andrea ordinario di diritto costituzionale che si è soffermato sul tricolore unico simbolo della Repubblica menzionato dalla Carta costituzionale, tra i principi fondamentali (perciò sottratto alla stessa revisione costituzionale, oltre che alla potestà del legislatore ordinario). Esso esprime l’identità nazionale e perciò dell’ordinamento statale, simbolicamente richiamando i valori sui quali tale identità/unità si fonda e nei quali la stessa si riassume. Nel sistema costituzionale vigente, l’unità ha dichiarato D’Andrea non può che declinarsi in feconda relazione con il pluralismo: non si dà unità che non risulti dal confronto, dal coordinamento e dalla sintesi delle differenze. Ed a conferma di tale “logica”, si consideri che il nostro sistema prevede l’esposizione anche della bandiera dell’UE e di vessilli e gonfaloni propri dei diversi enti territoriali (art. 1 l. n. 22/1998 e art. 12 DPR n. 121/2000).

Sulla bandiera di guerra e sul ruolo dell’esercito italiano nel processo di unificazione nazionale si è soffermato il Comandante di distaccamento del 5° RGT Fanteria Aosta Ten.Col. Domenico Oppedisano.A conclusione della tavola rotonda interesse ha suscitato l’intervento del Prof. Biagio Ricciardi presidente dell’Istituto del Nastro Azzurro fra combattenti decorati al valor militare – Federazione Provinciale di Messina: associazione Combattentistica fra Combattenti Decorati al Valor Militare posta sotto la Vigilanza del Ministero della Difesa, fondato dal Capitano Ettore Viola (MOVM, 2 MAVM, Cavaliere OMS) il 26 Marzo del 1923 come Legione Azzurra. Dettagliata la sua relazione sul Nastro azzurro fedele custode della memoria di coloro che fecero e continuano a fare l’Italia, nel centenario della Fondazione. L’evento si è concluso con la speranza ribadita dalla Paratore,  che celebrazioni come questa  facciano riscoprire ogni volta la nostra storia, per vivere in maniera più critica e consapevole il presente.

A seguire un momento conviviale ed il taglio della torta tricolore.

L'Avv..Silvana Paratore

L’Avv..Silvana Paratore

Il tavolo dei relatori

Il tavolo dei relatori

Autorità presenti alla cerimonia

Autorità presenti alla cerimonia

Un momento della cerimonia

Un momento della cerimonia

Il pubblico presente alla cerimonia

Il pubblico presente alla cerimonia

Il momento conviviale ed il taglio della torta tricolore

Il momento conviviale ed il taglio della torta tricolore

  • Print
Computer Hope