Home Sicilia Più Ribera ricorda con una commovente cerimonia i marinai greci morti annegati nel...

Ribera ricorda con una commovente cerimonia i marinai greci morti annegati nel naufragio della loro nave Angelika: Mimmo Macaluso, tra i protagonisti del ritrovamento del relitto, presente alla cerimonia

0 454
La rievocazione del naufragio

La rievocazione del naufragio

Ribera 1 Aprile 2023- Autorità civili e militari si sono riuniti questa mattina sul lungomare di Ribera (Sciacca) per commemorare la morte dei marinai greci della nave Angelika naufragata il 6 febbraio 1906 nei pressi della spiaggia del Corvo di Seccagrande. La cerimonia, suggestiva e commovente si è svolta nei presi del monumento eretto sul lungomare Gagarin a ricordo del tragico evento.  Due dei marinari che formavano l’equipaggio, Giorgio e Diamantes Lemos allora furono sepolti a Ribera, contrariamente agli altri marinai che il mare non restituì. Tra le autorità presenti alla cerimonia anche il dott. Mimmo Macaluso, che recuperò parte del fasciame e delle ancore del veliero dell’isola di Inosusses. Ribera è gemellata con il comune greco dell’Egeo e ricorda periodicamente il triste evento. Lo ha fatto con dei gemellaggi amministrativi, con visite ad Inousses, con la realizzazione del monumento delle ancore a Seccagrande in memoria dei marinai greci morti e con collegamenti periodici sul web tra le due comunità. Macaluso che è stato uno dei principali artefici del ritrovamento del relitto  nel suo intervento commemorativo ha pronunciato parole toccanti sulla morte dei poveri marinai e sulla sfortunata vicenda. “E’ una tragica vicenda che ha creato un rapporto di amicizia tra la comunità di Ribera e quella di Inousses, l’Isola greca da cui proveniva il veliero. E’ una vicenda che ancora oggi ci commuove perché la maggior parte degli uomini, che componevano l’equipaggio della nave, perirono tra i violenti flutti e i cittadini dell’isoletta di Inousses, nell’Egeo, patria degli sventurati marinai, si vestirono di nero, ma non potettero piangere sui corpi dei connazionali. I parenti dei tre fratelli e dei rispettivi figli, tutti della famiglia Lèmos, non seppero dove si era inabissata l’Angelika e dove riposavano i loro congiunti”.

Una vicenda che vale la pena ricordare poiché dopo il naufragio, qualche giorno, dopo il mare restituì i corpi di Giorgio e Diamantes Lemos e un mese dopo il cadavere di un altro marinaio che non fu identificato, sepolti a Ribera. Su tutta la vicenda cadde l’oblìo, fino al 1978 quando un giovane ricercatore subacqueo riberese, Mimmo Macaluso, venne a sapere della nave da carico affondata a Seccagrande, a poche decine di metri dalla spiaggia e scorse due grandi ancore e tanti mattoni rossi. Iniziò da qui una lunga ricerca per identificare le origini del relitto. Con lo storico locale Raimondo Lentini Macaluso cominciò una lunga ricerca.
Dalla morfologia delle ancore, dalla testimonianza di un abitante di Ribera ultranovantenne e, dopo la consultazione del registro dell’anagrafe del comune di Ribera del 1906, si scoprì l’identità della nave e la sua provenienza. Un giovane agronomo greco, Giorgio Diakenissakis, studente universitario a Palermo, oggi sposato a Ribera, dopo avere individuato il compartimento marittimo di Chios, fece da interprete per comunicare al sindaco dell’isola di Inousses il rinvenimento del relitto della nave, cercata per anni e mai trovata. Possiamo immaginare la commozione degli abitanti dell’Isola greca e dei familiari discendenti di quei marinai. La nave che aveva in carico mattoni rossi per le costruzioni con la scritta “Societè Generale des Tuileries Marseille”. Tante donne si vestirono di nero, il lutto durò diversi giorni.

Mimmo Macaluso assieme ai sub che ritrovarono le ancore dell'Angelika

Mimmo Macaluso assieme ai sub che ritrovarono le ancore dell’Angelika

Nella vicenda, per ricostruire la storia, un ruolo importante lo ebbe un anziano testimone riberese, Antonio Tamburello, di 97 anni, che raccontò a Mimmo Macaluso di essere stato in parte testimone della tragedia quando a 7 anni il padre lo portò a dorso di mulo sulla spiaggia del Corvo dove, dal mare ancora agitato dalla tempesta, emergevano brandelli di vele, frammenti di fasciame e soprattutto sulla spiaggia giacevano centinaia e centinaia di mattoni rossi marsigliesi. Il padre li vendette ai riberesi per le costruzioni a tre lire ogni 100 unità.

Da quelli recuperati sott’acqua dal Club Sommozzatori Seccagrande (Mimmo Macaluso, Pippo Cardella, Giuseppe Puccio, Ignazio Calè, Aldo Mastrodomenico, Franke Dangelo, Vincenzo Gabriele, Nino Miceli, Nicola Riggi, Giovanni Zuccarello, Fabrizio Marchese, Calogero La Rocca, Vincenzo Carapezza), un secolo dopo, Tamburello ne volle regalato uno per portarlo con sé nella tomba a ricordo della sua infanzia. Mimmo Macaluso e i sommozzatori del “Seccagrande Sub”, con un lavoro durato tanti giorni, con circa 90 ore sott’acqua nella stagione invernale, grazie ad una grande gru con un lungo braccio in mare, portarono con difficili operazioni sottomarine, sulla spiaggia le due grandi ancore dell’Angelika, 1800 chilogrammi di peso ed alte tre metri.

Con le ancore ad alcuni mattoni rossi, a ricordo della tragedia è stato realizzato un monumento sul lungomare di Ribera che ricorda l’evento.

Il monumento di ancore realizzato sul lungomare Gagarin di Ribera

Il monumento di ancore realizzato sul lungomare Gagarin di Ribera

La commemorazione dei marinai dell'Angelika

La commemorazione dei marinai dell’Angelika

Un momento della cerimonia del 1 aprile 2023

Un momento della cerimonia del 1 aprile 2023

L'intervento di Mimmo Macaluso

L’intervento di Mimmo Macaluso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Viaggio in Sogno del Prof. Elviro Langella

La tragica vicenda ha ispirato qualche anno fa il prof. Elviro Langella già assessore alla Cultura del Comune di Giardini Naxos e docente al Liceo Scientifico “C. Caminiti”, amico fraterno di Mimmo Macaluso il quale scrisse un libro ispirato alla vicenda intitolato “Il Viaggio in Sogno” (Edizione Pietro Guarnotta – EditoriNproprio). Il libro può essere considerato un viaggio sospeso tra l’onirico ed il fiabesco un intreccio di fantasia e verità storica (appunto la vicenda dell’Angelika). Il testo è arricchito con tavole suggestive che rievocano la tragica vicenda da cui ha preso spunto l’autore per raccontare  un “viaggio immaginario”. Protagonista del sogno una giovane studentessa, Desirè riportata sulla copertina del libro. Per comprendere i contenuti del testo riportiamo il commento dell’editore Pietro Guarnotta il quale dice sul libro:Il testo del Langella, accompagnato da immagini emblematiche, per i suoi stessi contenuti allusivi all’Alchimia, sembra ricalcare intenzionalmente il modello del Libro delle Figure Geroglifiche, opera di uno dei più leggendari ed eruditi principi dell’Alchimia, Nicolas Flamel (XIV sec.). Le immagini didascaliche che questa pubblicazione contiene provengono dall’iconografia astrologica e calendariale, quale appare, per esempio, nelle miniature del Très Riches Heures (il famoso libro d’ore realizzato dai fratelli Limbourg per il duca Jean de Berry intorno al 1413, vero tesoro artistico francese); da foto scattate dallo stesso Autore ai Mostri del Giardino di Bomarzo (che racchiuderebbero, nelle intenzioni del duca Pier Francesco Orsini, segreti simbolismi); dai disegni del pittore-alchimista rinascimentale Francesco Mazzola (il Parmigianino)…”

       ROSARIO MESSINA

La copertina del libro

La copertina del libro

Il dott. Domenico Macaluso ed il prof. Elviro Langella alla presentazione del libro Il Viaggio in Sogno

Il dott. Domenico Macaluso ed il prof. Elviro Langella alla presentazione del libro Il Viaggio in Sogno

Macaluso consegna una targa all'autore del libro

Il giornalista Isidoro Raciti intervista Macaluso mentre consegna una targa all’autore del libro

L'editore Pietro Guarnotta consegna una targa alla giovane Desirè protagonista del libro di Langella

L’editore Pietro Guarnotta consegna una targa alla giovane Desirè protagonista del libro di Langella

Desirè e Langella

Desirè e Langella

  • Print
Computer Hope