Home Spazio Giovani SAVAM Costruzioni Volley Letojanni sbanca Palermo: ieri, al Pala “Oreto”, 3...

SAVAM Costruzioni Volley Letojanni sbanca Palermo: ieri, al Pala “Oreto”, 3 a 0 per i ragazzi di Mister Ferrara. E adesso la Callipo Vibo Valentia

0 49

Come inizio non c’è male: è stato pressoché perfetto. Anzi, a dire il vero, al di là delle più rosee aspettative. Anche se l’obiettivo categorico da raggiungere era quello dei tre punti, in vista della gara casalinga contro la Callipo Vibo Valentia e del turno di riposo che si osserverà il 28 ottobre prossimo. Data, subito dopo la quale la Savam Costruzioni Volley Letojanni dovrà preparare un filotto di partite davvero proibitive, ma che ieri al Pala “Oreto” ha dato prova della sua consistenza contro un Cicala Palermo ben rodato (e che rispetto allo scorso campionato ha cambiato poco o nulla) battendolo 3 a 0 nell’arco di poco più di  2 ore di gioco. Una debacle, quella subìta dai ragazzi di mister Guerrieri, ad opera del sestetto guidato da un Flavio Ferrara abbastanza soddisfatto della prima uscita stagionale  dei suoi fuori dalle mura amiche e che ha permesso di rodare ancora meglio gli schemi provati durante le sedute di allenamento settimanali da capitan Schifilliti e compagni. Un gruppo giunto in terra palermitana per portare a compimento una missione ben precisa: vincere con il massimo punteggio dopo l’affermazione esterna al tie-break dell’aprile scorso, che aveva messo fine alle residue speranze di play-off dei palermitani. E così è stato, visto che Garofalo e compagni non sono riusciti a strappare nemmeno un set agli ospiti lanciati verso una vittoria netta e meritata, nonostante in tutti e tre i parziali entrambe le squadre abbiano offerto uno spettacolo da big, lottando pallone su pallone e senza dare l’impressione di essere inferiori l’una con l’altra. Sestetti compatti e sempre pronti a rispondere colpo su colpo, dimostrando di essere già in buona forma. Soprattutto nel primo set che iniziava con Schipilliti al centro assieme a Remo, Corso sulla linea opposta, Ruggeri in ricezione, Princiotta e Mazza di banda e Schifilliti in cabina di regia in grande spolvero. Grazie ad un gioco di squadra collaudato i letojannesi riuscivano sin dalle prime battute ad andare in vantaggio di 5 lunghezze e mantenerle fino al 13 a 8. Poi, malgrado gli ottimi muri (13 complessivi) e un 70% di ricezione sulle stilettate di La Rosa e  Gruesner , gli ospiti rallentavano un po’ e i locali approfittavano per ridurre lo svantaggio, andando sul 19  pari. Da qui in avanti un’altalena d’emozioni con il Letojanni che si ricompattava e sul 21 a 21 scavava un solco di 3 vantaggi, chiudendo sul 25 a 21. Secondo parziale altrettanto avvincente, con i padroni di casa che venivano tramortiti dagli ospiti nell’arco di pochi minuti: 10 a 2 e uomini di Guerrieri completamente in balìa delle onde. Subito dopo Palermo riprendeva a giocare, mettendo giù palloni pesanti e tentando di riacciuffare il set; ma gli jonici ingranavano la marcia e si portavano sempre avanti grazie a buone correlazioni muro-attacco. Alla fine, dopo un 21 a 16 a favore dei letojannesi, i locali ritornavano in auge sfruttando qualche imprecisione degli avversari che si tramutava in un botta e risposta: 23 a 22, 23 a 23 e infine 25 a 23 per un Letojanni che andava al terzo parziale con il vento in poppa. Ma proprio questo  si rivelava quanto mai combattuto, con Ferrara che operava dei cambi per far rifiatare il sestetto e i bianco neri che attaccavano senza però ottenere i risultati sperati. O meglio senza averne  troppo giovamento. E così, tra battute tese e precisi contrattacchi, i peloritani si guadagnavano, minuto dopo minuto, pure la vittoria dell’ultimo parziale per 25 a 23 che significava “apoteosi” e 3 a 0 finale. Un risultato importante maturato grazie alla grandissima abnegazione messa in evidenza dai messinesi che, a differenza del Palermo, hanno saputo sfruttare al meglio i momenti topici della partita  per piazzare i colpi che hanno permesso poi di raggiungere la vittoria. Per il Palermo una brutta batosta, anche se nel corso dei tre set Bellone and company non hanno mai mollato.

 

ANGELINA PALERMO VOLLEY: Li Castri, Bellone 4, Garofalo 6, Gruesner 16, Teresi 5, Nastasi (L), Brucia  8, La Rosa 11, Pavone, Cappadona. ALL: Guerrieri

SAVAM COSTRUZIONI VOLLEY LETOJANNI: Schipilliti 3, Schifilliti 4, Corso 12, Princiotta 9, Mazza 11, Remo  11, Degli Esposti, Ruggeri (L), D’Andrea, Pino. N.E. Scollo e Mastronardo. ALL.:: Ferrara

SET: 21-25; 23-25; 23-25

ARBITRI: Emma di Enna e Notarstefano di Caltanissetta

Carmelo Mazza

Carmelo Mazza

Flavio Ferrara

L’allenatori del Letojanni Flavio Ferrara

Gi. Schipilliti

Gi. Schipilliti

 

  • Print
Computer Hope