LUGLIO 2020
Home Tags Posts tagged with "Aldebaran"

Aldebaran

0 2963

L’INTERVISTA:

In un articolo di pochi anni fa,  su “ Italian Tribun, la Baronessa Consuelo Calì, è stata presentata, assieme a Donatella Versace, Debora Compagnoni, Carla Bastioni, e Silvia Zeche, come una delle italiane, lei siciliana,  che più di altre , con la sua imprenditorialità e creatività, dava lustro e prestigio al nostro paese , nel mondo, attraverso il nome ed una serie di prodotti di cosmetica di un azienda da lei creata.

Qualche giorno fà, durante uno dei suoi soggiorni in Sicilia, ho avuto il privilegio di incontrarla per un intervista che mi ha gentilmente concesso. Ci siamo incontrati in un luogo affascinante per le atmosfere naturali ed artistiche che vi si respirano : La terra di Bò dei fratelli Di Bella, a Viagrande, alle pendici dell’Etna, la quale per l’arte dell’accoglienza e le numerose attività culturali che vi si svolgono (tra queste, il “  Bò Buskers”, festival internazionale di artisti di strada)  è considerata una struttura turistica ai vertici in Sicilia.

Nel corso dell’intervista  ho scoperto in lei una donna straordinaria dalla storia personale non comune e fantastica degna di essere narrata in un film.

Iniziai la breve intervista ponendole la seguente domanda:

 Lei, Baronessa Calì, fra le sue attitudini caratterizzate  da pragmatismo, impegno e passione per il suo lavoro, ricerca del bello, creatività, condivisione con gli altri delle proprie idee, Amore, quale di queste la rappresenta di più ?

La sua risposta fu secca e senza tentennamenti: A tutte queste attitudini, alternandole di volta in volta…così è se vi pare…rimanendo sempre me stessa.”

La pirandelliana risposta mi colpì per il riferimento ad uno dei più grandi scrittori siciliani del novecento, Luigi Pirandello, dimostrando così il suo attaccamento alla cultura della sua terra natia.

Poi continuò:Ero molto giovane e con le idee chiare sul mio futuro di creatrice d’impresa.

Nel 1996 fondai la mia azienda di cosmetici ispirate ai sapori, ai colori ed ai profumi della mia terra con il desiderio di mostrare al mondo le bellezze della terra di Sicilia. Ho voluto regalare un sogno a coloro che avrebbero usato  i prodotti frutto della creatività mia e del mio socio. Desideravo sfatare l’idea di associare la Sicilia ai soliti stereotipi come ad esempio la mafia. La nostra Isola è stata crocevia di grandi e varie culture, di storia millenaria e offre belle naturali e paesaggi d’incanto.

Ritornando spesso in Sicilia desideravo sentire i colori dell’umanità, gli odori delle zagare in fiore, assaporare i profumi ed il gusto dei tipici piatti della cucina siciliana, sognare con il rosso tramonto del sole alle spalle del monte Etna.

Benché soddisfatta dei risultati della mia azienda, ad un certo punto della mia vita sentii nascere dentro di me l’esigenza di far evolvere il mio spirito realizzando, in una porzione di foresta incontaminata del sudest del Brasile, nelle vicinanze di Florianopolis, un  ”Portale spirituale” (www.casacoandjo.com), dove poter fare                                           meditazione, yoga  attività inerenti la “cultura dell’essere“, spazio di ecoturismo per gli amanti della natura, un circuito terapeutico di acque idrominerali e termali, considerate le seconde al mondo assieme a quelle di Wichy. Anche il cibo ha la sua importanza poiché la cucina è a base di prodotti organici dell’orto.

 

Baronessa Calì, Lei è veramente una donna dalle mille risorse, a tal proposito le volevo chiedere, visto che mi ha accennato che sta anche scrivendo un libro, me ne vorrebbe parlare?

Si! Sembrerebbe un’autobiografia, nella realtà è un messaggio rivolto a coloro che, in questo momento, sono alla ricerca di un cambiamento verso l’evoluzione della propria coscienza. Nella mia vita ci sono stati persone importanti che mi hanno aiutato nella mia evoluzione e vorrei citarli. Desidero ringraziare:

il mio trisavolo, Gesualdo Dinaro, ingegnere agronomo creatore del primo innesto da cui scaturì una nuova diversità di arancio che chiamò  tarocco.

Nonno Enzo: al quale promisi che avrei fatto conoscere al mondo intero questo meraviglioso “gioiello di famiglia “. Ci sono riuscita attraverso la mia azienda.

Eric Kloper:  il mio socio, con il quale abbiamo creato l’organizzazione ed i prodotti della nostra azienda, i quali portano tutti un nome Siciliano.

Mister Marx: il principale, ed il primo, finanziatore che ha creduto nelle mie idee, e tutti quelli che le hanno condivise con me attraverso la realizzazione del mio sogno.

Infine , un ringraziamento particolare ai fratelli Di Bella i quali mi hanno ospitata in amorevole amicizia nella loro struttura, trascorrendovi giornate di assoluta serenità, in pace con me stessa ed il mio spirito.”

 

Termina così questa breve ma intensa intervista con la quale ho avuto l’onore di conoscere meglio ed apprezzare  una siciliana doc che da lustro alla nostra terra nel mondo, una musa raffinata e virtuosa che speriamo di incontrare nuovamente presto per conoscere altre interessanti progettualità legate alla Terra del sole.

 

Neri Sardella Pilkard

 

La Casa realizzata all'interno del parco  che la baronessa Calì ha realizzato in Brasile

La Casa all’interno del parco che la baronessa Calì ha realizzato in Brasile

Le acque termali

Le acque termali

Un altra immagine della Casa

Un altra immagine della Casa

La Baronessa Consuelo Calì

La Baronessa Consuelo Calì

Neri Sardella Pilkard e la Baronessa Calì

Neri Sardella Pilkard e la Baronessa Calì

Un momento dell'intervista

Un momento dell’intervista

0 1369
Il Nabucco

Il Nabucco

Taormina – “Bando internazionale per selezionare le date del Teatro antico nella stagione degli spettacoli del 2016 per poi avviare una gestione degli appuntamenti in loco attraverso il nascituro Parco archeologico di Giardini – Naxos in corso di organizzazione e di cui Taormina è capofila“. Lo ha annunciato il sindaco della Città del Centauro, Eligio Giardina,che ha rilanciato una proposta dell’assessorato regionale, alla presentazione del “Taormina opera stars” alla quale erano presenti numerosi esponenti della vita culturale cittadina tra cui il vice sindaco, Mario D’Agostino. Una novità questa nel panorama locale che fa percepire come la località turistica voglia essere protagonista, in tutti i sensi, del “suo” Teatro. Il tutto è venuto fuori nell’appuntamento che ha dato, ufficialmente il via al “Festival dei grandi talenti“. Il Taormina Opera stars, in programma dal 15 al 20 agosto al Teatro Antico, è stato presentato, infatti, alla Città del Centauro, il 13 agosto, nei locali della sala antica del ristorante “La Baronessa”, ubicata nel corso Umberto, il cuore della cittadina turistica. Presente anche il presidente di “Imprenditori per Taormina”, il cavaliere, Franco Parisi che ha gentilmente messo a disposizione gli splendidi locali ubicati nel cuore della cittadina turistica. Al Tavolo dei relatori anche il segretario dell’associazione Aldeberan, Daniele Lombardo, che ha messo in evidenza il ruolo dei giovani in questa complessa manifestazione. Il festival, dunque, nello spirito dei giovani,appunto,sarà ricco di sorprese ed innovazioni. Innanzitutto accanto al cast internazionale ci saranno tante nuove voci, 40 nelle opere e 20 nel Galà dedicato alla musica italiana. In tutto, dunque, 60 artisti in gran parte usciti fuori dalle audizioni di Roma, Andria, Milano e Taormina,tra almeno cinquecento voci ascoltate, provenienti dalle più disparate località del mondo. Ma il momento dell’opera lirica,che vuole effettuare il connubio tra il passato ed il futuro,disporrà,inoltre,di altri quasi 120 artisti,tra coro ed orchestra e circa 50 tra ballerini e figuranti. Oltre trenta comparse, infine, appariranno in scena e tra queste anche l’attore di Giarre, Bruno Torrisi, conosciuto perché interpreta il questore Licata in “squadra antimafia”. Il tutto nasce grazie allo sforzo organizzativo effettuato dall’associazione “Aldebaran“, diretta dal maestro, Maurizio Gullotta e dal suo instancabile collaboratore, Antonio Lombardo. La direzione artistica del Festival è stata firmata dal maestro,Enrico Stinchelli, un conoscitore sopraffino di tutte le sfaccettature dell’opera lirica e propenso ad ascoltare i cantanti di fama mondiale e scoprire le voci nuove del panorama internazionale. Un grande impegno questo che ha visto la partecipazione dell’associazione “Danza Taormina”. Assieme a Stinchelli si troveranno sul palcoscenico per eccellenza del Mediterraneo anche i direttori d’orchestra: Silvia Casarin Rizzolo, Eddi De Nadai ed Angelo Taddeo. Grande anche l’impegno dell’assistente alla regia, Maria Garzia Bonelli e della coreografa Alessandra Scalambrino. Un grande momento di lavoro che adesso vedrà i suoi frutti in tre opere liriche e tre concerti: “Nabucco” (16 agosto), “La Traviata” (18 agosto) ed “Aida” (20 agosto), IX sinfonia di Beethoven (15 agosto), “Italia inCanta” (17 agosto) “The rite of rock”, con il violoncellista Giovanni Sollima (19 agosto). Parte dunque, il Festival con l’inno alla Gioia della IX Sinfonia, diretta per la prima volta da una donna, sotto il cielo di ferragosto di questa calda estate tutta taorminese.

Il pubblico presente alla conferenza stampa

Il pubblico presente alla conferenza stampa

RIMANI IN CONTATTO