GENNAIO - FEBBRAIO - MARZO 2024
Home Tags Posts tagged with "giardini"

giardini

0 266

Un confronto tra essere ed esistere che diviene consapevole coscienza dell’infinito oltre la morte. Un viaggio …nei sentieri onirici della memoria, attraversa l’intensità antropologica della lirica poetica di Pierfranco Bruni

25 Novembre 2023 di Mimma Cucinotta

 

Profonda immersione ontologica nel viaggio introspettivo dell’essenza metafisica della propria esistenza. Un alternarsi emozionale forte e simbolico degli echi del tempo. Destini e sentieri della memoria che intrecciano nostalgie oniriche in un immaginario pervaso da ardenti connessioni sensoriali e spirituali. Un confronto tra essere ed esistere che diviene consapevole coscienza dell’infinito oltre la morte, in un costante superamento del confine umano del compiuto che, porta in sé la finitezza di un percorso irrisolto.

Il Pathos nella tensione del desiderio che si rinnova nel pensiero del dolore esistenziale, attraversano l’intensità antropologica della lirica poetica di Pierfranco Bruni, magico regista del pensiero filosofico-letterario contemporaneo.

Dalla raccolta antologica

Piove su Istanbul e la luna sfoglia i ricordi”

di Pierfranco Bruni

Ascolto il profumo di cipria sul tuo viso
ed ho la bellezza degli anni maturi tra le dita
che sfiorano le parole e il tuo sguardo.
I miei occhi hanno i tramonti del meriggio
nelle distanze degli infiniti. Ti avrò amato
tantissime volte fino ad amarti ancora
per tantissime notti in un imbrunire di voci.
Siamo amanti in silenzio che si cercano
lungo la brughiera del vento. Sul tuo viso
scende una linea d’alba come se fosse
mattino e le labbra in un bacio soltanto
hanno un rigo della sera. È quest’amore
che sigilla i nostri destini.

..

Mi racconti una storia. Il tempo del mare è navigato. Sfoglia il cerchio del vento. Ti raggiungerò sull’incavo della pioggia. Poi sulle rive della vita ci ameremo.

A dir di sera ciò che in aurora taccio non è virtù di tempo ma consolazione di malinconie che legano le tue alle mie mani. Lo spazio della stanza è un luogo di passi che osservo mentre cammino dalla porta alla poltrona. Piove. Dalla finestra ascolto il tinteggiare delle gocce sui vetri che sanno di freddo nell’inverno di mare dei tuoi occhi. La città si muove lenta e ogni rumore è stanco. Viverti vorrei addormentato sul tuo seno con i tuoi capelli sul mio viso.

C’era il crepuscolo nel battere delle sere

Tra me e te

Non più àncore e porti

I viaggi sono pensieri sospesi

Il Prof. Pierfranco Bruni

Il Prof. Pierfranco Bruni

 

Pierfranco Bruni, nato in Terra Calabra cui è profondamente legato, vive tra Roma e la Puglia da molto tempo. Archeologo, antropologo, letterato e linguista, fecondo saggista e poeta è presidente del Centro Studi Francesco Grisi e vicepresidente del Sindacato Libero Scrittori Italiani. Dal carismatico e sopraffine stile letterario, Bruni è alla seconda candidatura al Nobel per la Letteratura. Già Archeologo direttore del Ministero Beni Culturali e componente della Commissione UNESCO per la diffusione della cultura italiana all’Estero, nel corso della sua carriera è stato docente in Sapienza Università di Roma ed ha appronfondito lo studio rivolto alla tutela e alla conoscenza delle comunità di minoranze etnico-linguistiche.

0 753

I giovani pianisti della classe di Pianoforte dell’Istituto Comprensivo 1 U. Foscolo di Taormina, magistralmente seguita dal maestro Mario Galeani, hanno collezionato numerosi premi  prestigiosi ai Concorsi Musicali a cui hanno fin qui preso parte, sia in presenza che online.

Di seguito elenchiamo i Concorsi e gli studenti del Comprensivo che hanno ottenuto  un premio:

“24°Concorso Musicale Città di Barcellona P.G. Premio Placido Mandanici” in presenza con audizioni il 05.05.2023

Primo Premio Assoluto, con punti 99/100 e partecipazione al successivo concerto dei vincitori del 6 maggio, per l’allieva Greta Giacoponello, 2a media plesso di Trappitello,

Primo premio con punti 96/100 all’allievo Samuele Spina classe 3a media.

 

“XV Concorso Musicale Nazionale M.G. Cutuli -Crotone”

Primo posto con punti 95/100 per l’allieva Greta Giacoponello.

 

IV Concorso Musicale Nazionale “José Cardinale-Mussomeli”

Primo Posto con punti 98/100 a Greta Giacoponello cat B (2a media)

Primo Posto con punti 95/100 a Samuele Spina cat. C (3a media)

Secondo Posto con punti 93/100 ad Isabella Rigaglia cat. B (2a media)

Secondo Posto con punti 92/100 ad Aurora Ajello cat. B (2a media)

Secondo Posto con punti 92/100 ad Alessia Punzo cat. A (1a media)

Secondo Posto con punti 90/100 a Diego Pennisi cat. A (1a media)

Secondo Posto con punti 94/100 ad Andrea La Monaca cat. C

Terzo posto con punti 89/100 Amelotti Ruggero cat.C

 

“IV Concorso Musicale G. Verdi -Saponara”

Primo Premio Assoluto con punti 100/100 a Greta Giacoponello che dovrà esibirsi a breve al Concerto dei vincitori.

Primo Premio Assoluto con 99/100 ad Aurora Ajello che dovrà esibirsi al concerto dei vincitori

Primo Premio con 97/100 a Samuele Spina

Primo premio con 96/100 ad Isabella Rigaglia

Primo premio con 95/100 ad Andrea La Monaca

Primo Premio con 95/100 ad Alessia Punzo

Secondo premio con 94/100 a Ruggero Amelotti

Secondo Premio con 94/100 a Diego Pennisi

Secondo Premio con 93/100 a Stefano Caliri

 

“9°Concorso Nazionale Musicale Riviera Ionico Etnea” in presenza con audizioni il 17.05.2023

Primo Premio Assoluto con 100/100 ed invito ad esibirsi a breve al concerto dei vincitori a Greta Giacoponello

Primo posto con 98/100 a Rigaglia Isabella

Primo Premio con 97/100 ad Alessia Punzo e Diego Pennisi

Primo Premio con 96/100 ad Aurora Ajello

Secondo Premio con 94/100 a Samuele Spina

 

Grande soddisfazione per i giovani pianisti che portano a casa i più importanti premi disponibili ed un grande bagaglio in termini di esperienza ed emozioni vissute. Importanti riconoscimenti raggiunti soprattutto grazie al lavoro svolto quotidianamente con il loro insegnante e Maestro Mario Galeani che trasmette loro passione e spirito di sacrificio, oltre a competenza e grande umiltà! Riconoscimenti che premiano il duro lavoro di questo anno scolastico che si avvia alla conclusione.

Ma non è finita qui, ancora altri concorsi sono in calendario oltre ai concerti di premiazione. 

Un grande in bocca al lupo a questi giovani pianisti che portano alto il nome della loro scuola del loro maestro e del comprensorio Taorminese.

Ad Maiora ragazzi!

Il Maestro Galeano e i ragazzi partecipanti al Concorso del 17 maggio alla Riviera Ionico Etnea

Il Maestro Galeano e i ragazzi partecipanti al Concorso del 17 maggio alla Riviera Ionico Etnea

Samuele Spina e Greta Giacoponello vincitori del Concorso Città di Barcellona

Samuele Spina e Greta Giacoponello vincitori del Concorso Città di Barcellona

Greta Giacoponello

Greta Giacoponello

0 2639
I Topless

I Topless

Giardini Naxos – Si sono fatti conoscere con due inediti che hanno riscosso parecchio successo. Sono una nuova band musicale emergente del comprensorio taorminese molto apprezzata tra i fan. Si tratta dei “Topless”  una band crossover nata a Giardini Naxos nel luglio 2021. La formazione attuale presenta Marco Restifo (voce), Salvatore Batticciotto (chitarre), Andrea Genitore (basso) e Luca Sciacca (batteria e percussioni).

I giovani musicisti hanno già suonato in vari contesti musicali, dai locali, ai palchi e nelle piazze ed ha già pubblicato due inediti Fix Me e Rain On my skin già pubblicate su tutte le piattaforme musicali.

La loro musica é un mix di contaminazioni (dal rock al jazz, dal funky al pop italiano) dovuta anche alle differenti influenze musicali di cui godono i vari membri della band.

Da sinistra: Andrea Genitore, Luca Sciacca, Salvo Batticciotto e Marco Restifo

Da sinistra: Andrea Genitore, Luca Sciacca, Salvo Batticciotto e Marco Restifo

Il batterista Luca Sciacca

Il batterista Luca Sciacca

Marco Restifo e Salvo Batticciotto

Marco Restifo e Salvo Batticciotto

I Topless

I Topless

Il gruppo musicale

Il gruppo musicale

Una delle serate in un locale

Una delle serate in un locale

0 603

Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999.

La violenza sulle donne rimane una delle più grandi piaghe della nostra società, che la colpisce quotidianamente, macchiando di rosso la cronaca quasi ogni giorno. Alcuni giorni fa, l’Istat ha pubblicato i dati del primo trimestre del 2022, relativi a casi di violenza sulle donne. Fino al 20 novembre 2022, sono state 104 le donne uccise dall’inizio dell’anno su un totale di 273 omicidi commessi in Italia.
Di queste 104, 35 avevano più di 64 anni, secondo i dati Eures88 femminicidi sono avvenuti in ambito affettivo o familiare e, nel 75% dei casi, l’assassino è stato il partner o l’ex. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, c’è stata una lieve flessione: nel 2021, infatti, si attestavano 109 vittime. Ma i numeri rimangono allarmanti: solo nella ultima settimana, tra il 14 e il 20 novembre, sono state uccise 7 donne, due delle quali dal partner o dall’ex.

Tante le iniziative per protestare contro questa grande piaga che affligge l’umanità. A Giardini Naxos la sezione locale della F.I.D.A.P.A. ha voluto ricordare questa importante giornata con due eventi un Flash Mob in Piazza Abate Cacciola ed un incontro culturale nell’Archivio Storico Banca della Memoria del Comune.  

Il giorno della giornata mondiale, il 25 novembre, è stato organizzato in Piazza Abate Cacciola, di fronte al Municipio, un Flash Mob alla quale hanno partecipato le fidapine con la Presidente, la dottoressa Alessia Barbagallo, il Sindaco di Giardini Naxos, l’assessore alla Cultura Ariana Talio assieme ad altri componenti della Giunta e del Consiglio Comunale. Presenti anche le autorità militari, l’associazione Bersaglieri sezione di Taormina presieduta da Gianni Saglimbeni e numerosi cittadini. L’evento, organizzato dalla F.I.D.A.P.A. con il patrocinio del Comune di Giardini Naxos e la collaborazione di diverse associazioni, ha avuto il suo momento clou con un ballo di gruppo a cura di un gruppo di donne tutte vestite di nero, facenti parte di locali associazioni di danza, che hanno  eseguito un saggio musicale per commemorare le donne vittime del femminicidio. A conclusione della danza di gruppo le danzatrici hanno liberato tanti palloncini rossi. Al termine della cerimonia  sono stati deposti due mazzi di fiori sulla “panchina rossa” dedicata alle donne vittime della violenza collocata di fronte al Palazzo Municipale.

Qualche giorno prima del 25, la sezione locale della  F.I.D.A.P.A. ha organizzato un altro evento culturale importante dedicato alle donne vittime di violenza. La serata dedicata alla donna, alla discriminazione di genere, alla scarsa cultura e alla mancanza di reazione di fronte alle violenze subite, si è svolta presso l’Archivio Storico di Giardini Naxos.

E’ stata una serata improntata sul coraggio di chiedere aiuto, sull’incapacità di amarsi più dell’amore provato per alcuni uomini, a volte troppo piccoli per definirsi grandi. Una serata per donne vittime di sopprusi visti attraverso gli occhi dell’arte. Dopo i saluti della presidente della FIDAPA dott.ssa Alessia Barbagallo, la serata è stata introdotta dall’Assessore alla Cultura, Politiche Sociali e Pari Opportunità Ariana Talio. A coordinare gli interventi la Professoressa Grazia Intersimone referente task force Arte e Cultura della sezione Fidapa di Giardini Naxos. Alla manifestazione sono intervenute le scrittrici Cettina Costa e Daniela Sabato la quale ha così commentato l’invito all’evento dicendo: “Ringrazio la F.I.D.A.P.A. di Giardini per avermi invitata a partecipare all’evento (in particolar modo Graziella Intersimone, Alessia Barbagallo Angela Coco Angela Giuttari). Ringrazio l’assessore Ariana Talio e il sindaco Giorgio Stracuzzi presente in sala, il Prof. Elviro Langella, un vero pozzo di cultura e arte in cui attingere conoscenza e frizzante curiosità per rimanerne saturi e appagati, a Nino Vadalà, al Prof Francesco Bottari saggio e diretto come sempre, che ha dimostrato, ancora una volta, grande intelligenza e profonda sensibilità verso le donne, a tutti coloro che sono intervenuti lasciando emozioni e riflessioni ai presenti fino alla fine della serata. Grazie Simona Fichera Giuseppe Leotta.”

Momento clou della serata è stata la relazione del Prof. Elviro Langella il quale ha trattato un originale tema: La violenza sulle donne nell’arte. Un tema complesso e suggestivo che il noto docente d’arte già assessore alla cultura del Comune di Giardini Naxos e insegnante del locale “Liceo Scientifico C. Caminiti” ha trattato con maestria ed originalità. Per capire meglio i termini della relazione riportiamo di seguito quanto ha detto il prof. Langella:Il mio intervento ha voluto evitare al pubblico un ossessivo, sterile necrologio degli innumerevoli efferati femminicidi e abusi immortalati dagli artisti dalla notte dei tempi. È stato mirato invece, a tentare di guardare oltre il dilagante fenomeno del femminicidio, per spaziare sull’orizzonte più articolato e non meno disumano, della condizione della donna, vittima anima e corpo, del sistema oppressivo non solo in regimi dichiaratamente autoritari, ma anche in quelli che millantano il rispetto dei diritti umani. Non sono mancati però, anche esempi virtuosi che mostrano come dal sacrificio delle donne vittime di violenza, siano nate proprio attraverso la creatività dell’Arte, preziose occasioni di riscatto che danno speranza per il nostro futuro.”

La serata si è conclusa con un intervento musicale  a cura dell’Accademia Pianistica Italiana di Taormina.

   ROSARIO MESSINA

La locandina del flash mob di Piazza Municipio

La locandina del flash mob di Piazza Municipio

La locandina della serata culturale all'Archivio Storico

La locandina della serata culturale all’Archivio Storico

Relatori ed organizzatori della serata all'Archivio Storico

Relatori ed organizzatori della serata all’Archivio Storico

Il prof. Elviro Langella

Il prof. Elviro Langella

La lettera che Domenico Macaluso ha scritto al Sindaco di Giardini Naxos e all'Assessore Talio per l'iniziativa

La lettera che Domenico Macaluso ha scritto al Sindaco di Giardini Naxos e all’Assessore Talio per l’iniziativa

7 La foto di Gruppo

La foto di gruppo con le fidapine

La foto di gruppo con la panchina rossa

La foto di gruppo con la panchina rossa

Il flash mob in Piazza Abate Cacciola

Il flash mob in Piazza Abate Cacciola

0 498

Giardini Naxos (Me) – Venerdì 18 marzo nell’ambito del progetto scuola “Costa Amica” si è svolto presso l’auditorium del liceo di Giardini Naxos “C. Caminiti”  un incontro, organizzato da Legambiente, con il Prof. Giovanni Randazzo docente di Geologia Ambientale, il tecnologo Mario Vitti che stanno lavorando al Progetto Italia – Malta Bioblu – “Robotic BiOremediation for coastal debris in  blue flag beach and in a maritime protected area” che tratta la raccolta automatizzata dei rifiuti di spiaggia mediante droni e robot.

Il progetto BIOBLU si propone di dare un contributo innovativo alla rimozione dei rifiuti dalle spiagge attraverso un’analisi dello stato dell’ambiente locale e alla promozione di un nuovo approccio di gestione in funzione delle nuove tecnologie e delle nuove conoscenze disponibili.

Il metodo innovativo consiste in un kit ad alta tecnologia e completamente automatico, basato su un processo di deep learning, che riconoscerà i rifiuti da remoto (tramite droni), ne consentirà la raccolta in modo robottizzato e ne faciliterà lo smaltimento in campane compattatrici in modo differenziato.

Il progetto sarà attuato su due pocket beaches (letteralmente “spiagge tascabili”), piccole spiagge limitate da promontori naturali. Inoltre, grazie all’analisi fisico-biologica dei rifiuti, ne sarà determinata la provenienza, mediante un sistema integrato di rilevamento delle correnti, e l’impatto che soprattutto le microplastiche hanno sulle faune al fine di valutarne la ricaduta sulla catena alimentare.

 Risultati Attesi:

7,75 Kmq. di superfici coperte da analisi degli impatti negativi causati dalla presenza di plastiche e microplastiche sulla catena trofica (di cui AMP Milazzo 7,68 kmq e SII/BF Ramla, 0,07 kmq), due diversi protocolli automatizzati per la pulizia delle due spiagge e l’elaborazione di un modello per la gestione free-plastic di ciascuna delle due aree protette.

L’iniziativa è partita dal prof. Salvino Risitano volontario di Legambiente e dalla sua presidente Annamaria Noessing che stanno collaborando con il Liceo di Giardini nell’ambito del progetto “Costa Amica” curato dalla professoressa Sabrina Gallina.

In merito alla iniziativa il prof. Salvino Risitano già docente del Liceo di Giardini Naxos ha detto: Il prof.Giovanni Randazzo è un grande conoscitore della nostra baia anche perché ai tempi dell’amministrazione dell’Architetto Giglio ha curato gli studi badimetrici dei nostri fondali marini riguardanti i ripascimenti delle spiagge e le barriere soffolte. In questa occasione ha però spiegato il ciclo della raccolta differenziata. Mentre il prof. Mario Vitti ha brillantemente esposto il progetto altamente tecnologico di studio e mappatura dei rifiuti spiaggiati attraverso droni sofisticati e della loro raccolta con robot di ultima generazione. Tutti auspichiamo che questo progetto possa presto essere adottato anche per tutte le nostre spiagge che sono spesso bersaglio di atti vandalici perpetrati attraverso rifiuti che vengono lasciati in spiaggia in special modo nei periodi estivi quando queste sono affollate di bagnanti che, spesso, non hanno l’accortezza di gettare i propri rifiuti negli appositi contenitori.”

   ROSARIO MESSINA

La presentazione del progetto

La presentazione del progetto

La sala gremita di alunni intervenuti per assistere alla presentazione del progetto ecologico

La sala gremita di alunni intervenuti per assistere alla presentazione del progetto ecologico

La proiezione delle slides del progetto

La proiezione delle slides del progetto

Uno degli interventi dei prestigiosi relatori

Uno degli interventi dei prestigiosi relatori

L'intervento del prof. Randazzo

L’intervento del prof. Randazzo

0 325
Salvatore  Castano

Salvatore Castano

Il miglior sommelier d’Europa è siciliano. Si chiama Salvatore Castano, 31 anni ed è di Giardini Naxos, una delle capitali del turismo della zona jonica del Messinese.

Ha conquistato meritatamente il prestigioso titolo di miglior sommelier d’Europa e d’Africa piazzandosi al primo posto il giovane siciliano, nel concorso dedicato ai migliori sommelier che ogni tre anni organizza l’ASPI (Associazione della sommelier professionale italiana) a Cipro.

Prestigiosa la carriera del giovane giardinese la quale, dopo il diploma, è stata un crescendo di arie importanti tappe.

Dopo aver conseguito il diploma all’ Istituto Alberghiero “Giovanni Falcone”di Giarre ha continuato gli studi con l’AIS (Associazione Italiana Sommelier). Qualche anno dopo si è trasferito in Inghilterra per fare nuove esperienze lavorative ma soprattutto imparare l’inglese. Concluso il periodo lavorativo nel Regno Unito e rientrato in Sicilia, al suo rientro, forte di un buon curriculum ha iniziato a lavorare a Taormina nello storico Grand Hotel Timeo.

Il prestigioso hotel taorminese è stato il suo trampolino di lancio poichè successivamente la sua attività di sommelier ha raggiunto altre tappe importanti lavorative che lo hanno visto protagonista in altre parti del Mondo, Firenze, Portofino, Caraibi ed infine a Londra dove ha lavorato nel locale di Alain Educosse “The Dorchester”.

La sua attività si è radicata sempre più nella capitale britannica dove ha conseguito prestigiosi riconoscimenti come quello di Capo Sommellier di Mask, famosa Steak House. Attualmente Salvatore Castano è head sommelier on trade advisor nel prestigioso locale Friarwood di Londra.   

Salvatore Castano

Salvatore Castano

Il momento della  premiazione

Il momento della premiazione

I premiati

I premiati

Castano con altri partecipanti

Castano con altri partecipanti

0 769

Motta Camastra (Me). Si accendono i riflettori sulla ventesima edizione del Concorso Diaristico in memoria di Filippo Maria Tripolone organizzato dall’’associazione socio-culturale (con finalità umanitarie) “Lanterna Bianca” presieduta da Nunzia De Cola fondatrice e presidente del sodalizio e, in collaborazione con il M.D.S.M. di Taormina – Messina Sud (Direttore dott. Gaspare Motta).

L’appuntamento dell’edizione 2021 che quest’anno festeggia il prestigioso traguardo dei venti anni  è stato fissato per sabato 10 luglio alle ore 18,00 presso la sede dell’associazione sita in C.da San Cataldo in Via Lanterna Bianca a Motta Camastra (Me). Anche quella di quest’anno, come era già accaduto nel 2020 è un edizione fortemente ridimensionata a causa dell’emergenza coronavirus e dei divieti di assembramento. A condurre la cerimonia degli interventi  nelle vesti di relatrice  sarà la  prof.ssa Giovanna Campagna che introdurrà i relatori che quest’anno sono: la dott.ssa Domenica Nucifora Responsabile dell’Unità Operativa Semplice. Taormina-Messina Sud e il dott. Roberto Motta (Psichiatra).

La seconda parte della manifestazione, quella delle premiazioni dei migliori diari,  sarà condotta dalla prof.ssa Lina Vecchio e dalla Presidente dell’Associazione Culturale “Mea Lux” Angela Lombardo.

L’atteso appuntamento delle premiazioni dei vincitori del concorso anche quest’anno riserverà momenti di suggestiva ed intensa commozione per le storie premiate ricche di umanità e di vita vissuta. “Anche quest’anno la manifestazione delle premiazioni non sarà organizzata nella tradizionale location (hotel) di Giardini Naxos che ci ha ospitato per tanti anni” spiega Nunzia De Cola la quale aggiunge: “Sarà un evento ancora di piu’ imperniato di intimità e profondità organizzato nella nostra sede. Questa intrinseca identità che ha sempre caratterizzato il Concorso, in questa edizione sarà più accentuata a causa delle vicissitudini che la nostra famiglia ha dovuto affrontare e, all’emergenza coronavirus unita al desiderio e agli obiettivi che sono stati basilari nel pensiero e nel progetto di Filippo. Anche in questa edizione, questo connubio, esserci e parteciparvi, permetterà di sperimentare meandri profondi e preziosi che sono luce per la nostra vita.

La meritoria iniziativa dedicata al tema della “depressione” porta la firma di una “madre coraggio”, la signora Ada la quale dopo la morte del figlio Filippo vittima della patologia, ha fondato il sodalizio ponendosi l’obiettivo di aiutare chi è affetto da tali problemi. Filippo, nato a Messina il 28 dicembre 1962 a dieci anni si trasferisce a Milano con tutta la famiglia dove riesce ad adattarsi a fatica. Dopo il diploma di perito elettronico a causa di una forte forma di depressione, inizia il suo calvario tra ospedali e medici che si conclude il 23 gennaio 1995. Di lui rimangono i suoi diari e le sue poesie, testimonianza preziosa della sensibilità del suo animo, della profondità dei suoi sentimenti. Per raggiungere il suo obiettivo la signora Ada ha fondato “La Lanterna Bianca” associazione alla quale può rivolgersi chiunque viva il dramma di questa patologia ed un concorso finalizzato a valorizzare la parola come “momento di libera espressione di se” attraverso poesie e diari. La manifestazione, organizzata col “patrocinio morale” dei Comuni di Milano, Taormina, Giardini Naxos, Motta Camastra, Graniti e Francavilla di Sicilia, per l’assegnazione dei premi si è avvalsa di una qualificata giuria che ha selezionato i finalisti.  Nel corso della cerimonia, dopo gli interventi dei qualificati relatori, saranno premiati i migliori “diari” scelti dalla giuria formata dalla dott.ssa Agnese Calabrò, la giornalista Enza Conti, il Prof. Angelo Manitta e la prof.ssa Maria Lilia Papa.

Tra i prestigiosi relatori che ogni anno sono intervenuti alla cerimonia dei Premi ricordiamo il prof. Graziano Pinna prestigioso neurologo Italo Americano originario di Oristano che lavora a Chicago (USA)

         ROSARIO MESSINA

Nunzia De  Cola con la statuetta donata dallo scultore Emes Ottaviani per il primo dei premiati Giuseppe Caputi

Nunzia De Cola

Filippo Tripolone e la mamma Ada

Filippo Tripolone e la mamma Ada

Gaetano Tripolone e Angela Lombardo

Gaetano Tripolone e Angela Lombardo

0 1233

MessinaEnnesimo successo del Circolo Filatelico Peloritano di Messina. Il vicepresidente Cesare Giorgianni ha infatti ottenuto oggi (12 giugno 2021) la Medaglia d’oro all’Esposizione Filatelica Nazionale “Phil-Italia 4.0” organizzata dalla Federazione fra le Società Filateliche Italiane (FSFI) in collaborazione con il CIFO (Collezionisti Italiani Francobolli Ordinari) e il CIFT (Centro Italiano Filatelia Tematica).

 Il collezionista messinese è stato insignito del riconoscimento grazie alla tematica storica “Hitler, da Braunau a Danzica – Ascesa al potere di un assassino” composta da 84 fogli e con la quale, nel mese di novembre dello scorso anno, aveva già ottenuto anche la medaglia d’oro e conquistato il titolo di Campione d’Italia nella Finale nazionale del XX Campionato di Filatelia Serie Cadetti.

La Giuria dell’Esposizione Nazionale, che ha espresso il proprio parere secondo i regolamenti e le linee guida delle classi FIP (Fédération Internationale de Filatélie) era composta da: Paolo Guglielminetti (Presidente); Luciano Calenda, Franco Giannini, Giorgio Khouzam, Claudio Magro, Claudio E. Manzati, Marco Occhipinti e William Susi (componenti).  Luca Lavagnino era il Commissario della manifestazione  FSFI.

La cerimonia di premiazione si è tenuta in presenza a Milano, presso un noto Hotel di Corso Sempione, ma è stata trasmessa anche in streaming.

Il Circolo Filatelico Peloritano si appresta intanto ad organizzare una mostra filatelica e cartolinistica a tema musicale, che si terrà nel pomeriggio del 21 giugno al Teatro Vittorio Emanuele in occasione dell’emissione del francobollo richiesto e ottenuto dal sodalizio di via Sant’Agostino, per celebrare il Centenario di Fondazione della Filarmonica Laudamo. Nell’occasione, si potrà timbrare il nuovo valore bollato grazie all’Ufficio Postale distaccato che sarà allestito all’interno della stessa struttura e che sarà dotato anche di un annullo speciale “primo giorno” e di altri prodotti filatelici legati all’emissione, tra cui buste particolari e folder. Concluderà l’appuntamento culturale un concerto organizzato dalla stessa Filarmonica Laudamo nell’ambito della giornata dedicata al “Festa Europea della Musica”.

Cesare Giorgianni

Cesare Giorgianni

0 486

Mille chilometri in 47 giorni. Partirà il 13 maggio il Pilgrimage Promotion Tour, organizzato da AERS (Associazione Europea Romea Strata), finalizzato a valorizzare la via di pellegrinaggio Romea Strata, l’antico cammino che in passato dal Mar Baltico portava a Roma e che stava rischiando di finire nel dimenticatoio. Le sue tracce, sulle quali hanno transitato cultura, merci, pellegrini e idee, hanno richiamato l’attenzione di alcuni “ricercatori” dando vita a un progetto visionario che ora è diventato una realtà molto concreta.

Il Pilgrimage Promotion Tour si articolerà in tre anni, così da far conoscere l’intero itinerario, dal Mar Baltico a Roma. Si tratta di un’occasione unica per ripercorrere un cammino millenario, ricco di bellezza, natura, arte, storia, religione, gastronomia. Il 13 maggio i pellegrini partiranno da Cracovia, in Polonia, transiteranno per Velehrad in Repubblica Ceca, attraverseranno l’Austria ed entreranno in Italia da Tarvisio, per giungere il 28 giugno alla tappa finale, Aquileia, in Friuli Venezia Giulia. Un percorso di 1.100 chilometri, organizzato sul modello della staffetta; ai confini le delegazioni dei vari Paesi si passeranno il testimone, ovvero il diario di viaggio della Romea Strata.

L’anno prossimo verrà percorso il tratto italiano che da Aquileia porta a Roma e, nel 2023, quello più a nord dell’itinerario, dal Mar Baltico a Cracovia.

Ci sono voluti intuizione, ascolto, determinazione e un immenso lavoro di anni per riportare Romea Strata alla luce e all’attenzione pubblica con l’intento di farla tornare quel punto di riferimento per l’Europa che era un tempo. La via è un patrimonio comune a sette Stati europei, oltre 3.000 chilometri di meravigliosi scenari naturali, opere artistiche, storia, fede e cultura. Oggi è mappata e georeferenziata.

A farla conoscere ci sta pensando AERS, l’Associazione Europea Romea Strata, costituita nel 2018 da trenta soci fondatori rappresentanti di quattro Stati (Polonia, Repubblica Ceca, Austria e Italia) nei quali transita il Cammino. Il prosieguo nelle Repubbliche Baltiche fino a Tallin, in Estonia, è attualmente in fase di studio e sviluppo.

L’Europa vista a piedi è un’esperienza, che al di là di ogni retorica, rende possibile valorizzare le radici comuni superando i confini creati nel corso della storia. Per approfondire e promuovere i temi generativi della Romea Strata, l’AERS ha istituito un Comitato Scientifico composto da circa quaranta docenti ed esperti che stanno lavorando a nove aree di ricerca e trenta filoni tematici.

Lobiettivo è testimoniare valenza, veridicità e storicità del cammino, ma anche far conoscere la via attraverso degli speciali itinerari organizzati sui grandi temi, come la Via della lana, la Via della seta, i Santi o l’Arte e l’architettura, che caratterizzano la Romea Strata.

L’AERS sta inoltre elaborando la Candidatura della Romea Strata affinché ottenga il riconoscimento di Itinerario Culturale del Consiglio dEuropa da parte dellIstituto Europeo degli itinerari culturali (qualifica già assegnata al Cammino di Santiago, alla Via Francigena, al Cammino di Sant’Olaf e alla Via Romea Germanica).

Al Pilgrimage Promotion Tour organizzato dall’AERS si aggiunge un’altra straordinaria iniziativa promossa da due appassionati ciclisti che percorreranno lintera Via in bici da Tallin a Roma nell’estate 2021.

Se sentite il richiamo della Romea Strata e desiderate percorrerla, il consiglio è di non resistere: nel sito aeromeastrata.eu trovate le tracce dei percorsi per mettersi in marcia e molte altre informazioni utili.

Buon cammino.

La mappa

La mappa

Per informazioni ed interviste, rivolgersi a Romina Gobbo, responsabile Comunicazione Fondazione Homo Viator-San Teobaldo, promotrice di AERS: comunicazione@romeastrata.it

Copertina del libro

Copertina del libro realizzata da Damiano  Marra

Giardini Naxos (Me) – E’ stata appena pubblicata la nuova fatica letteraria della giovane poetessa-scrittrice siciliana Daniela Sabato che sembra avere le carte in regola per avere un buon successo. Dopo le due precedenti pubblicazioni “Oltre la ragione” e “Non dire la verità” che hanno ottenuto un buon gradimento di pubblico, arriva nelle librerie proprio in questi giorni “Le movenze del tempo” (pubblicata da Libeccio edizioni)  una silloge ricca di emozioni, di poesia e di immagini che stuzzicano la fantasia del lettore o lo accompagnano in un viaggio all’interno della propria anima. Intensa la prefazione, scritta dalla poetessa Maria Grazia Falsone (nipote del compianto maestro Andrea Camilleri). Altrettanto suggestiva la copertina del libro realizzata dall’artista Damiano Marra il quale, a tal proposito, ha commentato il suo coinvolgimento artistico con queste parole: “Sono onorato di aver realizzato la copertina della nuova creazione poetico-letteraria dell’amica poetessa e scrittrice Daniela Sabato. Ha voluto che fossi io a curare e disegnare la prima di copertina di questo suo nuovo lavoro cosicchè ho elaborato per lei questo disegno ispirandomi al titolo del libro stesso e, basandomi sulle movenze del tempo. Dall’alba al mezzogiorno, il tramonto e la notte. Il ciclo della vita e della morte. Completano il disegno le quattro stagioni. Ho pensato pure alla nostra Sicilia con la presenza del fiume Alcantara che scorre sotto uno dei ponti che caratterizzano il suo percorso fino a mare. Ringrazio Daniela per l’onore che mi ha voluto conferire. Semplicemente dico che si tratta di un immensa gratificazione e soddisfazione artistica personale”.

Altrettanto suggestiva ed incisiva la recinsione realizzata dal dott. Giuseppe Leotta amico della scrittrice siciliana il quale scrive:

Lo scrittore e poeta francese Christian Bobin disse: «Pochi libri cambiano una vita. Quando la cambiano è per sempre, si aprono porte che non si immaginavano, si entra e non si torna più trasmettitori diretti di emozioni pure. A tal proposito è inevitabile citare la silloge Le movenze del tempo nata dalla penna della scrittrice Daniela A. Sabato. Un’opera ricca di poesia in versi contemporanei che, a tratti, sposa lo stile classico dando vita a un tripudio di strofe intriganti ed emotivamente toccanti che coinvolgono il lettore fino all’ultima pagina. La Sabato riesce a sprigionare il suo talento innato, dall’estro creativo decisamente incisivo, già dalle prime pagine in cui traspare l’armonia di ogni singolo verso: «Quel febbrile amore/che mi fa sospirare/durante il canto dei fringuelli./ Il bel pensiero sfiora/ la speranza che germoglia.» E ancora: «E ascolto il mare/ si mescola, ama e consola/ quest’anima che tanto/ gli somiglia.» Le movenze del tempo è un libro che racchiude stati d’animo, brividi e speranze ma soprattutto racchiude amore come si legge alla fine dell’opera Fede: «Amare è una missione.»

Impreziosita dai colori cangianti di Damiano Marra, artista indiscusso di Calatabiano con la sua copertina ricca di significato e dalla prefazione brillante di Maria Grazia Falsone, poetessa eccellente e d’ineccepibile cultura nonché nipote del Maestro Andrea Camilleri, la silloge si mostra come un rilevante e singolare progetto artistico letterario. Caratterizzato, inoltre, da brevi riflessioni e aforismi che si alternano a immagini strettamente legate ad alcuni versi (Composizioni fotografiche e foto di paesaggi naturali scattati dalla stessa autrice), Le movenze del tempo è destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore del lettore.

La Sabato è una poetessa di grande spessore e lo ha dimostrato ancora una volta con questo libro. Il suo animo è molto simile a quello dei grandi artisti e rispecchia perfettamente la frase di Robert Sabatier, poeta francese: «Il mio corpo sulla terra, il mio spirito nelle nuvole. E tutti e due dentro un libro.»”

A questo punto la parola passa ai lettori che sicuramente apprezzeranno parecchio le suggestioni letterarie e poetiche magistralmente riportate nelle pagine del testo. Non ci resta che augurare a questa giovane talentuosa poetessa-scrittrice nostrana di continuare con impegno ed entusiasmo l’affascinante strada letteraria che ha intrapreso con grande determinazione.

          ROSARIO MESSINA

La poetessa-scrittrice Daniela Sabato

La poetessa-scrittrice Daniela Sabato

Il dott. Giuseppe Leotta e l'autrice del libro Daniela Sabato

Il dott. Giuseppe Leotta e l’autrice del libro Daniela Sabato

L'artista Damiano Marra che ha realizzato la prima di copertina del libro

L’artista Damiano Marra che ha realizzato la prima di copertina del libro

RIMANI IN CONTATTO