OTTOBRE 2018
Home Tags Posts tagged with "mandanici"

mandanici

0 94

Gremito il Museo Etnoantropologico di Mandanici per la presentazione del libro di Patrizia Giancotti antropologa, fotografa, giornalista,  conduttrice radiofonica italiana ed autrice di Filoxenia. A moderare la presentazione del libro,  l’avv. Silvana Paratore che ha interloquito con l’autrice sottolineando come la gente dei paesi della Calabria si caratterizza per un peculiare tatto e cortesia.  L’autrice che ha pubblicato più di cento reportages per le maggiori riviste e realizzato oltre cinquanta mostre fotografiche in Italia, Francia, Germania, Portogallo, Africa e Brasile, si  soffermata sul senso di ospitalità calabrese quale principio etico fondamentale della cultura greca, essenziale per distinguere l’uomo giusto da quello iniquo.  Intensa l’attività di Patrizia Giancotti che h a collaborato alla produzione di eventi culturali e concerti tra cui quello di Ennio Morricone al Teatro Municipale di Rio de Janeiro, e quello di José Carreras alla Villa Reale di Monza.

Il libro fotografico che ha ricevuto il Premio Ali sul Mediterraneo 2017, esplora gli impressionanti paesaggi dell’entroterra greco-aspromontano facendo dei suoi accoglienti protagonisti, cercati o incontrati per caso, i punti luminosi di una geografia umana altrettanto attraente. Tra loro pastori che accordano le campane delle loro capre, cultori del greco di Calabria, mastri di ballo, impastatrici di zippuli, acuti bizantinisti, suonatori, anziane sapienti e bambine fiere di abitare in questa Calabria . Una lunga ricerca di antropologia visiva quella svolta dall’autrice, ha affermato la Paratore. Filoxenìa è una filosofia dell’accoglienza, è il contrario di xenofobia, è l’amore per il forestiero , come lo intendevano gli antichi Greci, è il valore sacro dell’ospitalità che l’antropologa-fotografa Patrizia Giancotti ha sperimentato nel corso della sua lunga ricerca in alcuni paesi della Calabria.   La Calabria Greca  ha sottolineato l’autrice è terra di uomini ospitali, nella pienezza del senso omerico. L’autrice, munita di macchina fotografica e registratore ha percorso i territori di Bova, Condofuri, Amendolea, Gallicianò, Staiti e Bagaladi per scoprire beni immateriali come il “forgiaro” lieto di essere ascoltato. L’accoglienza ha sottolineato l’attrice si delinea quando si dà ascolto alle storie, alle tradizioni, ai sogni, ai desideri di chi è lieto di raccontarli e grato nel sentirsi ascoltato.  Nel corso dei diversi mesi di ricerca sul campo, dalla “ciumara ai paesaggi splendidi della Calabria”, ha ricevuto dalle persone più diverse, l’antica accoglienza riservata allo sconosciuto ospite sacro con il quale condividere il pasto, il vino, il racconto. Beni immateriali ha concluso la Giancotti da valorizzare per arricchire le nuove generazioni.

L'Avv. Silvana Paratore e la scrittrice Patrizia Giancotti

L’Avv. Silvana Paratore e la scrittrice Patrizia Giancotti

Lo pschiatra Roberto Motta, la scrittrice Patrizia Giancotti e l'avv. Silvana Paratore

Lo pschiatra Roberto Motta, la scrittrice Patrizia Giancotti e l’avv. Silvana Paratore

0 77
Mandanici (Me) – Si è svolta nell’incantevole scenario del Museo Etnoantropologico di Mandanici S. Salvatore, la Cerimonia inaugurale della VIII edizione del Congresso Multidisciplinare sul tema: FILOXENIA, L’ACCOGLIENZA AMOREVOLE DI CHI NON SI CONOSCE. ASPETTI ANTROPOLOGICI, SOCIOLOGICI, FILOSOFICI E DI MEDICINA. La cerimonia inaugurale è stata presentata dall’avv. Silvana Paratore, che ha affermato come feloxenia è una filosofia dell’accoglienza, è il contrario di xenofobia, è l’amore per il forestiero.  Dopo i saluti del Sindaco di Mandanici Armando Carpo presidente onorario del Congresso, ha preso la parola il neurologo dott. Giuseppe Mento del Dipartimento di Neuroscienze dell’A.O.U Policlinico di Messina, promotore dell’evento che ha affermato come FILOXENIA è un modo di essere che identifica il senso dell’accoglienza innata.  Intervenuti per i saluti il consigliere dott. Aurelio Lembo per l’ Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri di Messina ed il Soprintendente ai beni culturali ed ambientali dott. Orazio Micali. L’avv. Silvana Paratore ha quindi dato inizio all’apertura dei lavori congressuali presentando l’antropologa, fotografa, giornalista e conduttrice radiofonica Patrizia Giancotti autrice del libro Filoxenia: un libro fotografico che esplora gli impressionanti paesaggi dell’entroterra greco-aspromontano facendo dei suoi accoglienti protagonisti cercati ed incontrati per caso, i punti luminosi di una geografia altrettanto attraente. A seguire è intervenuto lo psichiatra Roberto Motta che ha tracciato la figura della dott.ssa Silvana Jannelli già Direttrice del Museo archeologico di Vibo Valentia che ha relazionato su “Un viaggio in Calabria tra mito e storia” soffermandosi sul viaggio che fecero i Greci quando partirono per arrivare in Calabria e Sicilia. Emozionante la cerimonia di consegna del Premio Raoul di Perri per l’arte, la scienza e la cultura assegnato  al prof. Salvatore Freni Dirigente di ricerca presso l’Istituto CNR di Tecnologie Avanzate per l’Energia “Nicola Giordano. A procedere alla consegna del PREMIO istituito per ricordare un grande uomo di medicina e dal pensiero libero è stato il Sindaco di Mandanici Armando Carpo dopo aver tracciato un breve curriculum di Salvatore Freni che in chiusura evento si è soffermato su “ Esterofilia nella ricerca scientifica: gioie e dolori” . La giornata congressuale é terminata al Monastero di Mandanici con un momento musicale con l’aria a cura delle sorelle Palazzolo e la degustazione di prodotti tipici locali offerti dell’amministrazione comunale.
I relatori

I relatori

La foto di gruppo con relatori e organizzatori

La foto di gruppo con relatori e organizzatori

Alcuni relatori

Alcuni relatori

I

I

Il pubblico

Il pubblico

0 151

Messina – Si è svolta presso la sede del Centro Camelot, alla Cittadella Sanitaria, la conferenza di presentazione dell’ VIII edizione del Congresso Multidisciplinare promosso dall’Osservatorio di Antropologia evoluzionistica e cognitiva Archetipi e Territorio, presieduto dal dott. Giuseppe Mento, dal titolo : “FILOXENIA, L’ACCOGLIENZA AMOREVOLE DI CHI NON SI CONOSCE. ASPETTI ANTROPOLOGICI, SOCIOLOGICI, FILOSOFICI E DI MEDICINA”

Ad illustrare il programma l’avv. Silvana Paratore che presenterà la Cerimonia Inaugurale del Congresso e la consegna del Premio Raoul Di Perri 2018 per la scienza, l’arte e la cultura quest’anno attribuito al prof. Salvatore Freni del CNR.

La Paratore ha affermato come l’evento si inserisca in quelli che vengono definiti “gli incontri residenziali di Mandanici” che ogni anno, si soffermano su tematiche multidisciplinari di ampio respiro culturale umanistico, giuridico e scientifico.A porgere i saluti il dott. Matteo Allone , psichiatra e Direttore del Centro Camelot Messina che ha affermato come la tematica del congresso sia un tratto dell’esistenza umana anticipando una riflessione sulla relazione dal titolo: ” Chi è l’ospite?” che tratterà nel corso del congresso nella giornata congressuale dell’otto settembre .

L’Evento” ha sostenuto il promotore dott. Giuseppe Mento, Neurologo del Dipartimento di Neuroscienze del Policlinico Universitario di Messina “mira a coinvolgere quanti operano in ambiti e discipline scientifiche, umanistiche, spirituali, sociologiche, filosofiche, giuridiche a confrontarsi sulla complessa dimensione dell’accoglienza amorevole di chi non si conosce. Parola, sguardo e postura” ha aggiunto Mento, sono gli strumenti per creare accoglienza od ostilità. Sull’importanza del tema oggetto del congresso si è espresso anche il prof. Cosimo Inferrera che ha sottolineato come un territorio debba consentire di identificare se’ stessi e gli altri. Filoxenia è considerazione dell’altro ha dichiarato lo psichiatra Luigi Baldari che interverrà al congresso con la relazione ” I familiari e l’estraneo“.

L’evento si terrà nei giorni 07-08-e 09 settembre a Mandanici. In particolare, venerdì 07 settembre alle h 17.30 al Museo Etnoantropologico di Mandanici avrà luogo la cerimonia inaugurale. Il Congresso sarà presentato dall’avv. Silvana Paratore che introdurrà con l’ingegnere, giornalista e scrittore Franco Arcovito i lavori sul tema intorno al quale si confronteranno circa 50 relatori e cultori di varie discipline, storico-filosofiche, giuridiche, sociologiche, filosofiche, mediche. Due le relazioni di eccellenza in apertura evento:una di Patrizia Giancotti antropologa e giornalista che introdurrà il tema della Filoxenia e di Silvana Iannelli già direttrice del Museo Archeologico di Vibo Valentia che parlerà su “Un viaggio in Calabria tra mito e storia”. I lavori proseguiranno nella giornata di sabato 8 con tre sessioni: una prima parte dedicata agli aspetti filosofici e teologici; una sessione su Salute e medicina sociale nel mediterraneo ed una sessione pomeridiana in ricordo del filosofo Girolamo Cotroneo recentemente scomparso. Nella terza giornata, il 9 settembre, saranno trattati aspetti sociologici, letterari ed etnoantropologici della Filoxenia . In rilievo le relazioni di Giuseppe Campione sulle migrazioni Mediterranee e di Sergio Todesco sulle regole dell’ospitalita’. Non mancheranno momenti musicali a cura di Rosalba Lazzarotto ed una mostra fotografica intitolata ” Il Sacro degli altri. Culti e pratiche rituali dei migranti in Sicilia” allestita dai fotografi Attilio Russo e Giuseppe Nuccio.

Il congresso è organizzato dal dott. Giuseppe Mento, neurologo del Dipartimento di Neuroscienze dell’AOU di Messina, in collaborazione con il Comune di Mandanici, con l’Università degli Studi di Messina, con la Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina,  col Modulo Dipartimentale di Salute Mentale Messina , con l’Associazione “il Centauro Onlus” e con il patrocinio dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Messina ed in gemellaggio culturale con  “Naxoslegge” Festival delle narrazioni, della lettura e del libro.

Presidente Onorario del Congresso il Sindaco di Mandanici Armando Carpo.

 Intervenuti alla conferenza stampa il Vicesindaco di Mandanici Mario Scigliano, la Presidente del consiglio Comunale di Mandanici Anna Misiti e l’assessore alla Cultura Giuseppe Carpo.

Foto con gli organizzatori del Congresso. Al centro l'avvocato Silvana Paratore

Foto di gruppo: Carpo, Scigliano, Misiti, Accorvito, Allone, Paratore, Mento, Baldari, Inferrera

Da sin. Pino Mento, Silvana Paratore e Allone

Da sin. Pino Mento promotore evento, Silvana Paratore presentatrice della Cerimonia Inaugurale e del Premio Raul Di Perri, Matteo Allone relatore al congresso

0 1087

SETTIMA  EDIZIONE

della Manifestazione Culturale “Archetipi e Territorio”

MANDANICI (ME) 8 – 9 – 10  Settembre 2017

MEDITERRANEO EUROPA OCCIDENTE

Nuovi Scenari, Immaginario e Destino

C’è ancora spazio per il “Mito e il Sogno della Bellezza e della Giustizia” nella dimensione contemporanea del territorio in cui viviamo? La nostra “Sicilia” è disseminata da tracce antropologiche che rivelano un destino narrativo primordiale al centro del mediterraneo. In alcune aree, dove la temporalità è ancora sospesa e la realtà oscilla tra l’accadere, l’inerzia e le negazioni del passato, sarà la mente dell’uomo, con la sua cultura, la conoscenza, le sue musiche e le architetture a ridisegnare un “ritmo dominante” di bellezza nel territorio, e trascinare “fuori” definitivamente la percezione di incombente abbandono territoriale, sociale, spirituale e giuridico che ha caratterizzato i fenomeni critici di questo secolo. Questo evento è un tentativo di “rivisitazione critica” dei concetti di spazio, luogo, ambiente, territorio e paesaggio attraverso una prospettiva antropologica e storica della percezione dei “comportamenti umani” e dei “fenomeni” che in essi avvengono. Un occasione culturale di confronto tra aree del sapere apparentemente distanti tra loro come le neuroscienze e la psicoanalisi, l’architettura e il design, le scienze musicali e l’archeologia, l’economia e il diritto, la filosofia e la geografia, l’antropologia e la storia. La vera conoscenza di un “territorio” da parte di chi lo abita ma anche di chi lo visita non può continuare ad essere sostenuta solo da motivazioni di tipo individuale e consumistico, ma dovrebbe sempre tendere ad una “esplorazione cognitiva delle memorie” dalla quale possa emergere una nuova coscienza collettiva dell’abitare e attraversare i luoghi, non solo in senso fisico ma anche in senso spirituale, immaginario, metafisico e simbolico. Al fenomeno della globalizzazione che, per soggiacere a regole di tipo prevalentemente economico tende alla cancellazione delle piccole etnie, dei retroterra culturali e di tutta una fenomenologia arcaica di comportamenti u mani e di tradizioni, va contrapposto un modello alternativo di “connettività micro-dimensionale delle culture e dei saperi” di tutti i luoghi della terra che possa efficacemente assicurare all’umanità un progressivo transito verso la post-modernità e oltre! Questo evento è quindi dedicato a uomini e donne dallo spirito libero che sentono di poter dare ancora un personale e collettivo apporto, tramite le diverse discipline e ambiti in cui operano, scientifiche, umanistiche, spirituali, artistiche e tecnologiche, alla complessa dimensione evolutiva del sistema “Mondo”. Negli spazi in cui vivono.. in quelli che stanno ancora attraversando.. e in altri, che hanno solo immaginato o sognato!                        

                                    Giuseppe Mento

Il dott. Pino Mento

Il dott. Pino Mento

L'Avv. Silvana Paratore

L’Avv. Silvana Paratore

I relatori del Convegno

I relatori del Convegno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 8 settembre alle ore 17.30 al Museo Etnoantropologico di Mandanici avrà luogo, alla presenza del Sindaco Armando Carpo, la Cerimonia inaugurale della settima edizione del Congresso multidisciplinare dal titolo: Mediterraneo, Europa, Occidente. Nuovi Scenari, Immaginario e Destino. L’evento organizzato dal Comune di Mandanici, da Archetipi e Territorio, Osservatorio di Antropologia Cognitiva presieduto dal neurologo Giuseppe Mento e dal Centauro Onlus, è patrocinato dall’Ordine dei Medici della Provincia di Messina e dall’Ordine degli Ingegneri. Nei tre giorni circa 50 relatori di diverse discipline si confronteranno su una tematica di grande attualità. Mediterraneo, Europa e Occidente rappresentano tre categorie dello spazio geografico, economico-politico ma anche simbolico e richiamano alla nostra identità antropologica e al nostro sistema sociale e culturale. Prospettive di lettura che oscillano tra antiche derive, mimetismi e nuove proiezioni della realtà. Così, nei processi di produzione di senso, il nostro immaginario attinge da un lato ad un patrimonio condiviso di immagini arcaiche, dall’altro deve sempre confrontarsi con nuove immagini prodotte dalla contemporaneità. Quindi la nostra coscienza occidentale deve oggi confrontarsi con l’inquietudine inconscia di tutto un sistema culturale e con nuovi fenomeni critici che mettono a dura prova le future garanzie di democrazia e libertà e il destino di tutte le civiltà. Durante le tre giornate che saranno presentate dall’Avv. Silvana Paratore, attraverso diverse prospettive, antropologica, storico-filosofica, geografica, architettonica, socio-economica e medica, si cercheranno nuove riflessioni su quello che si potrebbe definire un tentativo moderno di “Geografia Cognitiva”. Nella prima giornata i lavori, che saranno aperti dall’ingegnere Franco Arcovito, prevedono le letture dei Professori Cotroneo, Campione ed Inferrera. Nelle altre due giornate cultori di varie università e istituzioni si confronteranno nelle sessioni “Visioni Mediterranee”, “La salute e il benessere nell’area mediterranea”, “Geopolitiche di transizione, letteratura, diritto e filosofia”, “Immaginario, Identità e Destino”. Altre due sessioni, “Linea di Incontro/scontro di civiltà, popoli e culture” e “Nei paesi a metà. Per un’antropologia delle migrazioni e dei movimenti socioculturali nel mondo contemporaneo”,  prevedono la partecipazione della Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina coordinata dall’architetto Orazio Micali e del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina diretto dal Prof. Mario Bolognari. Nelle giornate di venerdì e sabato è prevista la consegna del Premio “Raoul di Perri 2017” per la Scienza, l’Arte e la Cultura al Prof. Cosimo Inferrera e del Premio “Mandanici 2017” al giornalista e scrittore Franco Arcovito autore del libro 7 giorni a Siracusa.

 

 

PROGRAMMA

Venerdì 8 settembre h 17.30

Cerimonia inaugurale

Presenta Silvana Paratore

Saluti del Sindaco di Mandanici Armando Carpo

 

MEDITERRANEO EUROPA OCCIDENTE

Nuovi Scenari, Immaginario e Destino

Franco Arcovito

Il Mediterraneo tra miti, religioni e filosofia G. Cotroneo

Il Mediterraneo: regione o frontiera G. Campione

h 19.30

PREMIO “RAOUL DI PERRI” 2017

Per la Scienza, l’Arte e la Cultura

Consegna il premio il Prof. Giuseppe Vita

C’ad ogni vento per mare andasse al volere vostro e mio C. Inferrera

 

“MANDANICI WELCOME”

Sabato 9 settembre h 9.30

Visioni Mediterranee

  1. Motta, S. Piraro

Le trame invisibili delle città, ovvero l’inconscio del territorio V. Langher

Un caso clinico di integrazione del complesso paterno G.Martino

Migrazioni ed integrazioni dal Mediterraneo. Lingue e culture in evoluzione

  1. Piraro

Trasmissione di saperi e nuove identità. La rotta delle madreperle incise nel

Mediterraneo S.Todesco

h 11.30

La salute e il benessere nell’area Mediterranea

  1. D’angelo, L. Baldari

Sorsi di Mediterraneo. Breve viaggio fra isole e vini L. Moleti

Da ichthys a fish: Il pesce e il mare nella questione Mediterranea F. Andaloro

Cannabis: viaggiatore del tempo G. Calapai

Cultura del cibo nel Mediterraneo G. Turiano, M.G. Urso

Percorso evolutivo/involutivo della nutrizione neonatale nel bacino del Mediterraneo

M.T. D’Agostino

h 17.30

Linea di Incontro/scontro di civiltà, popoli, culture

  1. Micali

Archeologia: l’insediamento costiero – il caso Messina G. Tigano

Architettura: la fortificazione della linea di costa, tra difesa antinvasiva e antincursiva

  1. Vinci

Paesaggio: Città e Porto M. Mercurio

Storico – artistica: Immagini tra Oriente e Occidente S. Lanuzza, M. Katja Guida

Premio MANDANICI 2017

7 giorni a Siracusa

  1. Arcovito

 

 

Domenica 10 settembre h 9.30

Geopolitiche di transizione, letteratura, diritto e filosofia

  1. Ballistreri, G. Giordano

I flussi migratori del nostro secolo: dimensioni del problema e impatto emotivo

  1. Macauda

Pirandello traduttore di Euripide. Un pioniere dell’ archeologia del sapere L. Fulci

I diritti sociali tra Occidente ed Europa M. Ballistreri

Isl-amici vicini e lontani: dalla sconfitta del fondamentalismo una via araba ai diritti

  1. Minniti

Nella storia dell’ area falcata di Messina, l’incrocio tra Avignone, Pisa, Napoli,

Gerusalemme S. Bertolami

Maria Zambrano e la riflessione sull’ Occidente tra filosofia e politica E. Scarcella

h 12.00

Immaginario, Identità e Destino

  1. Scuto, F. Fischetti
  2. Allone, M. Aragona, L. Baldari, R. Motta, J. Gioffrè, G. Mento

h 17.30

Nei paesi a metà. Per un’antropologia delle migrazioni e dei

movimenti socioculturali nel mondo contemporaneo

  1. Bolognari, M. Geraci

E Lampedusa pare fussi Europa… Emigrazione e immigrazione nella

canzone narrativa dei poeti-cantastorie del Sud

Recital di Mauro Geraci e Fortunato Sindoni

Dalle antiche monodie alla dissoluzione armonica: l’onda delle costellazioni

timbriche del Novecento che attraversa il continente europeo

  1. Schepis

 

Sabato 9 settembre

Miti e sogni, in una notte di mezza estate siciliana

Recital in musica, reading di T. Micarelli con G. Failla alle chitarre

Domenica 10 settembre

MANDANICI 2017

Premio Giovani Cultori della Scienza

Arrivederci a MANDANICI 2018

Jazz in Badia a cura di R. Lazzarotto

“ARCHETIPI E TERRITORIO”

Osservatorio di Antropologia Cognitiva

[antropologia macrocosmi microcosmi archeologia storiografia culture iconografie retrospettive design linguaggi narrative architetture ambiguità paradigmi complessità modelli fenomenologie ermetismi tendenze simbologie metafisica archetipi identità ermeneutiche soglie inferenze processi configurazioni metafore orizzonti distanze transizioni non luoghi sostenibilità sonorità marginalia creatività seduzioni spiritualità trasformazioni silenziose.. miti sogni realtà bellezza verità giustizia amore]

Continui rimandi, echi e ridondanze tra fenomeni, accadimenti e inerzie, tra immaginario e realtà, vicende umane che incrociano traiettorie geologiche, cosmologie e cosmogonie e scrivono il senso della storia di questo pianeta.

“Antropocene”, la visione globale di un’epoca dai confini temporali indefiniti e dal destino incerto durante la quale il nostro senso di responsabilità sarà determinante per immaginare ancora il futuro.

 

Comune di Mandanici

“Archetipi e Territorio” Osservatorio di Antropologia Cognitiva

Università di Messina

Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Modulo Dipartimentale di Salute Mentale, Milazzo. Lipari

Il Centauro Onlus

Con il Patrocinio di Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Messina

Ordine degli Ingegneri

Fondazione Architetti nel Mediterraneo Messina

In gemellaggio culturale con Naxoslegge

Festival delle narrazioni, della lettura e del libro

Presidente Onorario

Armando Carpo Sindaco di Mandanici

Direttore Scientifico e Organizzatore

Giuseppe Mento

Presidente di “ARCHETIPI e TERRITORIO”

Osservatorio di Antropologia Cognitiva

giuseppe.mento@unime.it cell. 3475058858

www.mandanici2017.blogspot.com

Assessore alla Cultura

Giuseppe Carpo

Scientific Board

  1. Mento, G. Turiano, R. Motta, M. Allone, M. Aragona, L. Baldari,
  2. D’Angelo, S. Piraro, F. Fischetti, N. Schepis, C. Inferrera,
  3. Giordano, A. Santoro, S. Mangiameli

Coordinamento e Public Relations

Danila Crisafulli, Silvana Paratore, Filippa De Tommaso

Segreteria Organizzativa

ADM congressi 090345281, 3357786891,

info@admcongressi.it

Si ringraziano

CENTRO DIAGNOSTICO DOTT. FRANCESCO FIUMARA

REVALFARMA

ARCAPHARMA FB HEALTH

ISIMED

BIOREST

VITALAIRE

VIOLADIMARE

MISERICORDIA SAN GIUSEPPE DI LETOJANNI

COOPERATIVA AGRICOLTORI IONICI

Le madrine della manifestazione Evelina Riva e Giusi Scarcella,

L’Amministrazione di Mandanici

Gabriella Facciolà, Lucia Grassi, Sebastiano Fulci, Paolo Turiano, Pippo Marchetti, Pippo

Carella, Federico Borrometi, Serena Sgroi, Antonio Sturiale, Marcello Mento, Giorgio Fleri,

Angelo Patanè, Renato Crupi, Silvana Paratore, Filippa De Tommaso e tutti gli amici di

“Mandanici e dintorni”…

 

Relatori e Moderatori

Matteo Allone Psichiatra, Direttore del Centro CAMELOT, ASP Messina

Francesco Andaloro Dirigente ISPRA, Palermo

Marcello Aragona Psicooncologo, Università di Messina

Franco Arcovito Ingegnere, Giornalista e Scrittore, Messina

Luigi Baldari Micropsicoanalista, ASP Messina

Maurizio Ballistreri Professore di Diritto del Lavoro, Università di Messina

Sergio Bertolami Architetto, Messina

Mario Bolognari Direttore del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne, Università di Messina

Gioachino Calapai Docente di Farmacologia, Università di Messina

Giuseppe Campione Professore di Geografia, Università di Messina

Armando Carpo Sindaco di Mandanici

Girolamo Cotroneo Prof. Emerito di Storia della Filosofia, Università di Messina

Maria Teresa D’Agostino Biologa nutrizionista, Messina

Alessandro D’Angelo Oncologo, Taormina

Giuseppe Failla Alle chitarre, Catania

Giuseppe Falzea Presidente della Fondazione “Architetti nel Mediterraneo”, Messina

Federico Fischetti Psichiatra, Messina

Ludovico Fulci Professore di Filosofia, Roma

Mauro Geraci Professore di Antropologia Culturale, Dip. di Civiltà Antiche e Moderne, Università di Messina

Jenny Gioffrè Psicologa Clinica, ASP, Messina

Giuseppe Giordano Professore di Storia della Filosofia, Università di Messina

Maria Katja Guida Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Cosimo Inferrera Professore di Anatomia Patologica, Università di Messina

Viviana Langher Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica, Sapienza Università di Roma

Stefania Lanuzza Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Rosalba Lazzarotto Psicologa, Musicista e compositrice, Messina

Silvia Macauda Medico Capo della Polizia di Stato, Coordinamento sanitario Sicilia e Calabria, Catania

Gabriella Martino Ricercatore in Psicologia Clinica, Università di Messina

Giuseppe Mento Neurologo, Presidente dell’Osservatorio di Antropologia Cognitiva “Archetipi e Territorio”, Messina

Marisa Mercurio Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Orazio Micali Soprintendente, Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Teresa Micarelli Attrice e performer, Atene, Roma

Alessandra Minniti Dottore di ricerca in Storia delle Istituzioni Politiche del Mediterraneo, Liceo Seguenza, Messina

Leopoldo Moleti Docente ITA Cuppari, Messina

Roberto Motta Direttore del Modulo Dipartimentale Salute Mentale, Milazzo, Lipari

Luigi Palmucci Architetto, Roma

Silvana Paratore Avvocato. Messina

Sergio Piraro P rofessore di Lingua francese, Università di Messina

Emilia Scarcella Professore di Filosofia e Storia, Liceo Classico, Santa Teresa di Riva, Messina

Nicola Schepis Psicologo pedagogista, Milazzo

Salvatore Scuto Assessorato Regionale dei Beni Culturali

Fortunato Sindoni Cantastorie, Messina

Gabriella Tigano Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Sergio Todesco Antropologo, Messina

Fulvia Toscano Direttore di Naxoslegge, Giardini Naxos, Messina

Giuseppe Turiano Endocrinologo, Ospedale Papardo, Messina

Maria Giovanna Urso Dietologa, Mandanici

Mirella Vinci Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina

Giuseppe Vita Direttore UOC di Neurologia e Malattie Neuromuscolari, Università di Messina

 

0 745

La cerimonia si è svolta nell’ambito della sesta edizione del convegno Archetipi e Territorio "La Sicilia e le sue culture-Conoscere, Pensare, Agire"

Mandanici (Me) - La sesta edizione del convegno Archetipi e Territorio “La Sicilia e le sue culture – Conoscere, Pensare, Agire”, svoltasi al Museo Etnoantropologico di Mandanici, si è conclusa con la consegna del premio “Raoul Di Perri” 2016 per la Scienza, l’Arte e la Cultura al commissario dott. Filippo Romano.
La targa è stata assegnata per “aver contribuito alla diffusione della cultura e della legalità svolgendo un ruolo di sostegno e dedicando particolare attenzione ed interesse al patrimonio culturale scientifico ed artistico del territorio nell’ambito del proprio ruolo istituzionale”.
Il dott. Romano, nel corso del suo intervento, ha sviluppato la tematica sui “I segni dell’uomo e il territorio: la Sicilia terra umanissima” suscitando nella platea presente particolare interesse per i contenuti trattati.
L’edizione 2016 del meeting, che ha visto la partecipazione di 35 prestigiosi relatori, è stato organizzato dal Comune di Mandanici, dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Università degli Studi di Messina, dal Modulo dipartimentale di Salute mentale di Milazzo e Lipari, da “Il centauro onlus” ed è  stato patrocinato dall’Ordine dei Medici chirurgici e degli Odontoiatri della provincia di Messina, dall’Ordine degli Ingegneri, dalla Fondazione Architetti nel Mediterraneo di Messina.

Premio al dott. Filippo Romano

Premio al dott. Filippo Romano

Al centro il dott. Filippo Romano

Al centro il dott. Filippo Romano

La consegna della targa

La consegna della targa

Relatori e Organizzatori

Relatori e Organizzatori

RIMANI IN CONTATTO