Home Il Personaggio E’ morto a 102 anni il Maestro Domenico Di Mauro il pittore...

E’ morto a 102 anni il Maestro Domenico Di Mauro il pittore dei carretti siciliani

0 1872

Aci Sant’Antonio (Ct). Sarà ricordato come uno dei personaggi più rappresentativi della storia di Sicilia,  per aver fatto conoscere a tutto il mondo una delle creazioni artistiche più amate della nostra tradizione culturale, quella delle raffigurazioni epiche dipinte sui carretti siciliani. Nel 2015 Di Mauro, per i meriti conseguiti, era stato iscritto nel “Registro delle eredità immateriali” della Regione Siciliana. Assieme a lui vennero iscritti anche altri cinque artisti di carretti siciliani: Venera Chiarenza (pittrice e decoratrice di carretti siciliani), Antonio Zappalà (pittore e decoratore), Rosario D’Agata (scultore), Paolo Rapisarda (maestro del ferro battuto), Salvatore Chiarenza.

“Minicu”, come veniva affettuosamente chiamato il pittore di carretti siciliani di Aci S. Antonio (Ct) era nato nel 1913 a Guardia Mangano (una frazione di Acireale) e tra qualche giorno (il 4 aprile), avrebbe compiuto 103 anni.  All’età di 11 anni, dopo aver conseguito la licenza elementare, si  trasferì ad Aci Sant’Antonio dove comincia a lavorare nella bottega dello  zio Vincenzo (fratello del padre), pittore e decoratore di carretti siciliani già affermato. In quegli anni il comune etneo era tra i più importanti della Sicilia Orientale per quel che riguarda le decorazioni dei carretti siciliani. Il piccolo Domenico nella bottega d’arte dello zio Vincenzo apprende i trucchi del mestiere e, motivato da una grande passione per la pittura diventa in poco tempo un abile disegnatore di scene epiche. Di li a qualche anno Minicu iniziò a lavorare in proprio  intraprendendo una carriera luminosa ricca di soddisfazioni e riconoscimenti artistici. Inizia così a riprodurre sulle fiancate (“sponde”) dei carretti siciliani le gesta epiche dei Paladini di Francia, le leggende dei Ciclopi e di Aci e Galatea,  le scene della “Cavalleria Rusticana” e quelle della “Gerusalemme Liberata” e tanti altri racconti. Agli inizi della sua attività iniziò a lavorare collaborando con altri maestri d’arte del messinese (S. Teresa di Riva e Furci) e di Scordia. Poi, nel 1928, ritorna ad Aci Sant’Antonio dove apre una piccola bottega d’arte, divenuta nel tempo famosa.  Tante le personalità che, ammirate dalla sua bravura e dalla sua fama, lo vanno a trovare nella sua bottega artigiana. Tra i nomi più celebri ricordiamo la visita, nel 1963, di re Gustavo di Svezia, i quale, accompagnato da un imponente corteo di auto fece tappa nella bottega per conoscere l’artista ed acquistare alcune sue opere. Il Maestro Di Mauro ebbe modo di incontrare anche tanti altri nomi celebri, tra questi ricordiamo Salvatore Quasimodo, Carlo Levi, Pierpaolo Pasolini, Salvatore Fiume, Vincenzo Consolo.  Sono tantissime le mostre ed eventi vari dedicati al maestro. Diverse  sue opere sono state esposte nei luoghi d’arte più prestigiosi d’Italia e del mondo, tra cui alla Rassegna Internazionale dell’Artigianato di Firenze; nel 1981 alla Fete de l’Humanitè di Parigi rappresenta la Sicilia nel padiglione “Tourisme et Travail”. Un anno dopo alcune sue opere vengono esposte al Musèe de l’Homme di Parigi uno dei più prestigiosi musei etnologici del mondo.Suoi lavori sono esposti anche alla Casa Bianca, al Circolo della Cultura di Mosca, al museo di Tokyo, in Vaticano ed al Quirinale. Nel 1991 il presidente Cossiga gli conferisce l’onorificenza di “Cavaliere” della Repubblica Italiana. Anche la sua terra lo ha insignito di riconoscimenti, tra questi ricordiamo la medaglia d’oro della Camera di Commercio di Catania e il “Trofeo del Maestro” nell’ambito della manifestazione internazionale “Etna D’Oro” del 1983. Nel corso della sua vita oltre la passione per la sua professione Di Mauro affiancò quella per la politica. Militò nel Partito Socialista e, nel 1944 venne eletto sindaco di Aci Sant’Antonio, carica che rivestirà per due anni. Tra i suoi impegni politici anche quello di consigliere comunale. Per il primo secolo di vita, nel 2014, il Maestro Di Mauro venne festeggiato dall’amministrazione comunale di Aci Sant’Antonio e, successivamente anche a Giardini Naxos dal Fotoclub Naxos presieduto dal Angelo Savoca con il quale Di Mauro era legato da una particolare amicizia. Alla festa, oltre ai parenti, agli amici e soci del fotoclub intervennero anche artisti e operatori culturali, tra questi la prof.ssa Angela Vecchio, Saro Bellingheri (cultore delle antiche tradizioni) e il giovane fisarmonicista Salverico Cutuli. In quell’occasione l’artista centenario con grande lucidità allietò gli intervenuti raccontando la sua esaltante carriera. Un solo rammarico, che un arte così bella e affascinante non sia più praticata  dalle giovani generazioni.

    ROSARIO MESSINA

Il Maestro Di Mauro a Giardini Naxos in occasione della Fiera del 1 Aprile di qualche anno fà

Il Maestro Di Mauro a Giardini Naxos in occasione della Fiera del 1 Aprile di qualche anno fà

Il Comune di Aci Sant'Antonio festeggia i 100 anni di Domenico Di Mauro

Il Comune di Aci Sant’Antonio festeggia i 100 anni di Domenico Di Mauro

Al centro della foto Angelo Savoca e Di Mauro alla Taverna di Naxos

Al centro della foto Angelo Savoca e Di Mauro alla Taverna di Naxos

  • Print
Computer Hope