AGOSTO 2019
Home Tags Posts tagged with "41 stormo"

41 stormo

0 681
Visita dei militari dell'Aeronautica nel reparto di pediatria al Policlinico di Catania

Visita dei militari dell’Aeronautica nel reparto di pediatria al Policlinico di Catania

I Piloti e gli operatori dell’88 Gruppo Volo del 41° Stormo hanno visitano i bambini del Policlinico di Catania

Catania – Lunedì 30 aprile 2018, i Piloti e gli operatori di volo dell’88° Gruppo del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella, hanno organizzato un’iniziativa benefica a favore dei piccoli pazienti dei reparti pediatrici dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania.

La delegazione, partita da Sigonella carica di gadget della Forza Armata e di confezioni di giocattoli vari, è stata ricevuta dalla d/ssa Reitano, una responsabile della direzione dell’ospedale catanese, che ha condotto i militari presso i reparti di oncoematologia pediatrica della d/ssa Russo, di broncopneumologia pediatrica della dott Leonardi e di Pediatria generale del d/ssa Fiumara.

Circa 50 tra bambini e ragazzi, degenti per le varie tipologie di malattie correlate, sono stati raggiunti con l’obiettivo di regalare loro almeno un sorriso e qualche dono o gadget, tentando di far trascorrere loro una giornata diversa dalle solite.

In sintesi, sono stati momenti di grande gioia e colore non solo per i piccoli pazienti, che si sono distratti dalle difficoltà del momento, ma anche per genitori degli stessi e per i medici ed infermieri.

Tant’è, che a margine dell’incontro, i responsabili dei reparti hanno espresso il desiderio di poter svolgere quanto prima un’attività conoscitiva a Sigonella unitamente ai loro piccoli pazienti.

L’iniziativa si traduce nella volontà del personale dell’Aeronautica Militare e della Marina Militare dell’88° Gruppo volo di Sigonella (per la peculiarità unica che gli equipaggi del 41° Stormo provengono dalle due Forze Armate), di esprimere vicinanza e di sostenere – tra le altre – questa attività di solidarietà, dimostrando un forte e convinto impegno a favore di chi si trova in difficoltà e confermando lo stretto legame tra le Forze Armate, il territorio e le varie Istituzioni locali.

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella è dotato di velivoli “P-72A” con i quali, conseguendo e mantenendo la prontezza operativa degli stessi, garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio, mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali potenzialmente ostili. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo la copertura di ampie zone di mare, con l’eventuale localizzazione di profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti, compreso l’intervento Search and Rescue (SAR) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi.

Foto di Gruppo

Foto di Gruppo con i medici del reparto di pediatria

I militari al Policlinico

I militari del 41° stormo al Policlinico

Assieme ai medici del reparto di pediatria

Assieme ai medici del reparto di pediatria

Visita al reparto di pediatria nelle stanze con i piccoli ricoverati

Visita al reparto di pediatria nelle stanze con i piccoli ricoverati

I militari del 41° stormo giocano con i bambini ricoverati

I militari del 41° stormo giocano con i bambini ricoverati

Assieme ai piccoli ricoverati

Assieme ai piccoli ricoverati

0 1094

Il progetto prevede attività di tirocinio, formazione ed orientamento per i giovani studenti dell'istituto

Sigonella (Ct) – Lunedì 26 settembre, è stata siglata a Sigonella una convenzione per attività di tirocinio di formazione ed orientamento tra l’Aeronautica Militare, rappresentata dal Comandante dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella Colonnello Pilota Federico Fedele, e l’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa, rappresentato dal Dirigente Scolastico Dott/ssa Antonella Rosa.

Come negli intendimenti del Ministero dell’Istruzione, il progetto prevede una serie di percorsi teorici e pratici per gli studenti dell’Istituto al fine di sviluppare e valorizzare le loro vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali, avvicinandoli alle attività della Difesa e dell’Aeronautica Militare per toccarne con mano le dinamiche organizzative e conoscere meglio una realtà sempre al servizio del cittadino, ventiquattro ore su ventiquattro, senza soluzione di continuità.

I dettagli del percorso formativo sono già allo studio dei “tutor” della Forza Armata e dell’Istituto. Le attività interesseranno le branche del controllo spazio aereo e della meteorologia dell’Aeroporto di Sigonella e quelle della manutenzione e dell’attività dei Gruppi Volo del 41° Stormo.

 Prima di lasciare la base di Sigonella, la delegazione di docenti e studenti del Besta ha visitato un velivolo BR-1150 Atlantic in manutenzione presso il locale hangar del Gruppo Efficienza Aeromobili.

 Il Comando Aeroporto di Sigonella ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

 Il 41° Stormo Antisom di Sigonella garantisce dal 1965 la protezione delle principali vie marittime della Nazione, contrastando la minaccia delle unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili e fornendo un costante servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio, a mezzo del “Breguet 1150 Atlantic” che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutta l’area del Mediterraneo. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, per la tempestiva localizzazione di profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti.

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

La preside dell'istituto Antonella Rosa ed il comandante della base di Sigonella e del 41° Stormo  Federico Fedele

La preside dell’istituto Antonella Rosa ed il comandante della base di Sigonella e del 41° Stormo Federico Fedele

Visita hangar Atlantic del Besta Ragusa

Visita hangar Atlantic del Besta Ragusa

Foto di Gruppo con l'Atlantic

Foto di Gruppo con l’Atlantic

0 1215

Il 27 maggio 2016, il 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella ha partecipato alla manifestazione organizzata della componente Aeronavale della Marina Francese sulla base di Lann-Bihoué a Lorient in Francia che ha festeggiato il prestigioso traguardo dei 50 anni d’attività della flotta Atlantic (ATL1 e ATL2).

Il Paese Transalpino, che a tutt’oggi continua a supportare l’Italia nella gestione tecnico-logistica della Flotta ATL tramite il consorzio NATO Breguet-Atlantic, ha fortemente caldeggiato la partecipazione del Reparto per il forte spirito di collaborazione tra le due Nazioni e l’alto senso d’appartenenza che contraddistingue tutte le componenti MPA delle Nazioni del Patto Atlantico.

Come si attendeva, a Lann-Bihoué grande è stata l’ospitalità dei Francesi nei confronti dell’equipaggio Siciliano. La partecipazione della delegazione italiana è stata accolta con forte entusiasmo da parte del Contrammiraglio Bruno Thouvenin, Comandante dell’Aéronautique Navale della Marine Nationale Francese e del personale tutto, a tal punto che il velivolo del 41° Stormo è stato parcheggiato accanto all’ATL2 francese quale “ospite d’onore” in sfondo alla suggestiva cerimonia. La presenza dell’ATL1 ha inoltre suscitato un immensa commozione tra quel personale, ancora in servizio e non, che in passato aveva volato sulla versione francese. Innumerevoli sono state le manifestazioni di affetto e simpatia dei partecipanti nei confronti del nostro equipaggio.

Il significativo evento in Terra di Francia è stato una delle ultime occasioni per ammirare entrambi i velivoli fianco a fianco, a dimostrazione dell’efficacia di un lunghissimo sodalizio. Nell’ambito di questi consolidati rapporti, è già stata anticipata l’intenzione di estendere l’invito alla flotta Francese ed agli appartenenti alla componente MPA (maritime patrol) della NATO, all’evento che il 41° Stormo intende organizzare in occasione del phase-out della Flotta Atlantic, ad oggi previsto nel 2017.

 

L’Atlantic, nella sua prima versione, è al servizio dell’Italia dal 28 giugno 1972. 44 anni e ben oltre 250 mila ore di volo che suscitano tuttora fascino, ammirazione e gratitudine.

L’Atlantic è un velivolo da pattugliamento marittimo “ognitempo”, prodotto in Francia, caratterizzato da elevate autonomia e raggio d’azione e atto a condurre la lotta sopra e sotto la superficie del mare con il massimo dell’efficacia. La sua peculiarità è che è l’unico velivolo al mondo non derivato da velivolo civile, ma concepito e progettato specificatamente per l’attività “antisom” – viva testimonianza della “guerra fredda”. L’Atlantic è organico dell’Aeronautica Militare ma è impiegato dalla Marina Militare, per questo l’equipaggio, che è il più numeroso in AM, è formato da 13 militari appartenenti ad entrambe le Forze Armate. Di recente è iniziata per il 41° Stormo la fase di transizione al nuovo sistema d’arma: il velivolo ATR-72 nella versione militarizzata “maritime patrol” P-72A. Intanto, seppur datato e vicino alla dismissione, l’Atlantic – il bimotore più “anziano” dell’AM – continua a rappresentare un eccellente binomio di operatività ed efficacia per la Difesa.

Equipaggio del 41° Stormo che ha partecipato evento francese

Equipaggio del 41° Stormo che ha partecipato evento francese

Contr Bruno Thouvenin passa in rassegna schieramento

Contr Bruno Thouvenin passa in rassegna schieramento

Atlantic del 41° Stormo

Atlantic del 41° Stormo

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

Atlantic del 41° Stormo in mostra statica a Lorient

 

 

0 1695

Passaggio di consegne tra il Colonnello Sicuso ed il Colonnello Fedele

Base aerea di Sigonella (Ct)- Martedì 20 ottobre 2015 alle ore 10.30, presso l’hangar “one” della Base Aerea di Sigonella, avrà luogo la cerimonia di avvicendamento al Comando del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella tra il Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso, Comandante uscente ed il Colonnello Pilota Federico Fedele, Comandante subentrante.
L’evento, presieduto dal Generale di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi, Comandante la Squadra Aerea, vedrà la partecipazione di autorità civili e militari delle provincie di Catania, Siracusa, Ragusa, Messina , Enna e Caltanissetta, oltre naturalmente al personale militare e civile della Base Aerea.
Il Colonnello Sicuso lascia il Comando della Base Aerea dopo poco più di due anni di intenso lavoro al Colonnello Fedele, proveniente dallo Stato Maggiore Aeronautica.
Per l’occasione è gradita la presenza dei rappresentanti dei Mezzi d’Informazione di cui è richiesto l’accredito attraverso mail ai recapiti di seguito riportati (ingresso in base entro le ore 10.15). Per motivi organizzativi non sarà consentito l’ingresso in mancanza di accredito.
Le eventuali interviste potranno essere rilasciate solo al termine della cerimonia dal Comandante della Squadra Aerea – Generale di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi, dal Comandante uscente Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso e dal nuovo Comandante del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella Colonnello Pilota Federico Fedele.

Il Comandante del 41° Stormo Vincenzo Sicuso

Il Comandante del 41° Stormo Vincenzo Sicuso

Cerimonia festeggiamenti per i  50 anni del 41 Stormo

Cerimonia festeggiamenti per i 50 anni del 41 Stormo

0 3409

Presso il 41° Stormo ha incontrato il Capo del Pentagono USA Ashton Carter

Il Ministro Pinotti e il Comandante della Base Aerea Sicuso

Il Ministro Pinotti e il Comandante della Base Aerea Sicuso

Base Aerea del 41° Stormo di SIGONELLA (Catania) –  Il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha visitato l’Aeroporto di Sigonella, sede del 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare.
Il Ministro, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa – Generale Claudio Graziano, al suo arrivo nella Base Siciliana è stato accolto dal Comandante la Squadra Aerea – Generale di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi e dal Comandante della Base Aerea, Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso.
Quest’ultimo ha illustrato al Ministro le attività dell’Aeroporto, dettagliando i vari compiti e funzioni, ed in particolare quanto viene assicurato nel settore della navigazione aerea a favore degli Aeroporti civili di Catania Fontanarossa e Comiso e quanto viene svolto dallo Stormo a mezzo dei velivoli Predator e BR-1150 Atlantic che, seppur “datato” e vicino alla pensione, continua ad essere un binomio di operatività ed efficacia per l’intera Forza Armata, in particolare quando si tratta di salvaguardare la vita umana nelle operazioni di sicurezza e ricerca nei nostri mari.
La visita guidata è proseguita ad alcune infrastrutture della Base tra le quali il nuovo hangar “one” con dentro un Atlantic in fase di manutenzione e i Velivoli Predator tramite i quali l’Aeronautica Militare opera anche da Sigonella complementando e rafforzando il dispositivo di difesa nazionale. Dopo aver toccato con mano sia l’attuale realtà che le prospettive future della Base Aerea, è seguito un incontro con tutto il personale della Base.
Prima di congedarsi dal personale, per il quale sono state usate parole di apprezzamento e ringraziamento, l’On. Pinotti ha voluto stringere la mano e complimentarsi con i militari schierati. Gesto questo apprezzatissimo dal Personale schierato e segno di vicinanza e di fiducia negli uomini e donne dell’Aeronautica Militare tutta.
Nella seconda parte della giornata, il Ministro Pinotti ha incontrato e ricevuto con onori militari di rito il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Ashton Carter, in visita ufficiale in Italia nell’ambito di una missione di cinque giorni in Europa, prima della conferenza ministeriale della Nato che si terrà l’8 ottobre a Bruxelles.
Insieme, i Capi della Difesa Italiana e USA, hanno nuovamente incontrato il personale italiano dell’Aeronautica Militare, quello dell’entità NATO AGS Force già presente a Sigonella e il personale americano della Naval Air Station (NAS). Nell’occasione, è stato fatto il punto della situazione sulla sicurezza e sulle operazioni nel Mar Mediterraneo occidentale “EunavforMed <http://www.difesa.it/OperazioniMilitari/op_intern_corso/eunavfor_med/Pagine/default.aspx>” e “Mare Sicuro <http://www.difesa.it/OperazioniMilitari/NazionaliInCorso/MareSicuro/Pagine/default.aspx>”. Un primo incontro in vista del colloquio bilaterale di Roma del 7 ottobre, durante il quale il Ministro Pinotti e il Segretario alla Difesa Statunitense si sono concentrati sui principali temi inerenti la lotta al terrorismo, la coalizione anti Isis, la situazione in Libia.
Carter ha espresso apprezzamento per quanto fatto dall’Italia nel campo dell’immigrazione e del contributo italiano alla sicurezza nel mediterraneo.
Prima di lasciare Sigonella, sia il Ministro Pinotti che il Segretario Carter hanno firmato l’albo d’onore del 41° Stormo Antisom di Sigonella sul quale – rivolgendosi a tutto il personale di Sigonella e dell’Aeronautica Militare – è rimasta la testimonianza dell’evento e parole indelebili di apprezzamento per il ruolo che giornalmente riveste la Forza Armata a difesa delle libere istituzioni.

 1° M.llo Carmelo Savoca

L'arrivo a  Sigonella del Ministro Pinotti

L’arrivo a Sigonella del Ministro Pinotti

L'arrivo del Ministro Pinotti

L’arrivo del Ministro Pinotti

Il saluto al Ministro

Il saluto al Ministro

IL col. Sicuso consegna il Grest del 41° Stormo al Ministro Pinotti

IL col. Sicuso consegna il Grest del 41° Stormo al Ministro Pinotti

Il Ministro Pinotti firma l'Albo D'Onore

Il Ministro Pinotti firma l’Albo D’Onore

Il Segretario Carter firma l'Albo D'Onore

Il Segretario Carter firma l’Albo D’Onore

Il Ministro Pinotti saluta gli equipaggi degli Atlantic

Il Ministro Pinotti saluta gli equipaggi degli Atlantic

Il Ministro Pinotti e il Segretario Carter passano in rassegna i militari della base

Il Ministro Pinotti e il Segretario Carter passano in rassegna i militari della base

L'incontro col Ministro Pinotti

L’incontro col Ministro Pinotti

Il Ministro visita la Base

Il Ministro visita la Base

Il Ministro visita la base

Il Ministro visita la base

Il Ministro Pinotti in visita alla Base

Il Ministro Pinotti in visita alla Base

0 1730
Il Gen. Pasquale Preziosa

Il Gen. Pasquale Preziosa

Il Comandante della PAN  Jan Slangen

Il Comandante della PAN
Jan Slangen

Gen. Pasquale Preziosi e Gen. Maurizio Lodovisi

Gen. Pasquale Preziosi e Gen. Maurizio Lodovisi

Giardini Naxos (Me) – E’ stato un successo che rimarrà negli annali della prima colonia greca di Sicilia la manifestazione aerea “Naxos Air Show” 2015 che ha visto protagonista nella Baia di Naxos, la mitica Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) altrimenti nota come le “Frecce Tricolori” prestigiosa rappresentante dell’Aeronautica Militare e dell’Italia nel mondo che, quest’anno, ha festeggiato i 55 anni di vita. L’evento, promosso dal Comune di Giardini Naxos in collaborazione con l’Aero Club d’Italia (l’ente promotore della manifestazione “Naxos air show 2015″) e l’Aero Club di Catania ha conferito alla location un momento di estremo prestigio con un eccezionale flusso di pubblico ovvero, adulti e bambini, che hanno affollato all’inverosimile tutto il lungomare di Naxos. Il tutto grazie allo Stato Maggiore dell’Aeronautica che ha concesso alla Pattuglia Acrobatica Nazionale l’autorizzazione a partecipare al “Naxos Air Show”. Eccellente la regia della manifestazione curata dal Comandante Francesco Moraci affiancato da Giuseppe Lo Cicero. In area comando a controllare le fasi della manifestazione e delle comunicazioni, oltre il direttore Moraci vi erano anche il Generale di Brigata Claudio Salerno Capo della Comunicazione dell’AM (UGCOM), il Maggiore Roberto Mattina (Coordinatore Aeronautica Militare), il Comandante della PAN T.Col. Pilota Jan Slangen e il Maresciallo capo Cosimo Roberto Arizzi comandante della Guardia Costiera – Locamare di Giardini Naxos. Numerose le autorità politiche e militari presenti nel palco degli ospiti, tra questi il Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa attuale Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, il Gen. di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi dello Stato Maggiore, il Gen. di Brigata Roberto Boi dello Stato Maggiore, il Gen. di Brigata Aerea Roberto Azzolin,  il Comandante della Base Aerea del 41° Stormo di Sigonella Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso dalla quale sono decollati i piloti della PAN, il deputato nazionale On. Giuseppe Castiglione.
Alquanto nutrito il programma dell’evento che ha proposto evoluzioni aeree, spettacolari numeri acrobatici della pattuglia civile “Blu Circe” e del Campione Italiano pluri medagliato Rudy Natale e tant’alto ancora. Emozionante la simulazione del recupero in mare di un naufrago da parte del nuovo elicottero in dotazione all’Aeronautica, l’ HH 139 dell’82° stormo del SAR di Trapani, che ha tenuto il pubblico col fiato sospeso per la spettacolarità della dimostrazione di salvataggio. Prima di arrivare al punto di recupero l’HH 139 ha effettuato un passaggio a bassa quota davanti agli spettatori che agitavano le bandierine tricolore con un membro dell’equipaggio appeso ad una fune che pendeva dall’elicottero mentre sventolava la bandiera italiana. A spiegare le fasi del recupero con dovizia di particolari è stato lo speaker dell’Aeronautica. il maresciallo Vito Galatea del SAR di Trapani. L’esaltante manifestazione aerea ha altresì proposto anche il sorvolo della flotta dell’Aero Club di Catania e di aerei militari, come il familiare Atlantic del vicino 41° Stormo di Sigonella (Ct) e le spettacolari evoluzioni di due EFA del 37° Stormo di Trapani Birgi. L’Eurofighter 2000 (EFA) è un caccia di ultima generazione, il più avanzato aereo da combattimento mai sviluppato in Europa, in grado di offrire capacità operative di ampio respiro e una spiccata efficacia nel settore della Difesa Aerea. Concentrato di tecnologia e sapienza ingegneristica, l’Eurofighter è il frutto della collaborazione industriale di Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna. I caccia sono, in servizio presso il 4° Stormo di Grosseto, il 36° Stormo di Gioia del Colle (Bari) ed il 37° Stormo di Trapani. Sono essere stati utilizzati in occasione di grandi eventi e nelle operazioni “Odyssey Dawn” e “Unified Protector” durante la crisi libica nel 2011.

Poi, il gran finale, con il carosello di evoluzioni dei piloti delle Frecce Tricolori che hanno fatto il loro ingresso nella Baia sfrecciando con le loro scie tricolore sulle note dell’Inno Nazionale Italiano. Un lungo applauso del pubblico ha salutato l’ingresso degli eroi dell’aria che hanno iniziato ad eseguire le loro spettacolari figure. Ad animare la diretta lo speaker Magg. Andrea Soro che ha descritto le fasi delle figure eseguite dai Piloti della PAN. Impeccabili le loro esecuzioni, coraggiosi funamboli dell’aria che hanno dipinto l’orizzonte e lo spazio aereo sovrastante la Baia di Naxos con le loro scie di fumo tricolore e i potenti rombi dei loro Aermacchi MB339 PAN (in dotazione alla PAN dal 1982). Emozionanti e spettacolari i numeri proposti dal solista pilotato dal Cap. Pilota Filippo Barbero tra questi la figura del “volo folle” e la salita verticale fino a che il velivolo dopo una veloce ascesa non è rimasto fermo, sospeso in aria per qualche secondo, a causa dell’attrazione della forza di gravità. Il programma delle Frecce Tricolori conta ben diciotto figure ed è tra i pochi al mondo ad avere formazione e solista ad alternarsi sul cielo. Un palinsesto che sempre più affinato in cinquantacinque anni di attività che prevede tre varianti a seconda delle condizioni meteo. Abbiamo un programma alto, basso e piattolooping d’in con manovre ardite a sviluppo verticale adeguate alla visibilità. Per circa mezz’ora gli assi della Pattuglia Acrobatica Nazionale hanno effettuato le figure previste dal loro programma acrobatico tra queste ricordiamo: il “Looping d’ingresso“, la “Cardioide e separazione del solista”, la figura denominata “Bastoni e ricongiungimento tonneau 4 tempi”, il “Ventaglio Apollo 313“, l’emozionante “Cuore con tonneau e rovescio tonneau“, “l’incrocio del cuore“, la “Scampanata-Arizona“, la famosa “Bomba” con l’incrocio del solista, lo “Schneider a desta con il volo folle del solista”, il gran finale con la figura dell'”Alomba e inserimento del solista” ed il saluto al pubblico sulle note di “Nessun Dorma” e la voce di Luciano Pavarotti  con la suggestiva scia dei fumi tricolore della bandiera italiana dipinta per qualche secondo sul cielo di Naxos  per poi fare rotta verso l’aeroporto militare di Sigonella.
A conti fatti, quella di Giardini Naxos è stata una grande festa di popolo, l’evento ha richiamato circa 150 mila persone, provenienti da ogni parte dell’Isola e dalla Calabria che ha fatto la gioia di centinaia di bambini accompagnati dai loro genitori che hanno più volte applaudito e salutato piloti ed aerei con le loro bandierine tricolore. A fare da cornice all’evento gli stand predisposti su tutto il lungomare di vari enti, tra questi quello dell’UNICEF (per una raccolta fondi) e quello dell’Aeronautica Militare che ha esposto e venduto libri, poster, brocure, zaini e cappellini con lo stemma delle mitiche Frecce Tricolore e un simulatore di volo MB 339 PAN che ha permesso agli spettatori  di provare le emoioni di un volo delle Frecce Tricolore simulato. A spiegare le fasi della manifestazione, le caratteristiche tecniche dei velivoli e le varie figure aeree in programma sono stati gli speacher dell’Aeronautica Militare assieme al direttore della manifestazione Comandante Francesco Moraci. Il pubblico presente ha così potuto toccare con mano come l’Aeronautica Militare svolge ruoli primari nell’ambito della sicurezza del Paese, in servizi utili alla collettività, ma anche di sostegno ad interessi nazionali. A tal proposito il T.Col. Pilota Jan Slangen nel corso della conferenza stampa svoltasi il 26 settembre al lido Splash Beach messo a disposizione dell’evento dal titolare Graziano Peri, aveva detto: “Sono onorato di essere in Sicilia e di partecipare a questa manifestazione in uno dei luoghi più belli dell’Isola. Era da tempo che si pensava di organizzare un evento con la partecipazione della nostra Pattugli acrobatica da queste parti. Il nostro è un team formato da uomini e donne che provengono da ogni angolo della nostra penisola, luoghi diversi, tradizioni e usi diversi, ma tutti accomunati da una grande passione, servire lo Stato indossando un uniforme. Al di la della spettacolarità questi eventi sono un modo per valorizzare il territorio. Dietro c’è tanto lavoro, anche rischioso, secondo il motto -la tua squadra che vola-, perché è questa l’essenza di lavorare in gruppo e la nostra forza vincente che identifica in Italia e all’estero le Frecce Tricolori come ambasciatori del nostro Paese“. Ha retto bene la complessa macchina organizzativa coordinata dal Vice Sindaco Carmelo Giardina che ha fortemente sostenuto la realizzazione dello storico evento e dal direttore della manifestazione Comandante Francesco Moraci messa in campo a tutela degli spettatori in special modo lo staff dedicato ai soccorsi che composto da 13 ambulanze e due PMA (per il primo soccorso) con oltre 150 volontari della Protezione Civile ed altre associazioni oltre gli agenti di Polizia municipale e delle Forze dell’Ordine e della Protezione Civile del Comune di Giardini Naxos.
A conclusione della manifestazione il Sindaco di Giardini Naxos Pancrazio Lo Turco ha commentato:”E’ stata una grande festa popolare che ha dato al numeroso pubblico presente l’opportunità di trascorrere a Giardini Naxos una giornata speciale e di vedere dal vivo i mitici piloti delle Frecce Tricolori, grazie anche al tempo ci ha regalato una giornata di sole. Avere le Frecce Tricolori volteggiare sul mare di Naxos ha rappresentato un motivo di orgoglio e privilegio, una grande opportunità per la promozione del nostro centro turistico in Italia ed all’estero in aggiunta ai benefici effetti economici per l’economia locale che sono scaturiti dalla consistente presenza turistica generata in questo fine settimana dallo straordinario evento. Vorrei ringraziare anche il vicesindaco Carmelo Giardina trait d’ union tra il Comune e l’Aeronautica militare per l’impegno profuso per la riuscita della manifestazione ed il funzionamento della complessa macchina organizzativa che è stata encomiabile“. Il vicesindaco Carmelo Giardina ha aggiunto:Siamo orgogliosi di avere potuto ospitare una manifestazione aerea di tale importanza. Avere le Frecce Tricolori, simbolo dell’identità Nazionale, a Giardini Naxos è stato motivo di grande privilegio per tutta la città. Vi è stata una sana e disciplinata partecipazione dei cittadini e di tutto il pubblico presente e questo, ha permesso che non accadessero incidenti. Mi auguro che il pubblico ed in particolar ei bambini si siano divertiti a vedere i nostri piloti e quelli degli altri aeroclub dare vita a questo spettacolo davvero unico e emozionante.”
In occasione della manifestazione il Comune di Giardini Naxos ha concesso la cittadinanza onoraria all’Aeronautica Militare.Tante le motivazioni sostenute per tale concessione elencate nella delibera della Giunta Municipale n. 110 del 17.9.2015   a cominciare dallo “straordinario senso di solidarietà e l’eccezionale spirito di umanita manifestato nei confronti della città di Giardini Naxos anche in occasione della manifestazione aerea Naxos Air Show 2015″ in cui è stata sostenuta la raccolta umanitaria a favore di coloro che hanno subito danni a causa del violento nubifragio abbatutosi sul territorio il 9 settembre 2015”  ed ancora “Forza Armata di eccellenza al servizio del Paese, da sempre in prima linea negli innumerevoli quotidiani compiti istituzionali, dalla difesa dello spazio aereo Nazionale alla ricerca scientifica di nuove tecnologie edo perazioni internazionali di peacekeeping, di soccorso alle popolazioni nei conflitti e di illimitati impegni di solidarietà dentro e fuori i confini di Stato (Iraq, Somalia, Albania, Jugoslavia, Timor Est, Afghanistan, Libia, Kosovo, Balcani, Kuwait, Georgia per citarne alcune)” a questo va aggiunta la citazione finale del deliberato che recita:”Conferire la Cittadinanza Onoraria di Giardini Naxos all’Aeronautica Militare Italiana per l’elevato impegno umanitario, militare e civile che la Forza Armata ha reso nel tempo (da oltre 50 anni) al Paese, impoiegando uomini e mezzi, da un aparte e dall’altra del globo e, pagando a volte la partecipazione alle tante missioni, entro e fuori i confini Nazionaeli, con l’alto tributo della vita dei suoi aviatori“.

Bisogna ricordare a tal proposito che il Comune di Giardini Naxos ha un legame particolare con l’Aeronautica Militare Italiana che dura nel tempo, basti ricordare il supporto essenziale dato dalla cittadinanza nel 2004 e nel 2012 quando provvedeva al trasporto delle raccolte umanitarie effettuato a Giardini Naxos dala Base aerea di Sigonella a Tallil – Nassirya  Iraq (2004) e da Sigonella a a Shindand Afghanistan (2012). Da questi luoghi era sempre il personale dell’AMI che provvedeva alla distribuzione degliaiuti umanitari in terre Irakena e Afgana. Ricordiamo che tra i protagonisti di quelle raccolte umanitarie vi fu anche il Colonnello dell’aeronautica militare Carmelo Giardina in missione (l’attuale vicesindaco del comune) il quale, dall’Irak e dall’Afghanistan fece da trait d’union tra il il Comune, i volontari del Gruppo Unicef  di Giardini Naxos coordinati da Pancrazia Marcuccio e i militari dell’AMI in missione in Iraq e Afghanistan .

Al termine delle esibizioni il Sindaco di Giardini Naxos Pancrazio Lo Turco dopo aver letto le motivazioni, assieme al vicesindaco Carmelo Giardina hanno consegnato il documento ufficiale di cittadinanza assieme ad un piatto in ceramica decorato a mano dal’artista Cristina Russo al Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa attuale Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare il quale a sua volta ha consegnato al Primo Cittadino il volume pubblicato quest’anno dall’Aeronautica Militare in occasione dei 55 anni di vita della PAN che racconta la storia della mitica Pattuglia Acrobatica Nazionale.

                                                                                                   MESSINA ROSARIO

Foto  che ritraggono il Colonnello Carmelo Giardina che riceve i pacchi con medicinali ed altri doni inviati dalla cittadinanza di Giardini Naxos:

A sinistra il Colonnello Carmelo Giardina con i doni di Giaridni Naxos a Al Zahire

A sinistra il Colonnello Carmelo Giardina con i doni di Giaridni Naxos a Al Zahire nel 2004

L'arrivo dei medicinali da Giardini Naxos in Iraq

L’arrivo dei medicinali da Giardini Naxos in Iraq

Il Col. Carmelo Giardina assieme ad un gruppo di bambini

Il Col. Carmelo Giardina assieme ad un gruppo di bambini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Afganistan nel 2012

In Afghanistan nel 2012

 

 

FOTO di ROSARIO MESSINA (Vietata la riproduzione)

L a PAN

L a PAN

  PATTUGLIA   ACROBATICA NAZIONALE (PAN)
Visibile fiore all’occhiello dell’Aeronautica militare italiana la Pattuglia Acrobatica (PAN), appartenente al 313° Gruppo di Addestramento Acrobatico che ha Base aerea a Rivolto (Udine), ha fama di essere una delle migliori formazioni acrobatiche nel panorama mondiale, con il gruppo di aerei più numeroso e con il programma acrobatico più articolato che conta ben diciotto figure con tre varianti a seconda delle condizioni meteo. Il Gruppo delle Frecce Tricolori, è formato da undici uomini: nove piloti, un solista ed il comandante. La PAN rappresenta da 55 anni un simbolo di unità del Paese ed uno straordinario veicolo di promozione dell’immagine dell’Italia nel Mondo grazie alle emozioni ed ai valori positivi che i suoi uomini sanno sempre trasmettere: impegno dedizione, disciplina e coraggio. Spettacolari le loro acrobazie aeree effettuate con i mitici Aermacchi MB339 PAN in dotazione dal 1982 che quest’anno, per festeggiare i 55 anni dalla nascita della Pattuglia Acrobatica, sono stati dipinti con una nuova livrea con tricolore su tutta la deriva ed i fianchi, un nuovo logo ed i nomi dei piloti che hanno servito nelle Frecce Tricolore. Complesso e numeroso il personale a supporto della PAN composto staff ufficio comando, staff operazioni, da tecnici, meccanici, nucleo elettromeccanici di bordo, nucleo controllo di qualità, nucleo motoristi, nucleo sistemi avionici, nucleo equipaggiamento, ufficio tecnico, fotografi e personale addetto alla cura delle pubbliche relazioni.

I piloti della Pattuglia Acrobatica Nazionale attualmente sono:

Jan Slangen il Comandante della PAM T. Col. Pil.(Pony 0),
Mirco Caffelli Magg. Pil. – Capoformazione (Pony 1)
Pierangelo Semproniel – Cap. Pil. 1° Gregario Sinistro (Pony 2)
Stefano Vit – Cap. Pil. 1° Gregario destro (Pony 3)
Massimiliano Salvatore – Cap. Pil. 2° Gregario Sinistro (Pony 4)
Vigilio Gheser – Cap. Pil. 2° Gregario Destro (Pony 5)
Mattia Bortoluzzi – Cap. Pil. 1° Fanalino (Pony 6)
Gaetano Farina – Cap. Pil. 3° Gregario Sinistro (Pony 7)
Giulio Zanlungo – Ten. Pil. – 3° Gregario Destro (Pony 8)
Luca Galli – Cap. Pil. – 2° Falalino (Pony 9)
Filippo Barbero Cap. Pil. – Solista (Pony 10)
Fabio Capodanno Cap. Pil. – Supervisore Addestramento Acrobatico (Pony 11)

Il 41° STORMO ANTISOM di SIGONELLA

Il Comandante del 41° Stormo Vincenzo Sicuso

Il Comandante del 41° Stormo Vincenzo Sicuso

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella (Catania) è dotato di velivoli “Breguet 1150 Atlantic” con i quali garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente – a mezzo del “Atlantic” che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutto il Mediterraneo – la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, consentendo la tempestiva localizzazione dei profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti e garantendo al contempo un costante e pronto intervento SAR (search and rescue: ricerca e soccorso) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi.

12X  ATLANTIC OK

Atlantic

I due EFA di Trapani

I due EFA di Trapani

Postazione di controllo

Postazione di controllo

Il Solista

Il Solista

La flotta Blu Circe

La flotta Blu Circe

Il tricolore sopra la Nike

Il tricolore sopra la Nike

L'elicottero del SAR di Trapani HH 139

L’elicottero del SAR di Trapani HH 139

Il Tricolore delle Frecce

Il Tricolore delle Frecce

L'esecuzione dell'Inno Nazionale

L’esecuzione dell’Inno Nazionale

La consegna della Cittadinanza all'Aeronautica Militare

La consegna della Cittadinanza all’Aeronautica Militare

Gli stand sul lungomare Tisandros

Gli stand sul lungomare Tisandros

Il Vicesindaco Carmelo Giardina consegna il dono del Comune

Il Vicesindaco Carmelo Giardina consegna il dono del Comune

Il tricolore sulla Baia di Naxos

Il tricolore sulla Baia di Naxos

Acrobazie delle Frecce

Acrobazie delle Frecce

0 1356

Il 41° Stormo “Antisom” compie 50 anni. Il 1° ottobre 1965 ricorre il 50° anniversario della costituzione del 41° Stormo Antisom di Sigonella dell’Aeronautica Militare. Nell’ambito di questa importante ricorrenza, sono stati organizzati i seguenti eventi ai quali prenderanno parte autorità religiose, civili e militari della Regione Siciliana e i Vertici della Forza Armata: – domenica 27 settembre 2015 ore 20.30, concerto della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare al Teatro Massimo Bellini di Catania, alla presenza del Capo di Stato Maggiore Aeronautica (evento non aperto ai media); - lunedì 28 settembre 2015 ore 10.30, evento celebrativo all’interno della Base Aerea di Sigonella, alla presenza del Comandante della Squadra Aerea. Presso il nuovo hangar One della base di Sigonella è stata allestita una mostra storico-fotografica che ripercorre i 50 anni del 41° Stormo e del proprio sistema d’arma (Breguet 1150 Atlantic) in mostra statica unitamente ad altri velivoli dell’Aeronautica Militare, compresi quelli a pilotaggio remoto Predator e gli MB-339 delle “Frecce Tricolori” che domenica 27 prenderanno parte alla manifestazione area di Giardini Naxos, nonché velivoli di stanza anche alla locale Naval Air Station statunitense.

I media interessati a coprire l’evento possono accreditarsi presso l’Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione del 41° Stormo di Sigonella, ai recapiti di seguito riportati, avendo comunque cura di comunicare (via e-mail) nome e cognome, numero tessera media, recapiti e testata giornalistica di riferimento: 1°M. Carmelo Savoca, Addetto P.I. 41° Stormo Fisso 095/7852150 cell. 334/6993968 E-mail carmelo.savoca@aeronautica.difesa.it Le eventuali interviste potranno essere rilasciate solo al termine della cerimonia dal Comandante della Squadra Aerea – Generale di Squadra Aerea Maurizio LODOVISI e dal Comandante del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso.

     M.llo Carmelo Savoca

0 896
Controllo naviglio dall'Atlantic

Controllo naviglio dall’Atlantic

Sigonella (Ct).Senza sosta l’attività degli equipaggi del 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella che a bordo del velivolo BR-1150 Atlantic, nell’ambito dell’operazione di “sorveglianza marittima nazionale”, hanno localizzato nel Mediterraneo diverse imbarcazioni con numerose persone a bordo.

Domenica 2 agosto 2015, durante la perlustrazione del velivolo decollato dalla Base Aerea di Sigonella nella nottata, in una vasta zona di mare a sud est della Sicilia, i sensori e le vedette a disposizione dell’Atlantic, hanno individuato due imbarcazioni con a bordo numerose persone che procedevano verso le coste siciliane, lentamente ed in apparenti buone condizioni di navigabilità.

Mercoledì 5 agosto 2015 è avvenuto un analogo avvistamento di un fatiscente peschereccio stracolmo di migranti a bordo.

In entrambi i casi, allo scopo di formalizzare i soccorsi, la notizia è stata immediatamente comunicata alla centrale operativa di Roma. In attesa che giungevano sul posto i soccorsi via mare, l’attività di pattugliamento dell’Atlantic si è concentrata a fronteggiare imminenti situazioni di pericolo per gli occupanti delle imbarcazioni ed a monitorare eventuali altre situazioni anomale nell’area circostante.

Il 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella, comandato dal 10 settembre 2013 dal Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso, è dotato di velivoli “Breguet 1150 Atlantic” con i quali garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente – a mezzo del “Atlantic” che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutto il Mediterraneo – la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, consentendo la tempestiva localizzazione dei profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti e garantendo al contempo un costante e pronto intervento SAR (search and rescue: ricerca e soccorso) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi.

                                     Carmelo Savoca

Foto del M.llo Carmelo Savoca

Atlantic. perlustrazione  a bassa quota

Atlantic. perlustrazione a bassa quota

Peschereccio con migranti

Peschereccio con migranti

Peschereccio avvistato dall'Atlantic

Peschereccio avvistato dall’Atlantic

Natante avvistato dall'Atlantic

Natante avvistato dall’Atlantic

0 1160

La Base Aerea ospita alcuni assetti stranieri per le attività di Triton legate ai flussi migratori

        Base Aerea di Sigonella (Ct).   Mercoledì 27 maggio 2015, il Direttore della Commissione Europea per la Migrazione e la Protezione, Mr. Laurent Muschel, è stato in visita all’Aeroporto e al 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella, nell’ambito della propria visita istituzionale in Italia per conoscere da vicino tutte quelle attività dell’Agenzia dell’Unione Europea “Frontex” e “Triton” legate alle operazioni di pattugliamento e alla gestione dei flussi migratori verso l’Europa.
“Frontex”, operativa dal 03/10/2005, ha lo scopo di coordinare il pattugliamento delle frontiere degli Stati membri e di favorire gli accordi per rimpatriare i migranti respinti. Le proprie operazioni attive nel Mediterraneo sono “Hermes” e “Aeneas” alle quali si sono aggiunte, dal 02/12/2013, “Eurosur” e, dal 01/11/2014, “Frontex Plus” o “Triton”. Quest’ultima, potendo contare su maggiori risorse tecniche ed umane oltre a un più elevato numero di Stati partecipanti, di fatto ha rimpiazzato e potenziato “Hermes” e Aeneas” a seguito della richiesta da parte dell’Italia perché l’Unione Europea si mobilitasse in suo aiuto per contenere lo straordinario flusso migratorio e – nel frattempo – il budget mensile impiegato nell’operazione “Mare Nostrum”.
Mr. Muschel, con il proprio seguito, all’arrivo è stato ricevuto dal Comandante della Base Aerea Siciliana, Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso, che ha illustrato agli ospiti il ruolo e le attività del 41° Stormo. Nel corso della visita, sono state affrontate ed approfondite le questioni connesse con la presenza di assetti stranieri sull’Aeroporto ed impiegati nelle operazioni congiunte di pattugliamento marittimo sotto l’egidia Frontex. A seguire, sono state visitate alcune infrastrutture della Base compreso l’assetto Islandese rischierato a Sigonella per le operazioni Triton e sul quale relativo velivolo Mr. Muschel si è imbarcato per una dimostrazione pratica dell’attività svolta nel Mediterraneo.
Prima di lasciare Sigonella, il Mr. Muschel ha firmato l’albo d’onore del 41° Stormo dove – a futura memoria – ha lasciato note di apprezzamento e ringraziamento per le attività di concorso e supporto fornite da tutta l’Aeronautica Militare nell’ambito dei flussi migratori.
Dal mese di settembre 2013 in modo continuativo e prima ancora in modo saltuario, la Base Aerea di Sigonella ha fornito e continua a fornire il proprio supporto ai diversi assetti stranieri che si sono avvicendati nell’ambito delle attività Frontex. Dopo il supporto e l’ospitalità forniti, generalmente con cadenza mensile, ad assetti provenienti tra gli altri da Grecia, Portogallo, Islanda, Spagna, Svezia e Olanda, attualmente a Sigonella – oltre al rischieramento Islandese – è dislocato quello composto da personale e da tre elicotteri della Royal Navy Britannica che integrano l’unità navale inglese dislocata nel mediterraneo nelle operazioni Triton.
Il 41° Stormo Antisom di Sigonella è dotato di velivoli “Breguet 1150 Atlantic” con i quali garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente – a mezzo del “Atlantic” che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutto il Mediterraneo – la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, consentendo la tempestiva localizzazione dei profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti e garantendo al contempo un costante e pronto intervento SAR (search and rescue: ricerca e soccorso) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi.

RIMANI IN CONTATTO