GIUGNO 2019
Home Tags Posts tagged with "giarre"

giarre

0 326

Giarre (Ct) – “Ancora un’altra vita” è il titolo del libro che verrà presentato al Palazzo della Cultura sala R. Romeo di Giarre giovedì 17 gennaio alle ore 16,30. Il testo, edito da “Il Convivio Editore” è l’opera d’esordio della scrittrice Filippa Coco.

L’incontro organizzato dall’Università delle Tre Età  UNITRE sede di Giarre sarà condotto dalla scrittrice Maria Pia Basso e dall’editore del Convivio prof. Angelo Manitta.

L’ingresso è libero.

Riportiamo di seguito un passo del testo:   

Quante volte le sere, di giorni vuoti senza confi ne, sono andata a letto senza speranza nel domani, notti insonni e poi… la luce del primo mat- tino, l’alba meravigliosa, sublime accordo di color i incantevoli! Divino prodigio, nel fi rmamento, d’un connubio essenziale, per tutti e per ogni cosa! Ritornava la fede in me, lieve, ogni volta, a ssopitasi nel buio infi nito della lunga notte del cuore. Alzavo gli occhi, in a lto, contemporaneamente all’innalzarsi del sole nascente, fi n lassù, nella immensità del cielo azzurro, ed ogni volta era la vita! Ancora un’altra v ita, anche per me!”

Dicono di lei:

“Nel testo sembra coesistano due voci, due spiriti e quindi due stili: quello di una bambina, Filippina, che è la forza di un’innocenza, talvolta delusa e forse sospesa… dall’altro lato vi è lo spirito adulto, provato, che si interroga sul proprio percorso, sulle proprie sensazioni quasi una resa dei conti con se stessi e mette in discussione la propria vita e l a propria formazione».

Filippa Coco nasce a Giarre, provincia di Catania, nel 1958. Dopo alcuni anni dalla scuola dell’obbligo, consegue il diploma di sarta per donna. La vita poi la mette alla prova del do- lore più grande: la perdita di un fi glio. Nell’anno 1994-1995, dopo un lunghissimo periodo di emozioni intense, comincia a frequentare dei corsi formativi, alcuni attinenti alla psicologia, per il grande desiderio di migliorarsi come persona. Nel 2000, dopo aver già intrapreso il cammino della consapevolezza del proprio sé si avvia ad un ulteriore lungo e faticoso percorso introspettivo che l’ha guidata al rispetto ed alla comprensione di sé e degli al- tri. Nell’anno 2008 consegue il diploma di Maturità Socio Psico Pedagogica.

L'autrice del libro Filippa Coco

L’autrice del libro Filippa Coco

La locandina dell'evento

La locandina dell’evento

0 250
La Pro Loco di Giarre, presieduta da Salvo Zappalà, da Gennaio 2019 vuole condividere con i soci e tutti i cittadini giarresi la realizzazione del “Gonfalone”, stendardo ufficiale con il quale si vuole simboleggiare e rappresentare il sodalizio turistico durante le attività istituzionali. Il gonfalone, retto da un’asticella placcata in oro, riporta in un tessuto ad uncinetto, realizzato da alcune socie dell’Ente, lo stemma della Pro Loco giarrese. Rifinito con dei drappeggi in oro su una stola lucida blu, questo “regalo” costituisce un grande onore per la Pro Loco giarrese, impegnata da sempre per la realizzazione di eventi che possano coinvolgere appassionatamente tutti, dimostrando ancora una volta con questa partecipazione quanto l’ente sia presente e attivo sul territorio.
Il nuovo Gonfalone

Il nuovo Gonfalone

0 84

Il presidente della Pro Loco di Giarre Cav. Salvo Zappalà , ha avuto il piacere di fare un incontro, presso la sala “Ai Confini del mare” – Torre Archirafi con la presenza degli ex Presidenti della suddetta Pro Loco: Pres. Michele Patanè (1985-1987), Pres. Sergio Barbagallo (1987-1990), Pres. Salvo Zappalà  (1999 – attuale) e il giornalista   Mario Privitera Rtl- La Sicilia. L’incontro è stato un occasione di scambio di opinioni inerenti ai temi di maggiore interesse per lo sviluppo turistico-culturale della cittadina di Giarre, constatando i miglioramenti avvenuti nel corso degli anni grazie all’impegno profuso dagli stessi Presidenti. Successivamente l’attuale Presidente il Cav. Salvo Zappalà ha esposto ai presenti la relazione sull’anno 2018 e i progetti per l’anno 2019, comunicando inoltre l’inaugurazione della sala espositiva, attualmente adibita all’esposizione di presepi e diorami, adiacente ai locali della Pro Loco. Il Presidente ha presentato anche l’ esclusivo gonfalone di rappresentanza dell’Ente, realizzato accuratamente a mano  da una socia attiva Pro Loco. Nella suddetta occasione il Presidente Cav Salvo Zappalà, ha voluto infine ricordare tutti gli ex presidenti scomparsi: Pres. Prof. Biagio Andò, Avv. Filippo Cutuli, Dott. Giuseppe Grasso, Dott. Rosario D’urso, Avv. Giuseppe Lombardo, Prof. Giuseppe Belfiore, Avv. Pietro Barbagallo Coco, Prof. Angelo Lucifora, Isidoro Di Grazia, Michele Lisi  e Prof. Nuccio Barbagallo, recentemente scomparso. A conclusione dell’incontro il Pres. Cav. Salvo Zappalà ha omaggiato i presenti con  “il calendario Pro Loco 2019” e una penna con successivo invito a cena, ringraziando l’ospitalità  della Sala Ristorante “Ai Confini del Mare”.

La foto dei presidenti Pro Loco

La foto dei presidenti Pro Loco

0 237

Giarre (Ct) – Artisti di strada, videomapping architetturale, esposizioni di artigianato, musica live, mostre fotografiche. Questi e tanti altri saranno gli ingredienti che caratterizzeranno Frammenti di Bellezza, manifestazione artistico
culturale in programma domani, sabato 15 settembre, a Giarre. L’evento, organizzato dall’associazione culturale giarrese ArchiDrama, con il patrocinio della Regione Siciliana e del Comune di Giarre, si svolgerà nel centro storico
cittadino. La prima parte della manifestazione sarà itinerante e si snoderà, a partire dalle 19 e 30, lungo un tratto della centralissima via Callipoli, dove una emozionante performance di videomapping urbano animerà alcuni prestigiosi palazzi storici del comune ionico: il Municipio, Palazzo Bonaventura e Palazzo Giuseppe Macherione. Musica dal vivo, spettacoli di animazione ed arte circense si susseguiranno lungo il percorso che condurrà verso la Piazza Duomo. Ad arricchire ulteriormente lo spazio urbano ci saranno la mostra fotografica curata da Rosario Leotta e l’esposizione di manufatti artigianali ad opera dell’Ula, Unione liberi artigiani.
In Piazza Duomo si svolgerà la seconda parte della serata, condotta da Ruggero Sardo e Ilenia Maccarrone. Sul palco ci sarà spazio per esibizioni di danza, performance teatrali e sketch comici. Tantissimi gli artisti che si esibiranno durante l’intera manifestazione. Tra loro Francesco Maria Mancarella, con il suggestivo “Pianoforte che dipinge”.Un evento unico e ricco di energia, dove musica e pittura convergeranno in un unico elemento: l’arte.
E poi ancora: Filippo Velardita con un affascinante spettacolo di giocoleria;
Monica Saso con una performance che unisce danza ed acrobatica aerea ad una sofisticata tecnologia visual LED; Marilene Distefano con l’incantevole spettacolo di bolle di sapone “Pioggia di sogni”; lo spettacolo Los 4 Cobre, vincitore della XXXVII edizione del Premio Nazionale del Teatro Città di Leonforte come Miglior Spettacolo e Miglior Attore protagonista, che fonde il
linguaggio delle maschere e il teatro fisico del clown e della comicità visuale.
Nel corso della serata ci sarà spazio anche per diverse eccellenze del territorio: l’Orchestra Giuseppe Macherione, il Centro Coreutico Accademico
di Sicilia, Khoreia e l’Accademia Musicale “G. Pacini”.
L’obiettivo della kermesse è la valorizzazione, attraverso i diversi linguaggi artistici, di Giarre e delle sue risorse culturali: dall’architettura del centro storico all’artigianato, dal paesaggio alla storia. “Al di là di offrire ai cittadini e a tutti i visitatori uno spettacolo di qualità – dichiara l’assessore alla Cultura, al Turismo e allo Spettacolo di Giarre, Patrizia Lionti – l’obiettivo è quello di illuminare e quindi indirizzare l’attenzione della città sul patrimonio di bellezza che la città di Giarre esprime sotto tutti i profili. Partendo da quello architettonico, perché abbiamo dei palazzi in cento storico di altissimo pregio, passando attraverso le risorse a tuttotondo che il territorio esprime e cioè i vari talenti professionali”. A raccontare qualche dettaglio in più della manifestazione il direttore artistico Alfio Zappalà.Abbiamo inteso il concetto di bellezza come risorsa – spiega – L’architettura per ogni luogo rappresenta naturalmente una risorsa da valorizzare e quindi abbiamo pensato che la formula più idonea per farlo potesse essere il videomapping architetturale. Ci saranno dunque tre spettacoli di videomapping della durata di 20 minuti ciascuno, che illumineranno il frontespizio di questi tre palazzi giarresi, arricchiti da altri elementi artistici, ovvero acrobati e musicisti. In ognuno di  questi tre momenti racconteremo delle storie. Abbiamo voluto ricordare, tra gli altri – prosegue Alfio Zappalà – un personaggio come Giuseppe Macherione. Per questo abbiamo coinvolto la Società Giarrese di Storia, Patria e Cultura ed abbiamo sviluppato un testo, una piccola drammaturgia, che racconti alla cittadinanza chi era Giuseppe Macherione ed il suo passaggio da Giarre. Ad aprire la seconda parte della serata in Piazza Duomo  ci sarà un’altra grande risorsa del territorio, l’Orchestra giovanile Macherione del Terzo Istituto Comprensivo di Giarre, che si esibirà insieme ai talenti del Centro Coreutico Accademico di Sicilia, Khoreia. Da lì – conclude il direttore artistico – condurranno la serata Ruggero Sardo e Ilenia Maccarrone con tanti  altri artisti e sorprese”. Un appuntamento imperdibile quello in programma il 15 settembre a Giarre. “Vogliamo riaccendere i monumenti di Giarre ma anche le coscienze dei giarresi e non solodichiara il conduttore Ruggero SardoL’obiettivo è raccontare la Sicilia migliore, perché in Sicilia di energie ne abbiamo davvero tante, bisogna solo dare fiducia a chi ha la voglia e la passione di fare, di metterci la faccia, di sacrificarsi. Il 15 settembre a Giarre ci sarà un grande appuntamento che vedrà protagonista la città, non solo nell’evento finale in Piazza Duomo ma in un percorso che io definisco un vero e proprio itinerario di bellezza. Una serata da non perdere – conclude – per imparare a riscoprire le nostre città, anche attraverso le strade che  percorriamo distrattamente ogni giorno”.

0 Ruggero Sardo

Il conduttore Ruggero Sardo

La conduttrice Ilenia Maccarone

La conduttrice Ilenia Maccarone

Giuliana Randazzo

Giuliana Randazzo

Miss Bubble

Miss Bubble

Filippo Velardita

Filippo Velardita

0 1089
Luigi Di Pino

Luigi Di Pino

E’ stato un abbraccio caloroso quello che il pubblico ripostese ha riservato ieri sera ad uno dei suoi figli più amati, il cantastorie Luigi Di Pino, tornato ad esibirsi dopo 10 anni nella sua Riposto. Oltre 1000 persone si sono riversate nella centralissima piazza San Pietro per assistere al concerto-evento “Peri lavati – Dedicato ai ripostesi”. Un pubblico variegato e multigenerazionale ha preso parte alla serata. E lo spettacolo non ha deluso le aspettative. Luigi Di Pino ha regalato emozioni, divertendo e coinvolgendo il pubblico per ben tre ore. Il primo ad essere emozionato per l’accoglienza ricevuta è stato proprio l’artista ripostese. “Devo dire che un po’ me lo aspettavo – dichiara Luigi Di Pino – perché vivo a Riposto e sento che i miei compaesani mi vogliono bene. Però è chiaro che aspettarsi una cosa e poi vederla dal vivo è differente. E’ stata per me un’emozione grandissima esibirmi sul palco della mia città davanti ai miei compaesani. Ero molto emozionato ma non avevo un filo di ansia, perché avevo la sensazione di essere a casa, mi sentivo protetto. Mi sento davvero grato per questa grande dimostrazione di affetto. Loro ringraziano me per lo spettacolo, ma io ringrazio loro perché è stato tutto perfetto. E soprattutto sono stati perfetti i ripostesi. C’era – conclude il cantastorie – un’atmosfera magica, un calore indescrivibile”.

 Ad inizio serata, nell’irresistibile satira del “Congressu di li suggi”, Luigi Di Pino ha raccontato con ironia la realtà politica locale, strappando risate e scroscianti applausi. Un racconto in rima baciata, divertente e caustico, che si è mosso tra raffinati giochi di parole e spassose espressioni in dialetto. Non solo dunque custode delle tradizioni ma anche cantore dell’attualità. Un’artista a tutto tondo, capace di giostrarsi tra musica, recitazione e canto, mantenendo sempre un rapporto diretto con il pubblico. Sulla scena, al posto dei caratteristici cartelloni dipinti a mano, l’Opera dei Pupi curata dalla Compagnia “Il paladino” di Salvo Mangano. Nel ruolo dei “pupari manianti” Salvo Mangano, Nuccio Mangano, Fabrizio Mangano e Carmelo Viola, mentre in quello dei “pruituri” Gianfranco La Spina. A prestare la voce ai pupi, nei due brevi episodi introduttivi della storia “I paladini di Francia”, lo stesso Luigi Di Pino, capace di interpretare con disinvoltura i quattro protagonisti, esprimendosi in endecasillabi. E poi ancora canti, ballate, stornelli e leggende hanno coinvolto il pubblico, che ha partecipato battendo le mani e cantando i ritornelli. A chiudere la serata la rivisitazione de “La Baronessa di Carini”, interpretata da Luigi Di Pino, Ornella Brunetto, superba interprete anche di “Stranizzi d’amuri” di Franco Battiato, e Gianfilippo Tomaselli, cantattore belpassese dalla grande espressività. A completare il cast artistico i musicisti: Marco Crisafulli, alla fisarmonica; Rosario Moschitta, chitarra e mandolino; Ninni Simonelli, alla batteria e Rosario Tomarchio, al contrabbasso. Hanno partecipato anche Eugenio Patanè, Giambattista Galeano, Simona Panarello, Elvira Piacenti e Angela Giammuso. Infine, assistente alla regia Mariacarmen Russo, foto di Sebastiano Gulisano e riprese video di Alessio Armiento.

Un momento del concerto

Un momento del concerto

Luigi Di Pino

Luigi Di Pino

Luigi Di Pino

Luigi Di Pino

0 1473

1 Pino e GiusyTorre Archirafi – Riposto (Ct) - Il Gruppo letterario “Sicilia Cori Miu” ha messo a segno un altro successo culturale  con una serata evento emozionante intitolata “Vi Cuntu zoccu scrivu” un titolo armonioso e musicale che ha ben caratterizzato il successo della manifestazione svoltasi a Palazzo Vigo a Torre Archirafi di Riposto (Ct).

L’evento, realizzato in collaborazione con “Charm of Art”, è stato magistralmente presentato dal regista di “Sicilia Cori Miu” Pino Parisi e dalla poetessa Giusy Di Mauro, assistiti dall’aiuto regia Antonella Cavallaro e dal fotografo Mario Guillerno. L’evento di Palazzo Vigo, realizzato il 24 aprile, ha proposto una  serata  culturale all’insegna della sicilianità con la presentazione di due  opere letterarie: “Infiniti definiti” (Algra Editore) della scrittrice Rosalda Schillaci e “Matrioska” (Edizione MaranzAtomo) una commedia dialettale siciliana dello scrittore Francesco Sciuto.

La kermesse è iniziata con un cocktail di benvenuto di Salvatore Ferrara (veterano barman dell’AIBES) che per l’occasione lo ha denominato “Sicilia Cori Miu”.

Originale ed innovativa la formula proposta al numeroso pubblico presente dagli organizzatori del Gruppo letterario ripostese il quale non ha offerto il solito clichè delle tipiche serate di presentazioni libri. “Vi cuntu zoccu scrivu” è stata una vera e propria fiera della cultura a tutto tondo dove oltre alla presentazione dei due libri il pubblico ha potuto ammirare anche una mostra di pittura ed assistere ad alcune performances musicali di canti della nostra tradizione.

In tanti hanno preso posto nella sala allestita per la presentazione dell’evento.  Tante le opere pittoriche  esposte sulle pareti, in particolare dipinti dei nostri Pupi Siciliani messi a disposizione dalla pittrice Francesca Privitera. Nel contesto, anche un bellissimo carretto siciliano gentilmente messo a disposizione da Salvatore Ferrara che ha suscitato tanta curiosità e ammirazione. A questo va aggiunta la bravura dei due presentatori che sono riusciti a tenere il pubblico sempre attento e incuriosito da ciò che stava accadendo .

Per la presentazione  del testo “Infiniti definiti”  hanno preso la parola la scrittrice Rosalda Schillaci, la poetessa Rosetta Di Bella , l’editore dott. Alfio Grasso e la poetessa Giusy di Mauro.

Al termine della prima presentazione un intermezzo musicale  con l’entrata improvvisa  della bravissima artista cantante Giusy Schilirò accompagnata da tre musicisti del gruppo folkloristico Vecchia  Jonia di Giarre composto da Angelo Patanè (chitarra), Michele Bonaccorso (fisarmonica) e da Egidio Fichera (tamburello)  tutti rigorosamente  in costume folk. La Schilirò  con la sua bella voce calda e sensuale è riuscito a scuotere e far emozionare il pubblico presente,   cantando due liriche in dialetto Siciliano della “Balistreri”. Tanti applausi e tanto entusiasmo tra il pubblico, ad applaudire da spettatore  anche il famoso cantastorie siciliano Luigi Di Pino.

A seguire, ha preso la parola il poeta siciliano Nicola Raciti che ha onorato il pubblico con  due  delle sue belle liriche in dialetto.

Suggestiva la  presentazione della seconda opera letteraria prevista nel palinsesto della serata,   “Matrioska”, introdotta come  una piccola commedia teatrale che ha visto protagonisti di un impeccabile recitazione lo scrittore Francesco Sciuto, il relatore Antonino Magrì e l’artista Francesca Privitera.

Un gran finale ha concluso l’evento con l’intervento della famosa attrice scrittrice Ida Giulia La Rosa premiata dal pubblico incontenibile, al termine della sua  inaspettata ed emozionante esibizione, con una standing ovation.

La manifestazione si è conclusa con ringraziamenti in stile e la consegna di attestati in pergamena per  tutti. Tra i premiati, anche il cantastorie Luigi Di Pino, con un attestato a “Menzione Speciale”.

 

ROSARIO  MESSINA

I conduttori della serata Pino e Giusy

I conduttori della serata Pino e Giusy

Il pubblico

Il pubblico

Le copertine dei due testi con lo staff organizzativo

Le copertine dei due testi con lo staff organizzativo

Lo spettacolo dei canterini di Giarre

Lo spettacolo dei canterini del gruppo folk di Giarre “Vecchia Jonia”

Un momento dello spettacolo

Un momento dello spettacolo

La premiazione della cantante Giusy Schilirò

La premiazione della cantante Giusy Schilirò

Premiazione Editore  Infiniti Definiti Dott. A. Grasso

Premiazione Editore Infiniti Definiti Dott. A. Grasso

Premiazione della scrittice R Schillaci

Premiazione della scrittice Rosalda Schillaci

Premiazione dello scrittore Francesco  Sciuto

Premiazione dello scrittore Francesco Sciuto

Premiazione dell'Editore MaranzAtomo Antonio  Magrì

Premiazione dell’Editore MaranzAtomo Antonio Magrì

Premio al  Cantastorie Luigi Di Pino

Premio al Cantastorie Luigi Di Pino

Pino Parisi con il barman Salvatore Ferrara ed i suoi cocktails

Pino Parisi con il barman Salvatore Ferrara ed i suoi cocktails

0 753

Continua la tournee itinerante nell’interland catanese del Trio d’eccezione composto dai maestri Giusy Di Mauro, Alessandro Maccari e Luisa Pappalardo.   Il 22 Novembre 2016, in onore di Santa Cecilia, protettrice della musica e dei musicisti, presso il Teatro Rex di Giarre alle ore 19:30, il Trio eseguirà un concerto di Canto Lirico proponendo un repertorio operistico che spazierà tra le più celebri arie mozartiane, rossiniane e verdiane.  L’apertura del concerto sarà assegnata al coro di voci bianche Jubilate Deo, accompagnato dalla pianista Emanuela Finistrella e diretto dal Soprano Giusy Di Mauro.

1x  Il Trio

Il Trio

I cantanti lirici

I cantanti lirici

 

0 691

L’Assessorato regionale alla Pubblica Istruzione, ha assegnato il primo posto ad alcune scuole del territorio di Giarre Riposto che hanno partecipato ad un progetto riguardante l’educazione alla legalita.  Il meritato riconoscimento è maturato con lo spettacolo  “I luoghi della memoria” dedicato ai temi dell’Olocausto, bellissima iniziativa realizzata con il contributo dell’Assessorato Regionale P.I. ed elaborata dalla rete di scuole di Riposto-Giarre la quale, con il progetto “Una città per la Costituzione II Ed.”,  si è collocata al primo posto nella graduatoria dei progetti presentati da tutte le scuole della Regione. L’Assessorato ha premiato di fatto un percorso intrapreso nel Maggio 2014 che mette in rete 10 scuole del territorio Jonico-etneo, tante Associazioni, il Comune di Riposto con il patrocinio dell’ASAEC “Libero Grassi” di Catania, dell’Associazione “Gruppo Santo Calì” e del Coordinamento docenti referenti di educazione alla Legalità. L’obiettivo specifico è quello della divulgazione dei principi e valori della nostra Costituzione che oltre ad essere la “Carta” fondamentale dei diritti e dei doveri dei cittadini rappresenta anche (come afferma Don Ciotti) un formidabile testo antimafia da leggere a scuola e da rendere attuativo e operativo soprattutto fuori dalla scuola. Lo scopo è quello di far conoscere agli studenti (e a chi fuori dalla scuola lo avesse dimenticato o rimosso) il grande potenziale “ricostruttivo” che i principi Costituzionali avrebbero in tutti i settori dello Stato… se solo si volesse!! “Una città per la Costituzione…” è un contenitore di attività laboratorialiteatro civileartescultura – mostre – giornalismo d’inchiesta – turismo responsabile – che si prefiggono l’obiettivo di approfondire i tanti temi che afferiscono alla legalità, alla giustizia, alla democrazia e alla memoria di una storia recente che non riusciamo spesso a comprendere e a spiegare alle nuove generazioni. Le tematiche trattate diventano occasione di dibattito attivo anche attraverso incontri con esponenti della società civile in grado di trasmettere agli studenti il loro vissuto, le loro esperienze concrete. Un esempio valido per tutti è quello della giustizia che proietta gli studenti in una dimensione di stringente attualità dove l’incontro con testimoni di giustizia-familiari delle vittime di mafia.. magistrati e forze di polizia diventano, per loro occasione di riflessione ma anche di coinvolgimento emotivo di straordinaria intensità. Tante le giornate sociali e “civili” in cui migliaia di studenti impegnandosi nell’azione di conoscenza attiva e operativa del proprio presente e del proprio passato maturano quel grado di coscienza e consapevolezza civica, difettando la quale, come diceva Peppino Impastato “.. la mafia uccide … ma il silenzio pure..”. Uccide con la complicità di chi attraverso l’indifferenza e l’ignavia finisce per connivere con la cultura della morte piuttosto che con la cultura della vita. Questo e ancora altro è “Una città per la Costituzione” un’esperienza unica per il nostro territorio dal momento che gli studenti delle scuole in rete dedicheranno ai principi fondamentali della Costituzione i bassorilievi in terracotta che sono già stati installati nell’ottobre 2015 lungo la via Pio La Torre e che, a conclusione del progetto (Maggio 2016) qualificheranno altri quartieri della nostra cittadina. Sculture che testimonieranno dunque per “..le genti che passeranno..” il prezioso tesoro rappresentato dalla nostra Costituzione, che saranno realizzate dagli studenti degli Istituti Superiori (Geometri-Nautico- Commerciale), dell’Istituto Comprensivo “Verga” di Riposto, dal Liceo Scientifico “Leonardo” e dagli Istituti Superiori “Fermi-Guttuso” di Giarre.

I docenti che hanno curato il progetto

I docenti che hanno curato il progetto

La Borsellino con i docenti

La Borsellino con i docenti

La Borsellino con i docenti

La Borsellino con i docenti

Docenti del progetto con la Borsellino

Docenti del progetto con la Borsellino

0 859

Giarre (Ct). Mercoledì 9 marzo alle ore 18,30 nell’Aula magna dell’I.T.I.S. “Enrico Fermi” in Via N. Maccarone, 4 a Giarre vi sarà la presentazione del volume “Frammenti” di Lina Signorino. Ad introdurre il testo sarà il dirigente scolastico Tiziana D’Anna. Sono previsti gli interventi della scrittrice Marinella Fiume e dell’attrice Luana Toscano. Nel corso della serata vi saranno degli intermezzi musicali a cura del III I.C. – Indirizzo Musicale di Giarre. A moderare gli interventi sarà Viviana Bonaventura.

1X  Locandina Frammenti

0 6644

Giardini Naxos (Me)L’ASAMIR continua a fare notizia con i suoi atleti, i loro traguardi ed i suoi Maestri i quali, con insuperabile professionalità si stanno facendo apprezzare con le loro affermazioni in campo regionale, nazionale ed internazionale (nel recente campionato mondiale di arti marziali svoltosi in Spagna sono state conquistate tredici medaglie). La cosa che stupisce è che ogni allievo dal canto suo è un piccolo protagonista della storia sportiva del sodalizio. Per molti di loro, vista la bella età che li contraddistingue, sembra che il tempo si fermi o addirittura regredisca. Sembra quasi che la pratica di questo sport dal sapore antico radicato nelle nostre tradizioni sia un elisir di giovinezza (saranno i ricordi di infanzia che rievoca questa pratica?) come nel caso di Giovanni Di Mauro, un arzillo ottantenne il quale, sotto la guida del Maestro Salvatore Scarcella sembra essere ritornato un trentenne. Alla sua veneranda età Giovanni Di Mauro continua a praticare sport. Un toccasana per la sua salute mentale e psicofisica. Di recent eha raggiunto un ambito traguardo. Dopo due anni di allenamenti nella nostra palestra di Riposto(Ct) è riuscito a coronare il suo sogno, cioè quello di ottenere il titolo di riconoscimento dall’ASAMIR per poter praticare il ” Bastone Tradizionale Corto” (Arte marziale siciliana doc). Giovanni Di Mauro è un “figlio d’arte” poiché è il fratello del famoso Salvatore Di Mauro e, zio, di Giuseppe Di Mauro (uno dei migliori maestri che vanta l’ASAMIR oltre che mio amico d’infanzia), entrambi Maestri di Bastone Siciliano “Ruotato Tradizionale“. Giovanni Di Mauro non è nuovo a questa disciplina che in un certo senso conosceva già. La sua passione per il bastone siciliano inizia quando era ragazzo. A Giovanni non è mai piaciuto il “Bastone Lungo” e, sin da giovane, ha sempre prediletto e praticato la tecnica del “Bastone Corto da strada” cioè quello non riconosciuto dall’ASAMIR perché senza regole. Qualche anno fa Giovanni Di Mauro decise di iscriversi all’associazione per avere riconosciuta con un diploma la sua pratica sul “Corto di strada”. Presentò al Responsabile del settore la domanda di ammissione all’associazione ma, gli venne respinta poiché per ottenere il riconoscimento era necessario seguire la prassi prevista dall’ASAMIR. Preso atto dei requisiti necessari per ottenere il diploma di maestro, Giovanni non ha perso tempo e si e inscritto come socio praticante All’ASAMIR di Riposto. Con grande entusiasmo e determinazione e, in appena due anni, è riuscito a superare i tutti gli esami fino al decimo ed ultimo livello per conseguire la cintura Nera. Alla fine dell’agognato traguardo gli è stato consegnato l’agognato diploma. La cerimonia di consegna è stata realizzata alla presenza dei soci del sodalizio nei locali dell’Associazione Jeet Kune Do Accademy dove opera la sezione ASAMIR di Giardini Naxos. Al termine della cerimonia il Maestro Salvatore Scarcella che ha allenato l’atleta ottantenne, alla domanda: ” Che cosa aveva provato ad allenare per due anni un atleta con dieci anni più di lui?”, con sarcasmo ha risposto: “E’ stata molto dura allenare un ottantenne cocciuto come il Giovanni Di Mauro. All’inizio, dopo il primo approccio, non ne voleva più sapere. Ridendo l’ho abbracciato avvertendolo che gli allenamenti erano solo agli inizi e che aveva ancora molto da imparare. Poi ha sfoderato un impegno da giovane atleta e con costanza si è impegnato nell’apprendimento delle tecniche superando brillantemente tutte fasi per l’ottenimento del diploma finale.” L’impresa di Di Mauro è una bella storia che è valsa la pena raccontare. Un esempio di intraprendenza e gioia di vivere da far conoscere a tanti suoi coetanei.

                                                        M.° Orazio Barbagallo

Il Maestro Scarcella consegna il diploma a Di Mauro

Il Maestro Scarcella consegna il diploma a Di Mauro

La consegna del diploma di Cintura Nera di Bastone Siciliano

La consegna del diploma di Cintura Nera di Bastone Siciliano

Di Mauro con il Diploma

Di Mauro con il Diploma

RIMANI IN CONTATTO