AGOSTO 2019
Home Tags Posts tagged with "milo"

milo

0 73

L’Alma Latina del Maestro Agatino Scuderi conquista il pubblico milese della rassegna culturale “Sulle fronde”

 

Prosegue con successo di pubblico e di critica la III edizione di “Sulle fronde” (rassegna di musica, poesia, teatro e creatività) a cura di Grazia Calanna e Laura Cavallaro, promossa dall’associazione culturale “Donne D’Europa” e dal Comune di Milo. Soddisfazione espressa all’unisono dal Sindaco Alfio Cosentino e l’assessore alla Cultura Francesca Strano come, altrettanto, dalle curatrici, Grazia Calanna e Laura Cavallaro, per il concerto Guitar Recital “Alma Latina” del Maestropress Agatino Scuderi, accolto dall’incantevole sito della Scalinata Largo dei Mille.

Agatino Scuderi chitarrista catanese è concertista internazionale e professore di chitarra classica presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Catania. Allievo di Alirio Diaz, si è diplomato in chitarra presso il Conservatorio “N. Piccini” di Bari. Si è perfezionato in Italia ed in Spagna – frequentando i corsi del Conservatorio Superiore di Musica di Sevilla e quelli del Festival Internacional de Guitarra di Cordoba- con Alirio Diaz, Bruno Battisti D’Amario, Ruggero Chiesa,Aldo Minnella,Linda Calsolaro, America Martinez Serrano, Leo Brouwer, Narciso Yepes, Eliot Fisk. Ha seguito seminari di analisi e composizione con Alexander Mullenbach. Si è affermato in vari concorsi nazionali e internazionali tra i quali: Milano, Matera, Locorotondo, Venetico Superiore… e ha ricevuto riconoscimenti vari per l’attività artistica in Ecuador, a San Paolo del Brasile. Ha conseguito il Dottorato in Filosofia della Musica, con una tesi su Agustin Barrios Mangorè nella città di Benson, in Arizona. Inoltre, ha ottenuto riconoscimenti anche nella sua città natale, quali: Il premio Mediterraneo “Città di Catania”, il Pilastro per la musica (CT), il Gigante sez. musica “Città di Ramacca”, e vari Diplomi d’Onore in molti Concorsi Chitarristici, come docente. La sua intensa carriera concertistica lo ha portato ad esibirsi   nei quattro continenti e nelle città più importanti del mondo, in sale prestigiose a New York , Tokyo, Bucarest, Varsavia, Vienna, Svizzera, Germania, Mosca, Alessandria d’Egitto. È regolarmente ospite nei più importanti festival internazionali musicali e chitarristici, per conto di istituzioni famose e stagioni concertistiche di rilievo. Sulla rivista chitarristica internazionale   “Guitart” di lui è stato scritto: “…   carisma comunicativo, eleganza ,ritmo e fluidità… varietà timbrica, tessitura di colori , musicalità assolutamente mediterranea, uso appropriato e sapiente del vibrato… virtuoso della chitarra” .

 

Il chitarrista Agatino Scuderi

Il chitarrista Agatino Scuderi

 

Prossimi appuntamenti (ingresso libero, gratuito):

  • Esperienza sensoriale a cura del Centro “Fiore di Loto” di Giarre, con l’insegnante Antonella Sgroi; momenti musicali con lo spacedrum di Armando Xibilia. Data dell’evento: domenica 21 Luglio 2019, Ecomuseo del Castagno, Fornazzo, Milo, ore 18:30.
  • Per il ciclo Versi Inazzurrati presentazione del libro di poesie “Suite Etnapolis” di Antonio Lanza (Interlinea Edizioni) con intervista cura di Grazia Calanna e interventi dei poeti Vincenzo Galvagno, Leonardo Barbera, Orazio Caruso e Maria Rita Pennisi. Seguirà la III Terza edizione del Premio Arte e Poesia L’albero creativo, per i bambini della scuola elementare di Milo. Data dell’evento: lunedì 12 Agosto 2019, Scalinata d’Arte di Largo dei Mille, Milo, 20:30.
  • Laboratori di arte e scrittura creativa per ragazzi dai 6 ai 13 anni, a cura di Laura Cavallaro e Grazia Calanna. Data dell’evento: mercoledì 22 Agosto 2019, presso il Museo Virtuale, Piazza Municipio, Milo, ore 18:00.
L'esibizione di Agatino Scuderi

L’esibizione di Agatino Scuderi

  •  

    0 122

    Inaugurata con successo di pubblico e di critica la III edizione di “Sulle fronde” (rassegna di musica, poesia, teatro e creatività) a cura di Grazia Calanna e Laura Cavallaro, promossa dall’associazione culturale “Donne D’Europa” e dal Comune di Milo.

    Soddisfazione espressa all’unisono dal Sindaco Alfio Cosentino e l’assessore alla Cultura Francesca Strano come, altrettanto, dalle curatrici che hanno ribadito: “Per il terzo anno consecutivo, lavoriamo per la promozione della cultura e precipuamente per la promozione della consapevolezza soprattutto nei più giovani; consapevolezza certamente acquisibile mediante le lenti della creatività, della poesia, del teatro, della musica, e, in generale, dell’ascolto, del confronto e della condivisione”.

     Applaudita e molto partecipata la lettura interpretativa “Oscar e la dama in rosa” di Èric-Emmanuel Schmitt regia di Francesco Russo. Con Maria Rita Leotta e Francesco Russo.  La storia è quella di Oscar, un bambino di dieci anni malato di leucemia e dei suoi ultimi dodici giorni di vita trascorsi in un reparto di oncologia pediatrica dopo che tutti i tentativi per salvarlo sono falliti. Oscar immagina quello che sta per succedere anche se nessuno glielo vuole dire e l’unica persona con la quale riesce ad aprirsi è un’anziana volontaria, una dama in rosa, che lui chiama Nonna Rose, l’unica persona che lo ascolta senza compatirlo. Nonna Rose suggerisce a Oscar di vivere ogni giorno come se fossero dieci anni, così facendo gli dona la vita che non potrà mai vivere. Con la sua fervida immaginazione Oscar sperimenterà l’adolescenza, l’innamoramento, la vita coniugale, la maturità, i problemi della vita adulta e la vecchiaia. A sua volta Rose riceverà in regalo dei momenti che rimarranno nel suo cuore per sempre.

    Oscar e la dama in rosa è uno spettacolo che parla di vita, non di morte, è questa la chiave di volta che ha voluto dare il regista Francesco Russo. Un messaggio potente che ha la lievità dei pensieri puri di un bambino di dieci anni, senza pietismi né sentimentalismi che ha conquistato i numerosi presenti.

    Prossimi appuntamenti: (ingresso libero, gratuito):

    • Guitar Recital “Alma Latina” del Maestro Agatino Scuderi. Data dell’evento: venerdì 19 Luglio 2019, Scalinata Largo dei Mille, Milo, ore 20:30.
    • Esperienza sensoriale a cura del Centro “Fiore di Loto” di Giarre, con l’insegnante Antonella Sgroi; momenti musicali con lo spacedrum di Armando Xibilia. Data dell’evento: domenica 21 Luglio 2019, Ecomuseo del Castagno, Fornazzo, Milo, ore 18:30.
    • Per il ciclo Versi Inazzurrati presentazione del libro di poesie “Suite Etnapolis” di Antonio Lanza (Interlinea Edizioni) con intervista cura di Grazia Calanna e interventi dei poeti Vincenzo Galvagno, Leonardo Barbera, Orazio Caruso e Maria Rita Pennisi. Seguirà la III Terza edizione del Premio Arte e Poesia L’albero creativo, per i bambini della scuola elementare di Milo. Data dell’evento: lunedì 12 Agosto 2019, Scalinata d’Arte di Largo dei Mille, Milo, 20:30.
    • Laboratori di arte e scrittura creativa per ragazzi dai 6 ai 13 anni, a cura di Laura Cavallaro e Grazia Calanna.   Data dell’evento: mercoledì 22 Agosto 2019, presso il Museo Virtuale, Piazza Municipio, Milo, ore 18:00.
    Un momento della rassegna

    Organizzatori della rassegna

    La rassegna

    La rassegna

    0 131

    Milo – In un clima tradizionalmente festoso, sono stati annunciati, a Milo, i nomi delle compagnie finaliste che concorrono per l’assegnazione del XIII Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla FITA Sicilia e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

     La giuria, presieduta dall’Avv. Vincenzo Zappulla, presidente dell’istituto Storia dello Spettacolo Siciliano, e formata dalla prof.ssa Sarah Zappulla Muscarà (docente Letteratura Italiana, Letteratura Teatrale italiana, Storia del Cinema), dal sig. Turi Giordano (attore e regista), dal sig. Agostino Zumbo (attore e regista), dal sig. Fabio Costanzo (attore), dal dott. Gianfranco Barbagallo (avvocato specialista in Diritto dell’Arte e Legislazione dello Spettacolo, consigliere regionale FITA Sicilia) e dal sig. Luciano Patanè (in rappresentanza del Comune di Milo), dopo la attenta valutazione dei curricula e dei video di presentazione delle proposte artistiche delle numerose compagnie che hanno risposto all’avviso pubblico, ha scelto cinque compagnie teatrali che indichiamo di seguito in ordine di esibizione nello splendido “Anfiteatro Comunale Lucio Dalla” di Milo:

    1)      Compagnia Teatrale “Cambia… Menti” di Santa Venerina in scena con “La Scatola di Marlene” di Nino Criscione, per la regia di Pietro Coco (selezionata, come da regolamento del Premio, tra le compagnie partecipanti alla rassegna teatrale invernale milese, a cura della Filocomica Sant’Andrea) – 29/07/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

    2)      Associazione Caf  “Cultura Arte Spettacolo” di Aci Catena (Ct) in scena con “Dyskolos” di Menandro, per la regia di Davide Pulvirenti – 30/07/2019  ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

    3)      Associazione Culturale “Dietro le Quinte” di Milazzo (Me) in scena con “Aragoste di Sicilia” di Gianni Grimaldi e Bruno Corbucci, adattamento di Romano Bernardi, per la regia di David Amalfa – 31/07/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

    4)      Associazione culturale “Carma” di Bagnara Calabra (Rc) in scena con “1861 La brutale verità” di Michele Carilli, per la regia di Michele Carilli e Lorenzo Praticò – 01/08/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo;

    5)      Compagnia “Imprevisti e Probabilità” di Formia (Lt) in scena con “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” di Giovanbattista Basile e Italo Calvino, adattamento di Raffaele Furno, per la regia di Raffaele Furno – 02/08/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo

     “Anche quest’anno - dichiara Mimì Scalia, Direttore artistico del Premio “Angelo Musco” - siamo molto soddisfatti delle scelte fatte dalla nostra prestigiosa giuria e convinti che gli spettatori gradiranno questa policroma selezione. L’idea, coerentemente con quanto realizzato in passato, rimane quella di permettere a valenti compagnie teatrali (provenienti da tutta l’Italia) di esibirsi nel segno di una competitività costruttiva, divertente e di qualità. Non dimentichiamo che il teatro è e rimane uno specchio per la nostra coscienza, un luogo prezioso per ricevere e trasmettere informazioni e riflessioni utili al nostro divertimento come, e soprattutto, alla nostra crescita personale”.

    Special guest Mario Incudine. Targa alla Memoria per Gilberto Idonea

    Attesa per la serata intitolata “Milo Premia il Teatro” che si terrà al Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo, alle ore 21, sabato 3 agosto 2019, con ingresso libero, che sarà condotta dal giornalista Salvo La Rosa e vedrà, tra gli altri, la presenza, in qualità di ospite d’onore, special guest, dell’acclamato artista Mario Incudine, che sarà premiato in quanto personaggio tra i più rappresentativi della nuova world music italiana, e che, per l’occasione, regalerà, come nel suo stile, indimenticabili momenti di spettacolo.

    “Per me che vengo dal teatro, ricevere un riconoscimento così prestigioso è un grande motivo di orgoglio e un grande privilegio e, certamente, riconosco che i premi ricevuti nella propria terra hanno un valore ancora più importante e più alto – dichiara Mario Incudine -. Ringrazio la Commissione, la Direzione artistica e tutta l’organizzazione del Premio Musco del quale sono felice di poterne incarnare i principi. Naturalmente, quella sera, per ringraziare quanti hanno scelto di premiarmi e quanti interverranno, cercherò di fare confluire nella mia performance le mie due anime, quella teatrale e quella musicale, offrendo un percorso che possa unire tutte e due le arti.  L’artista, da sempre, ha un ruolo privilegiato, un ruolo sociale più che mai importante – aggiunge  Incudine -. L’artista deve smuovere le coscienze, creare una coscienza critica collettiva; credo che il teatro e la musica possano servire alla realizzazione di questo obiettivo, possano accendere il faro, possano fornire un’idea di come affrontare le delicate questioni del nostro tempo. Non dico possano sempre risolvere i problemi ma quantomeno aprirli, sviscerarli e darne una visione che può trovare condivisione. Ma, ripeto, la cosa importante è creare massa critica; creare un pubblico che pensa e non soltanto un pubblico che assorbe e che consuma in maniera passiva. Oggi, più che in passato, serve svegliare le coscienze e cercare di creare un ponte con raffiche di interrogati che non dobbiamo smettere di porci su fatti politici, sociali, culturale e umani”.

     

    Mario Incudine – Poliedrico artista-cantastorie, riesce a far confluire la passione per musica con quella per il teatro e la scrittura portando la sua arte made in Sicily in giro per il mondo. Il suo ultimo progetto musicale, D’acqua e di rosi (Finisterre/Felmay), è una raccolta di canti d’amore in lingua siciliana in distribuzione in tutta Europa. Biagio Antonacci lo ha voluto come ospite nel suo brano Mio Fratello del cd Dediche e Manie (Sony Music, 2017) e Mario Incudine è stato chiamato ad eseguirlo dal vivo nel live tour nazionale di Antonacci per i palasport d’Italia.

    Come coregista assieme a Moni Ovadia firma Liolà, opera nel cartellone del teatro Biondo di Palermo nel 2018  e attualmente in tour (spettacolo in cui è anche protagonista e autore delle musiche originali), e Le Supplici nella stagione dell’Istituto nazionale del dramma antico di Siracusa 2015, recitando e cantando anche nel ruolo del cantastorie e curandone la traduzione in siciliano e le musiche originali. Firma le musiche ed è tra i protagonisti (assieme a Ovadia e Valeria Contadino) dello spettacolo Il Casellante, tratto dal romanzo di Andrea Camilleri e diretto da Giuseppe Dipasquale, attualmente in tournée nazionale. È protagonista dello spettacolo di teatro musicale Mimì, da sud a sud con le note di Domenico Modugno che Incudine da vero mattatore porta in giro per l’Italia assieme alla sua band per la regia di Giuseppe Cutino e Moni Ovadia. Ha all’attivo tour in quattro continenti e collabora con alcuni tra i più importanti artisti della musica, del teatro e della danza: tra gli altri, Andrea Camilleri, Ambrogio Sparagna, Gaetano Savatteri, Alessandra Mortelliti, Rocco Mortelliti, Mariano Rigillo, Francesco De Gregori, Franco Battiato, Lucio Dalla, Alessandro Haber, Geppy Gleijeses, Massimo Ghini, Walter Matteini, Matteo Tarasco, Marinella Bargilli.

    Nel corso della serata sarà assegnata una Targa alla Memoria all’attore Gilberto Idonea, scomparso lo scorso Ottobre, per l’occasione interverranno il figlio Alessandro Idonea e la moglie prof.ssa Raffaella Oliveri.

    Nella foto Salvo La Rosa e, a destra, Mimì Scalia

    Nella foto Salvo La Rosa e, a destra, Mimì Scalia

    0 102

    Milo – Annunciati i nomi delle compagnie che accedono alla selezione per l’assegnazione del XIII  Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla FITA Sicilia e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

    La giuria del Premio dopo attenta valutazione delle domande ricevute e dei curricula sceglierà, tra quelle di seguito indicate, cinque compagnie teatrali che si esibiranno (nei giorni 29/7 – 30/7 – 31/7 – 1/8 – 2/8 e, con cerimonia di premiazione, il 3/8) nello splendido “Anfiteatro Comunale Lucio Dalla” di Milo:

    1) Associazione “Teatro Due” – “L’Anatra all’Arancia” – Castellana Grotte (BA);

    2) Compagnia teatrale “Piccolo Borgo Antico” – L’Incidente” – Lipari (ME);

    3) Associazione Culturale “Pensieri Riflessi” – “Boeing Boeing” – Catania;

    4) Compagnia “Le Maschere” –“ Si Vola” – Canicattini Bagni (SR);

    5) Ass. Culturale “Teatranima” – “Il Mostro” (Studio Teatrale) – Agrigento;

    6) Ass. Culturale “G. Grasso  –  Teatro Stabile Aci Catena”  – “Scuru” – Aci Catena (CT);

    7) Ass. Culturale “Compagnia Liotru” – “Mio marito aspetta un figlio” – Catania;

    8) Ass. C.a.f. “Cultura Arte Spettacolo” – “Dyskolos” – Aci Catena (CT);

    9) Ass. Culturale “Dietro le Quinte” – “Aragoste di Sicilia” – Milazzo (ME);

    10) Compagnia “Imprevisti e probabilità’” – “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” – Formia;

    11) Compagnia teatrale “Stabile dei nomadi” – “Il marito di mio figlio” – Leonforte (EN);

    12) Ass. Tratrale “La cricca” – “Libere Clausure” – Taranto;

    13) Ass. Culturale “Carma” – “1861 La brutale verità” – Bagnara Calabria (RC);

    14) Ass. Teatrale culturale “Calandra” – “Edipo Re” – Tuglie (LE);

    15) Compagnia teatrale “Piccolo palcoscenico” – “il Berretto a Sonagli” – Pomezia (RM);

    16) Ass. Culturale “Il Belvedere” – “La Scuola delle Mogli” – Catania;

     

                  COMPAGNIE PARTECIPANTI ALLA RASSEGNA INVERNALE

     

    1) Ass. culturale “G. Grasso ” Teatro Stabile Aci Catena – “Funny Money” – Aci Catena (CT);

    2) Compagnia teatrale “Ars Theatri” – “Amara a cu ci capita” – Zafferana Etnea (CT);

    3) Ass. Culturale “La compagnia che non c’è” – “Matrimoniu putativu” – Guardia (CT);

    4) Gruppo teatro “San Paolo” – “Li du’ surgivi” – Acireale (CT);

    5) Gruppo teatrale “I Lauretani” – Le tre pecorelle…” – Acireale (CT);

    6) Compagnia teatrale “Cambia…Menti” – “Lla Scatola di Marlene” – Santa Venrina (CT).

     

    “Il Premio Angelo Musco – ribadisce Mimì Scalia – permette a valenti compagnie teatrali provenienti da tutta l’Italia di esibirsi con i loro talenti durante la fase finale. È un appuntamento attesissimo, come attesissimo è anche “il premio speciale” assegnato, di volta in volta, a prestigiosi personaggi che si sono particolarmente distinti in attività artistiche, sociali e culturali. Presto sveleremo altre interessanti novità. Siamo felici, anche quest’anno, sebbene le difficoltà economiche, di poter contare del sostegno dell’Amministrazione Comunale”.

    Ph di Daniel Reina (del Premio Angelo Musco 2018); da sinistra verso destra il Sindaco di Milo, Alfio Cosentino, Salvo La Rosa e Mimì Scalia

    Ph di Daniel Reina (del Premio Angelo Musco 2018); da sinistra verso destra il Sindaco di Milo, Alfio Cosentino, Salvo La Rosa e Mimì Scalia

    0 339

    Milo – Si è concluso, a Milo, tra il plauso generale di un pubblico calorosissimo e attento, il XII Premio Nazionale Teatrale e Letterario “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), con il patrocinio della Regione Sicilia e della Fita Sicilia, e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

    La cerimonia conclusiva di premiazione magistralmente condotta dal giornalista Salvo La Rosa è stata animata da Manlio Dovì (artista rappresentato in esclusiva dall’agenzia di spettacoli Antonio Saeli Management), raffinato attore, cabarettista e imitatore italiano, che ha ricevuto il Premio alla Carriera: “Per la modernità comunicativa che lo ha reso riconoscibile dal grande pubblico televisivo come da quello inflessibile del teatro. Per le qualità imitatorie, la voce e la gestualità che identificano nitidamente estese abilità individuali, e la maturità artistica di elevato livello espressivo, come comprovato dai suoi più celebri ‘rifacimenti’ quali, solo per citarne alcuni: Francesco Cossiga, Vittorio Sgarbi, Luca Giurato, Piero Fassino, Carlo d’Inghilterra e, più di recente, Nicolas Sarkozy. Per la recitazione poliedrica, l’acume narrativo e lo sguardo vigile sulla contemporaneità che comprovano, parimenti, coerenza nella sperimentazione artistica e conseguente valore culturale”.

     Soddisfazione espressa all’unisono, con il Sindaco Alfio Cosentino, con l’Assessore alla Cultura Francesca Strano e il Vice Sindaco Concetta Cantarella, da Mimì Scalia che ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti, sebbene le cattive condizioni atmosferiche ci hanno costretto a spostare il nostro Galà di premiazione al Centro Servizi di Milo, la serata è stata indimenticabile e ricca di emozioni. Il nostro Premio cresce di anno in anno affermandosi sul territorio nazionale come comprovato dalla presenza di prestigiose compagnie da oltre lo stretto e dalla presenza di giornalisti e critici di risonanza nazionale. A breve daremo ragguagli concernenti la sezione Letteraria nel nostro premio che culminerà, come spiegato dal Prof. Mario Tropea dell’Università di Catania, con la cerimonia di premiazione, nel mese di dicembre. E, intanto, già da domani, con immutato entusiasmo, siamo a lavoro per il XIII Premio Musco”.

     La prestigiosa giuria presieduta dall’Avv. Vincenzo Zappulla, presidente dell’istituto Storia dello Spettacolo Siciliano, e formata dalla prof.ssa Sarah Zappulla Muscarà (docente Letteratura Italiana, Letteratura Teatrale italiana, Storia del Cinema), dal sig. Turi Giordano (attore e regista), dal sig. Agostino Zumbo (attore e regista), dal sig. Fabio Costanzo (attore), dall’Avvocato Gianfranco Barbagallo (specialista in Diritto dell’Arte e Legislazione dello Spettacolo, consigliere regionale FITA Sicilia) e dal sig. Luciano Patanè (in rappresentanza del Comune di Milo), dopo la attenta e corale valutazione delle proposte artistiche delle  compagnie precedentemente selezionate, ha scelto, concordemente e unanimemente, e non senza difficoltà vista l’ampia gamma di proposte teatrali, la rosa dei premiati qui di seguito riportata con le rispettive motivazioni:

    • Attrice Non Protagonista Liliana Simone del “Teatro Due” di Castellana Grotte (Ba). Motivazione: “Nella sua interpretazione di Gesualdina, ha saputo dosare la spigolosità del personaggio smussandolo con il suo carattere, riuscendo comunque a lasciare un segno nel cuore dello spettatore”.

    • Attore Non Protagonista Vittorio Goffredo del “Teatro Due” di Castellana Grotte (Ba). Motivazione: “Per il suo ruolo di Ferdinando, che non è il protagonista ma è comunque il fulcro dell’intero spettacolo, è riuscito ad interpretare perfettamente questo personaggio complesso e ricco di sfaccettature”.

    • Attrice Protagonista Soledad Agresti, di “Imprevisti e Probabilità” di Formia (LT). Motivazione: “Filumena Marturano è un personaggio visto e rivisto, Soledad Agresti è riuscita a renderlo intenso e credibile, pur nella particolare messa in scena, facendo commuovere ed emozionare il pubblico”.
    • Attore Protagonista Daniele Segalin, di “Theatre Degart”, Giardini Naxos (ME). Motivazione: “Al clown Dandy Danno con Diva G (Graziana Parisi) insieme nella vita e nella scena, che riesce a trasmettere il gusto autentico del ridere senza volgarità, la sua positività e lo fa con tanta dolcezza e poesia”.

    • Vincitrice del XII Premio Musco la compagnia “Imprevisti e Probabilità” di Formia (LT), con la commedia in tre atti, “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo, regia di Raffaele Furno che si è aggiudicato anche il premio “Migliore regia” con la seguente motivazione: “Per lo spettacolo ‘Filumena Marturano’. Rispettando la tradizione e il messaggio originale di Eduardo De Filippo, ha incorniciato lo spettacolo in una messa in scena moderna e dinamica. Trasformando la classica scenografia in un ring in cui i protagonisti sfogano tutte le loro incomprensioni boxando”.

    Infine, ha vinto il “Gradimento del Pubblico” la compagniaIl Belvedere” di Catania, che ha proposto la commedia in tre atti, “La buonanima di mia suocera” di Giambattista Spampinato, regia di Antonio Liotta, affrontando con un taglio originale il problema universale della convivenza tra le diverse generazioni. Mentre il “Premio Speciale Fita” è andato all’attrice Vera Grasso.

    “Siamo felici e molto soddisfatti di aver partecipato all’organizzazione del prestigioso Premio ‘Angelo Musco’ – dichiara la Presidente della ‘Filocomica Sant’Andrea’, Rosa Patanè -, un uomo di straordinario talento artistico che auspicava per Milo una proficua crescita culturale da impiegare come motore dello sviluppo con effetti benefici sia sul piano economico che su quello sociale”.

    La serata è stata animata, nel segno della passione condivisa per il teatro, da numerosi interventi (anche per la consegna dei premi): Avv. Carmelo Pace (Presidente Nazionale Fita), Antonella Messina (Presidente Regionale Fita), dott. Massimiliano Salfi (Fondatore e Presidente del Progetto e della Onlus V-Eyes), Luca Patanè (Assessore allo Sport del Comune di Milo), dott.ssa Anna Fichera (Presidentessa “Fidapa – sez Giarre – Riposto) e Anna Castiglione Garozzo (Past – Presidentessa “Fidapa”),  Maria Pia Russo (Vice Presidente “Fidapa”), Rosa Patanè (Presidentessa della Filocomica Sant’Andrea di Milo) e Alfredo Cavallaro (Presidente Pro Loco di Milo).

    Scroscianti applausi anche per i momenti musicali con il gruppo etnicofolk i “Dioscuri”, formato da Giovanni Lo Brutto, Eduardo Cicala, Giovanni Gallo, Franco Sodano (collaborano i musicisti Peppe – Ballacchino, Lillo Guarraci, Mauro Southern Patti) che hanno incantato i presenti con un ricca suggestione di brani della tradizione siciliana.

    1

    Momento della premiazione con la compagnia vincitrice del XII Premio Musco la compagnia “Imprevisti e Probabilità”

    La compagnia vincitrice del XII Premio Musco la compagnia “Imprevisti e Probabilità” e il regista Raffaele Furno

    La compagnia vincitrice del XII Premio Musco la compagnia “Imprevisti e Probabilità” e il regista Raffaele Furno

    Mimì Scalia e Salvo La Rosa

    Mimì Scalia e Salvo La Rosa

    Foto di gruppo con Mimì Scalia, Salvo La Rosa, Manlio Dovì, gli amministratori Comunali e la Filocomica Sant’Andrea di Milo

    Foto di gruppo con Mimì Scalia, Salvo La Rosa, Manlio Dovì, gli amministratori Comunali e la Filocomica Sant’Andrea di Milo

    0 352

    Si è concluso con successo il 28 luglio nelle terre dell’Etna a Bronte, in Contrada monte Colla, il terzo itinerario dei palmenti rupestri. I numerosi partecipanti hanno avuto modo di ammirare la straordinaria bellezza del paesaggio naturale, guidati dal già  commissario del Corpo Forestale della Regione Sicilia Enzo Crimi, naturalista e grande conoscitore del territorio etneo. Il geologo Fabio Bonaccorsi, fautore di un tipo di turismo naturalistico ed alternativo, ha evidenziato le caratteristiche geomorfologiche del territorio di Bronte e spiegato la presenza delle rocce sedimentarie clastiche come l’arenaria nel territorio vulcanico etneo, frutto di una sovrapposizione di ere geologiche diverse e dell’azione dell’Etna che continua con la sua attività eruttiva a modificare in modo dinamico il paesaggio. Il cultore e divulgatore di storia locale Giorgio Luca, ha illustrato i due palmenti rupestri intagliati nell’arenaria di Poggio Colla, tuttora ancora poco conosciuti e studiati. Lo storico alla luce delle evidenze archeologiche ha affermato, contrariamente a quando si credeva in passato, che  la produzione vinicola nell’antichità non  si fermava nel territorio di Randazzo, in quanto i numerosi palmenti rupestri scoperti nella zona etnea sono una preziosa testimonianza della diffusione della coltivazione della vite, anche se in modo marginale, nell’area di Bronte e Maletto. Il presidente dell’associazione Naxos Entertainment Giovanni Bucolo e l’ideatore e coordinatore dell’evento Giuseppe Carmeni ringraziano Sicilia Antica della sezione di Bronte  – Maletto per la collaborazione e il Sindaco di Bronte Graziano Calanna per aver aderito all’iniziativa di promozione turistica. Un ringraziamento speciale va al Club Alpino Italiano della sezione di Bronte, guidato dal presidente Angelo Spitaleri e ai suoi “angeli custodi”, per aver trasformato una semplice passeggiata archeologica ai palmenti rupestri di Bronte in una vera e propria escursione naturalistica, per il relativo supporto tecnico e logistico, ma soprattutto per la calorosa ospitalità. Si  ringraziano inoltre i diversi proprietari dei terreni attraversati durante la passeggiata, per la gentilezza e la disponibilità dimostrata e i produttori delle eccellenze enogastronomiche degustate al termine dell’escursione.

    Sabato 04 agosto l’avventura continua nelle terre dell’Etna a Maletto,  con la quarta tappa  “ I palmenti rupestri di contrada Pizzo”. Il raduno è previsto alle ore 17,00 presso il Museo Civico “Salvo Nibali” via Umberto n° 407 – Maletto. L’itinerario è di media difficoltà e in aperta campagna, pertanto si consiglia un abbigliamento da escursione naturalistica con scarpe da trekking, per info.: 3293176354. I visitatori saranno accompagnati per l’occasione dal geologo Fabio Bonaccorsi, che parlerà della geomorfologia del territorio di Maletto e dal cultore e divulgatore di storia locale Giorgio Luca, che spiegherà la natura e il paesaggio di Maletto e i palmenti rupestri di contrada Pizzo. Al Termine dell’itinerario il Comune di Maletto, organizzerà una degustazione di prodotti tipici, nella piazzetta B. Catania lungo la centrale Via Umberto, per promuovere le eccellenze enogastronomiche del territorio. La visita e la degustazione sono gratuite, ma è gradita la prenotazione, per informazioni 3406700563.

    Resti di un palmento a Bronte

    Resti di un palmento a Bronte

    La tappa di Bronte

    La tappa di Bronte

    Resti di un palmento

    Resti di un palmento

    Gli escursionisti

    Gli escursionisti

    0 467

    Milo – Prosegue nello splendido “Anfiteatro Comunale Lucio Dalla” di Milo, il XII Premio Nazionale Teatrale e Letterario “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct) e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea, con il patrocinio della FITA Sicilia e della Regione Sicilia.

    Mercoledì 25 luglio, ore 21, riflettori accesi sulla compagnia “Stabile dei Nomadi” di Leonforte, con la commedia in due atti, “Rumors” di Neil Simon, regia di Sabrina La Ferrara.

    Estratto dalle note di regia: “Rumors, commedia brillante di Neil Simon, ad apparente sfondo “giallo”, evidenzia ed esalta, fin dalle prime scene, la nevrosi della vita moderna con palese riferimento ad una borghesia poggiata su chiacchiere e pettegolezzi.  Lascia subito al tema del giallo un ruolo marginale e regala ampio spazio ad una comicità serrata, al divertimento, agli equivoci, alla comicità farsesca e a volte paradossale che diverte, intriga conquista lo spettatore e lo trascina nella risata fresca e genuina. La commedia è ambientata nell’ America dei nostri giorni, in un lussuoso appartamento di New York, o per essere più precisi nel salotto di Charlie e Myra Brock (padroni di casa che lo spettatore non conoscerà mai!) che organizzano un party per festeggiare il loro decimo anniversario di matrimonio. Gli illustri amici invitati si ritrovano alle prese con una situazione inspiegabile: il padrone di casa ferito, la moglie scomparsa, la servitù assente e il cibo quasi pronto per essere servito. Quanto basta per gettare nel panico gli invitati, che non vogliono far trapelare la notizia per evitare lo scandalo, e per generare una situazione imbarazzante e gestita in maniera grottesca, con ritmo incalzante dall’inizio alla fine. Gestita da un cast molto affiatato, contornato da una efficace scenografia lo spettacolo dal ritmo incalzante e dai rapidi tempi comici regala al pubblico due ore di puro divertimento”.

     

    Compagnia stabile I Nomadi

    Compagnia stabile I Nomadi

    Interpreti:                                          Personaggi:

    Giuseppa (Sabrina) La Ferrara           Chris Gorman

    Alessandro Spinello                           Ken Gorman

    Alessia Barbera                                  Claire Ganz

    Giuseppe Oriti                                               Lenny Ganz

    Claudia Antonella Laisa                    Cocca Cusak

    Irene Varveri                                      Cassie Cooper

    Francesco (Cicco) Vicino                  Glenn Cooper

    Alessia Russo                                     Sam Pudney, Agente di Polizia

     

    Regista:

    Sabrina La Ferrara

     

    Scenografo:

    Benny Ilardo

     

    Direttore di scena:

    Pedelino Paola

     

    Tecnici Audio e Luci:

    Benny Ilardo

    Gaetano D’Agostino

     

    Costumi:

    Sabrina La Ferrara

    Claudia Laisa

     

    Trucco:

    Antonella Neri

     

     

    Di seguito – così come selezionate dalla giuria presieduta dall’Avv. Vincenzo Zappulla, altresì presidente dell’istituto Storia dello Spettacolo Siciliano, è formata: dalla prof.ssa Sarah Zappulla Muscarà (docente Letteratura Italiana, Letteratura Teatrale italiana, Storia del Cinema), dal sig. Turi Giordano (attore e regista), dal sig. Agostino Zumbo (attore e regista), dal sig. Fabio Costanzo (attore), dall’Avvocato Gianfranco Barbagallo (specialista in Diritto dell’Arte e Legislazione dello Spettacolo, consigliere regionale FITA Sicilia) e dal sig. Luciano Patanè (in rappresentanza del Comune di Milo) – si esibiranno nell’Anfiteatro Comunale Lucio Dalla di Milo:

    • Il Belvedere” di Catania, con la commedia in tre atti, “La buonanima di mia suocera” di Giambattista Spampinato, regia di Antonio Liotta (26/07/2018, ore 21), affronta con un taglio originale il problema universale della convivenza tra le diverse generazioni;

     

    • Capuana” di Catania, con la commedia in due atti, “Gli allegri Chirurghi” di Ray Cooney, regia di Antonella Saeli (01/08/2018, ore 21), una farsa brillante che scivola tra equivoci e situazioni paradossali;

     

    • Imprevisti e Probabilità” di Formia (LT), con la commedia in tre atti, “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo, regia di Raffaele Furno (02/08/2018, ore 21), lo spettacolo, pur mantenendo integro il testo, lavora su un piano visivo-fisico più metaforico e contemporaneo per approfondire gli aspetti dei rapporti di potere tra i protagonisti, entrambi imbrigliati in gabbie culturali e sociali;

     

    • Teatro Due”, Castellana Grotte (BA), con la commedia in due atti, “Ferdinando” di Annibale Ruccello, regia di Mario Lasorella (03/08/2018, ore 21), opera sorretta da una profonda analisi antropologica e storica del popolo napoletano che presenta, nel finale, elementi noir.

     

     

    La cerimonia conclusiva di premiazione che si terrà all’Anfiteatro Comunale Lucio Dalla di Milo, alle ore 21, sabato 4 agosto, sarà condotta dal giornalista Salvo La Rosa e che vedrà, tra gli altri, la presenza, in qualità di ospite d’onore dell’acclamato attore, cabarettista e imitatore italiano Manlio Dovì. Momenti di spettacolo con il gruppo etnicofolk i “Dioscuri”, formato da Giovanni Lo Brutto, Eduardo Cicala, Giovanni Gallo, Franco Sodano (collaborano i musicisti Peppe – Ballacchino, Lillo Guarraci, Mauro Southern Patti) che presenteranno un vasto repertorio di brani e musica etnica siciliana.

    0 436

    Fornazzo (Milo-Catania) – Inserita nel programma “Estate milese 2017”, prosegue con successo la  rassegna di musica, poesia, teatro e creatività a cura di Laura Cavallaro e Grazia Calanna intitolata “Sulle fronde” organizzata dall’associazione culturale “Donne D’Europa” in collaborazione con il Comune di Milo, accolta, ingresso libero, dall’Eco Museo del Castagno di Fornazzo (frazione di Milo). Dopo il concerto inaugurale I canti delle fate, di Ginevra Gilli (arpa celtica e voce), di seguito in programma:  la poesia con Versi Inazzurrati, lettura di liriche con Eugenio Patanè e Giovanna Fortunato (Sabato 22 Luglio 2017  ore 20.30); Teatro: Pièce teatrale di Francesco Russo, testi tratti dall’opera teatrale “Mistero Buffo” di Dario Fo (Sabato 12 Agosto 2017  ore 20.30); Creatività: Laboratori di manipolazione artistica e scrittura creativa per ragazzi dai 6 ai 13 anni (Sabato 26 Agosto 2017  ore 17.00).

     Sabato 22 Luglio 2017 per l’appuntamento intitolato “Versi Inazzurrati” gli attori Eugenio Patanè e Giovanna Fortunato leggeranno una ricca selezione di versi (scelti da Grazia Calanna) dei poeti: Vivian Lamarque, Gianni Rodari, Toti Scialoja, Sabrina Giarratana, Eugenio Montale, Roberto Piumini, Primo Levi, Luigia Sorrentino, Alfonso Gatto, Chandra Livia Candiani, Evelina De Signoribus, Danilo Dolci, Antonia Pozzi, Pietro Russo, Milo De Angelis, Margherita Rimi, Mariangela Gualtieri, Giuseppe Condorelli, Umberto Saba, Maria Attanasio, Roberto Deidier, Bartolo Cattafi e dello stesso Eugenio Patanè che ha scritto dei luminosissimi versi per l’occasione. Eugenio Patanè, prevalentemente attore, è anche organizzatore, collaboratore e consulente scenico di molteplici iniziative culturali, allestimenti artistici e Reading Letterari. Autore di poesie e racconti brevi, si occupa di attività laboratoriali di lettura animata o teatro nelle scuole e presso alcune Comunità Terapeutiche Assistite. Dal 2008 collabora con varie associazioni o consorzi per la valorizzazione dei loro obiettivi, la promozione della lettura, del teatro e per la diffusione della cultura letteraria.

    Nella stessa giornata si svolgerà la prima edizione del Premio Arte e Poesia “L’Albero Creativo” che vede il coinvolgimento dei piccoli studenti di Milo.  

     Laura Cavallaro Laura Cavallaro, è storica dell’arte e curatore indipendente. Nasce a Catania il 3 aprile 1985. Dopo aver conseguito la maturità classica si iscrive all’Università di Catania in Scienze dei beni culturali, dove si laurea, con lode, nell’aprile 2008. Successivamente, assecondando la sua più grande passione, si trasferisce ad Urbino, conseguendo, con lode, la laurea specialistica in Storia dell’arte presso l’Università degli studi “Carlo Bo”. Ha curato diversi testi critici relativamente alla mostra “Sculture” del Maestro Gesualdo Prestipino (Catalogo Edizioni MacS, 2013); alla mostra “Prima Luce” di Stefania Orrù (Alzani Tipografia, Pinerolo, 2015) e alla mostra “Welcome to America” di Ryan Mendoza (Vanspijk Editore, 2015). È stata curatrice delle mostre “Vulcano dell’arte” dell’artista cinese Xu HongFei tenutasi a Zafferana Etnea nel 2013, della mostra antologica dell’artista polacca Marta Czok nel 2014 al Castello di Calatabiano, della mostra fotografica “Essere Sguardo” di Antonio Raciti a Palazzo Platamone di Catania nel 2014, e co-curatrice della mostra “7” a Palazzo Corvaja a Taormina, 2016. Ha lavorato presso il MacS – Museo Arte Contemporanea Sicilia di Catania. Collabora, per la sezione Arte, con il periodico culturale “l’EstroVerso” dove cura la rubrica “fuori Mostra”.

    Grazia Calanna, giornalista dal 1994, collabora con il quotidiano La Sicilia per il quale cura anche la rubrica di poesia “Ridenti e Fuggitivi”. Dal 2007 dirige il periodico culturale l’EstroVerso. Ha insegnato all’Università degli Studi di Catania (Lab.i.s. e C.i.s, Laboratori e Corsi di Italiano Scritto) e, nelle scuole di ogni ordine e grado, scrittura professionale e creativa. Tra le pubblicazioni Crono Silente (poesia, Prova d’Autore 2011), William Shakespeare, Sonetti 1 – 48  con AA.VV. (traduzioni in italiano, Prova d’Autore 2013), La neve altrove di Giovanna Iorio (traduzioni in francese, FaraEditore 2017), Poeti in classe (con AA.VV. 25 poesie per l’infanzia e non solo) a cura di Evelina De Signoribus e Elena Frontaloni (ed. Italic Pequod, 2017). Per le edizioni “Algra”, con Orazio Caruso, dirige la collana Quadernetto di Poesia contemporanea. È responsabile dell’Ufficio Stampa del MacS (Museo Arte Contemporanea Sicilia) per il quale, dal 2014, cura PoetArte, connubio contemporaneo tra arte e poesia.

    Serata inaugurale

    Serata inaugurale

    La locandina

    La locandina

    0 387

    Fornazzo (Milo CT) – Inaugura con successo, presso l’Eco Museo del Castagno, Fornazzo (Milo), la prima edizione di “Sulle fronde” (rassegna di musica, poesia, teatro e creatività) a cura di Laura Cavallaro e Grazia Calanna presentata dall’associazione culturale “Donne D’Europa” e dal Comune di Milo. Dopo i saluti del Sindaco Alfio Cosentino e delle curatrici della rassegna Laura Cavallaro e Grazia Calanna indiscussa protagonista della serata Ginevra Gilli che ha catalizzato l’attenzione del presenti con il suo spettacolo (Concerto di arpa celtica e voce) intitolato I canti delle fate. Per l’occasione i presenti hanno potuto degustare una ricca selezione di vini locali: “Barone di Villagrande (Etna Bianco doc, Superiore 2016, Carricante), I Vigneri (Aurora 2014, Carricante), Nuna (Etna Bianco 2015, Carricante) e Benanti (Nerello Cappuccio 2015, Nerello Cappuccio).

     

    Prossimi appuntamenti in programma:

    la poesia con Versi Inazzurrati, lettura di liriche con Eugenio Patanè e Giovanna Fortunato (Domenica 16 Luglio 2017  ore 20.30); Teatro: Pièce teatrale di Francesco Russo, testi tratti dall’opera teatrale “Mistero Buffo” di Dario Fo (Sabato 12 Agosto 2017  ore 20.30); Creatività: Laboratori di manipolazione artistica e scrittura creativa per ragazzi dai 6 ai 13 anni (Sabato 26 Agosto 2017  ore 17.00).

     

    In occasione del prossimo appuntamento (fissato come detto il 16 Luglio 2017) intitolato “Versi Inazzurrati” gli attori Eugenio Patanè e Giovanna Fortunato leggeranno una ricca selezione di versi (scelti da Grazia Calanna) dei poeti: Vivian Lamarque, Gianni Rodari, Toti Scialoja, Sabrina Giarratana, Eugenio Montale, Roberto Piumini, Primo Levi, Luigia Sorrentino, Alfonso Gatto, Chandra Livia Candiani, Evelina De Signoribus, Danilo Dolci, Antonia Pozzi, Pietro Russo, Milo De Angelis, Margherita Rimi, Mariangela Gualtieri, Giuseppe Condorelli, Umberto Saba, Maria Attanasio, Roberto Deidier e Bartolo Cattafi. Nella stessa giornata si svolgerà la prima edizione del Premio Arte e Poesia “L’Albero Creativo” dedicato ai bambini delle scuole elementari di Milo.

     Laura Cavallaro nasce a Catania il 3 aprile 1985. Dopo aver conseguito la maturità classica si iscrive all’Università di Catania in Scienze dei beni culturali, dove si laurea nell’aprile 2008. Successivamente, assecondando la sua più grande passione, si trasferisce ad Urbino, conseguendo presso l’Università degli studi “Carlo Bo” la laurea specialistica in Storia dell’arte, nel novembre 2011. Attualmente lavora a Catania presso il MacS – Museo Arte Contemporanea Sicilia. Ha curato diversi testi critici, recentemente quello relativo alla mostra “Sculture” del Maestro Gesualdo Prestipino (Catalogo Edizioni MacS); collabora inoltre, per la sezione Arte, con il periodico culturale “l’EstroVerso”.

    Grazia Calanna, giornalista, dal 2001 collabora con il quotidiano La Sicilia per il quale cura anche la rubrica di poesia “Ridenti e Fuggitivi”. Dal 2007 dirige il periodico culturale l’EstroVerso. Ha insegnato all’Università degli Studi di Catania (Lab.i.s. e C.i.s, Laboratori e Corsi di Italiano Scritto). Tra le pubblicazioni Crono Silente (poesia, Prova d’Autore 2011), William Shakespeare, Sonetti 1 – 48  con AA.VV. (traduzioni in italiano, Prova d’Autore 2013), La neve altrove di Giovanna Iorio (traduzioni in francese, FaraEditore 2017). Per le edizioni “Algra”, con Orazio Caruso, dirige la collana Quadernetto di Poesia contemporanea. È responsabile dell’Ufficio Stampa del MacS (Museo Arte Contemporanea Sicilia) per il quale, dal 2014, cura PoetArte, connubio contemporaneo tra arte e poesia.

    La manifestazione

    L’Eco Museo del Castagno

    Intermezzo musicale con Arpa

    Intermezzo musicale con Arpa

    I saluti del Sindaco Alfio Cosentino

    I saluti del Sindaco Alfio Cosentino

    0 1019

    A partire dal 18 novembre Sky Arte HD rende omaggio a Franco Battiato con una propria produzione originale, tre film e un doc, a partire dal 18 novembre. In occasione dell’uscita della raccolta antologica ‘Le nostre anime’, mercoledì alle 21,10 su Sky Arte HD (120 e 400 di Sky) va in onda in prima visione la produzione originale ‘Franco Battiato – Le nostre anime’ episodio 1“, il racconto intimo dalla sua casa di Milo (Catania) di uno dei percorsi più affascinanti nel panorama della cultura musicale italiana, scandito da aneddoti, incontri, scontri, storie di vita e di carriera vissuta, episodi curiosi e poco noti, e ovviamente dai videoclip più famosi e dalle esibizioni live del cantante siciliano.
    A seguire, alle 22, Sky Arte HD manda in onda ‘Perduto Amor‘, ovvero il debutto di Battiato come regista, che prende il titolo dalla canzone degli anni sessanta del cantautore Salvatore Adamo, reincisa poi da Battiato stesso nel 2002. La storia, in parte autobiografica, si svolge in tre tempi narrativi che rappresentano altrettante fasi della vita del protagonista Ettore, mentre la raffinata e originale colonna sonora è stata attentamente curata dal regista. Tra le partecipazioni, anche Francesco De Gregori nel ruolo di un critico musicale. Proprio questo giovedì Franco Battiato si esibirà live sul palco di ‘X Factor’ durante il quinto live in onda su Sky Uno HD giovedì 19 novembre.
    Mercoledì 25 novembre, alle 21.10, in ‘Franco Battiato – Le nostre anime’ episodio 2″, si svela il lato meno conosciuto di Battiato, il suo stile di vita rigoroso e ascetico, la tensione filosofica che lo caratterizza e la sua illimitata potenza creativa: la pittura, il cinema e il teatro sono infatti ulteriori forme di espressione della sua inesauribile creatività. A seguire, dopo la replica della prima parte dello speciale, alle 23.00 va in onda ‘Musikanten’, il secondo lavoro di Battiato come regista che ripercorre la storia degli ultimi anni del compositore tedesco Ludwig van Beethoven, attraverso una trama onirica e visionaria. Un film enigmatico con la voce di Manlio Sgalambro, e, tra gli interpreti, Alejandro Jodorowsky, Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni.
    Mercoledì 6 dicembre, alle 21.10 la replica di entrambi gli episodi dello speciale ‘Franco Battiato – Le nostre anime’ seguita da ‘Niente e’ come sembra’, storia visionaria e ricca di filosofia diretta da Battiato. Chiude il ciclo poco prima di mezzanotte ‘Attraversando il bardo‘, documentario girato dallo stesso Battiato, che è anche una riflessione sul senso dell’esistenza e sul tema della morte nelle diverse tradizioni spirituali d’Oriente e d’Occidente. l titolo rimanda al ‘Bardo Todol’, importante testo della letteratura tibetana che ha spesso ispirato la poetica dell’artista.

    RIMANI IN CONTATTO