OTTOBRE 2019
Home Tags Posts tagged with "ragusa"

ragusa

0 225
La Mappa con le 4 tappe del Giro di Sicilia

La Mappa con le 4 tappe del Giro di Sicilia

Riccardo Stacchiotti ha vinto in volata la prima tappa del Giro di Sicilia. Per il 27enne della Giotti Victoria è il 3° successo in carriera, dopo due tappe al giro di Portogallo 2018. Piazza d’onore per Manuel Belletti, quindi Pacioni, Shilov (Rus), Molano (Col), Filosi, Tizza, Albanese, Damiano Cima e Joyce (Usa). Il 3 aprile in Sicilia  si è scritta una storica pagina sportiva del ciclismo internazionale. Dopo quarantadue anni è tornata ad essere riproposta la storica gara ciclistica del Giro di Sicilia e Giardini Naxos prima colonia greca di Sicilia è una delle quattro tappe di partenza previste. Il ciclismo torna così sul’Isola con il Giro di Sicilia 2019. Dal 3 al 6 aprile, quattro tappe con partenza da Catania, Capo D’Orlando, Caltanissetta e Giardini Naxos e con traguardi a Milazzo, Palermo,  Ragusa e arrivo finale in vetta sull’Etna, dal versante classico di Nicolosi. La prima tappa, la Catania-Milazzo è stata un successo ed è stata vinta dal ciclista Stacchiotti che ha tagliato il traguardo di Milazzo.

Quella del Giro di Sicilia, che torna dopo 42 anni di assenza, è una storia di oltre un secolo. La gara ciclistica siciliana, presentata a Palazzo d’Orleans dal presidente della Regione Nello Musumeci, è una delle più antiche corse a tappe d’Italia. La prima edizione si svolse nel 1907, due anni prima dell’alba del Giro d’Italia. Dal 1907 al 1977 si sono svolte 18 edizioni de Il Giro di Sicilia a tappe, tutte vinte da atleti italiani. Il primo vincitore fu Carlo Galetti, che fece suoi i Giri d’Italia del 1910 e 1911 e l’ultimo vincitore de Il Giro di Sicilia fu il 19enne Beppe Saronni, nel 1977.

Nel 2019 il Giro di Sicilia è tornato a far parlare di sé con quattro tappe che toccheranno quattro province per un totale di 708 chilometri. Quattro frazioni disegneranno un poligono che ha come estremi Catania (partenza), Milazzo, Capo d’Orlando, Ragusa e l’Etna. Due frazioni prevalentemente pianeggianti, una movimentata, una con un traguardo in salita alle pendici del vulcano, a quota 1862 metri. Dietro l’evento vi è la Società Rcs Sport che organizza anche il Giro D’Italia e tante altre gare famose come la Milano San Remo, la Tirreno – Adriatico ecc.

Giardini Naxos sarà coinvolta dall’evento due volte: il 3 aprile i ciclisti in gara sono transitati dalla cittadina jonica in occasione della prima Tappa Catania-Milazzo (165 km).

Successivamente, sabato 6 aprile Giardini Naxos ospiterà la partenza (prevista dal Porto di Capo Schisò alle ore 13,00) della Tappa n. 4: GIARDINI NAXOS – ETNA (Nicolosi)  di 119 km. La Tappa è divisa in due parti ben distinte: la prima comporterà il periplo dell’Etna con l’ascesa fino ai 1000 m di Maletto (GPM). Seguirà una lunga parte a scendere sempre attorno al vulcano fino alla base della salita finale che inizia a Nicolosi.

Ricordiamo che il Giro di Sicilia, inserito dall’Uci (Unione Ciclistica Internazionale) nel calendario delle proprie gare, classificato come categoria 2.1, è stato finanziato dalla Regione Siciliana anche per i prossimi tre anni con 11 milioni di euro che serviranno anche a finanziare un altro storico evento sportivo, ovvero per la prima volta, la partenza del Giro d’Italia dalla Sicilia nel 2021.

Per l’Isola quella del Giro di Sicilia 2019  è un occasione preziosa che servirà a promuovere il territorio.

Riccardo Stacchiotti vincitore della prima tappa Catania - Milazzo

Riccardo Stacchiotti vincitore della prima tappa Catania – Milazzo

L'arrivo in volata al traguardo di Milazzo di Stacchiotti

L’arrivo in volata al traguardo di Milazzo di Stacchiotti

I ciclisti al Giro di Sicilia

I ciclisti al Giro di Sicilia

La Prima tappa Catania -Milazzo

La Prima tappa (3 Aprile) Catania -Milazzo

La seconda tappa (4 Aprile) Capo D'Orlando - Palermo

La seconda tappa (4 Aprile) Capo D’Orlando – Palermo

La terza tappa (5 aprile) Caltanissetta - Ragusa

La terza tappa (5 aprile) Caltanissetta – Ragusa

La quarta tappa (6 aprile) Giardini Naxos - Etna

La quarta tappa (6 aprile) Giardini Naxos – Etna

0 239

Il “Michelangelo Bartolo” si appresta a sviluppare le tematiche del Risparmio Energetico grazie ai Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti  per  l’apprendimento” 2014-2020 sulla Modernizzazione delle Imprese Agricole del Territorio, il 2 aprile  si svilupperà  il Progetto per gli allievi delle III e  IV anno dell’ I.T.I.S. “M. Bartolo” di Pachino, lo stage sarà di I livello di 120 ore, in collaborazione con l’azienda  C.R.E.A. di Ragusa . Esperto designato dalla C.R.E.A. di Ragusa  Salvatore Battaglia e l’Esperto Tecnico aziendale Maurizio Scalone con il Tutor Scolastico Ing. Orazio Di Martino.


Il Corso prevede – Controllo integrato di una azienda agricola integrata con sistemi di “Domotica”  un corso rivolto a studenti interessati ad apprendere e accrescere le proprie competenze nel campo dell’automazione e del controllo integrato di una qualsiasi tipologia di uso tramite un impianto domotico.

Argomenti Programmati di I livello: Principi fondamentali di automazione per una  azienda agricola intelligente; Panorama sulle architetture del sistema; Principi di progettazione impiantistica; Logiche di distribuzione centralizzate e decentralizzate; Presentazione dei vari standard; Descrizione di applicazioni e soluzioni per le diverse tipologie di edifici; Confronti fra gli impianti tradizionali e domotici: vantaggi e svantaggi; Analisi economica; Progettazione e programmazione di un impianto domotico con Vantage e Integrazione dell’impianto domotico con le varie forme impiantistiche.

Realizzare corsi di formazione all´interno del ciclo di studi, sia nel sistema dei licei sia nell’istruzione professionale, è un modello didattico che si sta radicando sempre di più anche in Italia. Il Progetto fa parte dei PON che intendono fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio a ore di formazione in aula e ore trascorse all´interno delle aziende, per garantire loro esperienze “sul campo e superare il gap “formativo” tra mondo del lavoro e mondo accademico in termini di competenze e preparazione; uno scollamento che spesso caratterizza il sistema italiano e rende difficile l´inserimento lavorativo una volta terminato il ciclo di studi.

Il percorso formativo prevede una forte integrazione fra parte teorica e pratica: lo stage permette, infatti, di applicare e sperimentare quanto appreso usando i dispositivi e le strumentazioni dell´ azienda. L’Ente Gestore dell´attività è l´Istituto ” Michelangelo Bartolo ” accreditato per la Formazione Superiore e per la Formazione Continua.

Stagisti del M. Bartolo di Pachino

Stagisti del M. Bartolo di Pachino

L'Esperto Salvatore Battaglia

L’Esperto Salvatore Battaglia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il  27 Marzo c’è stato  il  II° incontro per 70 Stagisti del M. Bartolo di Pachino alla C.R.E.A di Ragusa  per uno Stage sulla modernizzazione delle imprese agricole nel nostro territorio.

 

Il “Michelangelo Bartolo” dopo la presentazione dello stage avvenuto il 15 marzo grazie ai Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti  per  l’apprendimento” 2014-2020 sulla Modernizzazione delle Imprese Agricole del Territorio, il 25 marzo si inizierà il Progetto per gli allievi delle III e  IV anno dell’ I.T.I.S. “M. Bartolo” di Pachino, lo stage sarà di I livello di 120 ore, in collaborazione con l’azienda  C.R.E.A. di Ragusa . Esperto designato dalla C.R.E.A. di Ragusa  Salvatore Battaglia e l’Esperto Tecnico aziendale Maurizio Scalone con il Tutor Scolastico Ing. Orazio Di Martino.


Il Corso prevede – Controllo integrato di una azienda agricola integrata con sistemi di “Domotica”  un corso rivolto a studenti interessati ad apprendere e accrescere le proprie competenze nel campo dell’automazione e del controllo integrato di una qualsiasi tipologia di uso tramite un impianto domotico.

Argomenti Programmati di I livello: Principi fondamentali di automazione per una  azienda agricola intelligente; Panorama sulle architetture del sistema; Principi di progettazione impiantistica; Logiche di distribuzione centralizzate e decentralizzate; Presentazione dei vari standard; Descrizione di applicazioni e soluzioni per le diverse tipologie di edifici; Confronti fra gli impianti tradizionali e domotici: vantaggi e svantaggi; Analisi economica; Progettazione e programmazione di un impianto domotico con Vantage e Integrazione dell’impianto domotico con le varie forme impiantistiche.

Realizzare corsi di formazione all´interno del ciclo di studi, sia nel sistema dei licei sia nell’istruzione professionale, è un modello didattico che si sta radicando sempre di più anche in Italia. Il Progetto fa parte dei PON che intendono fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio a ore di formazione in aula e ore trascorse all´interno delle aziende, per garantire loro esperienze “sul campo e superare il gap “formativo” tra mondo del lavoro e mondo accademico in termini di competenze e preparazione; uno scollamento che spesso caratterizza il sistema italiano e rende difficile l´inserimento lavorativo una volta terminato il ciclo di studi.

Il percorso formativo prevede una forte integrazione fra parte teorica e pratica: lo stage permette, infatti, di applicare e sperimentare quanto appreso usando i dispositivi e le strumentazioni dell´ azienda. L’Ente Gestore dell´attività è l´Istituto ” Michelangelo Bartolo ” accreditato per la Formazione Superiore e per la Formazione Continua.

Stagisti del Bartolo

Stagisti del Bartolo

0 276

Anche questa estate l’Accademia delle Prefi sarà protagonista della diffusione culturale a Marina di Ragusa.

Dopo il grande successo riscontrato nelle passate edizioni, la manifestazione diventa di interesse regionale abbracciando l’istituzione del settore più importante ibleo, Cultura Antica Sicula.

Al suo sedicesimo anno di vita, la kermesse di profilo intellettuale ed artistico, ha come scopo la divulgazione della cultura e dell’arte sulla nostra amata isola, diventando un punto di riferimento provinciale e non solo nel dibattito artistico e specificatamente nella esposizione delle eccellenze nostrane.

La sedicesima edizione delle manifestazioni culturali di agosto dell’Accademia delle Prefi, quest’anno per volontà del comitato promotore sarà ancora una volta nell’incantevole scenario del Giardino delle Prefi, secondo il collaudato itinerario artistico di musica, poesia, teatro e tradizioni popolari, proposto dalla curatrice culturale Prof.ssa Salvatrice Corallo.

Il programma è stato presentato nella prestigiosa residenza dell’Accademia, in presenza del Presidente della Curatrice artistica e del comitato promotore.

Nel corso della serata è stato segnalato il “Volto Nuovo” emergente dei giovani ragusani per il Cinema e Tv (Settore Giovani Emergenti) Alessandro Madera.

Il calciatore Alessandro Madera

Alessandro Madera

Il  Presidente Accademia delle Prefi Salvatore Battaglia

Il Presidente dell’Accademia delle Prefi Salvatore Battaglia

0 670

Giovedì 31 gennaio per la sua storia da Obeso a Modello e per il suo libro autobiografico “Quel Benedetto Tunnel” sarà ospite a “Pomeriggio Cinque”.

Stefano è già stato premiato come scrittore emergente per l’anno 2018 dall’Accademia delle Prefi.

La storia di Stefano Fappiano, 33 anni, e della sua rinascita dopo il bullismo. «Mi chiamavano nano o arancino con i piedi». Ora fa (anche) il modello

Stefano Fappiano ha 33 anni, fa l’operatore turistico a Ragusa e il modello. Ma la sua vita, era molto diversa, fino a qualche anno fa. La sua infanzia e la sua adolescenza sono passate attraverso il bullismo, gli insulti e le critiche prima per la sua bassa statura, poi per il suo peso.

«Mi chiamavano nano, la frustrazione mi logorava, essere basso era una croce. Una volta cresciuto, però, sono ingrassato vistosamente: sfogavo il nervosismo nel mangiare, mi chiamavano ‘arancina coi piedi’. Non uscivo più di casa, avevo paura per la mia forma fisica: ero obeso, mi sembrava che tutti mi guardassero e giudicassero» ha raccontato Stefano, autore del libro «Quel benedetto tunnel» in cui racconta la sua rinascita. «Ho pensato di farla finita» aggiunge ancora. Poi, l’aiuto del padre, personal trainer Claudio, lo porta in palestra e la sua vita cambia. «Ho partecipato a un provino fotografico a Ragusa, senza aspettarmi niente. Per quanto ne sapevo, poteva pure trattarsi di una mezza truffa. Invece, poi sono stato convocato nella sede di Dolce&Gabbana, ho incontrato i due stilisti e ho sfilato per loro al Metropol nel gennaio del 2013. Nello stesso anno ho partecipato a uno shooting fotografico a Taormina con Monica Bellucci e Bianca Balti», spiega. E oggi, con il suo libro, racconta a tutti che rinascere dopo insulti e le umiliazioni è possibile, basta credere in se stessi ed infine l’alto riconoscimento dell’Accademia delle Prefi come scrittore emergente per l’anno 2018.

Il presidente dell'Accademia delle Prefi e Stefano Fappiano

Il presidente dell’Accademia delle Prefi e Stefano Fappiano

Gli stilisti Dolce & Gabbana con  Stefano Fappiano

Gli stilisti Dolce & Gabbana con Stefano Fappiano

0 527

Qualche giorno fa, l’Aeronautica Militare (AM) ha preso parte al convegno dal titolo “Next generation Aviation Training Conference – Evidence Based Training – state of the art”, organizzato dall’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico Statale “Fabio Besta” di Ragusa.

L’evento si è tenuto nei locali del Besta in collaborazione con l’azienda innovativa Cognitive Technologies and Services (COGTECH) e il contributo, oltre che dell’AM, dell’Autorità per l’Aviazione Civile (ENAC), della Società Nazionale Assistenza al Volo (ENAV), della compagnia aerea nazionale Alitalia e dell’agenzia nazionale per la sicurezza aerea dell’Olanda.

La conferenza è stata l’occasione per un focus sui nuovi piani di formazione ed addestramento dei piloti professionisti dell’EASA (European Aviation Safety Agency) ed ha consentito di evidenziare come la “formazione per competenze”, già parte degli strumenti operativi del mondo scolastico, sia fondamentale nella costituzione di professionalità ad alto rischio e qualificazione.

La formazione basata sull’evidenza (Evidence Based Training – EBT) nasce dalla necessità di sviluppare un nuovo paradigma per la formazione sulle competenze e la valutazione dei piloti di linea, basata appunto sulle esperienze (eventi realmente accaduti) verificatesi nel corso degli anni.

A rappresentare l’AM sono stati gli istruttori dell’86° Centro Addestramenti Equipaggi (CAE) del 41° Stormo Antisom di Sigonella. Il Tenente Colonnello Pilota Vincenzo Ferrara, durante il proprio intervento, ha parlato dell’esperienza in campo militare sulla EBT, dell’evoluzione del sistema di addestramento in AM e nello specifico dell’addestramento degli equipaggi del 41° Stormo, ieri sul velivolo P-1150A Atlantic, e oggi sul nuovo sistema d’arma P-72A.

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella, gerarchicamente dipendente dall’Ufficio dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, è dotato di velivoli “BR-1150 Atlantic” e “P-72A” con i quali garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso (SAR) in mare a lungo raggio, mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale ed il supporto alle attività di controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, la tempestiva localizzazione dei profughi in mare e un costante intervento SAR in caso di sinistro marittimo e/o naufragi.

Il 41° Stormo è strutturato con un Ufficio Operazioni, l’88° Gruppo Volo, l’86° Centro Addestramento Equipaggi e il Gruppo Efficienza Aeromobili (GEA).

L’86° CAE è stato fondato il 01/12/2003, concentrando in un unico gruppo gli istruttori di specialità Antisom e gli operatori di bordo di maggiore esperienza, allo scopo di creare un Ente che curasse l’addestramento iniziale dei Piloti, Operatori di bordo ed Operatori di sistema del 41° Stormo, nonché il mantenimento dell’appropriato livello tecnico professionale e standardizzazione degli equipaggi di volo dei velivoli Breguet 1150 Atlantic e del P-72A.

La foto di gruppo

La foto di gruppo

Intervento TC Ferrara

Intervento TC Ferrara

Intervento TC Ferrara

Intervento TC Ferrara

Intervento TC Ferrara

Intervento TC Ferrara

Pilota del 41° Stormo in addestramento

Pilota del 41° Stormo in addestramento

Platea con studenti Besta

Platea con studenti Besta

Platea con studenti Besta (2)

Platea con studenti Besta

Velivoli Atlantic e P-72A

Velivoli Atlantic e P-72A

0 1157

Il progetto prevede attività di tirocinio, formazione ed orientamento per i giovani studenti dell'istituto

Sigonella (Ct) – Lunedì 26 settembre, è stata siglata a Sigonella una convenzione per attività di tirocinio di formazione ed orientamento tra l’Aeronautica Militare, rappresentata dal Comandante dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella Colonnello Pilota Federico Fedele, e l’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa, rappresentato dal Dirigente Scolastico Dott/ssa Antonella Rosa.

Come negli intendimenti del Ministero dell’Istruzione, il progetto prevede una serie di percorsi teorici e pratici per gli studenti dell’Istituto al fine di sviluppare e valorizzare le loro vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali, avvicinandoli alle attività della Difesa e dell’Aeronautica Militare per toccarne con mano le dinamiche organizzative e conoscere meglio una realtà sempre al servizio del cittadino, ventiquattro ore su ventiquattro, senza soluzione di continuità.

I dettagli del percorso formativo sono già allo studio dei “tutor” della Forza Armata e dell’Istituto. Le attività interesseranno le branche del controllo spazio aereo e della meteorologia dell’Aeroporto di Sigonella e quelle della manutenzione e dell’attività dei Gruppi Volo del 41° Stormo.

 Prima di lasciare la base di Sigonella, la delegazione di docenti e studenti del Besta ha visitato un velivolo BR-1150 Atlantic in manutenzione presso il locale hangar del Gruppo Efficienza Aeromobili.

 Il Comando Aeroporto di Sigonella ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

 Il 41° Stormo Antisom di Sigonella garantisce dal 1965 la protezione delle principali vie marittime della Nazione, contrastando la minaccia delle unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili e fornendo un costante servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio, a mezzo del “Breguet 1150 Atlantic” che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutta l’area del Mediterraneo. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente la copertura delle ampie zone di mare d’interesse, per la tempestiva localizzazione di profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti.

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Foto di Gruppo con Istituto Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

Firma convenzione AM-Besta

La preside dell'istituto Antonella Rosa ed il comandante della base di Sigonella e del 41° Stormo  Federico Fedele

La preside dell’istituto Antonella Rosa ed il comandante della base di Sigonella e del 41° Stormo Federico Fedele

Visita hangar Atlantic del Besta Ragusa

Visita hangar Atlantic del Besta Ragusa

Foto di Gruppo con l'Atlantic

Foto di Gruppo con l’Atlantic

0 652

APPUNTAMENTO IN PIAZZA LIBERTÀ A RAGUSA.

Ragusa: Conto alla rovescia per la 22esima edizione di “Ragusani nel mondo”, il premio dedicato alle eccellenze iblee sparse nel pianeta che si svolgerà il 5 e il 6 agosto a Ragusa. Sarà un’edizione scoppiettante ed emozionante: uno spettacolo con tanti ospiti e premiati, cuore e “ragusanità”. Due serate da non perdere, con storie da scoprire in un corale abbraccio tra tutti i figli di Ragusa. Ospite d’eccezione, il 6 agosto, sarà Iva Zanicchi, una delle cantanti che hanno fatto la storia della musica in Italia e che hanno contribuito a diffonderla anche all’estero. Con più di 50 album pubblicati in tutto il mondo e milioni di copie vendute, è considerata la “cantante italiana dei primati”. Tantissimi i cavalli di battaglie che hanno accompagnato intere generazioni e che tutt’oggi riescono ad accendere la voglia di cantare e lasciarsi andare in tutti noi. Con le sue canzoni, animerà la serata, coinvolgendo il pubblico presente. Come sempre le due giornate saranno dedicate alle storie di chi ha raggiunto grandi risultati a livello internazionale in campi diversi, dalla medicina, alla moda, alle scienze, alla gastronomia, alla sana imprenditoria. Si inizia il 5 agosto alle 20 in piazza Libertà con una serata dedicata alla moda e alla musica, presentata da Caterina Gurrieri e Salvatore Cannata. Saranno premiati gli stilisti e gli artisti ragusani che si sono affermati nel mondo, come Carlo Alberto Terranova, stilista modicano noto nel settore dell’alta moda romana; Sal Giardina, pozzallese di seconda generazione, stilista a New York; Salvatore Piccione, originario di Donnalucata che si è affermato a Londra. I premiati nel campo della musica saranno invece i Gold Finger, storico gruppo di settantenni, divenuti famosi negli anni ‘60 nel Nord Europa; Giovanna Guastella, maestra di canto per centinaia di bambini ragusani con il suo coro Mariele Ventre; il pianista Alberto Firrincieli che ha fatto conoscere lo studio dell’arpa in Thailandia e il tenore ibleo Ettore Scala. Premio speciale per i fratelli ballerini Aurora e Maurizio Licitra, ormai famosi a livello internazionale.

La serata vedrà come madrina Angela Tuccia e come ospiti anche Toni Pellegrino, Loredana Roccasalva, Giuseppe Migliorisi, Stefania Frasca, Maximilian Cantarella, Le Fichissime. Ci saranno anche alcune testimonianze come quella dei vertici della Polizia Stradale sulla giornata della legalità con le scuole e la presenza degli autori ragusani del corto “Last Ship” che hanno vinto il Brooklyn Film Festival. La musica delle serate del premio è affidata come sempre al maestro Peppe Arezzo e alla sua band, insieme alla Compagnia Mads. Naturalmente grande attesa per la serata di sabato 6 agosto con location ancora una volta piazza Libertà a Ragusa che ospiterà le storie dei premiati che arrivano da varie parti del mondo: l’anatomopatologo Vincenzo Canzonieri, originario di Comiso, a livello internazionale noto ricercatore medico nel campo dell’oncologia; Giuseppe Di Falco, originario di Vittoria, fondatore della prima Banca Nazionale dei tessuti, pioniere in Italia della chirurgia esofagea e protagonista della chirurgia mini-invasiva e robotica; Carmelo Chiaramonte, cuciniere errante originario di Modica, chef, artista, scrittore e tanto altro; Luigi Occhipinti, ricercatore industriale, progettista e manager a Cambridge; Guglielmo Schininà, esperto in attività psicosociali e responsabile dello Oim, l’organizzazione internazionale per le migrazioni, ed infine sul palco anche una donna d’eccezione, Mabel Causarano, ministra della Cultura del Paraguay, nata ad Asuncion, ma da nonni della provincia di Ragusa, da sempre innamorata del nostro Paese. Novità di questa 22esima edizione l’istituzione del premio “Azienda d’Eccellenza Iblea”, riservato ad un imprenditore che che rappresenta una storia di successo nel panorama industriale italiano e internazionale, ovvero Giovanni Damigella di Mondial Granit, azienda leader in Italia e in Europa nella lavorazione e commercializzazione dei marmi.

Sul palco, a condurre il premio saranno Salvo Falcone e Veronica Maya. Emozione e trepidante attesa si è respirata stamani alla conferenza stampa di presentazione della kermesse svolta al Comune di Ragusa. “Siamo lieti di ospitare anche quest’anno “Ragusani nel mondo” che è ormai divenuto un appuntamento centrale del calendario ragusano – ha commentato il vicesindaco Massimo Iannucci – È sempre un piacere e un onore per tutta la città conoscere e apprezzare le eccellenze che hanno portato alto il nome della nostra città e della nostra provincia nel mondo”. Toccanti le parole del presidente dell’associazione “Ragusani nel mondo”, Franco Antoci: “La nostra associazione festeggia quest’anno il venticinquesimo anniversario di fondazione quindi per noi è un anno speciale. Dalla sua fondazione è stata avviata tutta una serie di attività e di contatti, che pongono oggi l’associazione a sicuro riferimento del mondo per l’emigrazione iblea e siciliana. Tra gli impegni, quello del premio “Ragusani nel mondo” è certamente di spicco”.

A seguire l’organizzazione da vicino è Sebastiano D’Angelo, direttore dell’associazione che ha ringraziato anche gli sponsor, essenziali per il premio stesso, ed ancora il direttivo e lo staff che si occupa del premio: “Il rinnovamento nel solco della trazione è lo spirito che anima questa 22esima edizione. Arriviamo alle nozze d’argento per l’associazione e siamo orgogliosi della storia che abbiamo segnato e raccontato in questi anni. Le due serate saranno due feste per l’intera comunità ragusana con vari artisti come il cabarettista Massimo Spata e l’illusionista Albis. Inoltre omaggiamo lo sport ibleo con una finestra dedicata alle società di basket Pegaso e Passalacqua, quest’ultima ci porterà in mostra la conquistata Coppa Italia”.

Durante la conferenza stampa è stato lanciato un appello affinché il Premio “Ragusani nel Mondo” venga riconosciuto dal Consiglio comunale tra gli eventi ragusani di maggior rilievo come nei fatti dimostra la lunga sua storia di successo. Ai premiati andrà la pergamena dell’associazione Ragusani nel Mondo, il trofeo Map e il trofeo Eppecciò. Per entrambe le serate del premio l’ingresso è gratuito e ci saranno posti a sedere liberi, dunque non serve alcun biglietto. C’è solo un settore dedicato agli sponsor e agli ospiti. Riconfermata anche quest’anno la diretta streaming sul sito www.ragusaninelmondo.it, un filo diretto con le varie comunità di iblei sparse nel mondo.

Locandina

Locandina

1xy  Invito con sponsor

0 1523

Base Aerea di Sigonella (Catania) – Una rappresentanza di Studenti dell’Istituto Tecnico Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa ha preso parte ad un’attività addestrativa a bordo del velivolo BR-1150 Atlantic del 41° Stormo Antisom di Sigonella dell’Aeronautica Militare.
Inserita nel contesto dell’attività informativa e di comunicazione esterna, in piena sintonia con i valori propri dell’Aeronautica Militare, la giornata è iniziata con il briefing pre-volo e il seguente decollo dalla Base Aerea di Sigonella di Studenti, Professori e Dirigente Scolastico dell’Istituto Dott.ssa Antonella Rosa.
Durante il volo, come una vera e propria aula volante, gli studenti, supportati dai loro docenti, si sono confrontati con l’equipaggio sull’attività della navigazione aerea, testando le proprie conoscenze didattiche che giornalmente apprendono a scuola, affascinati dall’analogicità del mondo Atlantic che ha suscitato in loro grandissimo interesse.
La giornata è proseguita con l’atterraggio all’Aeroporto Militare di Cameri (NO) dove i ragazzi hanno avuto la possibilità di visitare la Fabbrica FACO (Final Assembly and Check Out/Maintenance), luogo in cui vengono assemblati i velivoli di ultima generazione F-35. Sia gli studenti che i docenti hanno potuto ammirare e toccare con mano l’eccellenza delle lavorazioni “made in Italy” che presso la FACO vengono svolte da lavoratori italiani, molti dei quali giovani. Giovani che, solo qualche anno fa come loro, frequentavano istituti tecnici come il Besta, e che grazie allo studio e alla voglia di emergere hanno potuto concretizzare il loro sogno di entrare nel mondo del lavoro dalla porta principale, quella dell’eccellenza!
La visita alla fabbrica degli F-35 e a seguire quella al 1°Reparto Manutenzione Velivoli di Cameri, sede della manutenzione dei velivoli Tornado e Typoon Eurofighter, è stata molto apprezzata dagli studenti che hanno avuto la possibilità di apprendere l’eccellente capacità dello strumento tecnologico industriale del nostro Paese e, nel contempo, quello specifico ed affascinante della manutenzione.
Al rientro a Sigonella, i ragazzi – entusiasti per l’esperienza unica e l’andamento della giornata – si sono confrontati con il Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso, al quale hanno posto numerose domande e raccontato le positive impressioni sul velivolo Atlantic e sull’equipaggio, sulla fabbrica degli F35 e sulla manutenzione dei “Caccia” dell’Aeronautica Militare.
In questo contesto, la Dott/ssa Rosa – nel sottolineare che tutti loro (studenti e professori) non potranno certamente dimenticare la straordinaria esperienza – ha voluto particolarmente ringraziare il Col. Sicuso e tutto il personale dell’Aeronautica Militare “per l’impagabile contributo educativo fornito agli studenti durante la giornata”. Inoltre, unitamente agli studenti che rappresenta, si è detta orgogliosa di avere avuto la possibilità di incontrare il Capo Stato Maggiore dell’Aeronautica – Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa, durante la giornata legata ai festeggiamenti per il 50°anniversario della costituzione del 41° Stormo che ha avuto luogo a Sigonella il 28 settembre 2015.
Prima di lasciare la Base Aerea di Sigonella non poteva mancare la foto sotto il velivolo Atlantic per Studenti, accompagnatori ed equipaggio al completo.

  M.llo Carmelo Savoca

Gli studenti si imbarcano sull'Atlantic

Gli studenti si imbarcano sull’Atlantic

Gli studenti a bordo

Gli studenti a bordo

Studenti nella cabina piloti

Studenti nella cabina piloti

La visita a Cameri

La visita a Cameri

La visita a Cameri

La visita a Cameri

Briefing  a Cameri

Briefing a Cameri

La base di Cameri

La base di Cameri

0 1146

STRAORDINARIA L’ESIBIZIONE DELLA CANTANTE AMII STEWART

Ragusa-Emozione e commozione alla base delle tante storie dei premiati dell’edizione n. 21 del Premio Ragusani nel Mondo. Ma soprattutto uno straordinario spettacolo grazie alla presenza del super ospite internazionale Amii Stewart che con la sua grande energia e la sua eccezionale voce, accompagnata dalla Peppe Arezzo Orchestra, ha fatto esplodere la gremita piazza Libertà. Si può sintetizzare cosi l’edizione n. 21 del Premio,andato a quattro “ragusani nel mondo”, a due famiglie di imprenditori, allo staff di Teleiblea ed ancora a due artisti di livello nazionale di origini iblee. Una scaletta fitta di interventi, ricca di emozioni e con l’immancabile colonna sonora curata dal maestro Peppe Arezzo. La cerimonia di consegna dei premi, condotta da Salvo Falcone ed Alessia Belluomo, ha ancora una volta esaltato la ragusanità e il valore che essa rappresenta per una comunità, quella iblea, che crede ancora nel comune ed orgoglioso senso di appartenenza. Sul palco anche tanti momenti di spettacolo come il cabaret di Massimo Spata e la sfilata di moda curata da Salvo Iacono per Saks Women con la presentazione in anteprima delle nuove collezioni moda. I premiati hanno portato sul palco lo spaccato delle proprie carriere professionali in vari settori. Tutti hanno rimarcato la volontà di non dimenticare mai le origini iblee. Ma a colpire il pubblico sono state soprattutto le loro storie. I premiati sono infatti l’ingegnere aerospaziale della Nasa David Mauro (Usa), l’imprenditore Dario Dezio (India), il fisico John Sudano (Usa), il medico e ricercatore accademico Lorenzo Leggio (Usa). A loro si sono aggiunti l’attrice Loredana Cannata (Italia – premio alla carriera), il cantautore Giovanni Caccamo (Italia – premio speciale) e lo staff dell’emittente televisiva Teleiblea che fu esattamente 40 anni fa la prima emittente privata via etere in Italia. Tra le novità di quest’anno anche i premi “Dinasty” andati a due famiglie imprenditoriali. La prima è arrivata dall’Australia. Si tratta della famiglia Mirabella alla guida di una società leader nella produzione di lampadine a basso consumo energetico. La seconda famiglia imprenditoriale premiata giocava in casa in quanto si tratta della famiglia guidata da Giuseppe Cappello a capo, insieme ai figli, della Cappello Group di Ragusa, leader nell’alluminio e nel fotovoltaico. Per loro è stato un premio a sorpresa che l’associazione “Ragusani nel Mondo”, ha voluto assegnare in occasione dei 50 anni di attività. Insomma storie di successo che hanno caratterizzato i vari momenti della cerimonia che naturalmente ha vissuto il suo centro vitale attorno all’attesa esibizione della star Amii Stewart. La sua è stata davvero un’esibizione dirompente con numerosi brani di successo che l’hanno vista protagonista sul palco per quasi un’ora di grande spettacolo. Un’energia che la cantante è riuscita a trasmettere al pubblico, più volte in piedi per ballare a ritmo di musica. Tra le presenze anche quella dell’ambasciatore italiano in Tanzania, Luigi Scotto e quelle di numerosi premiati delle scorse edizioni, tra cui i primissimi, cioè Giuseppe Giuffrè (premiato nel 1995, opera a New York) e Nunzio Tumino (premiato nel 1996, opera a Toronto). “Una bellissima serata,con la valenza del premio riconosciuta da tutti e riconfermata dal supporto delle migliori aziende iblee la cui eccellenza è stata raccontata durante la cerimonia, accanto delle storie dei premiati”. Prima di concludere l’appuntamento, il presidente dell’associazione “Ragusani nel Mondo”, Franco Antoci, ha voluto donare un quadro di Franco Cilia al vescovo della Diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso, che presto lascerà la carica per andare in pensione. Quest’anno la ragusanità è stata festeggiata con varie iniziative e in più giornate. La presentazione dei premiati a Villa Fortugno;  l’iniziativa “Anteprima Sport”, presentata da Salvatore Cannata e Caterina Gurrieri per premiare gli atleti iblei che hanno avuto modo di ottenere risultati agonistici di livello. Ed ancora,  la cerimonia vera e propria del premio e la tappa a Villa Anna, con un gala in onore di tutti i premiati, condotto dall’attrice Adriana Tuzzeo. La terra iblea ha inoltre idealmente abbracciato tutti i ragusani nel mondo moltissimi dei quali si sono collegati sul sito www.ragusaninelmondo.it per seguire la diretta streaming che ha avuto migliaia di accessi in poche ore. Appuntamento adesso rinnovato al prossimo anno, al 5 e 6 agosto 2016, per la XXII ed. del Premio ragusani nel Mondo.

Premio a Loredana Cannata

Premio a Loredana Cannata

Premio a l'imprenditore Dario Dezio

Premio a l’imprenditore Dario Dezio

Premio a John Sudano

Premio a John Sudano

Premio al Vescovo

Premio al Vescovo

RIMANI IN CONTATTO