Home in evidenza I Giornalisti siciliani hanno ricordato S. Francesco di Sales: sette gli appuntamenti...

I Giornalisti siciliani hanno ricordato S. Francesco di Sales: sette gli appuntamenti dell’Ucsi Sicilia dedicati al patrono dei giornalisti

0 105

Sono stati sette gli appuntamenti in Sicilia dedicati a San Francesco di Sales patrono dei giornalisti, l’Ucsi ha realizzato eventi a Siracusa, Catania, Acireale, Patti, Noto e Trapani, i lavori si sono conclusi a Floridia con un incontro, che ha coinvolto la comunità parrocchiale della Chiesa Madre di Floridia. Gli appuntamenti sono stati promossi dall’Ucsi Sicilia e dalle sezioni provinciali e diocesane in collaborazione con gli Uffici per le Comunicazioni sociali delle Arcidiocesi di Siracusa, Catania e le Diocesi di Trapani, Noto, Acireale e Patti, in sinergia con l’Assostampa di Siracusa e i settimanali diocesani di Siracusa, Noto e Acireale. Siracusa i giornalisti hanno celebrato la festa con una Messa, presieduta da Mons. Sebastiano Amenta, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Siracusa, e concelebrata da don Giorgio Zucchelli, già presidente nazionale della Fisc e presidente dell’Uspi. L’appuntamento è servito ad inaugurare una via cittadina dedicata a mons. Alfio Inserra, fondatore dell’Ucsi di Siracusa, vice presidente nazionale della Fisc, componente del Cda di Avvenire e direttore del settimanale “Cammino”. L’evento si è svolto alla presenza del presidente provinciale Ucsi Salvatore Di Salvo, del direttore del settimanale “Cammino”, del Consulente Ecclesiastico Ucsi Siracusa, del Delegato Regionale Fisc Sicilia don Giuseppe Lombardo, dell’ex presidente nazionale della Fisc don Giorgio Zucchelli, del segretario provinciale dell’Assostampa Prospero Dente, del consigliere nazionale della Fisc Giuseppe Malandrino, del sindaco di Siracusa Francesco Italia, del sindaco di Francofonte Daniele Lentini, dei parroci della chiesa SS. Salvatore don Luigi Gorciullo, dei nipoti, e delle autorità civili e religiose della provincia. “Lo ricordo con profonda stima e gratitudine – ha detto l’ex presidente della Fisc Giorgio Zucchelli al termine della celebrazione eucaristica – per le sue doti umane e professionali. Alla cerimonia è intervenuto anche il presidente dell’Ucsi Sicilia Domenico Interdonato, il quale ha ringraziato il Sindaco Italia: “dedicare una via a mons. Inserra, signor Sindaco è stato un atto di grande sensibilità apprezzato da tutti”. Grazie alla sua geniale intuizione di istituire i seminari estivi, molti di noi hanno potuto conoscere e apprezzare la Sicilia. Ritengo -ha concluso- di potere interpretare i sentimenti di gratitudine di tutti gli appartenenti alla Fisc che hanno avuto in Padre Inserra un punto di riferimento”.  Ad Acireale nella chiesa Sacro Cuore di Acireale, si è svolto un incontro organizzato dall’Ufficio Comunicazioni sociali, diretto da don Arturo Grasso e dall’Unione Cattolica stampa italiana, sul tema della 53 Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali. C’è stato l’intervento del Vescovo di Acireale e vice presidente della Cei, monsignor Antonino Raspanti, e del direttore del quotidiano “La Sicilia”, Antonello Piraneo, moderato dal consigliere nazionale dell’Ucsi Gaetano Rizzo. “Costituire solamente una community virtuale non crea il senso di appartenenza ad una comunità – ha detto il vescovo Raspanti – nelle grandi città anglo-americane, per esempio, c’è la voglia di fare community, ovvero di conoscersi dal vivo, mettere insieme le proprie difficoltà, i propri bisogni, le proprie aspirazioni. E, soprattutto nelle metropoli, si cerca di riappropriarsi del proprio quartiere e portare avanti da una parte le esigenze dello stesso verso istanze superiori, dall’altra sviluppare all’interno di quel territorio tutte le potenzialità che lì si possono esprimere. Il rischio che si corre con la community digitale è che diventi solo un luogo dove sfogarsi, dove ci si può mascherare, un luogo di diffusione delle fake news. Se però ci si aggancia fortemente alla realtà territoriale molti di questi rischi potrebbero essere superati. Paradossalmente la semplice community digitale finisce con l’allontanare: sembra creata per farti sentire vicino al mondo intero, ma non è così”. A Catania, nella Chiesa di Sant’Agata La Vetere, si è svolto invece un incontro sul tema: “La festa di S Agata come la vorrei –Tradizione e innovazioni social”. Relatori: Don Paolo Buttiglieri, consulente ecclesiastico Ucsi Sicilia, Francesco Carbonaro, presidente del Comitato dei Festeggiamenti Agatini, Fabio Adernò, Avvocato Tribunale Apostolico della Rota Romana, Giuseppe Claudio Carbonaro, Presidente Amici del Rosario, Adelaide Barbagallo, giornalista, Rossella Jannello, Giornalista e Vice Presidente Regionale Ucsi. Ha coordinato i lavori Giuseppe Adernò, Presidente sezione Ucsi Catania. A Patti la sezione diocesana presieduta da Domenico Pantaleo, ha organizzato la celebrazione della Messa presieduta da vescovo Guglielmo Giombanco ha presieduto la celebrazione della messa. “Dio dialoga con gli uomini e la Parola si è fatta carne per intraprendere una relazione con gli uomini. Fissare lo sguardo su Gesù – ha detto il vescovo – significa decidere l’orientamento della propria vita, fondandola sui veri valori. San Francesco di Sales comprese pienamente il segreto di una comunicazione educativa, vissuta con la tensione all’unità. Il suo messaggio è di estrema attualità, in un tempo in cui ci sono false notizie, in un tempo in cui le notizie creano distanze e barriere tra le comunità e tra le persone. Occorre essere costruttori di unità nella verità, liberi dai compromessi, per annunciare ciò che è giusto e promuove l’uomo, in una storia che si evolve non solo attraverso eventi raccontati, ma anche attraverso idee che concorrano al bene di tutti”. Noto c’è stato un incontro a cui hanno partecipato il vescovo Antonio Staglianò e don Fortunato Di Noto, vice direttore dell’Ufficio Comunicazione, fondatore e presidente di Meter e vicario episcopale per le ‘fragilità’. L’incontro si è aperto con i saluti del direttore dell’ufficio comunicazioni Alessandro Paolino ed è stato moderato dal consigliere nazionale Fisc Giuseppe Malandrino. Un incontro-confronto sulla velocità con cui girano le notizie e sulla difficoltà nel riuscire a raccontare il giusto. Non inteso come “corretto” (quello dovrebbe essere scontato) ma come “bastevole”, ovvero quello che basta a raccontare la notizia. Non bisogna andare oltre, non bisognerebbe aggiungere cose che non servono. Andrebbe aggiunta una spiegazione, secondo don Fortunato. “Non raccontateci soltanto gli eventi – ha detto il fondatore di Meter – ma spiegateci perché amare ancora l’uomo. Non raccontate soltanto dei fatti, magari senza conoscere le persone, le loro storie, le passioni, i fallimenti e le conquiste. Spiegateci chi siamo e dove andiamo. Siate gli amici dei bambini, dei deboli, degli scartati del mondo, dei poveri, dei senza voce, dei neonati abusati e dei dimenticati. Spiegate il dolore e la sofferenza: la comunicazione ha il potere, un grande potere, di formare o disorientare le coscienze, i percorsi di una storia liberante”.

1 UCSI Catania

Incontro UCSI a Catania

Foto con alcuni partecipanti

Foto con alcuni partecipanti

L'incontro UCSI di Noto

L’incontro UCSI di Noto

L'incontro UCSI di Acireale

L’incontro UCSI di Acireale

L'incontro UCSI di Patti

L’incontro UCSI di Patti

L'inconhtro UCSI di Trapani

L’inconhtro UCSI di Trapani

  • Print
Computer Hope